Microsoft e Nokia a tutto tablet e Windows 8.1

Espoo è al lavoro sul tablet basato su Windows RT, e anche Redmond prepara la prossima generazione di tavolette ARM e x86. La nuova release del sistema operativo, nel frattempo, approda alla RTM

Roma – Gli ultimi rumor comparsi in Rete confermano – per l’ennesima volta – che Nokia sta sviluppando una propria versione di tablet basato su chip ARM e sistema operativo Windows RT, un tablet noto anche con il nome in codice di Sirius e che sarà pronto al debutto entro il prossimo 26 settembre.

The Verge cita le solite fonti anonime ben informate sui fatti parlando di Sirius come di un gadget dotato di schermo da 10,1 pollici con risoluzione Full HD ed espressamente ottimizzato per la visione all’aperto, coppia di fotocamere su fronte (2 megapixel) e retro (6 megapixel), processore ARM Qualcomm Snapdragon 800 quad-core, 2 gigabyte di RAM, storage da 32GB (espandibile tramite porta microSD), connettore Micro HDMI, porta microUSB, connettività LTE e batteria dalla durata di 10 ore.

Nokia pianifica di presentare Sirius in occasione di un evento a tema che si terrà a New York, dicono ancora le fonti anonime, e il tablet Windows RT avrà tutte le caratteristiche (prezzo in primis) proprie di un dispositivo che intende confrontarsi in maniera diretta sul mercato con l’iPad di Apple.

Sirius costerà 499 dollari come iPad, conferma Paul Thurrott, un prezzo non esattamente ideale considerando che l’altra caratteristica significativa del dispositivo – l’uso del sistema Windows RT – è stata sin qui bocciata dal mercato e dagli utenti.

Ma apparentemente Microsoft continua a spingere sulla strategia RT ed è alacremente al lavoro sulla nuova generazione di gadget Surface, una linea che senza molta fantasia si chiamerà Surface 2 ma senza il suffisso RT . La versione del tablet con processori x86 continuerà invece a distinguersi con la dicitura Pro.

Anche i lavori su Windows 8.1 procedono speditamente, anzi raggiungono la fase conclusiva con l’approdo dell’OS a piastrelle alla fase RTM (Release to Manufacturers) – il 23 agosto scorso – come indicato dalle fonti ufficiose prima e sul blog ufficiale di Windows poi.

Il numero della build di Windows 8.1 RTM è 9600.16384.130821-1623, rivela Paul Thurrott con un tweet , ed è confermata la non disponibilità della versione finale dell’OS ai sottoscrittori MSDN e del defunto programma Technet almeno fino al 18 ottobre e alla distribuzione del prodotto ai consumatori nei negozi. I leak di Windows 8.1, per il momento, si limitano agli screenshot .

Alfonso Maruccia

[fonte immagini[http://winsupersite.com/]

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Steve Jobs chi?
    L'articolo cita un certo Steve Jobs, ma non mi risulta che vi sia nessuno con quel nome che abbia un qualunque incarico dirigenziale in Apple.Di chi si parla?
    • Bob Rock scrive:
      Re: Steve Jobs chi?
      critto da: panda rossa
      L'articolo cita un certo Steve Jobs, ma non mi
      risulta che vi sia nessuno con quel nome che
      abbia un qualunque incarico dirigenziale in
      Apple.

      Di chi si parla?Un tizio di quel nome lavorava tempo fa presso la Apple. Poi è morto, e dato che era buddista dovrebbe esersi già reincarnato.Spero come figlio di uno degli operai della Foxconn.
      • panda rossa scrive:
        Re: Steve Jobs chi?
        - Scritto da: Bob Rock
        critto da: panda rossa

        L'articolo cita un certo Steve Jobs, ma non
        mi

        risulta che vi sia nessuno con quel nome che

        abbia un qualunque incarico dirigenziale in

        Apple.



        Di chi si parla?

        Un tizio di quel nome lavorava tempo fa presso la
        Apple. Poi è morto, E fin qui la sapevo anche io.
        e dato che era buddista
        dovrebbe esersi già
        reincarnato.Questa invece non la sapevo.
        Spero come figlio di uno degli operai della
        Foxconn.Giusto contrappasso.Ma tornando all'articolo, hai capito tu di chi si parla?
        • Darwin scrive:
          Re: Steve Jobs chi?
          - Scritto da: panda rossa
          Ma tornando all'articolo, hai capito tu di chi si
          parla?C'è davvero qualcuno che legge gli articoli di PI?Ed io che pensavo che si passasse direttamente ai commenti per trollare e prendere per il XXXX Mariuccia.Commento censurato dal T1000 tra 3...2...1...
          • panda rossa scrive:
            Re: Steve Jobs chi?
            - Scritto da: Darwin
            - Scritto da: panda rossa

            Ma tornando all'articolo, hai capito tu di
            chi
            si

            parla?
            C'è davvero qualcuno che legge gli articoli di PI?Non so. Io mi sono fermato al sottotitolo, ho visto quel nome e ho chiesto.Per un momento pensavo di essere finito su un vecchio articolo di anni fa, ma poi ho controllato la data ed e' di adesso.
            Ed io che pensavo che si passasse direttamente ai
            commenti per trollare e prendere per il XXXX
            Mariuccia.Questo si puo' fare comunque.
            Commento censurato dal T1000 tra 3...2...1...zero! @^
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Steve Jobs chi?
        - Scritto da: Bob Rock
        critto da: panda rossa

        L'articolo cita un certo Steve Jobs, ma non
        mi

        risulta che vi sia nessuno con quel nome che

        abbia un qualunque incarico dirigenziale in

        Apple.



        Di chi si parla?

        Un tizio di quel nome lavorava tempo fa presso la
        Apple. Poi è morto, e dato che era buddista
        dovrebbe esersi già
        reincarnato.i buddisti non credono nella reincarnazione :)
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Steve Jobs chi?
          contenuto non disponibile
        • Trollollero scrive:
          Re: Steve Jobs chi?
          - Scritto da: il solito bene informato
          - Scritto da: Bob Rock

          critto da: panda rossa


          L'articolo cita un certo Steve Jobs, ma
          non

          mi


          risulta che vi sia nessuno con quel
          nome
          che


          abbia un qualunque incarico
          dirigenziale
          in


          Apple.





          Di chi si parla?



          Un tizio di quel nome lavorava tempo fa
          presso
          la

          Apple. Poi è morto, e dato che era buddista

          dovrebbe esersi già

          reincarnato.

          i buddisti non credono nella reincarnazione :)Ma che mi tocca leggere....http://en.wikipedia.org/wiki/Saṃsāra_(Buddhism)
        • tucumcari scrive:
          Re: Steve Jobs chi?
          - Scritto da: il solito bene informato
          - Scritto da: Bob Rock

          critto da: panda rossa


          L'articolo cita un certo Steve Jobs, ma
          non

          mi


          risulta che vi sia nessuno con quel
          nome
          che


          abbia un qualunque incarico
          dirigenziale
          in


          Apple.





          Di chi si parla?



          Un tizio di quel nome lavorava tempo fa
          presso
          la

          Apple. Poi è morto, e dato che era buddista

          dovrebbe esersi già

          reincarnato.

          i buddisti non credono nella reincarnazione :)davvero?(rotfl)(rotfl)
        • Darwin scrive:
          Re: Steve Jobs chi?
          E meno male che ti chiami "il solito <b
          bene </b
          informato".Pensa se fossi messo male ad informazione che affermazioni faresti...
  • unaDuraLezione scrive:
    Acquisti in App lesivi della concorrenza
    contenuto non disponibile
    • Izio01 scrive:
      Re: Acquisti in App lesivi della concorrenza
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Come avevo già scritto in tempi non sospetti
      (trovando ovviamente un macaco che faceva finta
      di non capire), la gabella sull'acquisto in app
      di un libro digitale di fatto è sfruttamento di
      monopolio per azzerare la concorrenza: amazon non
      può far comprare i libri direttamente dall'app
      kindle perchè, diversamente, dovrebbe accollarsi
      il costo percentuale dell'acquisto in app, oppure
      farlo pagare all'acquirente (che ovviamente non
      comprerebbe).

