MPAA: SOPA e PIPA, morte e sepolte

Il CEO Chris Dodd ammette: quei disegni di legge non torneranno mai più. Pronta invece la salsa americana per la Dottrina Sarkozy, ma i detentori dei diritti non perseguiranno gli scariconi

Roma – “Queste proposte di legge sono morte, non torneranno mai più”. Parola di Chris Dodd, attuale CEO dell’associazione cinematografica statunitense Motion Picture Association of America (MPAA). In un recente incontro al Commonwealth Club di San Francisco, l’ex-senatore del Connecticut avrebbe certamente preferito parlare d’altro, evitando di concentrarsi sui due disegni di legge che hanno scatenato la rivolta nel vasto ecosistema digitale.

“SOPA e PIPA non dovrebbero più tornare. Piuttosto, dovremmo sederci e discutere con il settore tecnologico e i principali oppositori dei due disegni di legge”, ha continuato Dodd. Lo stesso CEO di MPAA ha ricordato i giorni in cui il web scatenava la gigantesca ondata di protesta per boicottare le proposte di tutela del copyright sulle nuove reti di comunicazione elettronica .

“Tra i co-sponsor delle due leggi, la gente iniziava a ritirarsi col passare dei minuti, nemmeno delle ore”, ha ricordato Dodd, che si è comunque soffermato sulle operazioni di rimozione delle pagine web colte in violazione del diritto d’autore. Nello scorso anno, il gigante Google avrebbe rimosso qualcosa come 5 milioni di pagine per violazione del copyright . Come a dire che SOPA e PIPA non sarebbero state poi così astruse.

Se SOPA e PIPA sono morte, il nuovo meccanismo basato sui copyright alerts sembra ormai pronto con la collaborazione dei principali provider statunitensi. “Un programma educativo”, assicura Dodd, che non andrà a punire bensì a distogliere l’attenzione dei netizen dalle piattaforme per la condivisione illecita dei contenuti. MPAA non perseguirà gli abbonati cercando informazioni dai provider a stelle e strisce .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ridodirado scrive:
    EboLebo
    Con EboLebo digerisco anche mia suocera... ma java no!(non ho mai visto un'applicazione java che funzioni)
    • Vincent scrive:
      Re: EboLebo
      Non che mi piaccia particolarmente per le sue performance su desktop (oggi), ma di progetti funzionanti ne trovi. http://netbeans.org/features/platform/showcase.htmlgiusto un esempio sviluppato dalle librerie netbeans, oppure vuze o jdownloader, razorSQL, i prodotti jetbrain da Intellij a webstorm, phpstorm e ovviamente tutta la parte middleware per banche, assicurazioni e via discorrendo. Hai anche android anche se con una vm differente, ma di java si tratta. Certo non troverai mai prodotti mainstream tipo photoshop (forse un domani) oggi, ma java c'e' e vive + di quanto non si possa pensare.
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: EboLebo
      - Scritto da: Ridodirado
      Con EboLebo digerisco anche mia suocera... ma
      java
      no!
      (non ho mai visto un'applicazione java che
      funzioni)non l'hai mai vista, pur usandola quasi certamente.
  • ruppolo scrive:
    La fondamenta di Android...
    ...poggiano sul plagio e sulla violazione di brevetti.Bello schifo!
  • styx scrive:
    Oracle, oltre a titillarsi
    con gli avvocati, mettera' anche la sua JRE in android market e in apple store, o e' vietato dalla policy?PS: si so che Apple era piena di antifeature, ma dura/durera' per sempre questa politica?
Chiudi i commenti