Microsoft, un gavettone di patch

Il prossimo martedì, poco prima di Ferragosto, Microsoft pubblicherà nove bollettini di sicurezza. Cinque conterranno vulnerabilità considerate del massimo rischio

Roma – Per Microsoft, agosto si riconferma un mese molto caldo anche sul piano della sicurezza. Il prossimo martedì BigM ha infatti pianificato la pubblicazione di nove bollettini di sicurezza, cinque dei quali classificati con il massimo grado di importanza.

I bug più seri, sfruttabili a distanza per eseguire del codice potenzialmente dannoso, interessano Windows 2000, Windows XP, Windows Vista, Windows Server 2003 e 2008, Remote Desktop Connection Client for Mac, Office 2000, XP e 2003, Microsoft Office Small Business Accounting 2006, Visual Studio.NET 2003, Microsoft Internet Security and Acceleration Server 2004 e 2006, e BizTalk Server 2002.

Le altre falle, classificate “importanti”, interessano invece Windows e il MS.NET Framework, e possono essere utilizzate per eseguire del codice a distanza (ma con vari fattori mitiganti), per l’elevazione dei privilegi o per il lancio di attacchi denial-of-service.

Come tradizione, per conoscere tutti i dettagli sulle vulnerabilità sarà necessario attendere l’effettiva pubblicazione dei nuovi bollettini. Alcuni esperti di sicurezza suggeriscono tuttavia che buona parte delle patch agostane sono ancora legate al recente bug dell’Active Template Library (ATL), alla risoluzione del quale Microsoft ha già dedicato due recenti bollettini di sicurezza straordinari . Le patch di fine luglio hanno corretto il problema laddove questo rappresentava una minaccia più urgente, ossia nel controllo ActiveX MSVidCtl , mentre le prossime dovrebbero stuccare la falla in diversi altri componenti di Windows.