      Il DoJ c'è arrivato solo ora....Bè, meglio tardi che mai. La cosa divertente è che Apple sostiene che permettere gli acquisti in-app senza la gabella (e nota che Amazon potrebbe benissimo sfruttare la propria infrastruttura, mica deve per forza usare i server di Apple, nel qual caso sarebbe giusto pagare!) servirebbe a far mantenere ad Amazon la propria posizione dominante. Boh.
      • ruppolo scrive:
        Re: Acquisti in App lesivi della concorrenza
        - Scritto da: Izio01
        Bè, meglio tardi che mai. La cosa divertente è
        che Apple sostiene che permettere gli acquisti
        in-app senza la gabella (e nota che Amazon
        potrebbe benissimo sfruttare la propria
        infrastruttura, mica deve per forza usare i
        server di Apple, nel qual caso sarebbe giusto
        pagare!) servirebbe a far mantenere ad Amazon la
        propria posizione dominante.
        Boh.La cosa divertente è che Apple ha ragione: prima del suo store Amazon aveva proprio il monopolio. E non solo, decideva di scontare i libri dando agli aventi diritto la percentuale sul prezzo scontato. Anzi, "decide", visto che lo fa ancora. Prova a pensare se una cosa del genere avvenisse per i prodotti di un supermercato...
        • Izio01 scrive:
          Re: Acquisti in App lesivi della concorrenza
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Izio01

          Bè, meglio tardi che mai. La cosa divertente è

          che Apple sostiene che permettere gli acquisti

          in-app senza la gabella (e nota che Amazon

          potrebbe benissimo sfruttare la propria

          infrastruttura, mica deve per forza usare i

          server di Apple, nel qual caso sarebbe giusto

          pagare!) servirebbe a far mantenere ad Amazon la

          propria posizione dominante.

          Boh.

          La cosa divertente è che Apple ha ragione: prima
          del suo store Amazon aveva proprio il monopolio.
          E non solo, decideva di scontare i libri dando
          agli aventi diritto la percentuale sul prezzo
          scontato. Anzi, "decide", visto che lo fa ancora.
          Prova a pensare se una cosa del genere avvenisse
          per i prodotti di un supermercato...LOL, quando fa comodo, confronti beni fisici e beni intellettuali? Apple pretenderebbe una tangente sugli acquisti in-app superiore al guadagno che Amazon ha per un eBook, altro che supermercato!Nessuno impedisce ad Apple di avere un proprio store per fare concorrenza ad Amazon. Quello che non può fare, come chiunque altro è:- Creare un cartello degli editori.- Svantaggiare Amazon sul proprio market, rendendole di fatto inapplicabile effettuare vendite in-app e impedendo agli utenti di confrontare i prezzi di Amazon e di iTunes.Che Apple combatta con Amazon ad armi pari e vediamo cosa combina.
        • Trollollero scrive:
          Re: Acquisti in App lesivi della concorrenza
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Izio01

          Bè, meglio tardi che mai. La cosa divertente è

          che Apple sostiene che permettere gli acquisti

          in-app senza la gabella (e nota che Amazon

          potrebbe benissimo sfruttare la propria

          infrastruttura, mica deve per forza usare i

          server di Apple, nel qual caso sarebbe giusto

          pagare!) servirebbe a far mantenere ad Amazon la

          propria posizione dominante.

          Boh.

          La cosa divertente è che Apple ha ragione: prima
          del suo store Amazon aveva proprio il monopolio.Forse nel tuo mondo fatato ancora soggetto all'RDF del (troppo tardi) defunto Steve, il Grande e Benevolo.
          E non solo, decideva di scontare i libri dando
          agli aventi diritto la percentuale sul prezzo
          scontato. Anzi, "decide", visto che lo fa ancora.
          Prova a pensare se una cosa del genere avvenisse
          per i prodotti di un
          supermercato...Potrebbe succedere una cosa del genere, ad esempio: invece di vendere <b
          una </b
          "copia" a prezzo X, ne vendo 4 scontate del 50% (guadagno netto: doppio).Tralasciando il discorso sul fatto che, una volta prodotto il master, i costi di produzione di N copie (con N a piacere....) sono ZERO......
        • Charlie Parker scrive:
          Re: Acquisti in App lesivi della concorrenza
          Fonte? Link?
Chiudi i commenti