Miyamoto: voglio una DS in tutte le scuole

Nintendo vuole portare la console tascabile nelle aule. Come strumento di supporto all'apprendimento. Nel frattempo in Svizzera si pensa a un bando per gli sparatutto

Roma – Shigeru Miyamoto, padre di Super Mario e della Wii, starebbe dedicando la maggior parte del suo tempo a trasformare Nintendo DS in uno strumento pedagogico utile per tour guidati o con scopi educativi. Il nuovo progetto è stato lanciato nel corso di un’intervista a Londra, dove il Guru dei videogame si trovava per ritirare un’onorificenza riconosciutagli dalla Game British Academy Video Games Awards .

La console tascabile, ha sottolineato Miyamoto, è già utilizzata in musei, gallerie e in altri luoghi turistici del Giappone, mentre McDonald’s ha già in programma di utilizzare , nei suoi ristoranti nipponici, “eSmart”, un gioco sviluppato ad hoc per “dimezzare il tempo d’addestramento” dei suoi impiegati.

Ora l’obiettivo è portare la console nelle scuole , dove – spiega Miyamoto – può risultare di grande beneficio per quegli istituti che cerchino un modo diverso per educare gli studenti della nuova generazione. Il nuovo modello XL, poi, è dotato di WiFi, può leggere eBook, ha uno schermo ben leggibile, una fotocamera e un buon dispositivo audio. Può servire , insomma, a numerosi scopi in una classe.

La strada per Nintendo sembra già aperta: il Governo Giapponese ha già in progetto , per il nuovo anno scolastico, di mettere a disposizione di elementari e medie la console tascabile .

Gli intenti pedagogici si affiancano, per altro, allo sforzo di allargare il mercato della console. D’altronde Nintendo DS già ha una serie di titoli, su cui sembra scommettere anche con la campagna pubblicitaria, che puntano ad aiutare l’apprendimento delle lingue o a tenere allenato il cervello e il ragionamento. Offerta che è destinata ad allargarsi con l’approdo nelle scuole.

Per quanto riguarda l’approccio pedagogico delle console, tuttavia, un studio ha recentemente sottolineato come uno studente che può spender il suo tempo a giocare con – nel caso della statistica – una PlayStation II, dedicherà meno tempo allo studio.

I risultati della ricerca condotta su 64 ragazzini (tutti maschi, per paura che le bambine fossero meno portate per i videogame – sic) tra i sei e i nove anni non sono certo sconvolgenti, ma ribadiscono semplicemente – evitando di demonizzare i videogiochi – che avendo un limitato ammontare di tempo i giochi sono preferiti allo studio e che quindi i genitori dovrebbero vigilare un po’ di più sui loro pargoli per evitare che ci vadano di mezzo i risultati scolastici.