Microsoft deve peraltro ancora correggere una vulnerabilità riguardante Office Web Components (OWC), una serie di controlli ActiveX opzionali forniti insieme a Office XP/2003, BizTalk, ISA Server, Office Accounting e Business Contact Manager. Probabilmente la relativa patch farà parte dei bollettini attesi la prossima settimana.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kache scrive:
    Dovrebbero
    fare un dizionario che pesca nel database di Urban Dictionary, in modo da permettere ai ragazzi di imparare cosa vogliono dire le parolacce, invece di spararle a caso senza senso.
  • kache scrive:
    Dovrebbero
    fare un dizionario che pesca nel database di Urban Dictionary, in modo da permettere ai ragazzi di imparare cosa vogliono dire le parolacce, invece di spararle a caso senza senso.
  • Joliet Jake scrive:
    Censurare un vocabolario
    Ormai la paranoia ha raggiunto dei livelli da barzelletta...Solo che c'è poco da ridere.
  • Nedanfor scrive:
    Ridicolo
    La volgarità di una parola...Quando torneremo a dire che Boccaccio è osceno e non va studiato a scuola? Bruciamo tutti i libri di Boccaccio! Che schifo.
    • MarcOsX scrive:
      Re: Ridicolo
      devi pensare alle lamentele della mammina idiota che ha regalato l'iPhone al figlio di 8 anni e che lo trova a leggere parolacce su quell'applicazione.La Apple vuole solo tutelare se stessa e sta facendo il suo lavoro. Credi che se potesse non se ne fregherebbe altamente? Se il Moige rompe le palle qua figurati in America...Almeno per me questa cosa del dizionario è una XXXXXta clamorosa.Il Google Voice invece è un grosso passo falso di Apple che avrà conseguenze pesanti se non cambiano direzione...
      • Blackstorm scrive:
        Re: Ridicolo
        Io sono rimasto allibito da questa frase:"App Store non era preparato a ricevere un'applicazione che non ne violava il severo regolamento interno."Ossia, l'App store non era preparato a ricevere un'applicazione perfettamente legale secondo le richieste di apple. O il redattore o apple hanno scazzato qualcosa.
      • iRoby scrive:
        Re: Ridicolo
        So solo che ci sono ragazzini che in quanto a linguaggio e conoscenze di termini volgari farebbero inorridire un burino...
  • Angros scrive:
    Censura, censura
    L' iphone non fa per me. Eppure c' è gente che lo adora... de gustibus...
    • MarcOsX scrive:
      Re: Censura, censura
      Già, c'è gente che adora i Led Zeppelin e chi adora Lady GaGa. Per fortuna si può scegliere chi adorare.Io l'iPhone l'adoro.
    • ruppolo scrive:
      Re: Censura, censura
      - Scritto da: Angros
      L' iphone non fa per me. Eppure c' è gente che lo
      adora... de
      gustibus...Di solito lo adorano quelli che ce l'hanno :D
      • angros scrive:
        Re: Censura, censura
        E tuttavia... è costoso, rispetto a prodotti equivalenti, e le sue caratteristiche sono molto simili a quelle proposte per la piattaforma tcpa, che aveva fatto inorridire gli informatici di mezzo mondo e scatenato una violenta campagna contro di essa (ricordate i banner "against tcpa"?).Nonostante questo, ha sucXXXXX commerciale e gli utenti sono generalmente soddisfatti... io non l' ho provato, perciò chiedo a voi che ce l' avete: cosa offre, rispetto ad altri palmari/cellulari, di unico?Non lo chiedo come provocazione, vorrei solo capire: quando l' hanno presentato, mi aspettavo un flop (analogo a quello di win vista, per intenderci, o anche peggiore) perchè pensavo che il pubblico non lo avrebbe gradito, invece la apple ha fatto il "miracolo", perchè i suoi clienti apprezzano una caratteristica che, quando era stata proposta dalla ms, era stata odiata ancora prima che entrasse sul mercato (e nonostante vista non l' avesse poi implementata, molti non si sono fidati lo stesso).Inoltre, quando la ms ha fatto cambiamenti che compromettevano la retrocompatibilità (togliere il dos, togliere il supporto 16 bit, limitare la modalità compatibile XP in win 7) è stata criticata (nonostante esistessero soluzioni, come dosbox e qemu, per aggirare il problema), mentre apple ha potuto addirittura cambiare il tipo di proXXXXXre (da motorola a PPC, poi a intel) sui suoi computer (perdendo praticamente tutta la retrocompatibilità) e nessuno ha protestato.Capite la mia curiosità... perchè solo la apple riesce a fare queste cose? i suoi utenti sono diversi da quelli microsoft? sembra di sì, i winari spesso provano antipatia e sospetto per ms, mentre i mac-chinisti hanno fiducia illimitata nella apple; nemmeno i linuxiani hard, quelli che si sono riscritti mezzo kernel e si sentono quindi come gli autori di linux, si scaldano così tanto per difendere il loro sistema.
        • MarcOsX scrive:
          Re: Censura, censura
          La Apple SA che la differenza non le fanno le FUNZIONI ma L'ESPERIENZA d'uso. E' più piacevole da utilizzare. Tutto qua.Poco? Beh per un dispositivo che usi tante volte al giorno proprio poco non è. Parlando di "mondo mac" beh, i risultati fanno la differenza.Quando 4 anni fa hanno annunciato il cambio di proXXXXXre si pensava a una tragedia.E invece si è rivelata la scelta più azzeccata e necessaria.La Apple pretende di fare i migliori computer in circolazione. E ci riesce grazie al fatto che HW e SW li fa la stessa azienda.Hai grandi prestazioni con pochi problemi, hai software integrato spettacolare.Hai un'ESPERIENZA fantastica. E' quello che fa la differenza. Chi passa a mac non torna più indietro è un detto che ha praticamente sempre ragione.Perché ci scaldiamo quando ci attaccano il "nostro" sistema operativo?Perché avere e usare un mac è diverso da avere e usare un PC. Ma è difficile da spiegare. Ed è impossibile da comprendere se non si conosce a fondo un mac.
          • Nedanfor scrive:
            Re: Censura, censura
            - Scritto da: MarcOsX
            La Apple SA che la differenza non le fanno le
            FUNZIONI ma L'ESPERIENZA d'uso. E' più piacevole
            da utilizzare. Tutto
            qua.

            Poco? Beh per un dispositivo che usi tante volte
            al giorno proprio poco non è.Qui quoto.
            Parlando di "mondo mac" beh, i risultati fanno la
            differenza.

            Quando 4 anni fa hanno annunciato il cambio di
            proXXXXXre si pensava a una
            tragedia.
            E invece si è rivelata la scelta più azzeccata e
            necessaria.Credevo che ora Mac girasse su due architetture... Ma non è una grande innovazione tutto sommato. Trovo più interessante un OS che riesce a girare anche su XBOX da CD...
            La Apple pretende di fare i migliori computer in
            circolazione. E ci riesce grazie al fatto che HW
            e SW li fa la stessa
            azienda.La Mac fa proXXXXXri Intel? Ha acquisito i brevetti oppure ha proprio rilevato l'altra azienda?
            Hai grandi prestazioni con pochi problemi, hai
            software integrato
            spettacolare.
            Hai un'ESPERIENZA fantastica.Qui de gustibus... Anche se dipende molto di più da ciò che devi farci.
            E' quello che fa la differenza. Chi passa a mac
            non torna più indietro è un detto che ha
            praticamente sempre
            ragione.Evidenzio il praticamente sempre. Ho visto gente passare da Mac a Win, ed è tutto dire...
            Perché ci scaldiamo quando ci attaccano il
            "nostro" sistema
            operativo?
            Perché avere e usare un mac è diverso da avere e
            usare un PC.Dipende dal tipo di utenza. Se uno con un computer deve lavorarci e basta è un conto, se uno deve usarlo... è tutto un altro paio di maniche. "Usare/saper usare" e "lavorare con" non vanno d'accordo. O meglio, se sai usare ci puoi lavorare. Se ci sai lavorare, non è detto che lo sai usare...
            Ma è difficile da spiegare. Ed è impossibile da
            comprendere se non si conosce a fondo un
            mac.Io personalmente non l'ho mai trovato comodo e ne ho avuti 2-3 per le mani.
          • MarcOsX scrive:
            Re: Censura, censura


