Microsoft e Yahoo!, c'è l'accordo

Dopo oltre un anno dalla prima dichiarazione di Steve Ballmer, Microhoo! diventa realtà. Ma non ci sarà la fusione: meglio parlare di collaborazione per gli anni a venire

Roma – Il CEO di Microsoft Steve Ballmer e il CEO di Yahoo! Carol Bartz hanno annunciato oggi con una conferenza stampa l’avvio di un programma decennale di collaborazione tra le rispettive aziende.

Secondo quanto comunicato, a Microsoft toccherà fornire la tecnologia di search per entrambe le piattaforme – che rimarranno entità separate – mentre a Yahoo! spetterà la gestione delle inserzioni pubblicitarie costruendo probabilmente una nuova piattaforma basata in parte su tecnologie prodotte a Redmond.

L’accordo, che ora verrà sottoposto alle verifiche del caso da parte degli organi di controllo del mercato, prevede tra l’altro l’acquisizione per Microsoft di una licenza decennale di tutte le tecnologie search di Yahoo! . Si tratta tuttavia, a quanto è dato capire, dell’unica tecnologia che verrà condivisa totalmente, visto che da Sunnyvale hanno precisato che ogni altra tecnologia (instant messaging, pubblicità contestuale ecc) rimarrà ad appannaggio degli ingegneri californiani.

La conferenza stampa in cui l’accordo è stato presentato è ancora in corso. Punto Informatico darà conto degli ulteriori sviluppi e dei dettagli dell’accordo nelle prossime ore. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Salvo scrive:
    Neanche lo sapevo
    ..neanche lo sapevo che i computer fossero prodotti con sostanze tossiche... e leggendo questo articolo, la prima domanda che mi viene in mente è :ma sono tossici anche per il consumatore?...Forse GP si riferisce al fatto che sia tossico il modo in cui viene prodotto il Pvc ? -.-sostanzialmente non è plastica il pvc ?
  • Sante Caserio scrive:
    Re: Basterebbe boicottare...
    giusto, la colpa è dei consumatori onnivori e senza scrupoli... se non li hanno loro perchè dovrebbero farseli i produttori ? è ovvio che non accade finchè non li obblighi
Chiudi i commenti