MS, HP e la brutta giornata dei tablet

Redmond ha annunciato che Courier verrà per ora abbandonato. Mentre Palo Alto pare non essere soddisfatta di Seven e dell'hardware Intel. Il suo progetto Slate rinascerà con WebOS?
Redmond ha annunciato che Courier verrà per ora abbandonato. Mentre Palo Alto pare non essere soddisfatta di Seven e dell'hardware Intel. Il suo progetto Slate rinascerà con WebOS?

C’è chi ha addirittura parlato di una giornata di sangue, che avrebbe gettato più di un’ombra sulla futura concorrenza nel mercato dei tablet. Cadaveri eccellenti, vittime di precise strategie aziendali nell’ancora fredda corsa alla tavoletta. Due dispositivi mobile praticamente decapitati e la guerra ad iPad sembra ormai rimandata.

La prima vittima, quel Courier svelato per la prima volta online alla fine dello scorso settembre. Un diario digitale di bordo, in sviluppo da parte di Microsoft per rispondere al tablet made in Cupertino . Courier sarebbe stato più piccolo di iPad, ma con un processore più potente. Alla fine dello scorso marzo la sua esistenza era stata confermata non ufficialmente .

E si parlava di un lancio ormai imminente. Simile ad un’agenda e con lo spessore di una rivista, Courier sembrava avere due schermi da 7 pollici collegati da una cerniera con un singolo bottone e un’apertura a libro. Un prodotto dall’alto potenziale, che tuttavia pare essere definitivamente uscito dai prossimi orizzoni del colosso di Redmond .

Quelli di Gizmodo – il sito che peraltro aveva già mostrato le prime immagini del tablet di BigM – sono stati i primi a riportare un preciso annuncio, diramato dal vicepresidente delle comunicazioni di Microsoft Frank Shaw. Che ha in sostanza confermato ciò che era già trapelato a partire da fonti interne di Microsoft: non ci sarebbe più alcun supporto al progetto Courier .

“In ogni momento – ha dichiarato Shaw – cerchiamo nuove idee, analizzandole, testandole, tenendole in incubazione. È nel nostro DNA sviluppare nuovi formati ed interfacce, per alimentare creatività e produttività. Il progetto Courier è un esempio di questo tipo di sforzi. La sua futura implementazione verrà valutata, ma attualmente non abbiamo piani per la costruzione di un dispositivo del genere”.

Allora, se “il progetto Courier è un esempio di questo tipo di sforzi”, perché Microsoft ha deciso di abbandonarlo? C’è chi ha invitato i propri lettori a proporre ipotesi plausibili, ma c’è anche chi ha parlato dell’impossibilità da parte di BigM di competere con la popolarità di iPad e l’imminente sbarco dei tablet basati su Android.

Sarebbe paura quella che ha portato BigM a ritirare il progetto Courier? Paura anche di Hewlett-Packard che potrebbe lanciare nel prossimo futuro una tavoletta basata su WebOS? Ma HP non era forse al lavoro sul progetto Windows 7 Slate? E qui si passa alla seconda vittima eccellente nella suddetta giornata di sangue nel mercato dei tablet, notizia per la quale manca al momento una conferma solida come nel caso precedente.

Secondo quanto riportato da TechCrunch , HP non avrebbe alcuna intenzione di lanciare sul mercato quello che doveva chiamarsi Slate, un tablet basato su Windows 7. Era stato lo stesso Steve Ballmer a presentare al pubblico il progetto, nel corso del keynote all’ultima edizione a Las Vegas del Consumer Electronics Show (CES). Sempre secondo le fonti, HP avrebbe abbandonato anche la prevista struttura hardware di Intel perché troppo avida d’energia.

Ma se Microsoft ha annunciato che non ci saranno nel prossimo futuro dispositivi simili a Courier, quella di HP sarebbe semplicemente una strategia di revisione di obiettivi di sviluppo. Il condizionale è infatti d’obbligo, dal momento che – come riportato da TechCrunch – l’azienda californiana non si è ancora espressa ufficialmente a smentire o confermare le speculazioni.

Speculazioni che non hanno fatto a meno di tirare in ballo la recente acquisizione di Palm da parte di HP, che si è aggiudicata l’asta per quasi 6 dollari ad azione. C’è infatti chi ha ipotizzato un cambio di rotta, per lo sviluppo di un dispositivo basato su WebOS , il sistema operativo creato per gli smartphone Palm Pre e Pixi. Secondo alcuni, HP non sarebbe affatto rimasta soddisfatta da Windows 7.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 04 2010
Link copiato negli appunti