USA, pronta l'HADOPI d'oltreoceano

Non tre ma sei avvisi graduali. Per "educare" gli utenti statunitensi al rispetto del diritto d'autore. Ma i provider potrebbero anche optare per le disconnessioni

Roma – Mentre il governo francese riflette sulla possibilità di cestinare la famigerata HADOPI , i grandi provider statunitensi sembrano pronti per l’introduzione del nuovo meccanismo basato sui cosiddetti Copyright Alerts . Sei avvisi graduali – da qui, il termine six strikes – al 75 per cento degli utenti a stelle e strisce, con l’obiettivo di prevenire ed eventualmente punire le attività di scaricamento e condivisione dei contenuti illeciti.

A capo del nuovo Center for Copyright Information (CCI), Jill Lesser ha assicurato che il nuovo sistema servirà esclusivamente per fini educativi , definitivamente implementato entro la fine di quest’anno. “Non è la versione americana del sistema francese – ha spiegato Lesser alla redazione di Ars Technica – e non si tratta di un gioco come il baseball”.

A parte il gioco di parole con il termine strike , il nuovo direttore del CCI non ha voluto offrire dettagli più illuminanti sul reale funzionamento del meccanismo dei sei colpi o avvertimenti. “È un programma a scopo educativo – ha ribadito Lesser – e ci saranno degli avvisi da inviare ai vari abbonati”.

In sostanza , il regime dei Copyright Alerts porterebbe gli utenti scariconi a riflettere sulle proprie azioni digitali, nel tentativo di insegnare alle giovani generazioni i pericoli derivanti dal download pirata . Secondo Lesser, il programma six strikes condurrà gli stessi utenti verso quelle piattaforme legali per l’acquisto di musica, film e videogiochi.

Dunque nessuna sanzione per gli abbonati? In realtà, spetterà ai vari operatori il compito di decidere, scegliendo tra varie punizioni che effettivamente ricordano HADOPI . A mali estremi, provider come Comcast o Verizon potranno disconnettere gli utenti recidivi, non prima di aver inviato a mezzo posta un video educativo di 10 minuti.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • FDG scrive:
    Ci strapperemo i capelli
    Proprio
  • prova123 scrive:
    prova123
    L'esperienza di questo flop sarà riportata in un best seller dal titolo "Noi, i macachi dello zoo di Cupertino" :DProbabilmente lo chiudono per poi aprire un forum a pagamento ... conoscono bene i loro polli macachi :D
  • bertuccia scrive:
    "Non accetteremo più nuovi membri"
    That's what *she* said!
    • bubba scrive:
      Re: "Non accetteremo più nuovi membri"
      - Scritto da: bertuccia
      That's what *she* said!lol :)cmq mi sono venuti i brividi leggendo "Gli utenti potranno appunto condividere musica"... bisogna stare attenti a certe dichiarazioni...
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: "Non accetteremo più nuovi membri"
      [img]http://in-this-economy.com/wp-content/uploads/2009/10/penis-costume4.jpg[/img]
    • tucumcari scrive:
      Re: "Non accetteremo più nuovi membri"
      - Scritto da: bertuccia
      That's what *she* said!who's care?oppsssPardon!uos care?
      • Doctor scrive:
        Re: "Non accetteremo più nuovi membri"
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: bertuccia

        That's what *she* said!
        who's care?
        oppsss
        Pardon!
        uos care?...Who cares?
        • tucumcari scrive:
          Re: "Non accetteremo più nuovi membri"
          - Scritto da: Doctor
          - Scritto da: tucumcari

          - Scritto da: bertuccia


          That's what *she* said!

          who's care?

          oppsss

          Pardon!

          uos care?

          .
          .
          .
          Who cares?Sono comuni entrambe le espressioni in Nordamericaun esempio a caso..http://www.empathicparenting.org/whoscare.html
          • Optimus scrive:
            Re: "Non accetteremo più nuovi membri"
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: Doctor

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: bertuccia



            That's what *she* said!


            who's care?


            oppsss


            Pardon!


            uos care?



            .

            .

            .

            Who cares?
            Sono comuni entrambe le espressioni in Nordamerica
            un esempio a caso..
            http://www.empathicparenting.org/whoscare.htmlUOS te lo sei sognato...
Chiudi i commenti