Mozilla, il Quantum è forte anche in Firefox 58

La fondazione americana ha annunciato la disponibilità di una nuova versione del browser del Panda Rosso, una release che continua sulla strada già intrapresa con Firefox 57 pensando soprattutto a migliorare le prestazioni

Roma – A due mesi di distanza dall’ uscita di Firefox 57 , Mozilla ha in questi giorni avviato la distribuzione della nuova versione del suo browser open source. Il focus principale non cambia rispetto a “Quantum”, visto che si parla ancora una volta di una release pensata per introdurre miglioramenti prestazionali e modifiche “sotto il cofano” invisibili all’utente comune.

Di certo Firefox 58 non rappresenta la “rivoluzione” che è stata Firefox “Quantum” 57, anche se non mancano le modifiche in grado di impensierire: i profili generati da Firefox 58 non sono compatibili con le versioni precedenti del browser, quindi gli utenti interessati a fare il downgrade dopo aver provato la nuova release sono avvisati.

I miglioramenti alle prestazioni, invece, si declinano prima di tutto nell’utilizzo di un thread indipendente per il rendering degli elementi base di una pagina Web (Off-Main-Thread painting): stando a quanto sostiene Mozilla, in questo modo Firefox 58 può essere più veloce del 30% rispetto al pur veloce Quantum.

Il nuovo Firefox ingrana la marcia anche con la cache del Bytecode JavaScript, una tecnica in grado di velocizzare l’avvio della navigazione su una pagina Web, e con un compilatore WebAssembly rinnovato in grado di supportare la compilazione in streaming .

Novità sono infine presenti anche per gli sviluppatori di estensioni, con nuove API WebExtension pensate per aggiungere alcune delle funzionalità mancanti al nuovo standard di add-on che ha spazzato via le vecchie – e spesso non compatibili – estensioni della generazione XUL.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Stelvio Brunazzi scrive:
    .....
    Dio c'è!
  • Mao99 scrive:
    info
    Sarebbe bello se una cosa del genere la facessero in tutte le farmacie per dimezzare i costi di acquisto per l'utente.
    • Utente sconsolato scrive:
      Re: info
      - Scritto da: Mao99
      Sarebbe bello se una cosa del genere la facessero
      in tutte le farmacie per dimezzare i costi di
      acquisto per
      l'utente.Dubito assai che a livello di farmacia sia utile per risparmiare. Visti di esempi di applicazione, con uno sguardo al futuro, ci vedo più possibilità di risparmio attraverso reactionware 'pirata' per farmaci costosi.Comunque i farmacisti almeno le capsule ex-novo già le fanno e, se si è fortunati, si trovano sia il generico che le compresse con più principio attivo (da cui ricavare le compresse più piccole con la dose richiesta). E si risparmia talmente tanto che ti inXXXXX comunque per la presa per il XXXX.
      • f865b18de70 scrive:
        Re: info
        Hmmm. Aggirare le leggi nel campo dei farmaci rischia di diventare pericoloso. Il farmacista potrebbe ridurre le dosi per farci la cresta.Siamo arrivati a questo punto per colpa di leggi studiate per favorire le caste. L'unica soluzione che non mette a repentaglio la vita dei pazienti è cambiare quelle leggi. Ma servirebbe tanto lavoro.L'unico aggiustamento rapido sarebbe quello di riasciare nuove licenze per farmacie che possono vendere solo farmaci generici.
        • Utente sconsolato scrive:
          Re: info

          Hmmm. Aggirare le leggi nel campo dei farmaci rischia di diventare
          pericoloso. Il farmacista potrebbe ridurre le dosi per farci la cresta.Il costo di un farmaco normale prodotto industrialmente sarà sicuramente inferiore rispetto all'uso di questi reactionware. A livello di farmacia non conviene nè al cliente nè al farmacista. A meno che non riguardi la necessità terapie personalizzate (ma è più riferito alla genetica).Sui reactionware 'pirata' per farmaci costosi tanto vale invece bypassare direttamente il farmacista, sempre che si raggiungano standard di produzione sicuri e facili.Il discorso delle capsule ex-novo comunque non è illegale, basta la ricetta. Un esempio: serve ciclo duraturo di antibiotici per gatto 1 compressa 50mg al giormo. Guarda un po' quanto si risparmia se dico al farmacista di farmi le compresse 50 mg a partire dalla scatola per il cane da 20c da 500mg (figurarsi se c'erà pure il generico): (https://www.pharmily.it/specialita/1107-synulox-compresse.html#/formato-50mg_10_cpr)
        • panda rossa scrive:
          Re: info
          - Scritto da: f865b18de70
          Hmmm. Aggirare le leggi nel campo dei farmaci
          rischia di diventare pericoloso. Il farmacista
          potrebbe ridurre le dosi per farci la
          cresta.

          Siamo arrivati a questo punto per colpa di leggi
          studiate per favorire le caste. L'unica soluzione
          che non mette a repentaglio la vita dei pazienti
          è cambiare quelle leggi. Ma servirebbe tanto
          lavoro.Si puo' cominciare a partire dal 4 marzo, non votando nessuno di quei partiti che nelle liste precompilate ha inserito candidati ammanicati con la casta, in modo da poter continuare l'ammanicamento con la casta.
          L'unico aggiustamento rapido sarebbe quello di
          riasciare nuove licenze per farmacie che possono
          vendere solo farmaci
          generici.Basterebbe rendere illegali i brevetti sui farmaci in modo che ogni farmacista possa produrre i preparati a partire dal principio attivo e il sistema sanitario paga solo l'effettivo costo del medicinale e non la cresta all'industria farmaceutica.
          • 38930b58041 scrive:
            Re: info

            Si puo' cominciare a partire dal 4 marzo, non
            votando nessuno di quei partiti che nelle liste
            precompilate ha inserito candidati ammanicati con
            la casta, in modo da poter continuare
            l'ammanicamento con la
            casta.
            Incredibile. Tu che scrivi di non votare M5S non me l'aspettavo.
          • Lorenzo scrive:
            Re: info
            Rendere illegali i brevetti sui farmaci significherebbe non avere farmaci , piuttosto sarebbe utile rendere illegale tenere nascosti farmaci efficaci ma economici , o ricaricare piu' di una certa percentuale ...
          • tito scrive:
            Re: info
            Non farci caso. E' il classico benaltrismo con proposte impraticabili per mantenere lo status quo.
          • pietro scrive:
            Re: info
            - Scritto da: panda rossa
            Basterebbe rendere illegali i brevetti sui
            farmaci in modo che ogni farmacista possa
            produrre i preparati a partire dal principio
            attivo e il sistema sanitario paga solo
            l'effettivo costo del medicinale e non la cresta
            all'industria
            farmaceutica.perfetto, il modo migliore per far smettere alle industrie farmaceutiche di fare ricerca.
  • Utente sconsolato scrive:
    Medicinali complessi?
    Ok, in attesa di leggere su Amazon le recensioni di coloni marziani su cartucce low-cost di acido lisergico...
Chiudi i commenti