            La Apple pretende di fare i migliori computer in

            circolazione. E ci riesce grazie al fatto che HW

            e SW li fa la stessa

            azienda.

            La Mac fa proXXXXXri Intel? Ha acquisito i
            brevetti oppure ha proprio rilevato l'altra
            azienda?
            Li assembla e li certifica, inserendoci tecnologie all'avanguardia e perfettamente integrate col sistema operativo (tastiera retroilluminata con sensore, trackpad multitouch, alimentatore magsafe)

            Hai grandi prestazioni con pochi problemi, hai

            software integrato

            spettacolare.

            Hai un'ESPERIENZA fantastica.

            Qui de gustibus... Anche se dipende molto di più
            da ciò che devi
            farci.


            E' quello che fa la differenza. Chi passa a mac

            non torna più indietro è un detto che ha

            praticamente sempre

            ragione.

            Evidenzio il praticamente sempre. Ho visto gente
            passare da Mac a Win, ed è tutto
            dire...Certo.Ma quanti ne senti fare il contrario? Col fatto che con un mac puoi anche avere windows tanta gente impaurita dal "salto" ora l'ha fatto per avere entrambi sulla stessa macchina con indubbi vantaggi.L'iPhone ha avvicinato tanta gente al mac più di quanto l'iPod non abbia mai fatto.


            Perché ci scaldiamo quando ci attaccano il

            "nostro" sistema

            operativo?

            Perché avere e usare un mac è diverso da avere e

            usare un PC.

            Dipende dal tipo di utenza. Se uno con un
            computer deve lavorarci e basta è un conto, se
            uno deve usarlo... è tutto un altro paio di
            maniche. "Usare/saper usare" e "lavorare con" non
            vanno d'accordo. O meglio, se sai usare ci puoi
            lavorare. Se ci sai lavorare, non è detto che lo
            sai
            usare...Qui ti ho un po' perso. Certo se devi prendere un computer per usare autocad o cose del genere vai su pc. Se ci devi anche navigare in internet, ricevere tante mail, installare applicazioni varie beh, con un mac hai di certo meno problemi.


            Ma è difficile da spiegare. Ed è impossibile da

            comprendere se non si conosce a fondo un

            mac.

            Io personalmente non l'ho mai trovato
            comodo e ne ho avuti 2-3 per le
            mani.Non ho dubbi. Sarei curioso di capire cosa non hai trovato comodo... spero tu non mi dica "la mancanza del tasto destro" :)
          • angros scrive:
            Re: Censura, censura

            Ma quanti ne senti fare il contrario? Col fatto
            che con un mac puoi anche avere windows tanta
            gente impaurita dal "salto" ora l'ha fatto per
            avere entrambi sulla stessa macchina con indubbi
            vantaggi.Lo stesso discorso vale anche per linux. Sono più frequenti i passaggi da windows ad altri sistemi che non viceversa, ma questo dipende dal fatto che windows è più diffuso... mi spiego: supponiamo che un utente su dieci non si trovi bene con il sistema che ha (win, mac o linux poco importa) e decida di cambiare: se su cento persone,70 hanno win, 29 hanno mac e 1 ha linux, 7 utenti abbandoneranno windows, 3 abbandoneranno mac, e gli abbandoni da linux saranno rarissimi, pur avendo la stessa percentuale di utenti insoddisfatti.
            Hai un'ESPERIENZA fantastica. Anche ruppolo diceva qualcosa del genere... potresti spiegarti meglio? fare qualche esempio?Facilità d' uso? Ubuntu, ad esempio, parte già solo inserendo il cd, si può installare con pochi click, ed ha un sistema semplicissimo per installare le applicazioni (non ho mai provato mac app store, ma su ubuntu basta selezionare l' applicazione e dare ok... ed è tutto gratis), app store come funziona?
          • Coder scrive:
            Re: Censura, censura
            - Scritto da: angros
            Lo stesso discorso vale anche per linux. Sono più
            frequenti i passaggi da windows ad altri sistemi
            che non viceversa, ma questo dipende dal fatto
            che windows è più diffuso... mi spiego:
            supponiamo che un utente su dieci non si trovi
            bene con il sistema che ha (win, mac o linux poco
            importa) e decida di cambiare: se su cento
            persone,70 hanno win, 29 hanno mac e 1 ha linux,
            7 utenti abbandoneranno windows, 3 abbandoneranno
            mac, e gli abbandoni da linux saranno rarissimi,
            pur avendo la stessa percentuale di utenti
            insoddisfatti.Il tuo ragionamento ha un problema: lo poni come se la tipologia di utenza fosse identica nei 3 casi. Ad esempio davanti anche solo ad Arch, il 99% degli utenti Windows si suiciderebbe, mentre molti smanettoni troverebbero Windows troppo limitante o apprezzerebbero poco anche le distro come Ubuntu o Mandriva.
          • franz scrive:
            Re: Censura, censura
            - Scritto da: angros

