Microsoft omaggia la PA

Al ministero per la Pubblica Amministrazione per scoprire come BigM si spende per aiutare il paese Italia. Dematerializzazione e infrastrutture ICT, sullo sfondo di E-gov 2012

Roma – Scaffali che scompaiono inghiottiti dai byte di un computer in Friuli Venezia Giulia, telefonate che passano via Internet nelle università di Roma, lavagne interattive che fanno la loro comparsa in una scuola superiore pugliese: è con il dono di questi strumenti e di queste tecnologie che Microsoft conquista la fiducia del ministero della Pubblica Amministrazione e dell’Innovazione. È di questo che si è parlato ieri nella sede del dicastero nella Capitale.

Il ministro e l'ad Microsoft Tutti gli invitati, invero un po’ pressati, nell’ufficio del ministro Brunetta assistono alla presentazione dei dibattuti progetti pilota che dovrebbero costituire le “best practice” (il ministro lo ripete più volte) per l’intera Pubblica Amministrazione: alla parola d’ordine di dematerializzazione e innovazione , vengono descritte tre iniziative realizzate in tre regioni differenti dalla scorsa estate ad oggi. Tutte portate a termine con il contributo tecnologico ed economico di Microsoft Italia.

Non è un caso se attorno al tavolo siedano appunto il ministro Brunetta e l’amministratore delegato di Microsoft Italia Pietro Scott Jovane : alla chiamata alle armi del dicastero per la Funzione Pubblica, lo scorso agosto, la filiale italiana dell’azienda di Redmond ha risposto presente! e ha donato know-how e risorse hardware e software per introdurre la tecnologia all’interno delle strutture pubbliche e tentare di “accelerare” il processo di ammodernamento.

Si parte dal nord, con il presidente Renzo Tondo che spiega come l’investimento di BigM abbia fatto sparire 1280 metri di scaffali zeppi di documentazione dell’ufficio del personale della sua regione, il Friuli Venezia Giulia , con un risparmio stimato dell’80 per cento sui tempi e sui costi rispetto alla situazione precedente. Un risparmio quantificato in mezzo milione di euro. Sono praticamente le uniche cifre che si sentiranno nel corso di tutta la giornata: è lo stesso Ministro a puntualizzare che si tratterebbe eventualmente di numeri fuorvianti e che si deve comunque ricordare che l’investimento di oggi in questo tipo di soluzione garantirà un risparmio in futuro.

Il secondo progetto, mancando un rappresentante dell’ateneo, viene illustrato da Brunetta in persona: che racconta di come si sia proceduto a dotare l’università di Roma Tre di un sistema di telefonia VoIP capace di far calare i costi in bolletta del “30, 40, 50, 60, 70 per cento”. Anche in questo caso un progetto pilota finanziato a fondo perduto da Microsoft, che servirà a creare un modello da esportare quanto prima anche nelle restanti università della Capitale e molto presto anche in tutte le altre dell’intero Stivale (sempre che nel frattempo non abbiano già provveduto da sole).

Stretta di mano di rito Anche in questo caso si tratterebbe di un “catalizzatore”, di un esempio da mostrare a tutti i rappresentati della PA per identificare quelli che vengono ritenuti strumenti giusti e metodologie di applicazione corrette di una tecnologia capace di abbattere i costi di gestione nell’immediato (dopo aver naturalmente ammortizzato i costi di realizzazione). Proprio nell’ottica di una tecnologia che abilita e che rende competitivi è stata ancora Microsoft a donare tutta l’infrastruttura hardware e software necessaria affinché l’Istituto Tecnico Commerciale e per il Turismo “M. Laporta” di Galatina (in provincia di Lecce) fosse dotato dei più moderni sussidi informatici all’istruzione.

Quest’ultima iniziativa deve aver davvero entusiasmato il Ministro: interrompe spesso il dirigente scolastico Angelo Rampino , giunto dalla Puglia per spiegare in cosa consiste in pratica questo ammodernamento e cosa garantirà ai 500 studenti dell’ITC. 10 lavagne interattive multimediali, 24 PC desktop completi di schermo LCD da 19 pollici e processore da 2,2 GHz più un altro per la postazione del docente nell’aula multimediale, 12 laptop con CPU Core 2 Duo da 1,66Ghz per la biblioteca, rete intranet wireless.