Ben più discussa sul medesimo tema, l’intenzione (questa sì che sembra demonizzare i giochi) della Commissione per gli affari giuridici della Svizzera di sottoporre al parlamento la volontà di vietare completamente i videogame violenti nel territorio dei cantoni: le violenze mostrate nei giochi influenzerebbero negativamente i più giovani . Il ragionamento della commissione è lineare : “Esistono oggi troppi indizi per non chiederci se esiste un legame tra videogiochi violenti e gli atti di violenza commessi nella realtà”. La commissione, per altro, non parla di contenuti estremi, ma sembra racchiudere tanti titoli nella sua condanna parlando in generale di “giochi che mettono a disposizione terribili armi da utilizzare contro esseri umani o esseri antropomorfi”. Conclusioni che non sono piaciute nè agli osservatori né, naturalmente, ad Electronic Arts, che ha sottolineato come in realtà la media d’età dei suoi utenti sia di 28 anni, e dunque i clienti avrebbero tutto il diritto di scegliere come impiegare il proprio tempo e il proprio denaro.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • GoldenBoy scrive:
    Dov'è Glande Roberto??
    Dai commentami anche questa news su google e la cina...con un pizzico di apple!Ti aspettiamo in tanti, baci baci!
  • aid85 scrive:
    bufala !!
    o è una bufala o è una uerra tuttora in corso perchè dalla cina si riesce benissimo ad andare su google-cinese (72.14.203.160) senza essere reindirizzati su google-hongkongquesto sembra accadere solo qui a occidenteergo continuo a nn capire...
  • aid85 scrive:
    hongkong
    google reindirizza il traffico su google hong konge io nn ci capisco + nulla ma scusate ?google non può fare un portale solo .com invece che .it .cn .hk .ecc ?e poi se la cin vuole reindirizzarlofiltrarlo che sia google.cn o google.hk cosa cambia lo fa cmq?sennò che censura ci sarebbe in cina?uno inveche che andare su goole.cn va su google.com e aggirerebbe la censura... invece so che nn è cosìcosa ha fatto allora realmnetetecnicamente google per far vedere di aver le palle ???
  • Pepito il breve scrive:
    "Our dirty little secret..."
    ecco, leggete in particolare la parte riguarde il loro "dirty little secret" e poi negate l'evidenza...80% del loro traffico e' su video PIRATA, lo dicono loro stessi.http://www.webmasterworld.com/goog/4101570.htm
  • Ubunto scrive:
    Ma la globalizzazione...
    Ma... la globalizzazione è un fenomeno che dobbiamo "subire" solo noi?Tradizione cinese? Ma quale esattamente?Questi forse mascherano con le parole "tradizione" o "cultura" le sozzerie compiute dal loro regime?
    • Ming scrive:
      Re: Ma la globalizzazione...
      La cultura cinese ha più di 2000 anni.
      • Funz scrive:
        Re: Ma la globalizzazione...
        - Scritto da: Ming
        La cultura cinese ha più di 2000 anni.vorrai dire in più della nostra
        • Ming scrive:
          Re: Ma la globalizzazione...
          Nella mia ignoranza, mi ero tenuto stretto. Ma, controllando, non sbagli affatto quando dici 4000 anni (e più).
          • collione scrive:
            Re: Ma la globalizzazione...
            si ma è comunque una civiltà feudale basata su famiglie agiate che hanno diritto a tutto e la massa che deve solo tacere e portare enormi pacchi sulle spallefrancamente quando vedo i cinesi alla stazione di Roma, con enormi pacchi sulle spalle ( tra l'altro i cinesi sono notoriamente piccoli e magri ) penso che la loro civiltà forse tanto grande non èstessa cosa vale ad esempio per l'India dove poche famiglie controllano tutto il potere e la ricchezza del Paesenoi occidentali amiamo il XXXXX, siamo immorali, facciamo pena sotto certi aspetti, siamo sempliciotti, ma almeno abbiamo messo al bando la schiavitù da un bel pezzo
          • CCC scrive:
            Re: Ma la globalizzazione...
            - Scritto da: collione
            si ma è comunque una civiltà feudale basata su
            famiglie agiate che hanno diritto a tutto e la
            massa che deve solo tacere e portare enormi
            pacchi sulle
            spallecome i politicanti ed i mafiosi locali?
            francamente quando vedo i cinesi alla stazione di
            Roma, con enormi pacchi sulle spalle ( tra
            l'altro i cinesi sono notoriamente piccoli e
            magri ) penso che la loro civiltà forse tanto
            grande non ècome i milioni di emigrati italiani di pochi decenni fa?
            stessa cosa vale ad esempio per l'India dove
            poche famiglie controllano tutto il potere e la
            ricchezza del
            Paesesi anche l'india ci assomiglia
            noi occidentali amiamo il XXXXX, siamo immorali,
            facciamo pena sotto certi aspetti, siamo
            sempliciotti, ma almeno abbiamo messo al bando la
            schiavitù da un bel
            pezzonoi occidentali facciamo la tratta delle prostitute, abbiamo il turismo sessuale sui bambini, proteggiamo i pedofili se sono bianchi e cattolici, sfruttiamo i migranti in nero, buttiamo tonnelate di rifiuti elettronici in africa e asia per dar modo a tanti bambini di viverci sopra e riciclare un po' di metalli pesanti, sfruttiamo donne incinta e bambini nelle maquilladores massicane, non abbiamo il reato di tortura nei codici penali ... però in compenso abbiamo messo al bando la schiavitùbravo hai capito proprio tutto
          • Ubunto scrive:
            Re: Ma la globalizzazione...
            Ma vedete, cosa sia ora o cosa sia stata non conta un'emerita fava:"Secondo Xinhua, l'idea di BigG di imporre i suoi valori e le sue regole sul flusso di Internet non rispetterebbe affatto la tradizione, i valori e l'intera cultura cinese"Quali sono i valori a cui fa riferimento l'agenzia di stampa Xinhua? Il governo cinese è proprietario della cultura e della tradizione?Di cosa stanno parlando? Dei panini di MacDonald, che non sono esattamente cucina cinese, o di un idea del mondo tesa a valori di libertà e diritti dell'uomo, che forse non rientra nel loro preciso concetto di "tradizione e cultura cinese"?
          • CCC scrive:
            Re: Ma la globalizzazione...
            - Scritto da: Ubunto[...]
            Quali sono i valori a cui fa riferimento
            l'agenzia di stampa Xinhua? Il governo cinese è
            proprietario della cultura e della
            tradizione?certamente nociò non toglie che i cinesi (non il loro governo) hanno la loro cultura e tradizione
            Di cosa stanno parlando? Dei panini di MacDonald,
            che non sono esattamente cucina cinese, questo è esattamente ciò di cui parlano google, le varie multinazionali/majot del software e dell'intrattenimento nonché i governi occidentatli primo pra tutti quello USA... solo che i "panini di macdonalds", quando si tratta della cina o di altri governi o sistemi economici e culturali diversi, li chiamano libertà, diritti umani e via dicendo...
            o di un
            idea del mondo tesa a valori di libertà e diritti
            dell'uomo, che forse non rientra nel loro preciso
            concetto di "tradizione e cultura cinese"?appunto... e questa idea del mondo non rientra nella "tradizione e cultura cinese" più di quanto rientri nella cultura e tradizione che il cosiddetto occidente vuole imporre al resto del mondo
    • harvey scrive:
      Re: Ma la globalizzazione...
      Noi avendo perso la guerra l'abbiamo subita l'americanizzazione.I cinesi fanno bene a opporsi, il metodo occidentale (soprattutto quello americano) e' sbagliato, quindi perche' imitarlo? Almeno cosi' sperimentano qualcosa di nuovo, che può andare meglio o peggio
    • collione scrive:
      Re: Ma la globalizzazione...
      la globalizzazione era l'idea dei capitalisti occidentali di XXXXXXX il terzo mondorisultato? il terzo mondo sta fregando noi poveri fessi occidentali :D
      • CCC scrive:
        Re: Ma la globalizzazione...
        - Scritto da: collione
        la globalizzazione era l'idea dei capitalisti
        occidentali di XXXXXXX il terzo
        mondo

