Microsoft aggiorna Windows. In anticipo

Redmond annuncia le patch disponibili per il secondo martedì del mese, con aggiornamenti riguardanti Internet Explorer e tutte le versioni supportate di Windows (XP incluso). Aggiornato anche Windows 8.1, in netto anticipo sui tempi

Roma – Il prossimo secondo martedì del mese sarà come tradizione dedicato al Patch Tuesday di Microsoft, e il menù di aggiornamenti di marzo prevede cinque bollettini di sicurezza due dei quali classificati con livello di pericolosità “critico” e gli altri tre solo “importanti”.

La prima patch di marzo servirà a chiudere la falla zero day di Internet Explorer 10 individuata da FireEye il mese scorso , un altro bollettino riguarderà un problema di sicurezza nel plug-in multimediale Silverlight 5 e tutti e 5 i bollettini serviranno ad aggiornare le versioni di Windows attualmente supportate.

Windows XP è presente nella lista dei sistemi operativi vulnerabili a tutte e 5 le falle chiuse dal Patch Tuesday, fatto ancora più rilevante se si considera che questo sarà il penultimo aggiornamento cumulativo rilasciato da Microsoft per lo storico OS che ancora detiene una parte consistente del market share mondiale.

La grande incognita che segue la fine del supporto esteso a XP (8 aprile 2014) si configura insomma come una situazione a dir poco problematica, e la speranza di Microsoft (e non solo) è che gli utenti procedano ad aggiornarsi prima che si verifichi l’irreparabile.

E parlando di aggiornamenti di Windows, il prossimo update di Windows 8.1 è atteso per il mese prossimo ma i power user più intraprendenti possono installarlo e provarlo già ora installando alcune patch e modificando alcune chiavi del Registro di Windows.

Bisognerà invece attendere ancora per conoscere la verità su “Windows 8.1 with Bing”, sistema che secondo le ultime indiscrezioni provenienti dal solitamente bene informato Paul Thurrott sarà una versione “Core” dell’OS a piastrelle/finestre installato sui dispositivi economici da 250 dollari o meno. I produttori OEM risparmieranno molto sui costi di licenza, sostiene Thurrott, ma in cambio non potranno modificare il motore di ricerca di Internet Explorer, che sarà appunto Bing. L’utente potrà invece cambiare le impostazioni del sistema a suo totale piacimento una volta acquistata la macchina.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Hanno poco da festeggiare
    A parte che non è ancora finita del tutto e lo zombie potrebbe risorgere 'naltravolta...Adesso cantano vittoria dopo aver fatto (averci fatto fare) 'sta monumentale figur'emmer*a.Se questi sono i professionisti esperti della politica, ben vengano i newbie che tanto peggio di così non si potrebbe governare...
  • Visconti Giorgio scrive:
    Web Tax
    Opps.. errata Corrige "solità" "solita"Salve.L'unica cosa degna di nota della "Web Tax",così com'era stata congeniata, era la sua totale illegalitàrispetto ai cardini base del diritto comunitario in materia di libera circolazione delle merci e dei servizi.Ora io mi chiedo, come sia possibile che qualcuno "...." in parlamento, sia inpunemente arrivato a proporre una cosa del genere facendoci fare la solita pessima figura in tutte le possibili sedi internazionali.Mi domando se sia pretendere troppo chiedere un minimo di competenza, almeno in commisione bilancio.
  • Visconti Giorgio scrive:
    Web Tax
    Salve.L'unica cosa degna di nota della "Web Tax",così com'era stata congeniata, era la sua totale illegalitàrispetto ai cardini base del diritto comunitario in materia di libera circolazione delle merci e dei servizi.Ora io mi chiedo, come sia possibile che qualcuno "...." in parlamento, sia inpunemente arrivato a proporre una cosa del genere facendoci fare la solità pessima figura in tutte le possibili sedi internazionali.Mi domando se sia pretendere troppo chiedere un minimo di competenza, almeno in commisione bilancio.
  • AxAx scrive:
    Cioè praticamente...
    hanno tolto l'obbligo di creare la partita iva italiana per le aziende e hanno lasciato l'obbligo di pagare mediante bonifico? Non si può usare la carta di credito o paypal?
Chiudi i commenti