Musica, denunciati i dentisti italiani

Ci pensa SCF, che intende raccogliere compensi dai medici dentisti del Bel paese per certa musica diffusa nei loro studi. Secondo SCF, infatti, alcuni diritti discografici rimangono scoperti


Roma – Non tutte le parti coinvolte nella produzione e distribuzione della musica ricevono quanto previsto dalla legge, per la diffusione della musica registrata negli studi dentistici italiani. Così la Società Consortile Fonografici (SCF) , che gestisce la raccolta e la distribuzione dei diritti discografici per conto dei produttori fonografici e degli artisti interpreti ed esecutori , ha spiegato la decisione di denunciare i dentisti italiani .

In una nota diffusa alla stampa, SCF sostiene che, secondo la legge sul diritto d’autore (la 633 del 1941), “per diffondere legittimamente musica registrata in pubblico, anche senza scopo di lucro, occorre ottenere l’autorizzazione da tutte le parti che contribuiscono alla creazione del prodotto musicale, quindi gli autori, gli artisti interpreti ed esecutori e i produttori fonografici”.

Per la diffusione in pubblico di musica registrata – questa la tesi di SCF – è necessario quindi regolarizzare la propria posizione non solo con la SIAE , per i diritti d’autore, ma anche con SCF per quanto riguarda i diritti discografici.

Il primo ad essere preso di mira è uno studio dentistico milanese, una denuncia che SCF spiega con il fallimento delle trattative intercorse da più di un anno con ANDI , l’Associazione dei dentisti, imperniate appunto sul definire un compenso per l’utilizzo della musica registrata in pubblico anche senza scopo di lucro. “A seguito dell’improvvisa interruzione delle trattative da parte di ANDI – specifica la nota – abbiamo dato il via ad una prima azione legale nei confronti di un singolo dentista. Si tratta di un’azione che non escludiamo possa preludere una campagna più estesa nei confronti dell’intera categoria e di altre ad essa analoghe”.

La denuncia contro i dentisti non è certo una novità per SCF che negli ultimi mesi è riuscita ad instaurare rapporti formali per i diritti di cui è portatrice con diverse categorie, dai negozianti fino alle parrocchie .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La prima causa di virus,worm,spy etcetc
    ...sono gli stessi utenti "distratti".   :|
    • Anonimo scrive:
      Re: La prima causa di virus,worm,spy etc
      - Scritto da: Anonimo
      ...sono gli stessi utenti "distratti". :|Eppure di utenti distratti ce ne sono anche su Sun, Unix, Mac e' windows che e' un colabrodo.
  • Anonimo scrive:
    Intercettati da chi
    è più che altro la domanda importante.Probabilmente il Voip è più vulnerabile del traffico "normale" (ma non ci sono test specifici a dimostrarlo).Tuttavia per i casi di spionaggio industriale e simili non esiste mezzo sicuro alcuno, perchè a fare le intercettazioni sono organizzazioni statali o parastatali che non hanno certo limiti di accesso (vedi echelon) quando addirittura non hanno servizi dedicati da parte dei gestori.Riguardo alle intercettazioni da parte della forza pubblica per controllo (e/o altro) bhè forse il voip è persino più sicuro.Restano le intercettazioni tra privati (che così facendo violano la legge però). Inoltre non so quanto sia rilevante questa fascia per considerarla a rischio.Ovvio che comunicare con il dubbio che "qualcuno ascolti" è una cosa bruttissima, ma il rischio c'è, qualsiasi sistema si utilizzi.Unico metodo sicuro? Il papello...mafia docet, con quelli raramente si fanno beccare!
    • Anonimo scrive:
      Re: Intercettati da chi
      - Scritto da: Anonimo
      è più che altro la domanda importante.
      Probabilmente il Voip è più vulnerabile del
      traffico "normale" (ma non ci sono test specifici
      a dimostrarlo).
      Tuttavia per i casi di spionaggio industriale e
      simili non esiste mezzo sicuro alcuno, perchè a
      fare le intercettazioni sono organizzazioni
      statali o parastatali che non hanno certo limiti
      di accesso (vedi echelon) quando addirittura non
      hanno servizi dedicati da parte dei gestori.
      Riguardo alle intercettazioni da parte della
      forza pubblica per controllo (e/o altro) bhè
      forse il voip è persino più sicuro.

      Restano le intercettazioni tra privati (che così
      facendo violano la legge però). Inoltre non so
      quanto sia rilevante questa fascia per
      considerarla a rischio.