A tutto questo va sommato una dotazione completa di software prodotto a Redmond: SharePoint Learning Kit, Office 2007, Visual Studio, Windows Vista e Server 2003, a cui si aggiungono degli applicativi realizzati appositamente per le esigenze didattiche della scuola superiore e resi disponibili con licenza shared source di Microsoft (molto probabilmente la MS-PL, licenza approvata da OSI ). Il Ministro non esita a definire tutto questo “la scuola del futuro” anche se, ammette, si tratta di “una goccia in mezzo al mare” ma, assicura, si tratta di “cose vere” già messe a disposizione degli alunni, e tutte le scuole d’Italia seguiranno lo stesso percorso di ammodernamento entro i prossimi due o tre anni.

“Lo stesso percorso culturale, tecnologico e amministrativo”, conclude, lo seguiranno anche tutte le altre pubbliche amministrazioni: oggi verrà presentato a Palazzo Chigi il programma E-Gov 2012 che traccerà le linee guida perché ciò avvenga. A tutti coloro che interverranno, spiega, verrà consegnata una chiavetta USB in luogo della tradizionale cartella stampa con tutto il materiale inerente l’evento: anche questo, in qualche modo, è segno che qualcosa sta davvero cambiando.

Lo studio del ministro

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Get Real scrive:
    Ultime notizie dalla Svezia...
    Per Pirate Bay è finita: http://torrentfreak.com/sweden-considers-police-action-against-file-sharers-090120/
    • MArco scrive:
      Re: Ultime notizie dalla Svezia...
      Non è detto.Se non ho capito male, è cambiata la legge sul file sharing in swezia.Pirate bay non fa file sharing.
  • pabloski scrive:
    Re: Dispendiosa soluzione
    tecnologicamente il modo migliore sono le reti p2p decentralizzate come kademlia o gnutellaè l'unico modo per evitare censure di sorta
  • Lorenzo scrive:
    Re: Dispendiosa soluzione
    - Scritto da: HLX00
    comunque il problema è per ora circonciso Spero tu volessi dire circoscritto perchè "circonciso" ha tutt'altro significato (chiedilo ad uno che sia ebreo osservante)
    • HLX00 scrive:
      Re: Dispendiosa soluzione
      Oddio scusate l'errore ahhahaha-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 gennaio 2009 15.24-----------------------------------------------------------
  • roberto di scrive:
    Re: Dispendiosa soluzione
    Il pirata non é piú centralizzato da dopo l'operazione della polizia svedese di un paio d'anni fa.
  • Aname scrive:
    Re: Dispendiosa soluzione
    avevano chiuso thepiratebay.org, bene, hanno aperto http://labaia.org/http://thepiratebay.org/blog/123
    • Sgabbio scrive:
      Re: Dispendiosa soluzione
      The piratebay, mediaticamente è fastidioso per le major, perchè è riuscita sempre a sbeffeggiarli tranquillamente. Le major non riescono a farli niente...allora cercano di colpirlo dall'estero come hanno fatto in italia.
  • unaDuraLezione scrive:
    Re: Dispendiosa soluzione
    contenuto non disponibile
  • Lorenzo Brudicchio scrive:
    con TOR filtri inutili
    con TOR filtri inutili
    • pabloski scrive:
      Re: con TOR filtri inutili
      peccato che poi nessuno voglia ospitare dei relay TOR, tutti però vogliono usarloobiettivamente TOR è inutilizzabile, vista la carenza di banda passante
  • lll scrive:
    Per tutti quelli che credono di ess furb
    Scrivo questo post per tutti quelli che credono di aggirare il problema agendo sul dns. L'articolo dice che oltre a bloccare il sito a livello dns quindi inserendo un record che punta a babbonatale, esiste anche un altro filtro che non può essere aggirato nemmeno da utenti esperti!!Quel filtro è a livello di router(questo non lo dice l'articolo ma non può essere divero), ovvero basta inserire una semplice regola per la porta 53(del dns) cioè: tutte le richeste per la porta 53 vanno a finire nel dns del provider(e non dove vuoi tu, una specie di "trasparent proxy") oppure un'altra soluzione è: se il destination ip e la porta sono diversi da quelli del dns del provider, fai il drop dei pacchetti.l'unica soluzione è quella di inserire un record nel file host.per il bene di tutti, un consiglio: se non sapete come funzionano queste cose non scrivete caxxate !!grazie per la cortese attenzione.
    • pinco pallino scrive:
      Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
      saputello, prima di parlare di regole riferendoti a un router, dicendo agli altri di non sparare XXXXXXX, studiati un po' di TCP/IP e di fondamenti di routing...
      • lll scrive:
        Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
        Classica risposta di chi crede di sapere tutto ma in realtà non sà niente perchè non risponde con argomentazioni tecniche.sei inutile(almeno fino adesso).
    • Valeren scrive:
      Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
      - Scritto da: lll
      esiste anche un altro filtro che
      non può essere aggirato nemmeno da utenti
      esperti!![CUT]
      l'unica soluzione è quella di inserire un record
      nel file host.Se intendi il file host sul proprio PC, non mi sembra esattamente una soluzione "nemmeno per utenti esperti".Non da niubbo totale, ma sicuramente alla portata di molti e praticamente di tutti con un tutorial di quattro immaginette.
      • lll scrive:
        Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
        Il filtro non può essere aggirato da esperti e non che la soluzione del file host è da utenti esperti.Cmq, se inseriscono una regola che blocca anche l'ip di piratebay allora ciao, bloccati per sempre.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
          contenuto non disponibile
          • lll scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: lll

