Microsoft, quell'autenticazione è originale

Ribaltata la sentenza che condannava Redmond a pagare 388 milioni di dollari per violazione di brevetto. Il caso era infondato. E la cifra eccessiva

Roma – La corte distrettuale di Rhode Island ha ribaltato una precedente sentenza che condannava Microsoft a pagare una multa di 388 milioni di dollari per infrazione di brevetto.

Il caso vedeva Redmond accusata dalla piccola azienda Uniloc, che affermava che aver brevettato una procedura di autenticazione per software molto simile a quella adottata da Microsoft per le copie di Windows XP, Windows 2003 e Office. Ric Richardson, titolare del brevetto e fondatore di Uniloc ( finanziata con i soldi di una sua precedente invenzione: il cordino per tenere gli occhiali attaccati al collo), affermava inoltre di aver mostrato una copia del suo software a Microsoft nel 1993 e che BigM non avrebbe voluto pagare per ottenere la licenza.

Nel nuovo grado di giudizio, non solo il giudice ha accolto la difesa che riteneva eccessiva la somma pattuita (non chiaro il metodo utilizzato per calcolare i danni dovuti), ma ha respinto il caso, definendolo non solo infondato ma anche ridicolo.

La nuova corte ha praticamente respinto ogni argomento dell’accusa.

La prima differenza fra i due sistemi di identificazione sarebbe costituita dal fatto che mentre i prodotti Redmond puntano a riconoscere il detentore di una licenza, il brevetto Uniloc mira ad identificare una licenza.

Inoltre, secondo quanto appreso dal giudice tramite le deposizioni degli esperti di parte, l’ algoritmo alla base del sistema “MD5” utilizzato da Microsoft e quello Uniloc opererebbero in maniera del tutto differente, tanto da risultare “chiaramente non equivalenti”.

Non è tanto la previsione di step diversi a distinguerli, ma la natura delle operazioni da essi messe in atto: quello Uniloc genererebbe valori “virtualmente” unici per ogni utente utilizzando addizioni, mentre MD5 metterebbe in atto una vasta serie di operazioni matematiche e logiche che non si limitano alla somma. Per questo il sistema di Microsoft sarebbe più sicuro e supererebbe il brevetto Uniloc che si limita a ottenere una unicità solamente virtuale .

Infine Uniloc avrebbe cercato di far intendere al giudice che il funzionamento del programma di cui controllare la licenza fosse effettivo solo una volta attivato tramite il sistema di autenticazione. Mentre Microsoft ha sempre utilizzato periodi di valutazione , rendendo inizialmente il programma funzionane indipendentemente dalla procedura di verifica. L’ennesima differenza che, nonostante gli sforzi dei legali di Univoc, ha fatto propendere il giudice per il ribaltamento della precedente sentenza.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bnPZNeKNzxS iOWAz scrive:
    CkgbIOUgI
    http://www.homeofcarolinacirclemall.com/evista.htm evista =[[ http://www.homeofcarolinacirclemall.com/glucophage.htm glucophage apuq http://www.homeofcarolinacirclemall.com/motrin.htm motrin 56407
  • nPwZwMsy scrive:
    ZBEjSHzALJcsu
    http://www.arcataenglishcockers.com/business-insurance-rates.html business insurance quotes
    :)) http://www.roomofzen.com/healthinsurancerates.html health insurance providers 6074 http://www.radiodigitalchile.com/autoinsurance.php affordable auto insurance 3874 http://www.fimbresforcouncil.com/cheaphealthinsurance.html personal health insurance fhm
  • RJSmQPmfq scrive:
    CuMmxEkgUKRfxtekWwF
    http://www.booksfreedownload.info phentermine cheap 8P http://www.centrodecidadania.org/ aciphex online qxmb http://www.liberaciondelcannabis.org/acomplia.html acomplia on-line %DDD http://www.librosyviajes.com/carisoprodol.html carisoprodol in usa 8O
  • Luca Annunziata scrive:
    Re: Bello e utile
    È raro che succeda, il nostro CMS prevede la correzione automatica di questi refusi. ;)
    • iRoby scrive:
      Re: Bello e utile
      Magari lo facessero anche quotidiani online come Repubblica, Corriere etc.Ma ormai si sa quelli non sono "mezzi di informazione", ed hanno anche la licenza poetica... :)Suppongo che questa funzione l'abbiate messa tempo fa proprio dopo che ve l'ho fatta a carotina continuamente con questa storia delle accentate, vero?
  • aponivi scrive:
    Pubblicità
    E' nuova questa pubblicità prima degli articoli se accedi tramite feed?
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Pubblicità
      Ciao!Che intendi esattamente? :)
      • andros scrive:
        Re: Pubblicità
        su alcune notizie capita che se si accede tramite feed si arriva ad una pag di pubblicità con la classica scritta "clicca qui per visualizzare l'articolo".Lo sapevate, vero!?
      • aponivi scrive:
        Re: Pubblicità
        - Scritto da: Luca Annunziata
        Ciao!

        Che intendi esattamente? :)Ciao, in pratica da ieri se accedo tramite feed rss alle notizie prima di portarmi all'articolo mi porta in una pagina dove c'è un advertising e c'è scritto che per continuare bisogna cliccare un link.Non compare sempre.
  • aponivi scrive:
    Google Docs OCR
    Google ha introdotto l'OCR per i documenti, ancora non è implementato del tutto ma si può raggiungere da questo indirizzo http://googlecodesamples.com/docs/php/ocr.php
    • nome e cognome scrive:
      Re: Google Docs OCR
      "The larger the file, the longer the OCR operation will take (500K: ~15s, 2MB: ~40s, 10MB: forever)"se questo non è pessimismo! :D
      • aponivi scrive:
        Re: Google Docs OCR
        - Scritto da: nome e cognome
        "The larger the file, the longer the OCR
        operation will take (500K: ~15s, 2MB: ~40s, 10MB:
        forever)"
        se questo non è pessimismo! :DNon lo avevo notato il forever
  • Cassio scrive:
    Carino...
    Una buona alternativa online per chi non vuole dare soldi a Microsoft. Comunque anche OpenOffice supporta tutte queste cose, l'unico "neo" è che bisogna installarlo...
Chiudi i commenti