      Ovvio che comunicare con il dubbio che "qualcuno
      ascolti" è una cosa bruttissima, ma il rischio
      c'è, qualsiasi sistema si utilizzi.

      Unico metodo sicuro? Il papello...mafia docet,
      con quelli raramente si fanno beccare!Veramente il VOIP è più sicuro della telefonia tradizionale, anche perché essendo traffico IP può essere criptato
    • AnyFile scrive:
      Re: Intercettati da chi
      Concordo siamo tutti soliti pensare che il telefono sia un mezzo sicuro quando non lo e' affatto.Non solo le istiituzioni possono disprre accertamenti (piu' o meno a ragione), ma chiunque puo' fisicamente attaccarsi ai fili e sentire in chiaro la conversazione.In molti posti i fili sono addiirttura all'aperto, fare una dirazmazione non deve essere cosi' tanto difficile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Intercettati da chi
      insicuro per mamma telecom che nn ha piu ricavi nultimilionarie piu facile intercettare una banale linea telefonica
  • Anonimo scrive:
    Invece la telefonata normale no ?
    Si sono sempre intercettate le chiamate telefoniche normali non vedo quindi cosa cambi in peggio con il voip anzi il voip si può teoricamente criptare mentre la telefonata analogica no
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece la telefonata normale no ?
      cambia che mentre la telefonata normale passa dentro i fili che a loro volta sono chiusi dentro armadi telecom (o chi per lei...) i dati di internet sono sniffabili ovunque. E mentre gli armadi sono più o meno chiusi, internet è ben affollata di gente che si diverte a sniffare pacchetti qua e la senza problemi.Come paragone possiamo fare quello della telefonia cellulare: il tacs trasmetteva in chiaro, e tutti sanno quanto era facile ascoltare le chiamate altrui... problema risolto con GSM e successivi...Il problema è che come nel caso dei cellulari, il mezzo è pubbilico, anche nel caso IP è molto più facile "rubare" pacchetti che scassinare l'armadio di permuta e collegarci un telefono... tutto qui.... e sempre IMHO
      • Anonimo scrive:
        Re: Invece la telefonata normale no ?

        Il problema è che come nel caso dei cellulari, il
        mezzo è pubbilico, anche nel caso IP è molto più
        facile "rubare" pacchetti che scassinare
        l'armadio di permuta e collegarci un telefono...
        tutto qui.... e sempre IMHOSi vede quanto ne capisci di routing IP.A parte che, come il GSM, cifrando la conversazione ottieni comunque un buon grado di sicurezza.
        • partygiano scrive:
          Re: Invece la telefonata normale no ?

          molto più
          facile "rubare" pacchetti che scassinare
          l'armadio di permuta e collegarci un
          telefono...
          tutto qui....non devi per forza scassinare l' armadio per collegare 2 spilli al doppino telefonico che esce dall' abitazione, anni fa dei conoscenti, per incastrare un tipo, si sono costruiti un piccolo box (su Nuova Elettronica ne trovavi a iosa di questi kit) autoalimentato dalla linea, prendeva il senale e lo ritrasmetteva in AM, per spiarlo si mettevano a una cinquantina di metri dal coso e se ne stavano comodi in macchina con l' autradio accesa nella loro stazione preferita :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Invece la telefonata normale no ?

        E mentre gli
        armadi sono più o meno chiusi, internet è ben
        affollata di gente che si diverte a sniffare
        pacchetti qua e la senza problemi.[---cut---]Comincia a studiare i principi di networking, ti accorgerai di che bestialità sei riuscito a scrivere...E smettila di fare terrorismo psicologico da quattro soldi...
        • Anonimo scrive:
          Re: Invece la telefonata normale no ?
          Allora:a) non voglio fare alcun terrorismo psicologico, e se i miei discorsi fossero totalemente campati per aria non sarebbe nemmeno esistito l'articolo che ha scatenato la discussione.b) conosco i principi di networking e il routing IP, ma se li conoscete anche voi saprete sicuramente che di tecniche per sniffare pacchetti ne esistono e come. Non dico che nel mio pc transitano tutte le conversazioni voip del mondo o che io possa ascoltare facilmente qualunque conversazione VoIP, ma dico che se qualcuno di mette in testa di farlo è relativamente facile riuscirci, e non sto a dirvi come, tanto visto che conoscete bene il networking già lo sapete. Non dico che è semplicissimo, ma è sicuramente più semplice di quanto non lo sia per la telefonia tradizionale.c) è verissimo che come il GSM è crittografabile, infatti l'unica cosa che dico io contro il VoIP è questa: non ha crittografia nativa, e per me è sbagliato. Fine dei discorsi, con questo non voglio uccidere il progredire delle tecnologie, anzi: ben venga, ma in maniera intelligente. In un epoca dove worm, virus e smanettoni spippolano le reti dalla mattina alla sera, un protocollo di comunicazione nuovo andava dotato in maniera nativa di stumenti per renderlo più sicuro invece il protocollo SIP non ne ha. Ed ormai non è possibile un facile upgrade perchè l'elevato numero di hardware in circolazione (fxo e fxs) in standard sip non è aggiornabile fino a questo livello, vuoi per limiti della cpu stessa o per spazio per il firmware. Ho detto tante stupidaggini ? Non mi sembra. Se le ho detti vi prego di correggere senza fare stupida ironia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Invece la telefonata normale no ?
            - Scritto da: Anonimo
            Allora:

