Microsoft, un trimestre di Windows 7

Superata la crisi, utile e ricavi di Redmond superano le aspettative degli analisti

Roma – Microsoft ha pubblicato i risultati finanziari del secondo trimestre del 2010, chiuso il 31 dicembre 2009. Periodo di ritorno a performance positive, l’anno precedente appannate dalla crisi economica: il fatturato arriva a 19,02 miliardi di dollari (il corrispettivo dell’ultimo trimestre si fermava a 13,1 miliardi di dollari, e rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente una crescita percentuale di 14 punti) con un utile netto trimestrale di 6,66 miliardi di dollari (pari ad un guadagno di 0,74 dollari per azione).

Secondo Peter Klein, CFO di Microsoft, a trainare la risalita sarebbe stata l’ eccezionale richiesta di Windows 7 : 60 milioni di licenze vendute solo in questo quadrimestre, lo rendono il sistema operativo venduto più rapidamente della storia. D’altronde, c’è chi osserva che il mercato dell’hardware avrebbe registrato un calo della quota dei prodotti Apple.

A collaborare al successo, anche il superamento della congiuntura economica internazionale negativa e i benefici derivanti dalle economie e dai tagli effettuati nel 2008 : fattori che hanno contribuito ad abbassare le spese, permettendo oggi di far balzare i profitti in avanti.

Meno bene, invece, il settore online, con l’ advertising che perde il 2 per cento (11 milioni di dollari) rispetto all’anno precedente, e il settore dell’intrattenimento: sono state vendute 5,2 milioni di Xbox, facendo registrare un calo di 295 milioni di dollari, il 13 per cento in meno rispetto al 2009.

Nonostante queste note negative Microsoft torna a presentare risultati positivi, in attesa dell’entrata in vigore dell’accordo con Yahoo! (manca l’approvazione da parte delle autorità antitrust), dell’uscita del nuovo Office e dell’atteso Project Natal, annunciato nel keynote di Steve Ballmer per le prossime vacanze natalizie.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • KmInOsNuL scrive:
    eFRPFwbF
    http://www.thai-rama-az.com/healthinsurance.html health insurance crfcan
  • GbEAmSUXKQ scrive:
    TXyUQdbRjksGAnOAzJR
    http://www.homeofcarolinacirclemall.com/flexeril.htm flexeril 56370 http://www.foodieindenial.com/ventolin.html buy ventolin
    :-) http://www.foodieindenial.com/bentyl.html buy bentyl online 895
  • Anon scrive:
    Non mi cambia nulla.
    Farò come ho sempre fatto fino ad oggi, comprerò i giochi originali (non tanto perchè scaricarli è reato, ma perchè la pirateria sta uccidendo i giochi su pc) ma comunque scaricherò la crack, perchè se io pago un gioco devo essere comunque libero di usarlo senza essere spiato 24 ore su 24 dal grande fratello... manco fossimo nel mondo distopico orwelliano...
  • xWolverinex scrive:
    Internet ? Infatti Mass Effect 2...
    Internet? Infatti Mass Effect 2 se rileva una disconnessione dal profilo live "zompa" e ti butta fuori dalla partita.Il modo migliore per farti comprare di nuovo i loro giochi.Si si.
    • Vault Dweller scrive:
      Re: Internet ? Infatti Mass Effect 2...
      Questo è perché non può verificare che tu sia il proprietario dei DLC acquisiti; anche DA:O ha lo stesso sistema; se lo usi senza DLC non hai problemi relativi alla connessione.Detto ciò lungi il giustificare EA per questa sua mossa; sarebbe infatti possibile tramite auth una tantum, o periodiche, recuperare i certificati (permanenti o temporanei) per consentire ai giocatori di continuare le loro partite offline.
      • xWolverinex scrive:
        Re: Internet ? Infatti Mass Effect 2...
        - Scritto da: Vault Dweller
        Questo è perché non può verificare che tu sia il
        proprietario dei DLC acquisiti; anche DA:O ha lo
        stesso sistema; se lo usi senza DLC non hai
        problemi relativi alla
        connessione.

