Mozilla spiega la fine di Thunderbird

La foundation prova a chiarire la sua posizione. Il client email non muore, vivrà un lungo crepuscolo. Aggiornamenti fino al 2013, poi solo manutenzione
La foundation prova a chiarire la sua posizione. Il client email non muore, vivrà un lungo crepuscolo. Aggiornamenti fino al 2013, poi solo manutenzione

È un chiarimento che sa di conferma, quello fornito dai Mozilla-man in seguito al discusso annuncio sull’abbandono dello sviluppo di Thunderbird: in un intervista con il “Mozilla evangelist” Tristan Nitot, il responsabile dei lavori sul client email open source Jb Piacentino descrive in dettaglio quali sono le intenzioni della fondazione per i prossimi mesi e anni.

Thunderbird non muore, dice Piacentino, confermando altresì che a essere morto è “solo” l’interesse di Mozilla per il suo sviluppo: “Mozilla non si focalizzerà più sullo sviluppo di innovazioni per Thunderbird ma lo terrà sicuro e stabile – dice Piacentino – Inoltre Mozilla fornirà tutta l’infrastruttura richiesta per nuove funzionalità realizzate dalla community e da integrare nelle future release di Thunderbird”.

Mozilla continuerà a pagare qualche sviluppatore affinché mantenga in ordine il codice del client, anche se probabilmente tali sviluppatori saranno impegnati sul compito solo “part-time”. D’altronde i clienti di Thunderbird (che secondo i dati forniti da Piacentino sono oltre 20 milioni aziende incluse, dunque non esattamente una userbase da prossima estinzione) vogliono stabilità nelle funzionalità e sicurezza, dice lo sviluppatore, e Mozilla è pronta a seguire tale strada di stabilità per il futuro prossimo.

Ci saranno novità già previste sul lato funzionalità, assicura Piacentino, anche se il focus di Mozilla si è oramai spostato sulla sponda diametralmente opposta a quella dove risiede Thunderbird: da questa parte c’è un mail client che gli utenti di nuova generazione (smartphone, tablet, social networking ecc) non usano più, dall’altra ci sono il mobile, Firefox OS e il browser open source più noto.

Thunderbird a parte, infine, sono proprio i discussi upgrade ossessivo-compulsivi di Firefox a rappresentare l’ennesimo spunto di discussione Mozilla-centrica in rete: lo sviluppatore Jono DiCarlo (attivo sul progetto Firefox) dice che “tutti odiano gli aggiornamenti” del browser, o per meglio dire il modo in cui Mozilla gestisce gli upgrade è particolarmente odiato da utenti, sviluppatori e professionisti.

La “crisi” di Firefox è generata anche dall’eccesso di importanza data dal team di sviluppo al rinnovamento dell’interfaccia ogni release o quasi, continua DiCarlo, un fatto che a suo giudizio porta inesorabilmente al peggioramento dell’usabilità del browser senza alcun guadagno in nessun altro ambito funzionale.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 07 2012
Link copiato negli appunti