Microsoft: l'open source è una minaccia

In un documento, Microsoft svela le proprie apprensioni riguardo l'open source, un modello di sviluppo che, a suo dire, potrebbe costringerla a tagliare i prezzi del proprio software e ridimensionare i profitti


Washington (USA) – In un documento presentato negli scorsi giorni presso la Securities and Exchange Commission ( SEC ) americana, Microsoft afferma che il diffondersi dell’open source potrebbe influire negativamente sulle sue vendite costringendola ad abbassare i prezzi dei propri prodotti e rinunciare a parte dei propri profitti.

“Con il crescere dell’accettazione sul mercato del modello open source, le vendite dei prodotti dell’azienda possono declinare, l’azienda può essere costretta a ridurre i prezzi dei propri prodotti ed i redditi, insieme ai margini operativi, possono conseguentemente diminuire”, si legge nel documento finanziario firmato da Microsoft.

Il colosso di Redmond sostiene poi che il modello di sviluppo commerciale non è in grado di tenere testa ai bassi costi del modello open source. Il software open source, a detta di Microsoft, è infatti “prodotto da comunità globali di programmatori e il software così sviluppato, incluse le relative proprietà intellettuali, viene dato in licenza agli utenti finali a costi molto bassi o addirittura nulli”.

E’ un tema, quello della differenza di costi fra il software proprietario e il software aperto, che Ballmer sollevò anche lo scorso autunno in uno dei suoi interventi su Linux.

“Linux – ammise il boss di Microsoft – è un competitor serio. Dobbiamo competere con il software libero sulla base della qualità ma in un modo intelligente. Non possiamo portare i nostri prezzi a zero, quindi dobbiamo giustificare il posizionamento e il prezzo. Linux non andrà via, la nostra missione è offrire al mercato un prodotto migliore”.

Fra le altre minacce al proprio business Microsoft elenca poi eventuali cause legali, il fatto che molti nuovi prodotti non generano al momento profitti più altri problemi legati all’economia globale e alla geopolitica. Fra tutti questi fattori, l’open source è però quello che sembra preoccupare maggiormente Microsoft: in particolare, l’azienda richiama l’attenzione della SEC sulla pulsione verso l’open source dimostrato da alcuni paesi, come Il Sudafrica e la Germania .

Recentemente Microsoft ha varato un piano, chiamato Government Security Program , che permetterà a governi e istituzioni di accedere al codice sorgente di Windows. E’ questa una clamorosa svolta nelle politiche commerciali di Microsoft che dimostra la grande pressione esercitata sull’industria del software dal movimento open source.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AdessoBasta scrive:
    L'esperimento di oggi
    Oggi testeremo l'articolo 171 bis della legge 248/00 sulla tutela del diritto d'autore che prevede fino a 3 anni di reclusione e 30 milioni di multa.Come si procede:1) Recatevi presso il vostro marocchino di fiducia e acquistate uno di quei cd musicali visibilmente contraffatti.Il cantante o autore non è importante, basta che non sia di sinistra.2) Informatevi riguardo il prossimo comizio o apparizione in pubblico del Presidente del Consiglio3) Procuratevi un travestimento da giornalista e confondetevi tra i vostri "colleghi".4) Al momento giusto, simulando una causa accidentale, piantate il microfono che avrete nella mano destra diritto nelle gengive del Presidente e nel frattempo con la mano sinistra sfilate dalla vostra tasca il cd contraffatto e lo infilate nella tasca della sua giacca5) Ora confondetevi tra la folla e con una telefonata anonima denunciate direttamente alla SIAE il piccolo segreto che il Presidente nasconde6) A questo punto attendete con pazienza che le toghe rosse facciano il loro dovere e comminino tre anni di reclusione e 15.000 euro di multa all'imputato Pero oggi è tutto, arrivederci alla prossima puntata
  • Anonimo scrive:
    Non meravigliatevi!
    Vedremo tra 10 anni cosa diranno!
  • Anonimo scrive:
    Reprimere è meglio che prevenire
    Perchè questi signori della BSA e compagnia bella non si aggiornano, magari saltando dentro un vulcano in attività. Giusto per liberarci dalla loro scomoda presenza su questo NOSTRO pianeta.
  • Anonimo scrive:
    Ma io mi chiedo...
    Perchè dobbiamo stare ad ascoltare queste persone il cui unico scopo è sguazzare nei soldi e cercare di farci il lavaggio del cervello sul fatto che chi appoggia la pirateria è un assassino....Io penso che non avrebbero tutti questi problemi se un CD audio non costasse 22? e se un DVD non ne costasse 30?.In più la pirateria è un reato d'accordo ma il sistema che loro hanno tirato su per fare soldi è ancora più grave.
  • Anonimo scrive:
    E' inutile...
    Qualunque cosa facciano le major, sono destinate a scomparire! Anzi se vivono ancora è proprio grazie alla pirateria!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' inutile...
      - Scritto da: Anonimo
      Qualunque cosa facciano le major, sono
      destinate a scomparire! Anzi se vivono
      ancora è proprio grazie alla pirateria!Concordo;è bene che stiano zitti per i primi a rubare sono loro:nelle nostre tasche naturalmente!
  • Anonimo scrive:
    Loro a casa loro, noi a casa nostra...
    Chè, 'ste major americane vorrebebro spadroneggiare pure in Europa?...Facciano quel che vogliono con i loro dollari laddove contano, ma che se ne stiano buone dove non gli compete e dove non possono farsi fare leggi ad hoc...E speriamo sia sempre così...Max M
    • Anonimo scrive:
      Re: Loro a casa loro, noi a casa nostra...
      Be visto che sono leggi che dovrebbero tutelare in percentuale soprattutto i loro prodotti qualche diritto di replica ce l'hanno.Detto questo YANKEE GO HOME!!sayonara
  • Anonimo scrive:
    In parole povere.............. (F)
    "Chiedono armonia nelle politiche repressive"........Ovvero: la vostra EUDC non va bene per noi. Adottate anche voi il nostro DMCA che è meglio. Così possimao fare i ns. comodi anche a casa vostra.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: In parole povere.............. (F)
      - Scritto da: Anonimo
      "Chiedono armonia nelle politiche
      repressive"........Per fortuna qui in Europa non governano quei delinquenti: Stalin ed Hitler sono dei liberali al confronto di questi "signori".
  • Anonimo scrive:
    Ma non sono stati loro a volerla?
    bsa &c...come da oggetto
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non sono stati loro a volerla?
      - Scritto da: Anonimo
      bsa &c...

      come da oggettoMa non va bene!! E' troppo poco liberticida :-D !
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non sono stati loro a volerla?
      - Scritto da: Anonimo
      bsa &c...

      come da oggettoVolevano di peggio ... Fosse per loro ci sarebbe un "informatore" della BSA in ogni famiglia, come nell'Albania degli anni d'oro.
Chiudi i commenti