            Negli anni 90, il software era disponibile
            praticamente solo su cd, era difficile da copiare
            (pochi avevano i masterizzatori), e
            principalmente si comprava nei negozi, o si
            prendeva allegato a riviste, ed era quasi tutto
            per windows (distribuirlo costava caro, e pochi
            erano interessati a farlo per sistemi poco
            diffusi).
            I virus erano rari, e si propagavano soprattutto
            sui floppy con i documenti (i mac erano immuni
            perchè non avevano floppy... ma erano anche
            troppo limitati, perchè se non avevi internet era
            molto problematico far uscire un documento da un
            mac e passarlo su un
            altro)Solo due precisazioni.I floppy sui Macintosh ci sono sempre stati.I Macintosh non sono mai stati limitati. Potevano e possono leggere i documenti provenienti da pc.Potevano e possono formattare un disco per PC (oltre che per Mac....). Non è vero il contrario (forse...)Di diverso vi è il sistema operativo (e ti par poco?)I programmi, erano disponibili anche su CD: Microsoft Works, Adobe Dimension 2, Claris FileMaker 2.... erano solo su floppy. Verso la fine degli anni novanta hanno preso piede i masterizzatori cd ed i software venivano venduti/distribuiti su CD.Poi il floppy è stato definitivamente tolto da Apple sui suoi computer a partire dall'iMac "Bondi" (1998), mentre sui PowerMac, oltre al floppy ed al masterizzatore CD, c'era anche un'unità di storage ZIP. Il resto è storia...I floppy mi hanno dato solo grattacapi, anche nel 2006 (ovviamente solo su pc). L'ultimo caso è del 2008: all'interno c'era un doc di Word, metto il floppy nel pc (pc, non Mac...) che mi dice che non può leggerlo ma solo inizializzarlo... a chi mi ha consegnato il floppy ho chiesto di mandarmi il file via web: rapido, indolore (il floppy era da buttare, quindi una spesa inutile...), efficace ed efficiente.

            Con le applicazioni "stand alone" si può fare
            anche in ubuntu, ed anche in windows (purtroppo
            su quest' ultimo quasi tutte le applicazioni non
            sono stand alone, ma si portano dietro programmi
            di installazione, spesso inutili... una pessima
            abitudine, secondo me)
            .....

            Perchè non lo provi? il cd di ubuntu si scarica
            gratuitamente (la versione normale, da qualche
            parte ho sentito che si parla di una versione per
            mac, ma è per mac con
            ppc)
            Una volta che hai l' immagine cd, puoi:
            -masterizzarla, poi avviare il mac con cd
            inserito (non conosco bene il mac, ma ho letto
            che per avviare da cd bisogna premere c... è
            vero?)
            -usare un programma tipo vmware, virtual pc
            (commerciale) oppure qemu, bochs (gratuiti) per
            avviare l' immagine del cd all' interno di
            osx.
            Provai, molti anni fa (1999), la distro Yellow Dog Linux.Interessante ma dovevo pur lavorare...

