Musica, l'ennesima rinascita di Qtrax

Il controverso servizio di download musicale tornerà ancora una volta in pista, questa volta a disposizione degli utenti di 30 paesi del mondo. Ma gli accordi di licensing garantiti dalle major saranno a tempo, in attesa dei profitti

Le indiscrezioni hanno subito fatto il giro della Rete, sorprendendo la stragrande maggioranza degli osservatori. La controversa piattaforma di distribuzione musicale Qtrax tornerà nuovamente in vita, ormai pronta al lancio ufficiale sui mercati di 30 paesi del mondo .

A rivelarlo sono stati gli stessi rappresentanti della società con base a New York, che hanno così introdotto una nuova versione beta del tanto chiacchierato servizio di download gratuito a mezzo advertising . Tre delle grandi sorelle del disco – EMI , Sony Music e Universal Music Group – avrebbero infatti mostrato l’atteso segnale di via libera.

Pare però che le major discografiche abbiano concesso ai vertici di Qtrax una semplice estensione dei loro accordi di licenza . La piattaforma statunitense avrà in sostanza tre mesi di tempo per generare profitti, pena la perdita dei diritti di distribuzione gratuita dei brani.

Non si tratta certo della prima rinascita annunciata per Qtrax. Quella che avrebbe dovuto rivoluzionare l’intero mondo della musica, offrendo a milioni di utenti una sorta di alternativa legale al file sharing selvaggio. I vertici della società a stelle e strisce hanno ora parlato di milioni di brani avvolti da meccanismi di Digital Rights Management (DRM).

Un dettaglio già evidenziato due anni fa , quando Qtrax si diceva pronta a ripartire alla grande ma solo per gli utenti statunitensi. Una promessa spezzata dalle feroci rivendicazioni legali di Oracle. Per non parlare dei suoi servizi, che non si erano mai rivelati un gioiello di funzionalità.

Qtrax rinascerà ancora, grazie ad una nuova versione beta compatibile con Windows (è stata annunciata una seconda versione per i sistemi Apple). Riuscirà ora la piattaforma statunitense a superare i suoi antichi problemi? Ma soprattutto riuscirà il sistema di business basato sulla pubblicità a soddisfare le condizioni di licensing delle grandi sorelle del disco?

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andy61 scrive:
    critica costruttiva a PI
    Una cosa che più passa il tempo e più rilevo è che PI fa in effetti fuffologia, un po' come Boyager.La notizia, così come è presentata, sembra ottenuta come voce di corridoio segretissima ottenuta attraverso riservatissimi passaparola.In effetti, se fate una ricerca minimale in Rete, salta fuori di tutto e di più, tra cui:- un mare di foto (http://www.google.com/images?q=X-37B&biw=1038&bih=804);- una pagina su Wikipedia con una gran dovizia di riferimenti (https://secure.wikimedia.org/wikipedia/en/wiki/Boeing_X-37);- un'altra pagina dedicata alla prima missione (https://secure.wikimedia.org/wikipedia/en/wiki/USA-212);- etc. etc. etc.La pervicace mancanza di riferimenti alle fonti informative, o comunque a pagine di approfondimento, fanno apparire, almeno a parer mio, PI smepre più superficiale ed orientato allo scoop invece che alla notizia.Ovviamente con qualche eccezione, purtroppo sempre più rara.
    • krane scrive:
      Re: critica costruttiva a PI
      - Scritto da: andy61
      Una cosa che più passa il tempo e più rilevo è
      che PI fa in effetti fuffologia, un po' come
      Boyager.
      La notizia, così come è presentata, sembra
      ottenuta come voce di corridoio segretissima
      ottenuta attraverso riservatissimi passaparola.
      In effetti, se fate una ricerca minimale in Rete,
      salta fuori di tutto e di più, tra
      cui:
      - un mare di foto
      (http://www.google.com/images?q=X-37B&biw=1038&bih
      - una pagina su Wikipedia con una gran dovizia di
      riferimenti
      (https://secure.wikimedia.org/wikipedia/en/wiki/Bo
      - un'altra pagina dedicata alla prima missione
      (https://secure.wikimedia.org/wikipedia/en/wiki/US
      - etc. etc. etc.
      La pervicace mancanza di riferimenti alle fonti
      informative, o comunque a pagine di
      approfondimento, fanno apparire, almeno a parer
      mio, PI smepre più superficiale ed orientato allo
      scoop invece che alla notizia.
      Ovviamente con qualche eccezione, purtroppo
      sempre più rara.Quoto, ne parlavo gia' ieri.
    • Please no more.... scrive:
      Re: critica costruttiva a PI
      - Scritto da: andy61
      Una cosa che più passa il tempo e più rilevo è
      che PI fa in effetti fuffologia, un po' come
      Boyager.
      [cut]
      [cut]
      [cut]
      [cut]
      [cut]
      [cut]
      [cut]
      [cut]e che palle !!!ma perchè venite su PI a fare i professorini??Ma che vi pagano per fare i correttori di articoli?Troppo tempo libero? o cosa?Io trovo PI un luogo unico della rete dove poter leggere informazioni tecniche e non.E sopratutto un luogo libero dove anche i commenti inutili e spocchiosi come il tuo sono ammessi.Ma per piacere !!!!
  • Funz scrive:
    Non vuol dire niente
    Che passi sopra Iran e Corea non vuol dire niente, qualunque satellite messo in orbita dagli USA resta sopra una fascia che comprende le latitudini intermedie, e sorvola tutti i Paesi dal clima temperato / caldo.
    • TuttoaSaldo scrive:
      Re: Non vuol dire niente
      Se poi è un'orbita polare pure il resto ;-)Magari si vede ammiccare quando passa sopra all'Iran?
  • max scrive:
    che mistero....
    ...del ca%%o!!come a dire che qualsiasi esercito che fa una manovra militare per esercitazione deve scrivere sui giornali i dettagli!è un apparecchio militare? si? e allora che cosa dovrebbe fare se non spiare il nemico di turno?Come a dire che l'iran e la corea con le loro teste calde e l'atomica in mano non sono per lo meno elementi da tenere d'occhio.max
    • lordream scrive:
      Re: che mistero....
      - Scritto da: max
      ...del ca%%o!!

      come a dire che qualsiasi esercito che fa una
      manovra militare per esercitazione deve scrivere
      sui giornali i
      dettagli!

      è un apparecchio militare? si? e allora che cosa
      dovrebbe fare se non spiare il nemico di
      turno?

      Come a dire che l'iran e la corea con le loro
      teste calde e l'atomica in mano non sono per lo
      meno elementi da tenere
      d'occhio.

      maxqualcuno pensa ad un sistema imp con utilizzo in orbita di testate atomiche.. sembra che abbiano rispolverato dei tests degli anni 60 per utilizzo bellico
Chiudi i commenti