Microsoft ingrana con il cloud computing

Accordo con Toyota per portare in macchina la piattaforma cloud Windows Azure

Roma – Microsoft e Toyota hanno annunciato una partnership per portare Windows Azure sui veicoli della produttrice giapponese .

La piattaforma cloud già integrata nel resto dell’offerta cloud di Microsoft include al suo interno Windows Azure e Microsoft SQL Azure, e sarà sfruttata all’interno degli strumenti tecnologici di prossima generazione dei veicoli Toyota.

Il nuovo sistema esordirà nel 2012 nelle macchine elettriche e ibride di Toyota , gestirà il risparmio energetico e allo stesso tempo fornirà il sistema GPS e altre tecnologie multimediali.

L’obiettivo a cui si prevede di arrivare entro il 2015, è quello di avere veicoli di nuova generazione connessi a server accessibili globalmente. Questo permetterebbe ipotesi di applicazione che promettono di cambiare la vita di tutti i giorni con semplicità: la possibilità di attivare i sistemi elettronici di casa (come il riscaldamento o la lavatrice) mentre si è imbottigliati nel traffico. O, viceversa, attivare l’aria condizionata del veicolo via smartphone.
Un’idea già sposata da General Motors e Android con il sistema digitali di bordo “OnStar”.

La partnership Microsoft-Toyota mette sul piatto 1 miliardo di yen (circa 8 milioni e mezzo di euro ) che saranno investiti nella Toyota Media Service, l’azienda collegata che fornisce servizi digitali ai clienti del produttore automobilistico.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ytjud4rox scrive:
    Chrome il più browser vulnerabile
    però chiude in fretta le falle (rotfl)http://www.bitmat.it/articolo.php?aId=0000089305&cId=47&cpId=20&n=Chrome%3A+vulnerabile+ma+chiude+in+fretta+le+falle
    • hermanhesse scrive:
      Re: Chrome il più browser vulnerabile
      Sarà, ma io continuo a vedere gente prendersi virus con IE.Forse è un po' come Apple/Windows: anche il primo non è così forte a livello di sicurezza, ma bucano poi nella realtà sempre il secondo.
    • the_m scrive:
      Re: Chrome il più browser vulnerabile
      - Scritto da: ytjud4rox
      però chiude in fretta le falle (rotfl)

      http://www.bitmat.it/articolo.php?aId=0000089305&cSì vulnerabile... nei tuoi sogni :D http://secunia.com/advisories/product/34532/ Vulnerability Report: Google Chrome 10.x Vendor, Links, and Unpatched VulnerabilitiesVendorGoogleProduct Link View Here (Link to external site)Affected By 3 Secunia advisories8 VulnerabilitiesMonitor ProductReceive alerts for this productUnpatched 0% (0 of 3 Secunia advisories)Most Critical UnpatchedThere are no unpatched Secunia advisories affecting this product, when all vendor patches are applied
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Chrome il più browser vulnerabile
      La sicurezza di un browser non è un problema di quantità, conta la gravità delle falle e il lasso di tempo che va dalla scoperta pubblica della falla alla sua risoluzione.
  • cognome e nome scrive:
    La banda del buco Win7+IE9
    http://www.webnews.it/2011/04/07/ie9-una-falla-mette-a-rischio-windows-7/A parte il solito sbandieramento " più sicuro " di Microosft ad ogni nuova versione di un proprio prodotto, la cosa comica è che tutti i sistemi di protezione vengono bypassati, UAC, DEP, ASRL, modalità protetta, che dire tempi duri per i fans Windows....
    • krane scrive:
      Re: La banda del buco Win7+IE9
      - Scritto da: cognome e nome
      http://www.webnews.it/2011/04/07/ie9-una-falla-met
      A parte il solito sbandieramento " più sicuro "
      di Microosft ad ogni nuova versione di un proprio
      prodotto, la cosa comica è che tutti i sistemi di
      protezione vengono bypassati, UAC, DEP, ASRL,
      modalità protetta, che dire tempi duri per i fans
      Windows....Quelli ormai non li scelgono piu' tra i sani di mente, quindi...
    • gnulinux86 scrive:
      Re: La banda del buco Win7+IE9
      Il problema è il solito, cambia il numero di versione ma il codice "bacato" è sempre lo stesso.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 aprile 2011 12.17-----------------------------------------------------------
  • Zucca Vuota scrive:
    Dopo IE
    Funzione già presente in IE9.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Dopo IE
      Funzionalità simile, ma non è la stessa cosa, IE9 controlla la bontà del download facendo una statistica tra i download, software meno scaricato più rischioso, mentre Chrome segnalerà per i trasferimenti provenienti da fonti pericolose.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 aprile 2011 12.23-----------------------------------------------------------
      • Francesco scrive:
        Re: Dopo IE
        Ovvero memorizzerà ancora più dati sugli utonti che girano attorno al "tutto gratis" di BigG com etante falene.Occhio a non bruciarvi.f.
        • gnulinux86 scrive:
          Re: Dopo IE
          E quindi?Tutti da Ms a Google, Apple dicono di raccogliere dati in forma anonima per diversi motivi, la privacy sul web è utopia.
          • Francesco scrive:
            Re: Dopo IE
            Sicuramente hai ragione, ma a naso mi fido meno di BigG che di altri.M$, Apple... sono azienda che ricavano i loro utili da altro, ed hanno si bisogno di "sapere" cosa facciamo ma sicuramente non in maniera ossessiva come BigG.Il loro immenso business dipende solo dal controllo della pubblicità, quindi dal sapere cosa siamo e cosa facciamo.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Dopo IE
            - Scritto da: Francesco
            Sicuramente hai ragione, ma a naso mi fido meno
            di BigG che di
            altri.A naso io non mi fido di nessuno.
            M$, Apple... sono azienda che ricavano i loro
            utili da altro, ed hanno si bisogno di "sapere"
            cosa facciamo ma sicuramente non in maniera
            ossessiva come
            BigG.Ho i miei dubbi, visto la quantità di dati che entrambe raccolgono sui propri sistemi.
            Il loro immenso business dipende solo dal
            controllo della

            pubblicità, quindi dal sapere cosa siamo e cosa
            facciamo.Google non è solo un motore di ricerca.
Chiudi i commenti