        risultato? il terzo mondo sta fregando noi poveri
        fessi occidentali
        :De sarebbe la cina il terzo mondo?la cina che è più capitalista degli USA? la cina che ha in tasca il debito di mezzo occidente? la cina che si sta comprando l'africa?smetti di guardare il tg4 e di ascoltare le ca##ate che dei furboni addobbati di verde dicono ai comizi... pensa con la tua testa, se ancora riesci a farlo
  • attonito scrive:
    spiare e controllare i cittadini cinesi
    ma non serve Google per farlo, ci pensano gia' i capoccia cinesi a controllare i cittadini cinesi... inutile far fare lo stesso lavoro a due entita' distinte.
  • Pepito il breve scrive:
    La cina ha ragione
    Perfettamente d'accordo col governo cinese, tanto piu' che non ne sentiranno certo la mancanza avendo Baidu, Youku, e Tudou.Provate tra l'altro la funzione MP3-Search di Baidu e linka direttamente a mp3 e video pirata su YouKu !Ce l'ha google sta roba ?
    • angros scrive:
      Re: La cina ha ragione

      Provate tra l'altro la funzione MP3-Search di
      Baidu e linka direttamente a mp3 e video pirata
      su YouKu
      !Ma tu non eri contro ai motori di ricerca che trovano roba pirata? A volte non ti capisco.

      Ce l'ha google sta roba ?Un'altra cosa che a Google manca è questa:http://www.edushi.com/http://beijing.edushi.com/http://hangzhou.edushi.com/....Queste mappe sono molto piu' belle di quelle di Google Maps.
      • Pepito il breve scrive:
        Re: La cina ha ragione
        Non piu'.Siete riusciti a farmi cambiare idea.Motivo ancor di piu' per sostenere il modello di internet cinese,quello si' realmente libero e dove il warez e' praticamente legalee a cielo aperto.
        • angros scrive:
          Re: La cina ha ragione
          - Scritto da: Pepito il breve
          Non piu'.

          Siete riusciti a farmi cambiare idea.Allora suppongo che adesso tutte le tue foto siano disponibili gratuitamente.