            a) non voglio fare alcun terrorismo psicologico,
            e se i miei discorsi fossero totalemente campati
            per aria non sarebbe nemmeno esistito l'articolo
            che ha scatenato la discussione.

            b) conosco i principi di networking e il routing
            IP, ma se li conoscete anche voi saprete
            sicuramente che di tecniche per sniffare
            pacchetti ne esistono e come. Non dico che nel
            mio pc transitano tutte le conversazioni voip del
            mondo o che io possa ascoltare facilmente
            qualunque conversazione VoIP, ma dico che se
            qualcuno di mette in testa di farlo è
            relativamente facile riuscirci, e non sto a dirvi
            come, tanto visto che conoscete bene il
            networking già lo sapete. Non dico che è
            semplicissimo, ma è sicuramente più semplice di
            quanto non lo sia per la telefonia tradizionale.

            c) è verissimo che come il GSM è crittografabile,
            infatti l'unica cosa che dico io contro il VoIP è
            questa: non ha crittografia nativa, e per me è
            sbagliato. Fine dei discorsi, con questo non
            voglio uccidere il progredire delle tecnologie,
            anzi: ben venga, ma in maniera intelligente.
            In un epoca dove worm, virus e smanettoni
            spippolano le reti dalla mattina alla sera, un
            protocollo di comunicazione nuovo andava dotato
            in maniera nativa di stumenti per renderlo più
            sicuro invece il protocollo SIP non ne ha. Ed
            ormai non è possibile un facile upgrade perchè
            l'elevato numero di hardware in circolazione (fxo
            e fxs) in standard sip non è aggiornabile fino a
            questo livello, vuoi per limiti della cpu stessa
            o per spazio per il firmware.

            Ho detto tante stupidaggini ? Non mi sembra.

            Se le ho detti vi prego di correggere senza fare
            stupida ironia.Vero, il pacchetto IP può essere sniffato, ma può anche esere crittografato, cosa che non è possibile fare con la telefonata analogica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Invece la telefonata normale no ?
            - Scritto da: Anonimo
            Allora:

            a) non voglio fare alcun terrorismo psicologico,
            e se i miei discorsi fossero totalemente campati
            per aria non sarebbe nemmeno esistito l'articolo
            che ha scatenato la discussione.Innanzitutto l'articolo pone l'accento sull'affidabilità di tali sistemi, come tutti esposti ad attacchi più o meno massivi e che possono causare disservizi distribuiti di grande entità; cosa che, ovviamente, con le linee telefoniche non può (ma fino ad un certo punto) succedere, nel senso che il guaio maggiore è di natura fisica (va a fuoco una centralina, degli operai tranciano inavvertitamente un cavo sotterraneo, e via dicendo).Poi, quando parla di PRIVACY (e soltanto 1 su 4 teme per questo), cito testualmente l'articolo:"Una visione che non sembra però tenere conto della realtà tecnologica, in quanto l'intercettazione delle tradizionali linee voce è senza dubbio più agevole."

            b) conosco i principi di networking e il routing
            IP, ma se li conoscete anche voi saprete
            sicuramente che di tecniche per sniffare
            pacchetti ne esistono e come. Non dico che nel
            mio pc transitano tutte le conversazioni voip del
            mondo o che io possa ascoltare facilmente
            qualunque conversazione VoIP, ma dico che se
            qualcuno di mette in testa di farlo è
            relativamente facile riuscirci, e non sto a dirvi
            come, tanto visto che conoscete bene il
            networking già lo sapete. Non dico che è
            semplicissimo, ma è sicuramente più semplice di
            quanto non lo sia per la telefonia tradizionale.Vedi citazione sopra. L'elemento caratterizzante di entrambe le situazioni è quella di avere accesso "diretto" agli apparati: come non puoi intercettare una telefonata senza agganciarti a qualche centralina (o perchè no ad un semplice cavo), non puoi sniffare pacchetti se non ti trovi tra mittente e destinatario della comunicazione.

            Ho detto tante stupidaggini ? Non mi sembra.

            Se le ho detti vi prego di correggere senza fare
            stupida ironia.Non mi permetto di dirti che hai scritto stupidaggini, soltanto che l'allarmismo è esagerato e solo parzialmente giustificato (non più di com'è ora).Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Invece la telefonata normale no ?

            c) è verissimo che come il GSM è crittografabile,
            infatti l'unica cosa che dico io contro il VoIP è
            questa: non ha crittografia nativa, e per me è
            sbagliato. Invece è giusto così si fa una bella legge che obbliga a crittare le conversazioni e si può sempre scegliere l'algoritmo migliore poi se qualcuno necessita di maggiore sicurezza può sceglierene uno personalizzato
        • AnyFile scrive:
          Re: Invece la telefonata normale no ?
          - Scritto da: Anonimo


          E mentre gli

          armadi sono più o meno chiusi, internet è ben

          affollata di gente che si diverte a sniffare

          pacchetti qua e la senza problemi.
          [---cut---]

          Comincia a studiare i principi di networking, ti
          accorgerai di che bestialità sei riuscito a
          scrivere...Ma chi ha acesso agli ISP potrebbe farlo?
      • AnyFile scrive:
        Re: Invece la telefonata normale no ?
        - Scritto da: Anonimo
        cambia che mentre la telefonata normale passa
        dentro i fili che a loro volta sono chiusi dentro
        armadi telecom (o chi per lei...) e i fili che penzolano in mezzo alla campagna dove li metti?e sai come vengono fatte le trasmissioni in interurbana? Tramite fili? No, tramite radio.Quindi basta un antenna per poterli intercettare.
  • Anonimo scrive:
    Problema di base
    A parte l'inaffidabilità dei servizi che lottano al prezzo più basso a scapito della qualità... la cosa grave è IMHO che il traffico VoIP transita in chiaro sulla rete... quindi mooooolto intercettabile !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Problema di base
      ...se è per questo il traffico telefonico tradizionale pure, quindi....
    • Anonimo scrive:
      Re: Problema di base
      - Scritto da: Anonimo
      A parte l'inaffidabilità dei servizi che lottano
      al prezzo più basso a scapito della qualità... la
      cosa grave è IMHO che il traffico VoIP transita
      in chiaro sulla rete... quindi mooooolto
      intercettabile !!!argomentare "inaffidabilità" e "traffico VoIP transita in chiaro sulla rete" grazie.
    • Xendorf scrive:
      Re: Problema di base
      - Scritto da: Anonimo
      A parte l'inaffidabilità dei servizi che lottano
      al prezzo più basso a scapito della qualità... la
      cosa grave è IMHO che il traffico VoIP transita
      in chiaro sulla rete... quindi mooooolto
      intercettabile !!!Magari non vi è alcun fondo di verità ma qualche giorno fa alcuni amici mi hanno riferito che alcune compagnie telefoniche commutano sul VoIP anche le chiamate normali senza dire nulla ai loro clienti.Qualcuno di voi conferma questa tesi o posso tranquillamente andare dai miei amici e ringraziarli come si deve per avermi fatto fare la figura del pirl@? :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Problema di base
        - Scritto da: Xendorf

        - Scritto da: Anonimo

        A parte l'inaffidabilità dei servizi che lottano

        al prezzo più basso a scapito della qualità...
        la

        cosa grave è IMHO che il traffico VoIP transita

        in chiaro sulla rete... quindi mooooolto

        intercettabile !!!

        Magari non vi è alcun fondo di verità ma qualche
        giorno fa alcuni amici mi hanno riferito che
        alcune compagnie telefoniche commutano sul VoIP
        anche le chiamate normali senza dire nulla ai
        loro clienti.

