Microsoft: bene il cloud, male Windows

I risultati finanziari per il trimestre fotografano un'azienda in trasformazione, con un incremento degli affari del cloud e un calo delle vendite del software Internet-indipendente. L'hardware, tra Surface e Lumia, regala soddisfazioni

Roma – Microsoft ha pubblicato i risultati finanziari per il secondo trimestre dell’anno fiscale chiuso al 31 dicembre: i numeri sono leggermente superiori alle aspettative degli analisti di Wall Street. Che comunque non sono contenti, come al solito, e la Borsa punisce il titolo MSFT.

Nel complesso, il secondo trimestre dell’anno fiscale 2015 si è chiuso con ricavi per 26,5 miliardi di dollari, un solido +8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso; i profitti operativi ammontano invece a 7,8 miliardi, mentre agli azionisti vanno guadagni per 0,71 dollari ad azione.

Windows , uno dei business principali di Microsoft, è sceso del 13 per cento per le licenze OEM Pro, del 13 per cento per le licenze non-OEM e cresciuto del 3 per cento per le licenze enterprise in volume: in totale si parla di 4,17 miliardi di dollari di ricavi rispetto ai 5,5 miliardi dell’anno scorso. Assieme a Office, Windows incamera 10,68 miliardi di dollari (erano 10,9 miliardi nel 2014).

Laddove invece Microsoft dice di aver sperimentato la sua crescita principale è nel business cloud , con la versione SaaS (software-as-a-service) Internet-dipendente di Office (Office 365) e Azure che arrivano a 5,5 miliardi di dollari con un +114 per cento anno su anno. I profitti della divisione? Non pervenuti.

Un altro segno positivo è quello della divisione hardware , con i terminali Lumia che vendono 10,5 milioni di unità per 2,3 miliardi di dollari di ricavi e il business dei tablet/convertibili di Surface che diventa finalmente una cosa seria con 1,1 miliardi di vendite e profitti “rispettabili”.
Le due generazioni di console Xbox in commercio (360 e One) vendono 6,6 milioni di unità , un -11 per cento rispetto al 2014: anche qui è mistero su quale console abbia venduto di più.

Dopo aver comunicato i numeri del trimestre, numeri tutto sommato positivi, Microsoft ha dovuto scontrarsi con l’insoddisfazione degli azionisti con un calo di qualche punto percentuale nel valore del titolo MSFT.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti