Microsoft denuncia i negozi pirata

Prosegue senza sosta la campagna del big di Redmond contro i negozianti che distribuiscono illegalmente software dell'azienda. Le nuove denunce colpiscono commercianti di diversi stati americani
Prosegue senza sosta la campagna del big di Redmond contro i negozianti che distribuiscono illegalmente software dell'azienda. Le nuove denunce colpiscono commercianti di diversi stati americani

Redmond (USA) – C’è un’usanza diffusa tra i commercianti informatici a molte diverse latitudini, quella di vendere computer o hard disk con dentro software già installati e del tutto illegali, in quanto non coperti da licenza. Un’abitudine che Microsoft da anni sta cercando di estirpare con operazioni antipirateria su larga scala: l’ultima arriva dagli Stati Uniti, dove l’azienda ha annunciato un nuovo round di 20 denunce contro altrettanti negozi.

Microsoft, già promotrice di campagne presso i commercianti in Italia come nel Regno Unito , è da tempo impegnata nel cercare di ridurre le percentuali di pirateria negli USA, dove sono peraltro assai più contenute che in altri paesi.

Le 20 denunce riguardano società che hanno distribuito software illegale, masterizzato e duplicato abusivamente, o hanno venduto hard disk “precaricati”.

Sulle attività di Microsoft e dei suoi mistery shopper antipirateria vedi qui

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 09 2006
Link copiato negli appunti