Microsoft investiga sui negozi UK

Parte Keep IT Real, nuova campagna dell'azienda contro la pirateria: da un lato informazione e sensibilizzazione, dall'altro investigatori che tasteranno il polso ai rivenditori
Parte Keep IT Real, nuova campagna dell'azienda contro la pirateria: da un lato informazione e sensibilizzazione, dall'altro investigatori che tasteranno il polso ai rivenditori


Londra – Bill Gates lo aveva preannunciato ed ora Microsoft ha deciso di rilanciare la lotta contro la pirateria nel Regno Unito con una singolare campagna. Chiamata “Keep IT Real” , si propone di ridurre il livello di copie pirata presenti sul territorio. Se oggi in UK si stima che il 16,7 per cento dei prodotti Microsoft sia illegale, l’azienda spera di ridurre nel giro di un triennio questa percentuale all’11,7 per cento.

“L’iniziativa sfrutterà vari metodi per cercare di risolvere il problema. Educheremo la clientela a riconoscere i prodotti ufficiali, in modo che possa proteggersi dai rischi associati alla pirateria. Inoltre, chiudendo i canali di vendita pirata, potremo ridurre l’impatto del commercio software illegale su tutto il territorio. Favorendo di fatto l’intera industria”, ha dichiarato Michala Alexander, capo del dipartimento anti-pirateria di Microsoft UK.

Nei prossimi sei mesi Microsoft invierà due squadre di investigatori nelle sedi di almeno 800 distributori sospettati di giocare con le licenze e versioni pirata. Spesso i rivenditori, quando hanno a che fare con ordini che superano l’unità, installano su tutti i PC il sistema operativo Microsoft, ma forniscono al cliente una sola licenza, un fenomeno noto come underlicensing . Il colosso di Redmond ha deciso di riconquistare il territorio: ogni caso di pirateria individuato verrà valutato in maniera appropriata e, se possibile, perseguito legalmente. Una tecnica già adottata anche in Italia in diverse occasioni.

“Una minoranza di distributori IT stanno mettendo i consumatori a rischio fornendo copie pirata. Il lavoro delle nostre squadre renderà chiaro a chi non l’avesse ancora capito che Microsoft non tollera che le copie illegali dei suoi software vengano commercializzate”, ha aggiunto Alexander.

L’impegno di Microsft si è da tempo concretizzato anche su un altro fronte, quello della vendita online su eBay . Grazie alla sottoscrizione del programma VeRO l’azienda ha comunicato che sono stati annullati circa 35 mila annunci considerati illegali dallo scorso agosto 2005.

Microsoft è impegnata in una campagna a tutto tondo. Ad ottobre ha aderito a BASCAP , una sorta di un supercartello globale antipirateria. In Russia , Indonesia e in alcuni paesi in via di sviluppo sta giocando la carta dei sistemi operativi low cost. Windows Vista , poi, dovrebbe distinguersi come una soluzione praticamente blindata . Che sia vicina la resa dei conti con i pirati di mezzo mondo?

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 02 2006
Link copiato negli appunti