Microsoft si oppone all'antitrust sudcoreano

Muro contro muro tra l'azienda di Redmond, multata per abuso di posizione dominante, e l'autorità di vigilanza antitrust sudcoreana. Microsoft ricorrerà in appello entro 30 giorni


Seoul – La pesantissima sanzione che la commissione antitrust di Seoul ha inflitto a Microsoft Korea continua a far discutere. La divisione locale del gigante di Redmond non intende soddisfare le richieste del Garante sudcoreano, che ha condannato l’azienda per abuso di posizione dominante .

“E’ nostra intenzione ricorrere in appello entro i prossimi trenta giorni”, hanno dichiarato i portavoce dell’azienda di Bill Gates, “vogliamo bloccare il procedimento in corso contro la nostra società”. Microsoft non ha rilasciato ulteriori dettagli: l’unico dato certo è che la scadenza finale per il pagamento dell’ammenda, pari ad un totale di 25 milioni di euro , è stabilita per il prossimo 24 agosto.

La multinazionale del software, che secondo le autorità sudcoreane tiene in mano una quota attorno al 90% del mercato locale, è stata inoltre costretta a vendere il proprio sistema operativo Windows XP in versione ridotta , senza player multimediale e servizio di messaggistica istantanea. Una situazione per certi versi simile a quella europea , anche se Microsoft Korea la definisce “ancora più pesante e cupa”.

“Continuiamo a credere che la versione integrale e completa di Windows XP sia perfettamente in linea con le leggi sudcoreane”, incalzano i rappresentanti dell’azienda, “e che i componenti multimediali ed interattivi rimossi siano sempre stati un beneficio per milioni di consumatori”. Microsoft Korea sta infatti tentando di fare pressione sulla sfera pubblica , alla ricerca di sostegno da parte degli utenti e delle imprese.

“Quella dell’antitrust è una decisione tutta a scapito dell’industria locale, degli utenti e dell’innovazione tecnologica”, incalzano i rappresentanti di Microsoft Korea. In un intervento sulla stampa locale, un portavoce di Microsoft ha specificato che l’attuale situazione “causa grossi svantaggi a tutti, specialmente al grado d’innovazione tecnologica del paese”.

Stando all’analisi offerta da Telecoms Korea , questo significa che “Microsoft potrebbe minacciare di ritardare l’uscita sudcoreana di Windows Vista, causando grossi problemi a tutta l’industria hardware e software correlata”. In particolare, “le aziende locali che producono memorie ed altri componenti potrebbero perdere di conseguenza la congiuntura favorevole legata all’arrivo di Vista”.

Negli ultimi tempi, il governo sudcoreano ha dimostrato un grado sempre maggiore di ostilità nei confronti del big di Redmond. In previsione di un distacco totale , Seoul ha iniziato ad investire cospicue somme di denaro nello sviluppo di alternative open source , specialmente per il mercato degli utenti desktop.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma pensa te!
    La collaborazione con Microsoft ci permette di utilizzare tecnologie innovative, fondamentali per prevenire e contrastare la pedopornografia on line", sottolinea Ernesto CaffoMandò ca..o vivete?Non dico di non apprezzare il gesto ma vorrei ricordare che il sistema dei buon samaritani si prende un malware al secondo che reindirizzano anche su pagine web con gay che si succhiano e via discorrendo un bambino al computer a cosa è soggetto mi chiedo?Infondo non mi sembra un idea così grandiosa.
  • Anonimo scrive:
    Microsoft, non perdere tempo
    Pensa a debuggare internet explorer o a rendere più veloce e leggero windows o a raggiungere più persone con (il per altro già ottimo) msn search invece che andare per farfalle con questa storia del pedoporno che è solo una caccia alle streghe e tutti quelli che abusano e violentano davvero sono fuori a tenersi la pancia dal ridere quando leggono le notizie dei rastrellamenti antipedoporno (nei quali loro ovviamente non finiscono).
Chiudi i commenti