            Il filtro non può essere aggirato da esperti

            La soluzione del file host raggira senza problemi
            la tua ipotesi di hijacking dell'intero
            protocollo DNS da parte provider in quanto il
            protocollo DNS non verrebbe affatto
            utilizzato.
            La tua ipotesi peraltro sarebbe illegale perché
            chi lavora coi domini deve necessariamente
            testarne la propagazione con vari DNS e
            l'hijacking renderebbe ciò
            impossibile.Perchè è illegale dirottare il dns? Quale legge lo dice?


            Cmq, se inseriscono una regola che blocca anche

            l'ip di piratebay allora ciao, bloccati per

            sempre.

            cambi discorso?no, ho semplicemente dato la soluzione al problema. Ovvero, blocchi l'ip di pirate bay e quindi nessuno lo può più raggiungere. Facendo cosi' saranno contenti anche quelli che lavorano con il dns.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            contenuto non disponibile
          • MArco scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            Qauli sarebbero gli effetti collaterali oltre non accedere più a quell'ip?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            contenuto non disponibile
          • Sgabbio scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            Per non parlare che si può usare un proxy per aggirare la censura via IP
          • Aname scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            O che il server può richiedere al provider di cambiare il prorpio IP
          • Sgabbio scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            Vero.
          • lll scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: lll


            no, ho semplicemente dato la soluzione al

            problema.

            No, guarda è molto chiaro: Hai cambiato discorso.
            Non vado avanti anche perché, dopo le castronerie
            che hai detto sul DNS non ho voglia di speigarti
            perché filtrare un IP non è una soluzione a
            avrebbe una serie di effetti
            collaterali.non ho cambiato discorso.cmq,quali castronerie? semplice dire "hai deto castronerie".
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            contenuto non disponibile
          • lll scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: lll


            non ho cambiato discorso.

            Chiunque può scoprirlo rileggendo questo scambio
            di discussioni
            dall'inizio.
            E' oggettivo, non ci puoi fare nulla.


            cmq,

            quali castronerie? semplice dire "hai deto

            castronerie".

            Non preoccuparti.
            Chi ha letto quello che hai scritto e ha compreso
            la risposte, ha capito cosa
            intendo.
            Non ho alcun interesse a convincere te.va bene. Ti dico solo che non voglio farmi convincere da uno che non spiega nemmeno per quali ragioni ho sbagliato.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            contenuto non disponibile
          • lll scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            passo e chiudo capo.
          • MArco scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            non preoccupatevi. Se il provider vuole bloccarvi vi blocca. Mi risulta che la Danimarca sia piuttosto avanti nell'ambito telecomunicazioni.Ci sono tanti tipi di filtri che possono essere applicati e tante etecniche per aggirarli.Più filtri ci sono , più è difficile aggirareCi sono strumenti e filtri che potrebbero blovvarvi anche solo una jpeg all'interno della pagina
          • Sgabbio scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            Se uso un proxy? Perchè i sistemi di censura comportano che tu faccia una determinato percorso per raggiungere un sito web. Se uso un proxy, faccio una strada diversa quindi aggirerei la censura.
          • zap scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            - Scritto da: MArco
            non preoccupatevi. Se il provider vuole bloccarvi
            vi blocca. ...
            Più filtri ci sono , più è difficile aggirare
            Ci sono strumenti e filtri che potrebbero
            blovvarvi anche solo una jpeg all'interno della
            paginaok, ma più elaborazione si fa, più ci vogliono server potenti: filtrare non è gratis.Quindi il provider non vedo che interesse avrebbe a metter su a sue esclusive spese e senza alcun ritorno filtraggi avanzati.
          • MArco scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            Anche se usi un proxy puoi venire bloccato perchè l'ispezione sul pacchetto che transita tra ed il proxy può avvenire fino al livello 7 del pacchetto dove sono contenute le richieste della pagina web finale(es GET http//piratebay...). Se il traffico viaggia in https non credo si possa fare l'ispezione(non so se la destinazione finale rimane in chiaro)Comunque questo è solo un esempio.Resta sempre il fatto che la maggior parte degli utenti non riuscirà ad accedere al servizio perchè non sa aggirare il problema.Come fa notare zap , questo richiederà più risorse, ma una buona infrastruttura di rete dovrebbe sempre avere il massico controllo sul traffico...dipende dagli interessi in gioco...dipende da quanto è grande la multa.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            Certi proxy web criptano pure i link verso i sito che vuoi andare, quindi come potrebbero filtrare ? :D
          • MArco scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            La maggior parte dei filtri viene messa a scopo preventivo per evitare problemi. Non è che se metti un filtro devi aspettarti un ritorno. In questo caso potrebbe essere per proteggersi da un'eventuale sanzione.I filtri possono essere distribuiti sull'infrastruttura di rete in maniera da rendere le operazioni di filtraggio meno gravose.Diciamo che volendo pararsi il XXXX si può fare tutto più o meno...se ne vale la pena ovviamente.
          • Cornholio scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            - Scritto da: lll
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: lll