            Visto, è allettante... molti dei vantaggi, però,
            ci sono anche con ubuntu (altri sono legati all'
            hardware, o al fatto che hardware e software sono
            abbinati dalla apple e quindi senza problemi di
            compatibilità).
            Per quanto riguarda il software incluso, sembra che la apple abbia evitato l' errore di ms di non aggiornarlo: i programmi che fanno parte di windows, come paint, wordpad, blocco note, solitario, campo minato sono praticamente uguali
            alla versione di windows 95, a volte di windows
            3.1... per forza poi windows dà l' impressione
            della "solita minestra riscaldata", mentre
            programmi come iPhoto (mi ricordo che l' avevo
            sentito nominare negli anni 90, come software da
            usare in abbinamento con i primi scanner) ha
            continuato ad essere
            migliorato.iPhoto è arrivato nel 2001-2002. Negli anni '90 non c'era proprio, tanto meno in abbinamento a scanner. Forse c'era, per PC, qualche software chiamato Photo ed abbinato a qualche scanner ma non ricordo proprio... Per i giochi caricati dal sistema: Scacchi, poi una suite di giochi veramente educativi (li ho ritrovati nel 2002 a Handimatica - tecnologie per la qualità della vita), Cro-Mag Rally, Nanosaur e Nanosaur 2... Poi Apple mi ha gratificato, per essermi iscritto a .Mac, di Sims 1 in CD, poi l'offerta gratuita di Luxor, ...Certamente non sono i giochi che determinano qualcosa ma proprio il software (quello vero): iLife (iMovie, iPhoto, GarageBand, iWeb, iWork (Pages, Keynote e Numbers, anche se in prova per 30 giorni), iChat, iTunes, Time Machine, TextEdit (al cui confronto WordPad impallidisce), Anteprima..... Nonché la possibilità di esportare qualsiasi file come pdf, sia da applicazioni (suite iWork, Anteprima) che via stampa...Ecco, questa è facilità d'uso...Non per nulla la metafora della scrivania (o desktop...) l'ha inventata Apple.Gli altri si sono adeguati....Ciao
          • angros scrive:
            Re: Censura, censura


            Solo due precisazioni.
            I floppy sui Macintosh ci sono sempre stati.
            I Macintosh non sono mai stati limitati. Potevano
            e possono leggere i documenti provenienti da
            pc.I Mac sono stati i primi a toglierli, ed a mettere la porta USB.Avveniristico... ma forse troppo, per l' epoca.
            Potevano e possono formattare un disco per PC
            (oltre che per Mac....). Non è vero il contrario
            (forse...)E' possibile formattare/leggere/scrivere un disco per Mac da PC, occorrono però programmi appositi (forniti in abbinamento con alcuni emulatori). Mi ricordo che avevo provato a formattare floppy per mac e a salvarci dei programmi scaricati da internet, ed avevano funzionato poi su mac.
            Di diverso vi è il sistema operativo (e ti par
            poco?)Anche l' hardware ha qualche differenza (altrimenti OSX potrebbe essere usato su tutti i pc). Comunque hanno fatto bene a scegliere un sistema posix: in questo modo, teoricamente dovrebbe bastare ricompilare i vari programmi sul nuovo proXXXXXre per adattarli (se Windows venisse portato su una nuova piattaforma, credo che ci sarebbero molti più problemi a convertire tutte le vecchie applicazioni)
            I programmi, erano disponibili anche su CD:
            Microsoft Works, Adobe Dimension 2, Claris
            FileMaker 2.... erano solo su floppy. Verso la
            fine degli anni novanta hanno preso piede i
            masterizzatori cd ed i software venivano
            venduti/distribuiti su
            CD.Questo è il problema: i programmi per pc (originali e piratati) si potevano trovare ovunque, quelli per mac erano un po' più difficili da trovare. Per questo molti sceglievano il pc, anche se magari si sarebbero trovati meglio con mac.Per giunta, copiare un CD non era facile, quindi anche farsi duplicare un programma altrimenti introvabile era un problema.
            I floppy mi hanno dato solo grattacapi, anche nel
            2006 (ovviamente solo su pc)...Anche i CD danno un mucchio di grattacapi... non voglio neanche pensare ai bluray. Staremo a vedere con le chiavette...

            Provai, molti anni fa (1999), la distro Yellow
            Dog
            Linux.
            Interessante ma dovevo pur lavorare...Dieci anni sono tanti, anche un sistema mac di 10 anni fa non farebbe molta impressione oggi.Perchè non provi qualcosa di un po' più moderno?
            Certamente non sono i giochi che determinano
            qualcosa ma proprio il software (quello vero):
            iLife (iMovie, iPhoto, GarageBand, iWeb, iWork
            (Pages, Keynote e Numbers, anche se in prova per
            30 giorni), iChat, iTunes, Time Machine, TextEdit
            (al cui confronto WordPad impallidisce),
            Anteprima..... Nonché la possibilità di esportare
            qualsiasi file come pdf, sia da applicazioni
            (suite iWork, Anteprima) che via
            stampa...Lo so che Wordpad non è un granchè (ci credo, è uguale dal 95...).Prova TED o AbiWord (entrambi open, disponibili su tutte le piattaforme)