        Detto ciò lungi il giustificare EA per questa sua
        mossa; sarebbe infatti possibile tramite auth una
        tantum, o periodiche, recuperare i certificati
        (permanenti o temporanei) per consentire ai
        giocatori di continuare le loro partite
        offline.Ho capito, ma non ha senso.Cioe' posso capirlo all'inizio, quando carichi il gioco, controlla tutto il controllabile. Ma non che MENTRE sei dentro la partita, se ti cade la connessione (e con le nostre linee capita!) ti butta fuori senza salvare... e li son moccoli !
  • Cesare scrive:
    ma il mio PC che uso per giocare...
    ...non lo tengo collegato ad internet, così non devo metterci antivirus o firewall che in ogni caso utilizzano risorse... e metti che me ne vado in montagna o gioco sul notebook in barca... secondo me si gettano la zappa sui piedi. E parla uno che pur avendo Half Life 2 originale ne installò e giocò a suo tempo una copia pirata per non dover installare STEAM e collegare il PC da gioco ad Internet...
    • Wolf01 scrive:
      Re: ma il mio PC che uso per giocare...
      Io lo faccio continuamente con i giochi che usano starforce, il problema tante volte è trovare l'eseguibile della versione italiana o della patch giusta.L'ultima volta ho mandato una lamentela al servizio clienti della deep silver e non mi hanno manco cagato, poi ho mandato una mail con scritto "grazie dell'aiuto, ho crackato il gioco" e mi hanno risposto che non avevano ricevuto il messaggio precedente e che sarebbero stati lieti di aiutarmi per eventuali problemi... ci sono o ci fanno?
  • mimmo scrive:
    e se non mi funziona internet
    e se internet non mi funziona per un guasto o altro motivo, questo significa che non ci posso giocare.Sbagliatissima questa idea di controllare il gioco tramite internet.Si fanno male da soli questi...
    • a player scrive:
      Re: e se non mi funziona internet
      Premetto che non sono più da almeno 2 anni un accanito videogiocatore di diversi giochi.Ogni tanto giochicchio a qualche gioco, apprezzo molto gli adventure games e i singleplayer, ma l'unico gioco a cui mi dedico ogni giorno è un MMORPG, Perfect World (my-eng).Il modello seguito da PW è Free To Play con Item Mall. Cio' sta a significare che il gioco lo si può giocare gratuitamente, ma se lo vuoi giocare comodamente alla fine devi tirare fuori un po' di sghei.In due anni ho speso qualcosa come 1.700 euro (in tanti micropagamenti) su questo singolo gioco.Altri miei amici non hanno speso assolutamente nulla e si stanno divertendo lo stesso.Non dico che il modello F2P sia 100% vincente o l'unico possibile, tuttavia lo ritengo valido; io personalmente non avrei _mai_ pensato di spendere + di 40 euro all'anno come budget giochi.Dove vanno a finire i miei soldi? In Cina per la maggior parte. Come mai in Cina il mercato dei VG fa soldi a palate e qua in Europa non abbiamo che poche grosse (valide) case produttrici in crisi? Perchè si legano mani e piedi alle console e ai soliti noti come piattaforma di giocodistribuzione?Conosco gente che ci spende anche 100 euro a settimana e persone che hanno speso 150.000 Dollari per avere un'arma da primato.. - beati loro che hanno tutti sti quattrini da sXXXXXXXre direte - ..beh il ragionamento è che ognuno gioca in base alle sue possibilità voglia di sXXXXXXXre soldi, quindi maggiori guadagni per le case produttrici se attirano clienti danarosi.IMHO, sarebbe possibile (e alcune piattaforme lo fanno già) acquistare materiale aggiuntivi (modelli 3d, nuove mappe, nuovi protagonisti, interfacce) anche nei giochi single player con un modello di micropagamenti. che siano micro pero'!Ci sta che sbagli, ma alla fine non sarebbe un pessimo compromesso.E i MICRO pagamenti non sono un gran problema se uno ha un po' di soldi da sXXXXXXXre.. certo che se per ogni giococonfezioni mi fai pagare 40 Euro minimo la cosa cambia..Cose che comprerei subito? per esempio anche a 5/10 euro:Nuovi itemmissioni di Hitman 4Addon per silent hill 2..3...espansioni di Hidden and dangerous 2itemespansioni di Still lifenuove missoni di Fable 1In quanto ad Ubisoft per me si attacca.... Anche perchè quando mi metto a giocare ad un gioco singleplayer nel 80% dei casi è perchè il mio ISP mi lascia a piedi e non posso giocare online al mio MMORPG.Inoltre trovo che ultimamente i titoli per PC non siano molto originali (forse uno su 10 lo è).
      • Sgabbio scrive:
        Re: e se non mi funziona internet
        Sinceramente io sono contro alle aggiunte a pagamento sui giochi, perchè suonano come una persa in giro...
        • Il Solito scrive:
          Re: e se non mi funziona internet
          - Scritto da: Sgabbio
          Sinceramente io sono contro alle aggiunte a
          pagamento sui giochi, perchè suonano come una
          persa in
          giro...quoto
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: e se non mi funziona internet
        contenuto non disponibile
        • Funz scrive:
          Re: e se non mi funziona internet
          - Scritto da: unaDuraLezione
          Onestamente, preferisco di gran lunga una skill
          reale rispetto a quella artificiale costruita col
          livellamento e con oggetti
          virtuali.
          Quando gioco a Team Fortress II non cambia nulla
          se lo faccio dal mio account oppure da uno
          completamente nuovo (oddio, ci sarebbero alcune
          varianti di armi da sbloccare, ma nulla di
          trascendentale).
          Il vero skill è dentro la persona non dentro il
          gioco.Dopo tanti anni volevo riavvicinarmi al gioco multiplayer, a tempo perso, e TF2 mi ispira... lo consiglieresti a un vecchio residuato di Quake II? :D
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            contenuto non disponibile
          • Sgabbio scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            Molti non sono felici dell'andazzo che sta avendo TF2, sopratutto per certe armi.Il Cecchino con l'arca fa un colpo e un morto praticamente.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            contenuto non disponibile
          • Funz scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            Grazie, proverò.Il fatto che usa Steam è proprio quello che mi fa esitare.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            contenuto non disponibile
          • Vault Dweller scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            Se cerchi un buon gioco multiplayer potrei consigliarti i seguenti:- Killing Floor : è uno sparatutto in co-op anti-zombie, il cui vantaggio principale sta nella differenziazione in classi.- Red Orchestra : sparatutto a squadre che rievoca la seconda guerra mondiale, rifacendosi al fronte russo, e nei due mod semi-ufficiali al fronte francese (Darkest Hour) e Italiano (Mare Nostrum).- Counter-Strike Source : il classico gioco online a squadre rivisto con il motore source di valve.- Quake III Arena : .. non credo che bisogni di spiegazioni...
          • Funz scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            - Scritto da: Vault Dweller
            Se cerchi un buon gioco multiplayer potrei
            consigliarti i
            seguenti:

            - Killing Floor : è uno sparatutto in co-op
            anti-zombie, il cui vantaggio principale sta
            nella differenziazione in
            classi.

            - Red Orchestra : sparatutto a squadre che
            rievoca la seconda guerra mondiale, rifacendosi
            al fronte russo, e nei due mod semi-ufficiali al
            fronte francese (Darkest Hour) e Italiano (Mare
            Nostrum).

            - Counter-Strike Source : il classico gioco
            online a squadre rivisto con il motore source di
            valve.

            - Quake III Arena : .. non credo che bisogni di
            spiegazioni...Grazie per le dritte
          • Vault Dweller scrive:
            Re: e se non mi funziona internet
            Aggiungiamone un altro paio: - Nexuiz : Questo gioco, nato con lo scopo di rifocalizzare il genere sulle sue radici, è un progetto Open Source usante il motore DarkPlaces, versione modificata e migliorata del mitico idTech1, il motore alla base di Quake- Warsow : FPS frenetico, basato sul motore QFusion (versione modificata del idTech2), che fa della rapidità di movimento, delle acrobazie e della grafica in cel-shading il suo punto di forza.- World of Padman : Reinterpretazione fumettosa e demenziale, di uno dei capi saldi del genere ovvero Quake III Arena da cui questo gioco eredita il motore.- Smokin' Guns : Questo gioco, trae le sue origini nella cinematografia italiana, infatti il suo scopo è quello di lanciarci nelle epiche pellicole di Sergio Leone, aiutandosi con il motore idTech3. Quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile ...
      • we got lol scrive:
        Re: e se non mi funziona internet
        - Scritto da: a player

        In due anni ho speso qualcosa come 1.700 euro (in
        tanti micropagamenti) su questo singolo
        gioco.ma andare un pò a XXXXX ogni tanto non sarebbe meglio ?LoL
    • angros scrive:
      Re: e se non mi funziona internet
      - Scritto da: mimmo
      e se internet non mi funziona per un guasto o
      altro motivo, questo significa che non ci posso
      giocare.Se hai il gioco craccato, puoi; se invece hai il gioco originale, che ti serva di lezione, così per la prossima volta impari che non va bene dare i soldi a chi sviluppa con DRM e sistemi proprietari (soprattutto se potevi avere la stessa cosa gratis, e senza DRM)
  • Paolo scrive:
    Sono favorevolissimo
    Io sono favorevole a questo modello adottato già da tempo da World of Warcraft. Per gli utenti legittimi sono solo vantaggi, non ci sono più i problemi di DRM, l'intero gioco è riscaricabile infinite volte, ed installabile su tutti le macchine che si vuole.I problemi della connessione citati nell'articolo semplicemente non esistono. Chi ha giocato almeno un po' a giochi online sa benissimo che è un falso problema.
    • DarkSchneider scrive:
      Re: Sono favorevolissimo
      - Scritto da: Paolo
      Io sono favorevole a questo modello adottato già
      da tempo da World of Warcraft. Per gli utenti
      legittimi sono solo vantaggi, non ci sono più i
      problemi di DRM, l'intero gioco è riscaricabile
      infinite volte, ed installabile su tutti le
      macchine che si
      vuole.