            Il filtro non può essere aggirato da esperti



            La soluzione del file host raggira senza
            problemi

            la tua ipotesi di hijacking dell'intero

            protocollo DNS da parte provider in quanto il

            protocollo DNS non verrebbe affatto

            utilizzato.

            La tua ipotesi peraltro sarebbe illegale perché

            chi lavora coi domini deve necessariamente

            testarne la propagazione con vari DNS e

            l'hijacking renderebbe ciò

            impossibile.
            Perchè è illegale dirottare il dns? Quale legge
            lo
            dice?




            Cmq, se inseriscono una regola che blocca
            anche


            l'ip di piratebay allora ciao, bloccati per


            sempre.



            cambi discorso?

            no, ho semplicemente dato la soluzione al
            problema. Ovvero, blocchi l'ip di pirate bay e
            quindi nessuno lo può più raggiungere.

            Facendo cosi' saranno contenti anche quelli che
            lavorano con il
            dns.Potrebbero anche sequestrare i server di PB, farebbero prima, non pensi?Ancor prima, se ne incarcerassero il/i webmaster e/o proprietari.Se poi gli tagliassero le dita delle mani (e dei piedi, visto che ci sono certi disabili che fanno cose incredibili con ciò che hanno di sano), potrebbero star certi che il sito finirebe di operare.Peccato che tutto ciò, senza il pronunciamento di un'autorità giudiziaria dopo l'esame del tribunale di competenza, sia illegale.Il semplice blocco del dns invece sì, è legale.Sul dns hijacking onestamente, beh io lo trovo molto brutto come provvedimento. Specie se non ordinato dalle autorità.
          • pabloski scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            effettivamente non ho mai capito a livello legislativo come andrebbe a finire la cosase io sono uno Stato posso reindirizzare tutte le richieste DNS a miei DNS privati? chiaramente sarebbe inutile perchè basterebbe il file hosts per mandare tutto all'aria....effettivamente si fa prima a bloccare l'IP del sito che si vuole rendere irraggiungibile, anche se in quest'ultimo caso potrebbero nascere effetti collaterali anche gravi
          • lll scrive:
            Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
            li ho già fatto questa domanda ma non sà rispondere.
    • ojs scrive:
      Re: Per tutti quelli che credono di ess furb
      - Scritto da: lll
      per il bene di tutti, un consiglio: se non sapete
      come funzionano queste cose non scrivete caxxate
      !!Toh, ed io che credevo di riuscirci con il mio bel djbdns in cache mode. Anzi e ben pensarci ci riesco alla grande. Boh? Forse non mi avranno filtrato per bene.L'unico modo per bloccarli e a livello di routing e non avverra' mai.

