Microsoft, Kill Kin (vol.1 e 2)

I due piccoli socialfonini non verranno commercializzati in Europa. Tutti gli sforzi verranno indirizzati verso Windows Phone 7: a Redmond sperano di riuscire a tenere il passo di iPhone e Android

Roma – Ad annunciarlo erano stati i primi rumor apparsi tra le pagine online di Gizmodo . Microsoft avrebbe presto ufficializzato un duplice omicidio. Vittime, le due creaturine social che rispondono al nome di Kin One e Kin Two . E, in effetti, l’ufficialità è giunta tempestiva in casa Redmond.

“Abbiamo preso la decisione di focalizzarci sul lancio di Windows Phone 7 – ha spiegato un comunicato stampa diramato da BigM – e, per questo, in autunno non lanceremo Kin in Europa come avevamo annunciato”. Microsoft aveva infatti presentato al mondo i suoi due nuovi piccoli smartphone, chiamati in codice Turtle e Pure .

Due dispositivi dalle forme sinuose, che avrebbero obbedito al mantra rivisitato in casa Redmond: social, social, social . Ma ora pare che Microsoft abbia altro per la testa, dal momento che tutti gli sforzi verranno indirizzati verso Windows Phone 7 , considerato l’unico rivale di device come iPhone e gli smartphone basati su Android.

“Procederemo alla fusione della squadra al lavoro su Kin con quella di Windows Phone 7 – ha continuato il comunicato di BigM – per fornire alle future release di Windows Phone le valide tecnologie sperimentate con Kin”. Valide tecnologie che si sono tuttavia rivelate fallimentari per il colosso di Redmond.

Le vendite statunitensi non sono mai decollate, a causa di un piano tariffario troppo costoso. Venduti attraverso l’operatore Verizon Wireless , i due Kin costavano rispettivamente 50 e 100 dollari. Cifre scese rapidamente a 30 e 50. Ma i 30 dollari mensili sono risultati probabilmente eccessivi agli utenti, innanzitutto per la mancata possibilità di inviare un numero illimitato di messaggi di testo.

Ma soprattutto per il fatto che si tratta di una cifra in linea con quelle di altri smartphone, decisamente più completi delle due creaturine social made in Redmond . E questa è stata probabilmente una delle cause di vendite ben al di sotto delle aspettative, secondo alcuni tra le mille e le 10mila unità .

C’è infatti chi ha puntato il dito contro un dato di fatto: i due Kin richiedono un abbonamento in stile smartphone senza però offrire ai suoi utenti le caratteristiche di un vero smartphone. Appare dunque probabile che le cosiddette Generazioni Y non abbiano gradito la totale assenza di applicazioni e di giochi .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti