Multimedia: l'aggiramento di Microsoft

Lo mettono in opera RealNetworks e Apple con un accordo che porta all'integrazione di QuickTime in RealPlayer. Ai danni di quel Windows Media Player su cui punta tutto l'azienda di Bill Gates
Lo mettono in opera RealNetworks e Apple con un accordo che porta all'integrazione di QuickTime in RealPlayer. Ai danni di quel Windows Media Player su cui punta tutto l'azienda di Bill Gates


New York (USA) – Con una mossa che potrebbe influenzare le sorti del ricco mercato dello streaming di contenuti multimediali on-line, Apple ha concesso a RealNetworks la licenza di QuickTime, un formato audio/video tra i più apprezzati nel suo genere.

RealNetworks ha già annunciato che il suo RealServer 8 è già pronto per supportare il formato di Apple mentre per i suoi player l’aggiornamento sarà automatico: basterà infatti cliccare su di un video QuickTime e decidere se scaricare in automatico il plug-in necessario alla sua visione.

Questo accordo fra due delle tre più grandi società di streaming on-line tende a rafforzare la presenza della tecnologia QuickTime su Internet e rendere ancora più completo il player ed il server di RealNetworks. Naturalmente l’obiettivo finale è quello di contrastare l’ascesa di Microsoft che con il suo nuovo Windows Media Player 7 offre agli utenti Windows un player all-in-one completamente gratuito.

Un tipo di “strategia”, quella messa in campo da Microsoft, che a chi ricorda “le guerre dei browser” non può suonare nuova.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 06 2000
Link copiato negli appunti