      grazie per la cortese attenzione.Prego di nulla.
  • H5N1 scrive:
    Ricordo a tutti
    Che in Italia fecero lo stesso anzi peggio, ma le autorità!Un bel furto illegale attraverso il cookie stealing da parte della IFPI.
  • unaDuraLezione scrive:
    I popoli el Nord sono sempre avanti
    contenuto non disponibile
  • Parliamo oltre al proprio pc scrive:
    opendns
    http://www.opendns.com/ e passa la paura.
  • Marco scrive:
    Prima sono venuti a prendere......
    Prima sono venuti a prendere gli zingari, e noi non abbiamo protestato perché non eravamo zingari.Poi sono venuti a prendere gli ebrei, e noi non abbiamo protestato perché non eravamo ebrei.Poi sono venuti a prendere i comunisti, e noi non abbiamo protestato perché non eravamo comunisti;Poi sono venuti a prendere gli omosessuali, e noi non abbiamo protestato perché non eravamo omosessuali; Infine sono venuti a prendere noi, e non cera più nessuno capace di protestare. Martin Niemöller
    • Marvho scrive:
      Re: Prima sono venuti a prendere......
      - Scritto da: Marco
      Prima sono venuti a prendere gli zingari, e noiCUT
      Martin Niemöllerstupenda... me la voglio conservare .. grazie.
      • Disgraziato scrive:
        Re: Prima sono venuti a prendere......
        - Scritto da: Marvho
        - Scritto da: Marco

        Prima sono venuti a prendere gli zingari, e noi

        CUT


        Martin Niemöller

        stupenda... me la voglio conservare .. grazie.Sottoscrivo, l'avevo già letta altrove ma ogni volta è bella uguale
    • Quello li scrive:
      Re: Prima sono venuti a prendere......
      - Scritto da: Marco
      Prima sono venuti a prendere gli zingari, e noi
      non abbiamo protestato perché non eravamo
      zingari.
      Poi sono venuti a prendere gli ebrei, e noi non
      abbiamo protestato perché non eravamo
      ebrei.
      Poi sono venuti a prendere i comunisti, e noi non
      abbiamo protestato perché non eravamo
      comunisti;
      Poi sono venuti a prendere gli omosessuali, e noi
      non abbiamo protestato perché non eravamo
      omosessuali;Poi sono venuti a prendere i torrent, e noiabbiamo protestato perché tutti scaricavamo.Scusate se ho buttato sull'ironico, ma a me fa sorridere (o disperare) il fatto che tutti si scandalizzino per il tentativo di chiudere piratebay, e nessuno protesta per i ripetuti attacchi del "nostro" primo delinquente Silvio Berlusconi a Stampa, Magistratura, Costituzione, Giustizia, Democrazia.Sono più importanti i torrent o la nostra libertà?
      • RisingSun85 scrive:
        Re: Prima sono venuti a prendere......
        I SOLDI e il POTERE sono le cose più importanti, in guerra, nel razzismo ecc. chi stà sopra pensa solo ai soldi e al potere, il resto non conta.Non conta se non c'è libertà.non conta se non c'è uguaglianza.Non conta se non c'è giustiza.Chi ha il potere lo usa, punto.Il punto è...chi ha il potere?Non bisogna arrendersi mai, per una baia pirata che chiude ne apriranno altre mille.
  • AdessoBasta scrive:
    Mi sembra che la soluzione sia semplice
    1) Configurare il proprio PC con altri DNS; oppure2) inserire nel file hosts di windows una riga con dominio pirate bay e corrispondente indirizzo IP corretto.
    • Prophecy scrive:
      Re: Mi sembra che la soluzione sia semplice
      Si ma non tutti sono capaci di farlo. Non tutti sanno di questa notizia. Non so l'utente medio danese, ma l'utente medio italiano (vedo mia sorella) e' capace giusto a usare il browser per cercare il torrent e a lanciare microtorrent... non ha la minima idea di cosa siano i dns ecc.. alla peggio se vede che il sito e' inaccessibile pensa che ci sia qualche problema sul sito, non sull'ISP
      • Ricky scrive:
        Re: Mi sembra che la soluzione sia semplice
        Una volta capito che il proprio providers sta' facendo il furbo, basta applicare le soluzioni che LA RETE SPONTANEAMENTE mette a disposizione.Non serve un genio per modificare un file host o cambiare dei dns.Usare thor e' piu' complesso, anche se esistono distribuzioni che praticamente fanno tutto da sole.E sopratutto e' MOLTO PIU' LENTO...Non mi pare pero' corretto che accadano simili cose.O c'e' una legge precisa, capace di delineare scenari e competenze o non va' affatto bene che un isp preso dal terrore agisca di sua iniziativa.Oggi e' Pirate bay, domani cosa sara'?
  • 3my78 scrive:
    non è la prima
    E' sucXXXXX tempo fa in Italia e Svezia. Io sto con The Piate Bay!http://3my78.blogspot.com/
    • Sgabbio scrive:
      Re: non è la prima
      La cosa è diversa. un ISP ha deciso autonomamente di impedire l'acXXXXX ad un sito internet. Spero non sia un pericoloso precedente.
Chiudi i commenti