Microsoft e le specifiche di Windows Holographic

Si chiariscono i requisiti di sistema per la nuova frontiera dell'interfaccia del sistema operativo di Redmond. Ormai è tutta una realtà virtuale
Si chiariscono i requisiti di sistema per la nuova frontiera dell'interfaccia del sistema operativo di Redmond. Ormai è tutta una realtà virtuale

Milano – Mancano ancora i riferimenti precisi, ma sembra che la svolta olografica di Windows 10 sarà decisamente più popolare che sulle piataforme della concorrenza : visto quanto trapela da una delle ultime build di anteprima dell’aggiornamento Creator che arriverà nel 2017, i requisiti di sistema per sfruttare il modulo Windows Holographic dovrebbero essere decisamente più modesti rispetto a quanto viene richiesto altrove.

I requisiti esatti, come detto, non sono ancora stati pubblicati: tuttavia è possibile effettuare un test per valutare la compatibilità del proprio hardware con l’interfaccia in realtà virtuale che Microsoft sta preparando. E il test non pare troppo esigente: un processore quad-core (o almeno dual-core con hyperthreading), 4GB di RAM e una scheda video compatibile con DirectX 12. Poi c’è bisogno di almeno un po’ di spazio disco e di una porta USB 3.0, ma stiamo parlando davvero di poca roba per un PC recente .

Soprattutto la questione della scheda grafica è interessante: rispetto alle VGA discrete che impogono altre piattaforme come Oculus o Steam, potrebbe bastare persino una GPU integrata nel processore per soddisfare questi requisiti . PC e laptop equipaggiati con CPU Intel Skylake o AMD 6000 dovrebbero essere adatti, ma ovviamente le prestazioni saranno comunque al limite rispetto ad hardware più potenti. Questi requisiti , insomma, potrebbero essere per l’esperienza di base : per ottenere il massimo, tutto, da Windows Holographic potrebbe comunque essere necessario fornirsi di qualcosa di più prestante.

Si tratta, è bene precisare ancora, che si tratta di una versione preliminare del software: fino al suo rilascio definitivo potrebbero cambiare molte cose, sia per i requisiti che per quanto riguarda le specifiche di funzionamento e le capacità finali del prodotto. In ogni caso la realtà virtuale pare essere ormai divenuta un tormentone, con il supporto per i giochi Xbox One via Windows su Oculus Rift che arriverà sui PC a partire da dicembre : Windows 10 supporta già il visore dell’azienda americana, e Microsoft coglie l’occasione per ribadire le proprie lodi alle librerie grafiche Directx 12, fautrici di questa strana combinazione di PC, console e realtà virtuale che potebbe fare gola ai più smaliziati dei videogiocatori che hanno già tutti questi gadget in giro per casa.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 11 2016
Link copiato negli appunti