      I problemi della connessione citati nell'articolo
      semplicemente non esistono. Chi ha giocato almeno
      un po' a giochi online sa benissimo che è un
      falso
      problema.Questo funziona per world of warcraft perchè è un gioco online. Tu non hai idea di cosa voglia dire 56k vero? Tu spenderesti un botto (flat a parte) e terresti la linea occupata solo per giocare, chessò a Dirt2?Questa politica è valida solo per giochi pensati per l'online, ma non puoi pensare di far morire l'offline e tutti quei giochi essenzialmente sigle player. Devi considerare che il target di mercato è allargato, molti videogiocatori non più studenti hanno ben poco tempo, ecco perchè si preferiscono giochi immediati, giocabili anche in brevi intervalli. PES e FIFA spopolano anche per questo (a parte la calcio addiction italiana) in mezz'ora ti fai una partita o 2 (magari sulla console così pianti il disco e giochi). La connessione online permanente sarà un requisito castrante, molto più di quelli hardware con i quali si può scendere a compromessi giocando con il dettaglio (o buttandosi su una console).Ogni riferimento alla parola console è puramente voluto e deve essere inteso come uno spunto di riflessione.
    • panda rossa scrive:
      Re: Sono favorevolissimo
      - Scritto da: Paolo
      Io sono favorevole a questo modello adottato già
      da tempo da World of Warcraft. Bella forza WOW si gioca online!
    • Sgabbio scrive:
      Re: Sono favorevolissimo
      per i giochi online come i mmorpg è un'altro paio di maniche, poi tralasciando che WOW è il più costoso della storia.Paghi il client, paghi un abbonamento costoso, paghi gli aggiornamenti del client (estensioni)
    • Valeren scrive:
      Re: Sono favorevolissimo
      Tu paragoni un MMORPG, che per definizione è solo online, con un intero mondo di giochi che non per forza è multiplayer.Ad esempio, Oblivion e Dragon Age (non mi risultano con modalità online ma solo single player).E non ha senso che io debba avere una connessione attiva per giocare a qualcosa che non lo richiede, se non per il puro gusto di dare fastidio.
  • Emoticon e video scrive:
    Io non ci trovo nulla di male
    Non vedo quale sia il problema...1) io ho una adsl flat e quindi io potrei giocare (anche se non lo faccio).2) probabilmente così loro credono di vendere di più (e forse hanno anche ragione).3) gli unici che ci rimettono sono quelli senza connessioni flat che vorrebbero giocare (quanti sono?).4) meglio così che giochi, vedi halo3, che li faranno (se mai li faranno per pc) tra decenni... magari se la cosa funziona avremo halo3 anche per pc senza agonie interminabili.
    • angros scrive:
      Re: Io non ci trovo nulla di male

      Non vedo quale sia il problema...

      1) io ho una adsl flat e quindi io potrei giocareBuon per te, ma a noi cosa importa?
      (anche se non lo
      faccio).E quindi non ti serve a molto.
      2) probabilmente così loro credono di vendere di
      più (e forse hanno anche
      ragione).O forse hanno torto, perchè tagliano fuori tutti quelli che non hanno la flat, e tutti quelli che non vogliono far sapere al mondo ogni quanto giocano.
      3) gli unici che ci rimettono sono quelli senza
      connessioni flat che vorrebbero giocare (quanti
      sono?).Ce ne sono parecchi.
      4) meglio così che giochi, vedi halo3, che li
      faranno (se mai li faranno per pc) tra decenni...Questa non l'ho proprio capita: cosa vuoi dire? Puoi formulare la frase in un italiano più chiaro?
      • Sgabbio scrive:
        Re: Io non ci trovo nulla di male
        Pensa magari che con una protezione cosi, certi giochi arriverebbero per PC in tempi più celeri....Ma conoscendo microsoft, succederà come Halo 2...
        • angros scrive:
          Re: Io non ci trovo nulla di male

          Pensa magari che con una protezione cosi, certi
          giochi arriverebbero per PC in tempi più
          celeri....Se è così, si illude... ma aspettiamo di vedere cosa ci risponde.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Io non ci trovo nulla di male
      contenuto non disponibile
  • attonito scrive:
    Aa stare senza nuovi giochi per 2 anni?
    il tempo di far fallire questi mentecatti.E poi verranno loro a bussati a casa per venderti i giochi a 5Euro, vedrete.
    • angros scrive:
      Re: Aa stare senza nuovi giochi per 2 anni?
      Basta non comprarli: l'importante è che tu non dia loro dei soldi (poi è irrilevante se rinunci al gioco o se usi una versione piratata)
      • Sgabbio scrive:
        Re: Aa stare senza nuovi giochi per 2 anni?
        L'idea è buona, però loro si appigliano sulla pirateria per giustificare le mancate vendite.
        • angros scrive:
          Re: Aa stare senza nuovi giochi per 2 anni?
          Tanto, lo farebbero comunque (lo fanno anche quando le vendite vanno bene, vedi un po' tu)Rinunciare al gioco cambierebbe qualcosa? O rinunciare a un film, o a un brano musicale?Anzi, ti faccio un esempio: un tuo amico ti propone di vedere un film, tu non intendi comprarlo (sai che è protetto da DRM, non vuoi finanziarlo); se non lo compri, lo comprerà il tuo amico, e ti inviterà a vederlo, e poi tu magari gli offri la cena (così, tu hai pagato, anche se indirettamente, e alle major sono comunque andati dei soldi). Se invece tu rispondi "non comprarlo, te ne passo una copia" il boicottaggio riesce.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Aa stare senza nuovi giochi per 2 anni?
            Ma cosi però loro hanno un appiglio per dare una cattiva immagine al boicottaggio...hmmm un bel problemone.
          • angros scrive:
            Re: Aa stare senza nuovi giochi per 2 anni?

            Ma cosi però loro hanno un appiglio per dare una
            cattiva immagine al boicottaggio...hmmm un bel
            problemone.Io avevo provato ad analizzarlo secondo la "teoria dei giochi".L'avevo già postato, ma credo che possa andare bene anche qui:In genere, le persone guardano di più ad un risultato immediato e sicuro, piuttosto che ad un risultato incerto ed a lungo termine: con il boicottaggio, si propone un sacrificio immediato (la mancata fruizione di certi beni intellettuali) a fronte di un possibile beneficio futuro (riduzione dei prezzi e abolizione del DRM); non è molto allettante, anche perchè vale la "teoria dei giochi":I casi possibili sono infatti:a) Io boicotto ---- gli altri boicottano-svantaggio immediato-vantaggio futurob) Io non boicotto ---- gli altri boicottano-nessuno svantaggio immediato-vantaggio futuro (se tutti gli altri boicottano, non sono io da solo a cambiare le cose)c) Io boicotto ---- gli altri non boicottano-svantaggio immediato-nessun vantaggio futuro (se tutti gli altri non boicottano, io da solo non sono sufficiente)d) Io non boicotto ---- gli altri non boicottano-nessuno svantaggio immediato-nessun vantaggio futuroCome vedi, dal momento che il singolo individuo può decidere cosa fare lui, ma non cosa fanno gli altri, e che, qualunque cosa facciano gli altri, per lui è comunque meno vantaggioso boicottare piuttosto che non boicottare, è poco probabile che una iniziativa del genere abbia sucXXXXX.Se prendiamo ad esempio la pirateria (che porta vantaggi immediati a chi la pratica, e svantaggi nel lungo termine per il gruppo), si verifica la situazione opposta:a) Io pirato ---- gli altri piratano-vantaggio immediato-svantaggio futuro (misure antipirateria, DRM)b) Io pirato ---- gli altri non piratano-vantaggio immediato-nessuno svantaggio futuro (non vale la pena di prendere provvedimenti per un solo utente che pirata, costa di più di quanto rende)c) Io non pirato ---- gli altri piratano-nessun vantaggio immediato-svantaggio futurod) Io non pirato ---- gli altri non piratano-nessun vantaggio immediato-nessuno svantaggio futuroAnche qui, il "pirata" ha interesse a continuare, qualunque cosa facciano gli altri.
  • Principe di Valacchia scrive:
    A sto punto forza open source :D
    Qualche giochino gia' c'e', c'e' anche della roba interessante, poi c'e' il game engine di Blender che e' unaXXXXXta, e' allucinante come oggi con Blender una singola persona possa creare un gioco che solo qualche anno fa richiedeva migliaia di ore uomo, sperem.....
    • DarkOne scrive:
      Re: A sto punto forza open source :D
      - Scritto da: Principe di Valacchia
      Qualche giochino gia' c'e', c'e' anche della roba
      interessante, poi c'e' il game engine di Blender
      che e' unaXXXXXta, e' allucinante come oggi con
      Blender una singola persona possa creare un gioco
      che solo qualche anno fa richiedeva migliaia di
      ore uomo,
      sperem.....Se vabeh...torna dal mondo dei sogni bello!
  • Nome e cognome scrive:
    Cattiva idea
    Giochi a scadenza?Dopo cinque anni dall'uscita del gioco, quanti di questi server saranno ancora attivi?Quante di queste società avranno ancora aperti i battenti? Vedi Bungie, vedi 3D Realms, ecc.
    • panda rossa scrive:
      Re: Cattiva idea
      Cattivissima idea.E mi spiace davvero che sia proprio la ubisoft a proporsi, che distibuisce i miei strategici preferiti.Se si mettono a fare una XXXXXta del genere hanno sicuramente perso un cliente che acquista originali (li acquista quando scendono a 9.90, pero' li acquista!)Invece devo dire che la EA con un giochino che ho preso per mia figlia, si e' comportata in modo molto piu' corretto: dopo averlo installato pretende il collegamento ad internet per la registrazione, dopodiche' si puo' giocare senza il CD inserito e senza collegamento ad internet.
      • Wolf01 scrive:
        Re: Cattiva idea
        Anche con l'attivazione alla prima installazione resta comunque il problema per quelli che non hanno internet."Ma come, qualcuno non ha internet?"E sul forum di EA ho letto "bhe, qual'è il problema? Porti il pc da un amico che ha internet", si certo, come no, traslochiamo tutto ogni volta che bisogna installare un gioco, poi tenendo conto che si tratta solitamente di ragazzini bisogna rompere le balle ai genitori per usare la macchina.Una volta arrivavi a casa, installavi e giocavi.Mi spiace a dirlo perchè sono sempre stato un estimatore dei giochi per pc che avevano molte più possibilità tra modding e multiplayer di quelli per consolle, ma adesso stanno realmente diventando meglio le consolle.E i pc serviranno solo per i MMORPG e qualche strategico.
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Cattiva idea


          "Ma come, qualcuno non ha internet?"
          Si, io nella mia casina in montagna, e non ho intenzione di installare il telefono o combattere con le chiavette. Però anche io compro giochi originali quando sono a poco prezzo, o usati: fa niente, vuol dire che leggerò bene sul retro della confezione e cercherò di capire se la connessione è indispensabile. In questo caso, il gioco se lo tengono loro.
      • riccardo scrive:
        Re: Cattiva idea
        anche secondo me l'attivazione una tantum e' un buon compromesso. peraltro lascia un minimo di possibilita di hacker, che i produtti vogliono per diffondere i giochi
        • panda rossa scrive:
          Re: Cattiva idea
          - Scritto da: riccardo
          anche secondo me l'attivazione una tantum e' un
          buon compromesso. peraltro lascia un minimo di
          possibilita di hacker, che i produtti vogliono
          per diffondere i
          giochiIo la accetto una attivazione via internet, nella misura in cui l'applicazione poi possa girare senza CD inserito.Ma soprattutto pretendo assoluta coerenza nei prezzi da parte dei distributori.Perche' non esiste proprio che il titolo in questione: LITTLEST PET SHOP versione italiana, quando usci', costava 36 (diconsi trentasei) euro, e poi dopo Natale lo stesso mediaworld lo svendeva a 9.90 (nove e novanta).Io che ho saputo dire di no a mia figlia, spiegandole che il prezzo era esagerato, quando l'ho comprato con estremo piacere a 9.90 le ho detto: "hai visto? Basta solo saper aspettare."E adesso ho una figlia che ha imparato a non chiedere mai niente di appena uscito, siano essi games, o film, o altro.Chi e' il pirata qui? Chi vende a 36 euro qualcosa che potrebbe benissimo vendere a 10 guadagnandoci comunque, o chi si ingegna per far saltare certe protezioni odiose?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Cattiva idea
          Per me l'attivazione di un software è un'altra bella idiozia.
    • Ruri H. scrive:
      Re: Cattiva idea
      Dicono che rilasceranno una patch per giocare offline.Mah....
  • DarkOne scrive:
    Stanno uccidendo il mercato giochi PC
    Come da oggetto.Poi si lamentano che nel mondo PC la pirateria è alle stelle. Ma è ovvio che sia così, basta vedere i sistemi di protezione che stanno mettendo su...hanno a dir poco dell'assurdo.Valve provò a sfondare con Steam, proponendo giochi in download...la cosa comica è che li vendono allo stesso prezzo del DVD nel negozio, forse 5 dollari in meno. E che senso ha??? Siete degli idioti a dir poco.Con l'arrivo di starforce, attivazioni online e limiti di installazioni si è toccato il fondo, almeno credevo...adesso si inizia a raschiarlo, con questo nuovo sistema di protezione che ha dell'assurdo a dir poco.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
      A parte che Steam in molti periodi spara dei prezzi bassissimi su molti giochi, quindi non è che vendono allo stesso prezzo dei dvd. Però c'è il problema che sei legato ad un software per usare quei giochi.Poi non dimentichiamoci di SecuROM, altro bel malware, fatto da Sony per giunta.Comunque se il gioco per PC sta "morendo" è merito loro, non della pirateria.
      • angros scrive:
        Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
        VegaStrike, Globulation, Secret Maryo Chronicles...Sarà questo il futuro dei giochi pc?
      • Undertaker scrive:
        Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
        - Scritto da: Sgabbio
        Comunque se il gioco per PC sta "morendo" è
        merito loro, non della
        pirateria.XXXXXXXteÉ la pirateria e la concorrenza delle console, che hanno DRM piú robusti.L'Amiga ha chiuso per lo stesso motivo.Anch'io uso largamente giochi e film piratati, ma quando vedo che i produttori si arrabbiano e mettono i drm non mi metto a fare la verginella
        • panda rossa scrive:
          Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
          - Scritto da: Undertaker
          É la pirateria e la concorrenza delle console,
          che hanno DRM piú
          robusti.
          L'Amiga ha chiuso per lo stesso motivo.In che senso?Saranno le software houses a chiudere per pirateria, mica i produttori di hardware.Anzi, un hardware che fa girare roba piratata vende molto meglio di uno blindato (e la sony lo sa benissimo, visto che fa uscire le info per sbloccare la play).
          • Sgabbio scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            Un'altra leggenda metropolitana....
          • Undertaker scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Undertaker

            É la pirateria e la concorrenza delle console,

            che hanno DRM piú

            robusti.

            L'Amiga ha chiuso per lo stesso motivo.
            In che senso?
            Saranno le software houses a chiudere per
            pirateria, mica i produttori di
            hardware.nel senso che non uscivano piú nuovi giochi e la gente si é stufata.
            Anzi, un hardware che fa girare roba piratata
            vende molto meglio di uno blindato (e la sony lodifatti la commodore ci ha marciato per anni, prima con il C64 poi con l'amiga, perché aveva il quasi monopolio: lei vendeva hardware, gli utenti giocavano gratis e le software house ingoiavano amaro perché erano costrette da un mercato monopolista.Appena i pc hanno iniziato ad avere una grafica decente ed a scendere di prezzo le software house hanno cambiato mercato.
            sa benissimo, visto che fa uscire le info per
            sbloccare la
            play).O_o ?ma se la PS3 é strablindata !
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            la commodore ci ha marciato per anni,
            prima con il C64 poi con l'amiga, perché aveva il
            quasi monopolioPer tutti gli anni '80, salvo alcune eccezioni, i giochi per C64 costavano 18000 lire su nastro e 25000 su disco; poi i prezzi sono scesi a 12000 nastro e 15000 disco; poi c'erano i "budget", al prezzo di 5000 o 7500 lire. Negli anni '90 si sono maggiormente diversificati, ma non sono mai saliti più di tanto. Nonostante la pirateria, all'epoca praticata alla luce del sole, giravano molti più giochi orginali rispetto ad oggi.
          • panda rossa scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: Undertaker
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Undertaker


            É la pirateria e la concorrenza delle console,


            che hanno DRM piú


            robusti.

            L'Amiga ha chiuso per lo stesso
            motivo.


            In che senso?

            Saranno le software houses a chiudere per

            pirateria, mica i produttori di
            hardware.
            nel senso che non uscivano piú nuovi giochi e la
            gente si é
            stufata.Si e' stufata cosi' tanto che ci sono ancora siti come back2roots che permettono di scaricare i vecchi giochi dell'amiga.

            Anzi, un hardware che fa girare roba piratata

            vende molto meglio di uno blindato (e la sony lo
            difatti la commodore ci ha marciato per anni,
            prima con il C64 poi con l'amiga, perché aveva il
            quasi monopolio: lei vendeva hardware, gli utenti
            giocavano gratis e le software house ingoiavano
            amaro perché erano costrette da un mercato
            monopolista.Oggi invece si' che c'e' liberta' di hardware!Decine e decine di hardware diversi, tutti col bollino a 4 colori di Redmond.Almeno ai tempi dell'Amiga il sistema era all'avanguardia e non buggato.
            Appena i pc hanno iniziato ad avere una grafica
            decente ed a scendere di prezzo le software house
            hanno cambiato
            mercato.Eh gia'! Perche' sui PC la pirateria non c'e' mai stata...
          • Undertaker scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Undertaker

            nel senso che non uscivano piú nuovi giochi e la

            gente si é

            stufata.
            Si e' stufata cosi' tanto che ci sono ancora siti
            come back2roots che permettono di scaricare i
            vecchi giochi
            dell'amiga.La realtá é che la commodore ha chiuso, quindi non si vendevano piú amiga, il resto sono chiacchiere
            Oggi invece si' che c'e' liberta' di hardware!
            Decine e decine di hardware diversi, tutti col
            bollino a 4 colori di
            Redmond.
            Eh gia'! Perche' sui PC la pirateria non c'e' mai
            stata...vedo che non capisci i concetti e polemizzi rispondendo riga per riga come un pappagallino psicolabile: il pc, con windows ha costituito un monopolio, e le software house si sono dovute rassegnare a produrre giochi pur sapendo di vederseli copiare in breve tempo, esattamente come era ai tempi della commodore, ma dopo l'uscita delle console, con DRM piú robusti le software house stanno migrando a queste ultime: DRM robusto=piú guadagni, DRM fiacco=pirateria e meno guadagni
          • Vault Dweller scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            Ed è per il fatto che tutti vogliono DRM più robusti che nessun publisher si fila il team di cd project e il suo progetto conosciuto come gog.com; che si prefigge di vendere i classici del videogioco remastered per funzionare sulle macchine e sui sitemi odierni, e di venderli privi di DRM...Activison non ha firmato un accordo per mettere a disposizione sulla piattaforma tutto il suo catalogo e quello delle sussidiarie inizando con un titolo insulso come gabriel knights...Certamente non sono ivi disponibili, a causa dellamancanza di drm i primi ed unici rpg della serie fallout...
          • angros scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC

            vedo che non capisci i concetti e polemizzi
            rispondendo riga per riga come un pappagallino
            psicolabile:Veramente tu hai detto delle ca22ate, te l'abbiamo fatto notare e tu dici "polemizzi riga per riga"
            il pc, con windows ha costituito un
            monopolio, e le software house si sono dovute
            rassegnare a produrre giochi pur sapendo di
            vederseli copiare in breve tempo,Questa è una balla: i giochi per pc uscivano anche quando il pc non costituiva un monopolio (non c'era solo l'amiga, c'era il mac, c'erano gli atari st...)
            esattamente
            come era ai tempi della commodore, ma dopo
            l'uscita delle console, con DRM piú robusti le
            software house stanno migrando a queste ultime:
            Le console sono sempre esistite da quando esistono i videogiochi: atari 2006, nintendo, XXXX master system, super nintendo, XXXX mega drive, XXXX saturn, nintendo 64, 3do... e costavano tutte molto meno di un pc adatto a far girare giochi equivalenti (e la pirateria era molto difficile, perchè quasi tutte usavano cartucce, che non sono propriamente facili da duplicare, perchè era difficile trovare i supporti vergini,che costavano quasi quanto i giochi originali, ed inoltre a volte le cartucce contenevano anche hardware aggiuntivo, come in Pitfall 2 o in StarFox)Da quello che hai scritto, sembra che (secondo te) le console non esistessero prima della playstation, quindi lo ripeto: o ignori completamente la storia dei videogames, o stai mentendo deliberatamente e spudoratamente; in entrambi i casi, stai facendo la figura dello stupido.
            DRM robusto=piú guadagni, DRM fiacco=pirateria e
            meno
            guadagniTu stai facendo i salti mortali per difendere il DRM, distorcendo o inventando i fatti; hai un qualche interesse personale nel farlo? Vendi sistemi con DRM? Perchè proprio non capisco il senso delle tue sparate.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            contenuto non disponibile
          • angros scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            OOOOOOOPPPPPSS!Mio errore, atari 2600. Chiedo venia.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
          No, le dici tu. Amiga ha chiuso perchè la Commodore ha deciso di suicidarsi inspiegabilmente, altro che pirateria.Il gioco per pc sta morendo perchè le protezioni che dovrebbero impedire la pirateria, spingo ad impedire l'acquisto.Sinceramente io non comprerei un gioco che ha una protezione che mi danneggia il sistema operativo....se permetti.
          • Undertaker scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: Sgabbio
            No, le dici tu. Amiga ha chiuso perchè la
            Commodore ha deciso di suicidarsi
            inspiegabilmente, altro che
            pirateria.suicidarsi inspiegabilmente ? LOL !L'amiga ha tenuto per anni perché aveva un grosso mercato, poi i pc hanno cominciato a scendere di prezzo ed i produttori di giochi hanno abbandonato una piattaforma che viveva di pirateria. (io non ricordo di avere MAI visto un gioco per amiga originale.)
            Il gioco per pc sta morendo perchè le protezioni
            che dovrebbero impedire la pirateria, spingo ad
            impedire
            l'acquisto. Il gioco per pc subisce la concorrenza delle console, come l'amiga aveva subito la concorrenza dei pc.Il motivo é semplicemente la possibilitá di un drm migliore
            Sinceramente io non comprerei un gioco che ha una
            protezione che mi danneggia il sistema
            operativo....se
            permetti.E io se fossi una compagnia che spende milioni di euro per realizzare un nuovo gioco non lo metterei in vendita se sapessi che verrá copiato e scaricato nel giro di pochi mesi.Le software house, come qualsiasi altra azienda si spingono verso il mercato che rende di piú: ora che il pc non ha piú il monopolio le aziende si stanno spostando verso le console, che consentono di proteggere meglio i giochi. Realizzare versioni per pc verrá visto sempre di piú come un'operazione antieconomica, perché la versione per pc (piratata e scaricata per zero euro) fará concorrenza alla versione per console (protetta e venduta a caro prezzo) quindi ne vedremo sempre meno.Il pc rischia di fare la fine dell'amiga.
          • angros scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            Ma se l'Amiga aveva più protezioni, rispetto al PC! Te lo ho già spiegato più volte, ma tu fai finta di non capire.Il pc costava meno perchè esistevano i cloni cinesi (simili al pc ibm originale, ma senza il basic in rom: l'unica incompatibilità era la mancanza del basica, che è stato sostituito dal gwbasic), a basso prezzo, e quello ne ha decretato il sucXXXXX, a discapito dell'amiga.Se continui a sostenere che l'amiga è stato affossato dalla pirateria, i casi sono due: o sei un perfetto ignorante, o sei un bugiardo in malafede.
          • Undertaker scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: angros
            Ma se l'Amiga aveva più protezioni, rispetto al
            PC! Te lo ho già spiegato più volte, ma tu fai
            finta di non
            capire.l'amiga piú protezioni ?certo é che i giochi per amiga erano tutti copiati
            Il pc costava meno perchè esistevano i cloni
            cinesi i primi pc costavano molto di piú dell'amiga !(simili al pc ibm originale, ma senza il
            basic in rom: l'unica incompatibilità era la
            mancanza del basica, che è stato sostituito dal
            gwbasic), a basso prezzo, e quello ne ha
            decretato il sucXXXXX, a discapito
            dell'amiga.il gwbasic ? muhahahahahahaha !!Semplicemente la gente ha iniziato a passare al pc perché intravedeva la possibilitá di imparare qualcosa di utile anche in campo lavorativo e la presenza di giochi non guastava.Le software house hanno trovato una piattaforma dove era piú semplice proteggere il software e vi si sono spostate in massa, anche se i primi giochi per pc facevano schifo ne sono usciti talmente tanti che la gente ha iniziato a comprare pc affermando il nuovo standard.
            Se continui a sostenere che l'amiga è stato
            affossato dalla pirateria, i casi sono due: o sei
            un perfetto ignorante, o sei un bugiardo in
            malafede.Certo é che la pirateria nell'amiga sfiorava il 100%, e guarda caso poi ha chiuso, questo é a favore di quello che sostengo io, se sostieni il contrario devi provarlo.
          • angros scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC

            l'amiga piú protezioni ?
            certo é che i giochi per amiga erano tutti copiatiE quelli per pc no?


            Il pc costava meno perchè esistevano i cloni

            cinesi
            i primi pc costavano molto di piú dell'amiga !Quando sono usciti i primi pc l'amiga non c'era ancora. Il dos è stato commercializzato nel 1981, l'Amiga nel 1985.
            il gwbasic ? muhahahahahahaha !!
            Semplicemente la gente ha iniziato a passare al
            pc perché intravedeva la possibilitá di imparare
            qualcosa di utile anche in campo lavorativo e la
            presenza di giochi non
            guastava.Quindi, la pirateria cosa c'entrava?
            Le software house hanno trovato una piattaforma
            dove era piú semplice proteggere il softwareMa quando mai? In che modo? Quali protezioni si potevano mettere su pc? Anzi, i giochi su pc spesso andavano installati su hard disk, e quindi erano più facili da copiare (in parte, questo era uno dei limiti dell'amiga: molti avevano l'amiga 500, senza hard disk, e per i giochi più grandi questo era un handicap serio)
            e vi
            si sono spostate in massa, anche se i primi
            giochi per pc facevano schifo ne sono usciti
            talmente tanti che la gente ha iniziato a
            comprare pc affermando il nuovo
            standard.Ma se hai appena detto che la gente comprava il pc per altri motivi, ed erano i produttori di giochi a seguirli, ora mi dici il contrario? Ti stai contraddicendo da solo.
            Certo é che la pirateria nell'amiga sfiorava il
            100%, e guarda caso poi ha chiusoSui laserdisc la pirateria era 0%, e guarda caso i laserdisc sono durati ancora meno; questo cosa dimostra?, questo é a
            favore di quello che sostengo io, se sostieni il
            contrario devi
            provarlo.Tu non hai provato un bel niente ("guarda caso" esprime solo una coincidenza, non un nesso causale); la tua logica fa difetto.Ti ripeto la mia domanda: in che modo un gioco per pc era più difficile da piratare rispetto ad uno per amiga? I floppy erano uguali, e le possibilità di copia anche. Quali sistemi di protezione avrebbe avuto il pc in più?
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            Io all'epoca non avevo ne' Amiga, ne' PC : però ricordo che mentre i miei amici con Amiga copiavano i giochi con qualche software dedicato che non sempre funzionava al primo colpo (non essendo i files della stragrande maggioranza di questi direttamente accessibili dal Workbench), i miei amici con PC usavano il comando Xcopy. Grosso modo, il tempo che ci voleva era quello, ma senza i tool specifici, copiare giochi con l'Amiga sarebbe stato fuori portata dell'utente comune - che molto spesso usava questo computer come una console
          • angros scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            È quello che stavo dicendo anche io (ma Undertaker continua a fare finta di non sentire).E sai perchè era così? Perchè sull'amiga il floppy era molto più versatile che sul pc, essendo gestito da controller software (con appositi programmi, era possibile anche leggere e scrivere floppy per pc o per macintosh, mentre da pc non era altrettanto facile leggere i floppy per amiga). Inoltre, sul pc tradizionalmente i giochi si copiavano su hard disk e venivano lanciati dal dos (visto che ogni pc aveva una configurazione diversa, in termini di scheda grafica, audio, memoria, era necessario che il dos del pc caricasse i driver giusti ed offrisse poi un layer di astrazione al videogioco), quindi, se il dos poteva leggerli, poteva copiarli.Su amiga, il floppy si inseriva all'accensione e si effettuava il boot da l' (come su una console, per certi versi), e ogni gioco si portava dietro il proprio mini-sistema operativo, costruito su misura, ed il proprio file system: se caricavi il sistema operativo di amiga e poi inserivi un dischetto con un videogioco, a volte non te lo riconosceva nemmeno come floppy formattato, e quindi l'unico modo per copiarlo era di usare un sistema che effettuasse la copia raw (ed inoltre, effettuare un crack sul file eseguibile per togliere le protezioni software era fuori questione, perchè disassembler e debugger non potevano accedere agli eseguibili del gioco).
          • Izio scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: angros
            (...)
            Su amiga, il floppy si inseriva all'accensione e
            si effettuava il boot da l' (come su una console,
            per certi versi), e ogni gioco si portava dietro
            il proprio mini-sistema operativo, costruito su
            misura, ed il proprio file system: se caricavi il
            sistema operativo di amiga e poi inserivi un
            dischetto con un videogioco, a volte non te lo
            riconosceva nemmeno come floppy formattato, e
            quindi l'unico modo per copiarlo era di usare un
            sistema che effettuasse la copia raw (ed inoltre,
            effettuare un crack sul file eseguibile per
            togliere le protezioni software era fuori
            questione, perchè disassembler e debugger non
            potevano accedere agli eseguibili del
            gioco).Nonono, questo non è vero, e parlo per esperienza personale: ti bastava una cartuccia Action Replay, con disassemlber e assembler incorporato, per interrompere l'esecuzione di un gioco, accedere al programma, e vedere che cosa stesse facendo. C'era anche una utility integrata nata proprio per cercare le locazioni che contenessero il numero di vite a disposizione, tutto per rendere "immortale" il proprio personaggio :-)
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            (con
            appositi programmi, era possibile anche leggere e
            scrivere floppy per pc o per macintosh, mentre da
            pc non era altrettanto facile leggere i floppy
            per amiga)Non me lo ricordare ... Ci voleva Disk2FDI, se non sbaglio. Con due FDD montati su PC !
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: Undertaker
            Semplicemente la gente ha iniziato a passare al
            pc perché intravedeva la possibilitá di imparare
            qualcosa di utile anche in campo lavorativo e la
            presenza di giochi non
            guastava.La gente non e' passata al PC: la gente fino a pochi anni fa non era affatto informatizzata.Al PC sono passate le aziende!
            Le software house hanno trovato una piattaforma
            dove era piú semplice proteggere il software e vi
            si sono spostate in massa, anche se i primi
            giochi per pc facevano schifo ne sono usciti
            talmente tanti che la gente ha iniziato a
            comprare pc affermando il nuovo
            standard.Siccome stai sparando cavolate al ritmo di una mitragliatrice, ti invito a dirmi un titolo, uno solo di questi talmente tanti titoli per PC che avrebbero decretato la morte di amiga.Poi andiamo a vedere l'anno di questo titolo, e qualche screenshot...
            Certo é che la pirateria nell'amiga sfiorava il
            100%, Si, in Italia dove la distribuzione di software prima del 1990 era ZERO.E in mancanza di software originale, girava quello non originale.Solo che l'Italia, che il terzo mondo dell'informatica oggi, figurati che zero percento era all'epoca.Il mercato del software era l'america e l'inghilterra.
            e guarda caso poi ha chiuso, questo é a
            favore di quello che sostengo io, se sostieni il
            contrario devi
            provarlo.La commodore non e' fallita per l'amiga. E' fallita perche' si e' suicidata: dopo aver saturato il mercato col C64, ha scommesso sul commodore 16, che era incompatibile col C64, invece di puntare su Amiga, e ha perso la scommessa.E in tutto questo il software non c'entra e i drm ancora meno (che poi chiamare DRM un floppy bucato mi viene quasi da ridere).
          • angros scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC

            La commodore non e' fallita per l'amiga. E'
            fallita perche' si e' suicidata: dopo aver
            saturato il mercato col C64, ha scommesso sul
            commodore 16, che era incompatibile col C64,
            invece di puntare su Amiga, e ha perso la
            scommessa.Sul commodore 16 (che era meno potente del commodore 64) e sul Plus 4 (64 k di ram, grafica e sonoro peggiori del commodore 64, ma software integrato migliore); poi, rendendosi conto che il suo cavallo di battaglia era il 64, aveva tirato fuori il 128, che era retrocompatibile (in un modo curioso: dovevi scrivere "go 64", e iniziava a funzionare imitando in tutto e per tutto un commodore 64), ma ormai la atari aveva già tirato fuori gli ST, decisamente superiori. L'Amiga è saltato fuori dopo, quando la commodore ha acquisito la piccola ditta che l'aveva ideato.