          Motivo ancor di piu' per sostenere il modello di
          internet
          cinese,
          quello si' realmente libero e dove il warez e'
          praticamente
          legale
          e a cielo aperto.Strano, mi pareva che il modello cinese fosse quello che auspicavi tu, con whitelist per i siti approvati...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: La cina ha ragione
            ben vengano i pirati per le mie foto, tanto non esistono mie foto in hi-res sul web ma solo thumbnails con un bel watermark centrale.sulle whitelist rimango in toto a favore.infatti baidu & friends sono nella whitelist e ci rimarranno a lungo, come pure le bancarelle di dvd pirata davanti ai supermercati.
          • Sgabbio scrive:
            Re: La cina ha ragione
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • angros scrive:
            Re: La cina ha ragione
            - Scritto da: Pepito il breve
            ben vengano i pirati per le mie foto, tanto non
            esistono mie foto in hi-res sul web ma solo
            thumbnails con un bel watermark
            centrale.Mi pareva che tu non volessi far piratare nemmeno quelle:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2815970&m=2816892#p2816892

            sulle whitelist rimango in toto a favore.
            infatti baidu & friends sono nella whitelist e ci
            rimarranno a lungo, come pure le bancarelle di
            dvd pirata davanti ai
            supermercati.Beh, se questo è il tuo concetto di whitelist, sono del tutto inutili, direi.
      • Marco scrive:
        Re: La cina ha ragione
        - Scritto da: angros
        Un'altra cosa che a Google manca è questa:
        http://www.edushi.com/
        http://beijing.edushi.com/
        http://hangzhou.edushi.com/
        ....

        Queste mappe sono molto piu' belle di quelle di
        Google
        Maps.Davvero ben fatte! Ma sono riproduzioni di città reali?
        • angros scrive:
          Re: La cina ha ragione

          Davvero ben fatte! Ma sono riproduzioni di città
          reali?Certamente: c'è Pechino, c'è Hong Kong....È anche possibile passare alla foto satellitare (presa da Google), per confrontarle: vedi che corrispondono.
      • Eretico scrive:
        Re: La cina ha ragione
        - Scritto da: angros
        Un'altra cosa che a Google manca è questa:
        http://www.edushi.com/
        http://beijing.edushi.com/
        http://hangzhou.edushi.com/
        ....

        Queste mappe sono molto piu' belle di quelle di
        Google
        Maps.Si, praticamente è pixel art. Diciamo che si "leggono" meglio di un'immagine satellitare. Sono più chiare. Chissà se è un proXXXXX automatico di rendering oppure vengono utilizzati gli schiavi nei lagolay per convertire le immagini satellitari in pixel art a mano una per una ?
        • angros scrive:
          Re: La cina ha ragione
          La manodopera in cina costa poco... Comunque, se è per questo anche le città in 3d di Google Earth vengono disegnate
    • to sorela nana scrive:
      Re: La cina ha ragione
      http://www.youtube.com/watch?v=3NahHG6mYYw
    • Funz scrive:
      Re: La cina ha ragione
      - Scritto da: Pepito il breve
      Perfettamente d'accordo col governo cinese, tanto
      piu' che non ne sentiranno certo la mancanza
      avendo Baidu, Youku, e
      Tudou.Quindi ti levi dalle pa**e e ti trasferisci laggiù?
      Provate tra l'altro la funzione MP3-Search di
      Baidu e linka direttamente a mp3 e video pirata
      su YouKu
      !

      Ce l'ha google sta roba ?Ca**hio, è fantastico, quasi quasi mi trasferisco anche io :p
      • Pepito il breve scrive:
        Re: La cina ha ragione
        poveracci.vi lascio nella vostra crassa ignoranza.i laogai, il "regime", gli stipendi da fame, certo certo e dopo ?ma ci siete mai stati di persona ?ignoranti, arroganti, bauscia, i perfetti italioti del 2010.tra 30 anni i vostri figli laveranno i cessi ai cinesi e voistate qui a disquisire per sentito dire.
    • CHKDSK scrive:
      Re: La cina ha ragione
      Sei un troll fattene una ragione.
  • BSD FOREVER scrive:
    e il wat di windows?
    ..e di microsoft non dicono nulla? con gli strumenti "antipirateria (rotfl)" wat e wga che sparano informazioni dell'attività del PC sui server di redmond? ....misteri del marketing...
Chiudi i commenti