Microsoft verso la mediateca globale

Il gigante entra nella Open Content Alliance e sfida Google. I portavoce dell'azienda: Un impegno costoso e senza guadagni, ma altamente strategico. Si parte con 150mila volumi


Redmond (USA) – Microsoft è intenzionata ad entrare nella Open Content Alliance , un consorzio di enti pubblici e privati che sogna la nascita di una grande mediateca digitale accessibile attraverso Internet.

A partire dal prossimo anno, verranno spesi cinque milioni di dollari per la digitalizzazione di almeno 150mila libri, per un costo approssimativo di 10 centesimi di dollaro per pagina. Una “mossa strategica”, fanno sapere i portavoce dell’azienda, “assai costosa e senza guadagni”.

La multinazionale del software è così scesa in campo, a fianco di Yahoo! , Adobe ed HP per lanciare entro breve un motore di ricerca per libri basato su volumi di pubblico dominio.

Microsoft cercherà di intralciare i piani della rivale Google , senza tuttavia incorrere nel rischio di violare il copyright. L’ambizioso progetto Google Print è infatti al centro di aspre polemiche per alcune controversie legate ai diritti d’autore.

“Sono tempi duri per quanto riguarda il copyright, meglio andarci cauti”, sostiene Danielle Tiedt, responsabile del motore di ricerca MSN Search . Entro il 2007, il nuovo search engine targato Microsoft tenterà di creare “comunità creative e di discussione” attorno ai singoli libri. Successivamente, le conoscenze maturate attorno al progetto OPA permetteranno al colosso di creare un servizio a pagamento .

Nel settore librario, conclude la Tiedt, “i modelli di business sono destinati a cambiare” nella misura in cui vengono offerti contenuti di pubblico dominio o meno. La libreria online dei produttori di Windows offrirà abbonamenti mensili o vendita al dettaglio: il pay-per-read , dove gli utenti spendono solo per ciò che leggono.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Capperi!
    Sono le 19.50 e non c'è neppure un post su questa notizia. Se i bug fossero stati scoperti in Internet Explorer o Firefox, Windows o Linux, qui si sarebbe già scatenata una bagarre a colpi di flame e trollate :D
    • jojob scrive:
      Re: Capperi!
      - Scritto da: Anonimo
      Sono le 19.50 e non c'è neppure un post su questa
      notizia. Se i bug fossero stati scoperti in
      Internet Explorer o Firefox, Windows o Linux, qui
      si sarebbe già scatenata una bagarre a colpi di
      flame e trollate :DVabbe' dai, mica si puo' infierire su un prodotto closed ma pur sempre gratuito e che per di piu' fa risparmiare soldi veri :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Capperi!
      Ovvio.Questo programma non ha la stessa diffusione dei programmi da te menzionati.
Chiudi i commenti