            E in tutto questo il software non c'entra e i drm
            ancora meno (che poi chiamare DRM un floppy
            bucato mi viene quasi da
            ridere).È la quarta volta che tento di spiegarglielo, ma ogni volta Undertaker ripete la sua tirata.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC

            La commodore non e' fallita per l'amiga. E'
            fallita perche' si e' suicidata: dopo aver
            saturato il mercato col C64, ha scommesso sul
            commodore 16, che era incompatibile col C64,
            invece di puntare su Amiga, e ha perso la
            scommessa.
            Non è propriamente così, la Commodore è fallita nell'aprile del '94, per una serie di motivi sui quali ancora oggi si dibatte, ma per quell'epoca il C16 era morto e sepolto da almeno 6 anni.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            contenuto non disponibile
          • Sgabbio scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: Undertaker

            suicidarsi inspiegabilmente ? LOL !
            L'amiga ha tenuto per anni perché aveva un grosso
            mercato, poi i pc hanno cominciato a scendere di
            prezzo ed i produttori di giochi hanno
            abbandonato una piattaforma che viveva di
            pirateria. (io non ricordo di avere MAI visto un
            gioco per amiga
            originale.)Studiarsi la storia dell'informatica ? Sapevi che Amiga aveva un mercato floridissimo in moltissimi settori ? Sapevi che proprio all'inizio del suo massimo splendore, la Commodore ha cominciato a dare i numeri fino a suicidarsi economicamente, uccidendo una piattaforma che raccoglieva molti consensi ?I pc guadagnavano terreno grazie agli ibm compatibile, ma ricordiamoci che anche la Commodore ha contribuito alla scomparsa dell'amiga... Adesso non usiamo la pirateria come scusa della idiozie altrui.....
            Il gioco per pc subisce la concorrenza delle
            console, come l'amiga aveva subito la concorrenza
            dei
            pc.
            Il motivo é semplicemente la possibilitá di un
            drm
            miglioreMa anche no. Il motivo per cui i giochi su console vendono più di quelli per pc (nonostante costino di più) è per la semplicità d'uso che hanno la console. Non devi bestemmiare sui driver video che possono dar problemi con un gioco, non c'è una protezione demente che di deve manomettere parti del sistema operativo per evitare la copia del gioco, non c'è la necessità di cambiare HW rapidamente per giocare, visto che le console hanno una vita molto lunga ecc ecc....Perfavore, non diciamo idiozie sulla pirateria :D
            E io se fossi una compagnia che spende milioni di
            euro per realizzare un nuovo gioco non lo
            metterei in vendita se sapessi che verrá copiato
            e scaricato nel giro di pochi
            mesi.Questa frase non ha senso. Tutto è copiabile, il problema non è impedire la copia, ma non rendere l'acquisto del gioco un calvario infinito, cosa che molte software house non hanno ancora capito.
            Le software house, come qualsiasi altra azienda
            si spingono verso il mercato che rende di piú:
            ora che il pc non ha piú il monopolio le aziende
            si stanno spostando verso le console, che
            consentono di proteggere meglio i giochi.
            Realizzare versioni per pc verrá visto sempre di
            piú come un'operazione antieconomica, perché la
            versione per pc (piratata e scaricata per zero
            euro) fará concorrenza alla versione per console
            (protetta e venduta a caro prezzo) quindi ne
            vedremo sempre
            meno.Non diciamo idiozie. Il Pc sui giochi non ha mai avuto il monopolio, le console sono sempre esistente anche prima dell'affermazione sui PC sugli home Computer.E più facile sviluppare su console che su pc, perchè non devi rendere contro di varie variabili HW e SOFTWARE, cosa che su console non succede.Poi parli come se non ci fossero copie pirata dei giochi su console :D
            Il pc rischia di fare la fine dell'amiga.Che tutti i produttori Hw facciano i dementi come la Commodore ? Ne ho dei dubbi.....
          • angros scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            Stai sprecando il tuo tempo, io gli avevo già detto le stesse cose un mese fa, qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2776017&m=2778204#p2778204e quihttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=2776017&m=2779636#p2779636Undertaker si limita a dileguarsi per un po', poi ritorna e riattacca come un disco rotto.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            lo so, avevo letto ai tempi :D
          • NomeCognome scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: Sgabbio
            Amiga ha chiuso perchè la
            Commodore ha deciso di suicidarsi
            inspiegabilmenteAh beh, questa sì che è una spiegazione ferrea! Un primato della logica, oserei dire. Ma come ragioni??? O__o
          • bubba scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            - Scritto da: NomeCognome
            - Scritto da: Sgabbio

            Amiga ha chiuso perchè la

            Commodore ha deciso di suicidarsi

            inspiegabilmente

            Ah beh, questa sì che è una spiegazione ferrea!
            Un primato della logica, oserei dire. Ma come
            ragioni???
            O__obeh non e' una spiegazione. e' pero' la sintesi della realta'.Il management Commodore dei tempi amighiani ha : in un primo tempo trattato l'amiga come un mero home computer, ignorando inoltre interi mercati (la commodore italia x dire era patetica. 2 diconsi 2 gatti) ,vivendo sugli allori del C64 e dell'amy come macchina da gioco (e poi dal nascente mercato DTV -specie in USA-. hint: videotoaster )In un secondo ha ritardato/ignorato i segnali dell'evoluzione hardware, complici anche degli idioti manager asiatici che nel periodo "finale" erano entrati in commodore.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
            E' la sintesi dei fatti. La commodore è fallita facendo idiozie assurde, quando aveva i mezzi per sfondare ancora di più.Si dibatte ancora oggi per le ragioni del fallimento della commodore...
      • DarkOne scrive:
        Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
        - Scritto da: Sgabbio
        A parte che Steam in molti periodi spara dei
        prezzi bassissimi su molti giochi, quindi non è
        che vendono allo stesso prezzo dei dvd. Però c'è
        il problema che sei legato ad un software per
        usare quei
        giochi.
        Forse per i giochi vecchi...L'ultima volta che ho fatto l'acXXXXX a steam c'erano in vetrina tutti giochi appena usciti allo stesso prezzo del negozio.
        • Vault Dweler scrive:
          Re: Stanno uccidendo il mercato giochi PC
          Beh contando che quest'inverno ho comprato GTA IV a 7 euri; e non era l'unica offerta su giochi relativamente nuovi; direi che dipende dai periodi e dai giochi; a due mesi dall'uscita mi ricordo che acquistai Universe at War a 2 euro ...
Chiudi i commenti