            Ecco, questa è facilità d'uso...
            Non per nulla la metafora della scrivania (o
            desktop...) l'ha inventata
            Apple.Non l' aveva inventata Xerox?http://it.wikipedia.org/wiki/Metafora_della_scrivania
            Gli altri si sono adeguati....La cosa buffa è che sul PC il primo ad introdurre un sistema del genere non era MS, ma Digital Research.Qualcuno si ricorda il GEM? Era uscito un anno prima di Windows 1.0, ed era decisamente più gradevole (funzionava sia in DOS che in CPM, credo). Inoltre, sugli Atari ST veniva usato come sistema operativo (a differenza di Windows, che non poteva fare a meno della riga di comando per alcune funzioni, il GEM poteva).Ormai è praticamente abbandonato, comunque è diventato open source, se a qualcuno interessa
          • All You Base Are Belong To Us scrive:
            Re: Censura, censura
            Che bisogno ho di installare Linux su Mac, quando con Mac OS X posso installare e far girare nativamente, cioè non in emulazione o in virtualizzazione, e contemporaneamente ai programmi per Mac, tutto il software free e OpenSource? Ti piace il terminale? Su Mac puoi usare Fink o anche apt-get. In alternativa puoi installarlo anche con una gui. Meglio di così... Io uso Mac perché è semplice ma, volendo, anche maledettamente tecnico. Va bene sia per gli utenti sprovveduti, sia per quelli smaliziati. Io sono una via di mezzo. Gli unici problemi seri che abbia mai avuto sono stati i crash degli HD, due IBM Deskstar da 40 GB. Se arrivi da Windows, sulle prime il Mac può irritare, ma capite le logiche di utilizzo, tempo qualche giorno, è una vera goduria. Non è questione di grafica e di icone luccicanti, ma proprio, come si diceva sopra, di esperienza di utilizzo. Se Win e Linux li conosci già, completa la tua conoscenza con un Mac. Che ti costa provare? Al limite, prova con un MacIntel usato. Che so? Un MacMini o un iMac 17". Fatti un giro su www.macexchange.it e da' un'occhiata al tuo prossimo acquisto. Al massimo, se non sei soddisfatto, lo rivendi e ci smeni 50-100 euro. Per acquisire conoscenze in più, non è una gran cifra. Ma se invece ti piace, beh... Hai speso bene i tuoi soldi.
          • Nedanfor scrive:
            Re: Censura, censura
            - Scritto da: MarcOsX
            Li assembla e li certifica, inserendoci
            tecnologie all'avanguardia e perfettamente
            integrate col sistema operativo (tastiera
            retroilluminata con sensore, trackpad multitouch,
            alimentatore
            magsafe)Sì sì, non lo stavo mettendo in dubbio... È che li certifica, non li produce, volevo solo farti notare che avevi sbagliato termine ;)
            Certo.
            Ma quanti ne senti fare il contrario? Col fatto
            che con un mac puoi anche avere windows tanta
            gente impaurita dal "salto" ora l'ha fatto per
            avere entrambi sulla stessa macchina con indubbi
            vantaggi.
            L'iPhone ha avvicinato tanta gente al mac più di
            quanto l'iPod non abbia mai
            fatto.Più che altro un sistema Unix, per quanto possa anche essere tra i meno stabili, generalmente non dà problemi. Il passaggio da un DoS a un Unix/Unix-like è... assurdo. Da un Unix all'altro, uno s'abitua.

            Dipende dal tipo di utenza. Se uno con un

            computer deve lavorarci e basta è un conto, se

            uno deve usarlo... è tutto un altro paio di

            maniche. "Usare/saper usare" e "lavorare con"
            non

            vanno d'accordo. O meglio, se sai usare ci puoi

            lavorare. Se ci sai lavorare, non è detto che lo

            sai

            usare...

            Qui ti ho un po' perso. Certo se devi prendere un
            computer per usare autocad o cose del genere vai
            su pc.

            Se ci devi anche navigare in internet, ricevere
            tante mail, installare applicazioni varie beh,
            con un mac hai di certo meno
            problemi.Saper usare un computer voler dire sapere cosa fa la parte del kernel X, sapere che compilando determinate parti e risparmiandosene altre il computer andrà più velocemente ecc. Riuscire a risolvere i problemi da soli, migliorare le prestazioni, saper scrivere programmi come anche parti di kernel... Poter integrare feature e utility non presenti di base. Questo è USARE un PC. Poi uno può navigarci su Internet, può lavorarci... Un PC lo sai usare quando sai che comando dare, non che icona premere. IMHO, almeno.

            Io personalmente non l'ho mai trovato

            comodo e ne ho avuti 2-3 per le

            mani.

