Moonlight 1.0 porta Silverlight su Linux

Il progetto Mono ha rilasciato la versione 1.0 di Moonlight, l'ormai noto plug-in per Firefox che permette agli utenti di Linux di riprodurre i contenuti basati sulla tecnologia Silverlight di Microsoft

Progetto Mono , nota iniziativa open source sponsorizzata da Novell , ha completato lo sviluppo della prima versione stabile di Moonlight , implementazione open source del giovane plug-in Silverlight di Microsoft . Grazie a Moonlight 1.0, gli utenti di Linux possono utilizzare Firefox per visualizzare i contenuti web dinamici basati sulla tecnologia Silverlight 1.0, rilasciata da BigM circa un anno e mezzo fa.

Disponibile per tutte le principali distribuzioni Linux, incluse SUSE, Fedora, Red Hat e Ubuntu, Moonlight 1.0 è il risultato di una collaborazione tecnica tra Microsoft e Novell per estendere l’interoperabilità tra Windows e Linux. I formati multimediali Windows Media Video (.wmv), Windows Media Audio (.wma) e MP3 vengono supportati da Moonlight attraverso il Microsoft Media Pack, un insieme di decoder software che il big di Redmond ha concesso in licenza a Novell. Chi non desidera utilizzare i codec proprietari di Microsoft, può tentare questa procedura per far funzionare Moonlight in coppia con la suite di codec open source FFmpeg .

“Microsoft Silverlight è la più completa e potente soluzione per la creazione di applicazioni rich internet e multimedia e viene utilizzato da centinaia di migliaia di sviluppatori nel mondo”, ha proclamato Scott Guthrie, dirigente della MS.NET Developer Division di Microsoft. “Abbiamo lavorato con il team di Moonlight e con Novell al fine di consentire l’interoperabilità tra le piattaforme Windows e Linux e ampliare le prestazioni interattive Web e video a beneficio della comunità Linux”.

Va detto che non tutti i siti che utilizzano Silverlight funzionano anche con il plug-in per Linux: c’è ad esempio chi lamenta l’impossibilità di visualizzare i contenuti video presenti sulle pagine di NBC Olympics e di Netflix . Spesso questa incompatibilità, affermano gli esperti, è dovuta semplicemente ad un errato design del sito, e può essere risolta dagli sviluppatori web con pochi minuti di lavoro.

Il progetto Mono è già da tempo al lavoro sulla versione 2.0 di Moonlight, che implementerà le funzionalità dell’equivalente versione di Silverlight e migliorerà le performance dei flussi video. Attualmente Moonlight 2.0 può essere scaricato in versione alpha.

Microsoft afferma che, ad oggi, i download di Silverlight sono stati “centinaia di milioni”, ma è difficile dire quale sia la reale penetrazione di questa tecnologia. I siti di un certo calibro che hanno migrato i propri contenuti verso Silverlight non sono molti, ma il numero complessivo cresce di settimana in settimana. Tra gli ultimi arrivati c’è il rinnovato portale Rai.tv , il cui player per lo streaming dei video e delle dirette TV si basa per l’appunto sulla tecnologia Silverlight. Una scelta, quella intrapresa dalla RAI, per altro fortemente criticata dai sostenitori degli standard aperti.

Il plug-in di Moonlight per Firefox può essere scaricato da qui nelle versioni a 32 e a 64 bit.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gnene scrive:
    p2p non e' illegale
    cioe' inutile tracciare l'header -.- se io scaric la iso di linux dovrebbero rompere per questo? e mettimao che non mi ricordo anche se risucirebbero ada avere il nome del file si puo' sempre rinominare in ubuntu-8.10 e il gioco e' fatto no?complimenti -.-
  • NO copyright scrive:
    ANts P2P
    P2P anonimo & criptatoANts P2Phttp://antsp2p.sourceforge.netSe tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.George Bernard Shaw
  • Andreabont scrive:
    Spreco di soldi
    Solito spreco si soldi, come sempre... ci hanno tentato innumerevoli volte, e, dati i risultati, non mi sembra che abbiano risolto il problema.
  • Enjoy with Us scrive:
    Non ho capito bene....
    .... come funzionerebbe l'aggeggio? Non capisco questo suo non occupare banda ed essere agganciato al buffer di controllo della rete ethernet!Cos'è adesso le major mi mettono una cimice integrata direttamente sul pc? No percchè almeno per come sono le ADSL Italiane non ne vedo altro utilizzo se non in università e posti di lavoro.... e non credo proprio che nessun Admin lasci i dipendenti liberi di scaricare con il mulo!
    • textoxtero scrive:
      Re: Non ho capito bene....
      Peer to peer non vuol dire che tra le macchine client non ci sia una struttura di rete.Qui dovrebbe lavorare il nostro magico scatolino..
    • fred scrive:
      Re: Non ho capito bene....
      in via teorica dovrebbe essere una tecnologia impelemtabili su router e e altre macchine ad elevato traffico come quelli dei provider internet in cui l'impatto del lavoro cpu per fare queste verifiche e' minimo e permetterebbe di mantenere i router prestanti e la velocita' inalterata con una spesa minima; ragionando sul funzionamento comunque lo trovo quasi inapplicabile, forse come dice l'articolo avrebbe funzionato bene 10 anni fa.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Hash di tutto un file dall'header
    Seh vabbè...[img]http://digilander.libero.it/bergovitz/images/Marmottina.gif[/img]
    • textoxtero scrive:
      Re: Hash di tutto un file dall'header
      Vabbè che ?Tutto il peer to peer è basato su questo.
      • Ciccio scrive:
        Re: Hash di tutto un file dall'header
        I primi 32 bit (4 byte) di un file non consentono di fare nessun hash utile.
        • antonio scrive:
          Re: Hash di tutto un file dall'header
          - Scritto da: Ciccio
          I primi 32 bit (4 byte) di un file non consentono
          di fare nessun hash
          utile.Anche perché, per ogni tipo di file, sono byte identici.
  • fred scrive:
    la strada errata
    proprio quella crittazione dei pacchetti tipica di bittorrent che server ad aggirare il deep packet inspection usato per limitare la velocita' rende questa tecnica inutilizzabile, quindi inefficente nonostante tale crittografia fosse ideata per ben altri scopi;i metodi per rintracciare gli utenti rimangono sempre i soliti che si usano da sempre...
    • aPenguin scrive:
      Re: la strada errata
      Hai perfettamente ragione.Scommetto che domani ci sara' qualcuno che citera' questo articolo sul forum per l'antipirateria per dire che e' possibile bloccare lo scambio di file.. e mi tocchera' pure spiegare la parte che non riescono a capire. -sob-
      • infame scrive:
        Re: la strada errata
        - Scritto da: aPenguin
        Hai perfettamente ragione.
        Scommetto che domani ci sara' qualcuno che
        citera' questo articolo sul forum per
        l'antipirateria per dire che e' possibile
        bloccare lo scambio di file.. e mi tocchera' pure
        spiegare la parte che non riescono a capire.
        -sob-e perchè?te lo ha ordinato il medico?
Chiudi i commenti