Microsoft: la sicurezza è tutta un quiz

Da Redmond arriva un esilarante quizzettino sulla sicurezza che mette alla prova gli utenti su privacy, virus e biscotti


Redmond (USA) – “Sei un guidatore accorto o un aggressivo patito della velocità sull’autostrada dell’informazione?”. E’ questa l’illuminante domanda che il Privacy Quiz di Microsoft pone a tutti coloro – baby naviganti, casalinghe, nonni e chi altri – in grado di rispondere a domande del tipo “Quando ho sentito la parola cookie ho pensato a: (…) 4. Al salvadanaio di Nestlé e alla cucina della nonna… gnam!”.

“Testate i potenziali rischi che correte… – si legge sulla pagina del test – In un mondo super connesso dove le e-mail possono essere spedite mentre fate una passeggiata in taxi nell’ora di punta, gli affari possono essere conclusi durante l’ora del cocktail col computer in mano, e i corteggiamenti fatti in chat room sono all’ordine del giorno, vorrai probabilmente sapere se le informazioni che invii e ricevi mentre navighi sono sicure”.

Per saperlo, evidentemente, non c’è che da provare il quiz proposto da Microsoft, che per l’occasione sale in cattedra e insegna agli utenti Windows – a suo dire divertendo – cosa sia la sicurezza, la privacy e come ci si possa difendere dai pirati informatici e dai virus. E proprio ai virus Microsoft dedica questa chicca: “Quando un virus arriva: (…) 4. Io penso che sia una malattia che gira per l’aria. Non sono affatto preoccupato che il mio computer possa prendersi l’influenza”. Chissà se al poveretto che risponde sì a questa domanda venisse detto che ha un cavallo di Troia nel computer… “Ma Ulisse non era morto?”.

Non trattandosi di un quiz a premi, l’utente deve accontentarsi di ricevere un punteggio assegnatogli in base a quante risposte più o meno giuste ha azzeccato fra le 10 disponibili. Chi prende un buon punteggio viene laureato “defender” – prudente -, una persona che, secondo Microsoft, non si fa fregare il numero di carta di credito dal primo lamer che passa e che riesce a difendersi da vermicelli del tipo “Sesso4You.exe”. Le schiappe, i così chiamati “Accepter”, sono invece quelli che accettano biscottini dagli sconosciuti, ficcano le aspirine dentro alla fessura del floppy driver sperando che sia solo un’influenza passeggera e alla domanda “ti connetti con DSL, modem o cable”, con tutta probabilità, hanno semplicemente tirato a indovinare.

Alla fine della prova, Microsoft fornisce suggerimenti su come affrontare la navigazione, evitare gli spifferi e le brutte sorprese: questo naturalmente se si usa Passport, Internet Explorer 6 e, preferibilmente, Windows XP.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    furbacchioni...
    vogliono pagare una multa con forniture di loro prodotti... Ma allora aumenterebbero ancora di più ilò monopolio !!! Che razza di punizione sarebbe ???
  • Anonimo scrive:
    manovra meschina
    cosi' i bimbi impareranno ad utilizzare windows.mi sembra un plagio alla nazi.
  • Anonimo scrive:
    Mezzo miliardo, un milione
    Forse non ho capto bene, ma la Microsoft offre il valore di mezzo miliardo (500MIO) di dollari alle scuole. In questi 500 milioni ci stanno 1 milione di licenze software. Quanto costa una "licenza software" ? Cioe', alla fine non e' che si scopre che la Microsoft regala 499.99 milioni di dollari in licenze software e soltanto qualche migliaio di dollari in hardware, consulenza, e tutto il resto ?
  • Anonimo scrive:
    Il lupo perde il pelo ma non il vizio.
    Come da subject.E addirittura rischiano di passare per benefattori.
  • Anonimo scrive:
    cancro Microsoft
    certo che questa microsoft ha proprio rotto, vuole mettere le sue luride mani su tutto fa proprioschifo spero venga presto il giorno che qualcunogli presenti il conto di tutte le malefatte cheha combinato
    • Anonimo scrive:
      Re: cancro Microsoft
      Non vorrei disilluderti, ma penso che anche in questo caso M$ riuscirà a fare questa BASTARDATA! Dalle parti mie c'è questo proverbio: "La carne triste neanche Cristo la vuole" Per la serie che nessuno vorrà avere a che fare (leggasi contrastare) con le iniziative dell'uomo più Avido del mondo... Vorrei comunque sapere il parere dei vari sostenitori della M$, giusto per capire quanto siano obiettivi.Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: cancro Microsoft

        Vorrei comunque sapere il parere dei vari
        sostenitori della M$, giusto per capire
        quanto siano obiettivi.il fatto che non abbiano risposto la dice lunga...
        • Anonimo scrive:
          Re: cancro Microsoft
          Cmq, stiamo attenti a distinguere: un conto è essere sostenitori di M$, un'altro è esserlo di win*.Nel caso, sostenere M$ implica sostenere win*, il contrario non è vero.Ma in questo caso a dover essere chiamati in causa devono essere proprio i sostenitori M$.
Chiudi i commenti