            Non ho dubbi. Sarei curioso di capire cosa non
            hai trovato comodo... spero tu non mi dica "la
            mancanza del tasto destro"
            :)Potrei dire "anche per quello" XD No beh, più che altro non mi trovo molto a mio agio con l'interfaccia (sì, lo so, è un motivo stupido)... Preferisco desktop minimalisti. L'ho trovato confusionario e m'ha dato un po' di difficoltà d'utilizzo all'inizio... poi ora so usarlo ma, sarà un po' per abitudine e un po' perché non amo le GUI eccessivamente elaborate, preferisco tornare al classico :)PS. Ho una grande stima di Apple per alcune cose... Peccato solo che non ne rilasci mai informazioni dettagliate. A quel che ho visto Aqua è molto più performante di X11 e nessuno è riuscito a capire il perché (fino a prova contraria).
          • MarcOsX scrive:
            Re: Censura, censura

            Sì sì, non lo stavo mettendo in dubbio... È che
            li certifica, non li produce, volevo solo farti
            notare che avevi sbagliato termine
            ;):)

            Più che altro un sistema Unix, per quanto possa
            anche essere tra i meno stabili, generalmente non
            dà problemi. Il passaggio da un DoS a un
            Unix/Unix-like è... assurdo. Da un Unix
            all'altro, uno
            s'abitua.Beh ma stiamo parlando di "utenti finali" che non devono conoscere neanche cos'è UNIX e cos'è Dos. Questo fa la forza di un ottimo sistema operativo.

            Saper usare un computer voler dire sapere cosa fa
            la parte del kernel X, sapere che compilando
            determinate parti e risparmiandosene altre il
            computer andrà più velocemente ecc. Riuscire a
            risolvere i problemi da soli, migliorare le
            prestazioni, saper scrivere programmi come anche
            parti di kernel... Poter integrare feature e
            utility non presenti di base. Questo è USARE un
            PC. Poi uno può navigarci su Internet, può
            lavorarci... Un PC lo sai usare quando sai che
            comando dare, non che icona premere. IMHO,
            almeno.
            Già, qui siamo su due idee diverse anche se sono d'accordissimo con te. La qualità di un SO si vede quando il SO è invisibile :) Usare i programmi senza pensare a configurazioni, settings, drivers e robe varie.

            Potrei dire "anche per quello" XD No beh, più che
            altro non mi trovo molto a mio agio con
            l'interfaccia (sì, lo so, è un motivo stupido)...
            Preferisco desktop minimalisti. L'ho trovato
            confusionario e m'ha dato un po' di difficoltà
            d'utilizzo all'inizio... poi ora so usarlo ma,
            sarà un po' per abitudine e un po' perché non amo
            le GUI eccessivamente elaborate, preferisco
            tornare al classico
            :)Eccolo li :DIl tasto destro esiste su mac da almeno 5 anni, mi sa che sei rimasto un po' indietro (era un piccolo test sulla tua conoscenza) Sulla questione "minimalismo" beh a quanto mi risulta, almeno rispetto a Windows, OsX è molto più semplice e minimalista. Da solo il Dock fa l'80% delle funzioni svolte da vari menu su windows. Rispetto a Ubuntu ci sono più similitudini.E' solo "più semplice". Se hai un minuto (essere appassionato di tecnologia vuol dire anche essere curioso) dai un'occhiata quihttp://www.apple.com/it/getamac/whymac/

            PS. Ho una grande stima di Apple per alcune
            cose... Peccato solo che non ne rilasci mai
            informazioni dettagliate. A quel che ho visto
            Aqua è molto più performante di X11 e nessuno è
            riuscito a capire il perché (fino a prova
            contraria).Per quello che ho potuto provare effettivamente le applicazioni che ho usato su X11 non erano molto performanti. Probabilmente Cocoa essendo più integrato funziona meglio.
          • Blackstorm scrive:
            Re: Censura, censura
            - Scritto da: MarcOsX


            La Apple pretende di fare i migliori computer
            in


            circolazione. E ci riesce grazie al fatto che
            HW


            e SW li fa la stessa


            azienda.



            La Mac fa proXXXXXri Intel? Ha acquisito i

            brevetti oppure ha proprio rilevato l'altra

            azienda?


            Li assembla e li certifica, inserendoci
            tecnologie all'avanguardia e perfettamente
            integrate col sistema operativo (tastiera
            retroilluminata con sensore, trackpad multitouch,
            alimentatore
            magsafe)Scusami, ma tastiera retroilluminata, trackpad multitouch e magsafe cosa diavolo c'entrano con scheda video, proXXXXXre e altre cose? La Apple non fa tutto il suo hardware, punto.
          • MarcOsX scrive:
            Re: Censura, censura
            Ho corretto la mia affermazione. Non li fa. Li assembla e li certifica. Il risultato è lo stesso, maggiore stabilità e affidabilità.
          • Devil_Mod scrive:
            Re: Censura, censura
            - Scritto da: MarcOsX
            Qui ti ho un po' perso. Certo se devi prendere un
            computer per usare autocad o cose del genere vai
            su pc.

