Moonlight, runtime da competizione

Il clone open source di Microsoft Silverlight è più arzillo che mai. A breve implementerà anche l'accelerazione hardware via GPU. Anche meglio dell'originale

Roma – Importante aggiornamento per Moonlight , il progetto open source nato per portare i rich content Silverlight in ambiente Linux. Nel prossimo futuro il clone del plugin Microsoft potrà sfruttare l’accelerazione hardware via GPU per velocizzare la riproduzione dei video, le animazioni, e sostenere il rendering degli effetti tridimensionali. Anche meglio dell’originale.

Gli sviluppatori di Mono spiegano infatti che Moonlight supporta l’elaborazione pixel shader dal primo all’ultimo bit, mentre il plugin Microsoft si limita ad accelerarne soltanto una manciata. David Reveman, padre dell’architettura XGL ], ha realizzato un paio di video YouTube proprio per dimostrare di che pasta è fatta questa nuova feature.

Il runtime può ora accelerare il rendering delle superfici sfruttando il precaricamento (pre-caching) dei dati effettuato dalla stessa cache della scheda video. E questo suo nuovo “super-potere” potrebbe far arrivare i contenuti Silverlight anche sui dispositivi embedded diversi da Windows Phone.

Il porting con estensione Firefox e Chrome , appoggiato dalla stessa Microsoft, tira quindi fuori le unghie, in barba alla diatriba tra Flash e HTML5. Al momento non si è ancora capito in quale release di Moonlight verrà implementata questa funzione, dedicata ai motori di rendering Gecko e WebKit, ma il codice sorgente con l’accelerazione grafica è già disponibile per il download.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • reXistenZ scrive:
    Trilussa
    Qualcuno mangia due polli, qualcuno nemmeno uno. E' la più grossa scoperta dalla notte dei tempi.
    • sentinel scrive:
      Re: Trilussa
      - Scritto da: reXistenZ
      Qualcuno mangia due polli, qualcuno nemmeno uno.
      E' la più grossa scoperta dalla notte dei
      tempi.Qui bisogna quotare.Ormai si potrebbe definire "La Legge dei Due Polli".Credo che chi compili statistiche dovrebbe farselaimpiantare nel cervelletto prima di emettere scemenze.
  • Fetente scrive:
    Estiqaatsi
    ricercatori hanno scoperto che chi ha un reddito più alto ha più tempo per navigare su internet, nonchè computer più potenti e connessioni a internet più veloci.Estiqaatsi! pensa che è normale, altrimenti come farebbero a pagarsi tutto questo!(cit. Sei-Uno-Zero, Lillo&Greg, Radio Due)
  • Joshthemajor scrive:
    Fosse così...
    La Mia ragazza non dovrebbe possedere 3 pc, 2 ipod, wii, ps3. Forse gli americani sono più furbi e, in caso non arrivassero a fine mese, non comprerebbero XXXXXXX. Oppure è il classico sondaggio campato per aria.
  • advange scrive:
    Causa effetto
    E se fosse il contrario? Cioè il fatto di navigare e di essere informati ti consente di diventare più ricco? E se invece non centrasse una mazza e basta?
  • uno nessuno centomilam ilionidimi liardi scrive:
    Dubbio risolto
    Da anni mi scervellavo per trovare una risposta alla mia domanda: "A possedere un computer e una connessione a internet saranno quelli che hanno i soldi per pagarli oppure quelli che non hanno un euro in tasca?". Sono molto felice che Punto Informatico, con la collaborazione del Pew, abbia risolto il mio dubbio. Grazie di esistere!
Chiudi i commenti