        Qualcuno di voi conferma questa tesi o posso
        tranquillamente andare dai miei amici e
        ringraziarli come si deve per avermi fatto fare
        la figura del pirl@?
        :DA quanto o letto in giro, tutte le compagnie lo fanno, telecom in testa. La telefonia dopo i grossi nodi viaggia già tutta in VoIP, e se ci pensi é ovvio E per quanto rigaurda la sicurezza (ahw ahw, sicurezza....) credo che tutti i sistemi VoIP e instant messengers vari lavorino già con criptatura end to end. E da un pezzoDal sito skype:"Nessuno può origliare.Per permetterti di parlare, chattare o trasmettere file in tutta sicurezza, abbiamo fatto veramente il massimo. Skype cripta tutto automaticamente prima di inviarlo su Internet. Nello stesso modo, alla ricezione i dati verranno immediatamente decriptati sotto forma di voce chiara e forte, testo o file che nessun altro può intercettare."Che poi si possa comunque intercettare é un'altro paio di manicheD'altrone lo stesso problema c'é con le mail, con le transazioni online, con i telefoni tradizionali, col cestino delle cartacce in ufficio..ecc.Quindi che la smettano di mettere i bastoni fra le ruote e lascino che la tecnologia decolli che non se ne puo' piu' ti telecom e balle varie.IMHOBuona giornata a tuttiLorenzo
        • Anonimo scrive:
          Re: Problema di base
          Hai portato skype come esempio, che è l'unica ad avere un protocollo proprietario. Io mi riferisco a VoIP comunemente più diffuso, ovvero basato su SIP....e non puntiamo sempre il dito contro telecom... vediamo che finanno fa il voip e il 90% degli isp senza telecom.Nessuno vieta di fare una rete alternativa... e c'è anche chi si è mosso in questo senso, vedi Fastweb, Wind, Tiscali.... e tutti gli altri ? Comunque, tornando alla sicurezza... vero è che anche la telefonia tradizionale è in chiaro... ma è anche vero che per intercettare una chiamata bisogna scassinare gli armadi telecom, mentre con il voip bastano codicilli di poco conto. La protezione deve essere adeguata al mezzo di comunicazione, essendo ip più aperto... andava più chiusa la conversazione. Ribadisco l'esempio dei cellulari tacs che si ascoltavano con un pezzetto di stagnola dentro ai telefoni motorola !!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Problema di base
            - Scritto da: Anonimo
            Hai portato skype come esempio, che è l'unica ad
            avere un protocollo proprietario. Io mi riferisco
            a VoIP comunemente più diffuso, ovvero basato su
            SIP.

            ...e non puntiamo sempre il dito contro
            telecom... vediamo che finanno fa il voip e il
            90% degli isp senza telecom.

            Nessuno vieta di fare una rete alternativa... e
            c'è anche chi si è mosso in questo senso, vedi
            Fastweb, Wind, Tiscali.... e tutti gli altri ? Peccato che, per residyi del passato, telecom non abbia bisogno di autorizzazioni per bucare le strade, gli altri si!

            Comunque, tornando alla sicurezza... vero è che
            anche la telefonia tradizionale è in chiaro... ma
            è anche vero che per intercettare una chiamata
            bisogna scassinare gli armadi telecom, mentre con
            il voip bastano codicilli di poco conto. Veramente non c'è bisogno di scassinare gli armadi, sono aperti....
            La protezione deve essere adeguata al mezzo di
            comunicazione, essendo ip più aperto... andava
            più chiusa la conversazione. Ribadisco l'esempio
            dei cellulari tacs che si ascoltavano con un
            pezzetto di stagnola dentro ai telefoni motorola
            !!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Problema di base
        - Scritto da: Xendorf

        - Scritto da: Anonimo

        A parte l'inaffidabilità dei servizi che lottano

        al prezzo più basso a scapito della qualità...
        la

        cosa grave è IMHO che il traffico VoIP transita

        in chiaro sulla rete... quindi mooooolto

        intercettabile !!!

        Magari non vi è alcun fondo di verità ma qualche
        giorno fa alcuni amici mi hanno riferito che
        alcune compagnie telefoniche commutano sul VoIP
        anche le chiamate normali senza dire nulla ai
        loro clienti.

        Qualcuno di voi conferma questa tesi o posso
        tranquillamente andare dai miei amici e
        ringraziarli come si deve per avermi fatto fare
        la figura del pirl@?
        :DVero, la rete di Telecom Italia, a livello di dorsale, è stata infatti ormai portata su IP: la voce, nelle lunghe distanze, viaggia già in pacchetti dati e non più su canali analogici, con grande risparmio di risorse (di circa il 66 per cento a monte, dice Telecom)Fonte: http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/scienza_e_tecnologia/voip/voip/voip.html
Chiudi i commenti