            Se ci devi anche navigare in internet, ricevere
            tante mail, installare applicazioni varie beh,
            con un mac hai di certo meno
            problemi.

            eh grazie, se devo andare in internet installare applicazioni e leggere email, spendo la metà, mi prendo un pc e ci metto linux. U_U


            Ma è difficile da spiegare. Ed è impossibile
            da


            comprendere se non si conosce a fondo un


            mac.



            Io personalmente non l'ho mai trovato

            comodo e ne ho avuti 2-3 per le

            mani.

            Non ho dubbi. Sarei curioso di capire cosa non
            hai trovato comodo... spero tu non mi dica "la
            mancanza del tasto destro"
            :)si, è scomodo e stupido. :-
      • Aname scrive:
        Re: Censura, censura
        Io avevo un amico (giovane) che ha ricevuto in regalo un iPhone dai propri genitori, in un primo momento non poteva credere di possedere un simile oggetto, era entusiasta. Dopo un po' di tempo ho visto che stava utilizzando il suo vecchio sony ericsson, alchè gli ho chiesto che fine avesse fatto l'iPhone, e mi ha detto che per telefonare non era pratico, gli ho chiesto se lo utilizzasse per la musica e mi ha detto che non è pratico nemmeno per quello, bisogna avere iTunes e poi portarselo in giro non è proprio piccolissimo, meglio un semplice e classico lettorino mp3.Per cosa lo usi? Gli ho allora chiesto, boh! È stata la risposta...
        • angros scrive:
          Re: Censura, censura
          Quando era uscito nei negozi, avevo sentito dire (non mi ricordo dove) che oltre la metà della gente che si era fiondata a comprarlo il primo giorno, al secondo giorno era disperata perchè non sapeva usarlo (o al massimo lo usava come un telefono normale, dopo averlo pagato dieci volte di più)"Contro la stupidità, neanche gli dei possono nulla"
          • Wolf01 scrive:
            Re: Censura, censura
            Pensa che tutti quelli che conosco che hanno comprato l'iPhone lo usano come telefono normale oppure per farsi vedere a bere finta iBirra o usare finti iAccendini o fare finte iScorregge o modificare le foto con le dita allargando le bocche, rimpicciolendo i nasi etc, non ho mai visto un'applicazione pratica...Ah mi hanno detto che come gestisce i thread di sms lui non c'è nessun altro... (a parte dei software per windows mobile che fanno esattamente la stessa cosa)E poi si usa solo con le dita!Ed è costato tanto e fa figo andare in giro con una cosa sottile con la mela morsicataL'unica cosa che posso apprezzare è l'immediatezza della risposta alle azioni dell'utente, cosa che windows mobile almeno fino alla versione 6.0 non haPerò potersi installare quello che si vuole, fare in casa i programmi (sono programmatore) e utilizzarlo per qualsiasi cosa che non sia "telefono" non ha prezzo, sinceramente per me il mio palmare vale molto di più di un iPhone XXXXXXXXXato
          • angros scrive:
            Re: Censura, censura
            La apple si è sempre rivolta ad un pubblico con minime conoscenze informatiche (d' altra parte, è stata proprio la apple a realizzare per prima il "computer per tutti", facile da usare, dando il via alla rivoluzione informatica)Il guaio è che, mentre all' inizio promuoveva l' alfabetizzazione informatica (per riuscire ad usare i primi home computer era necessario imparare almeno il basic), e gli utenti erano incoraggiati ad imparare sempre di più man mano che progredivano, ora sembra che stia facendo il contrario: i programmi sono magari intuitivi, ma non è possibile vedere come funzionano, nè modificarli, nè provare a farne di nuovi e scambiarseli con gli amici, e chi prova comunque ad usare un mac per sviluppare, può avere "sorpresine" tipo il cambio di proXXXXXre (da motorola a PPC, poi a Intel) con perdita della retrocompatibilità (per gli utenti comuni questo non è un problema, perchè la dotazione software di base è ricca e se compri un nuovo computer prendi anche una nuova dotazione di base), ma per chi volesse sviluppare software è il peggiore incubo. La apple incoraggia la mentalità "non fare domande, fidati di noi", che può essere parecchio pericolosa (pensate alla IBM ed a OS/2 Warp....)
Chiudi i commenti