MWC: la velocità di Huawei, la gamma di Nokia

A Barcelona c'è chi corre con lo smartphone "più veloce" al mondo (Huawei), e chi pensa a rimpinguare la propria offerta con prodotti economici o ultra-economici (Nokia). Perché lo smartphone non è tutto
A Barcelona c'è chi corre con lo smartphone "più veloce" al mondo (Huawei), e chi pensa a rimpinguare la propria offerta con prodotti economici o ultra-economici (Nokia). Perché lo smartphone non è tutto

Al Mobile World Congress di Barcelona è il gioco degli opposti, almeno per quanto riguarda Huawei e Nokia: il gigante cinese presenta quello che a suo dire è lo smartphone con connettività LTE più veloce al mondo, mentre il colosso finlandese si rivolge soprattutto all’utenza bassa e medio-bassa con telefonini dal prezzo estremamente accessibile.

Huawei descrive Ascend P2 come “lo smartphone più veloce al mondo”, un dispositivo con schermo da 4,7 pollici e connettività di quarta generazione (LTE) che riesce a raggiungere (primo in assoluto, e rete permettendo) una velocità di 150 Mbps in downstream e 520 Kbps in upstream.

Questo perfetto mix di “eleganza e potenza” (sempre parole provenienti da Huawei) è dotato di sistema operativo Android 4.1.2 con interfaccia custom (“Emotion UI 1.6”), un processore ARM quad-core da 1,5 GHz, 16 Gigabyte di storage interno e 1 GB di RAM.

Importante anche la dotazione della fotocamera (13 Megapixel), la batteria (2.420 mAh) e lo schermo, che secondo la società produttrice è il più sensibile disponibile sul mercato anche se confrontato con iPhone 5 e Samsung Galaxy S3. Ascend P2 sarà disponibile a prezzo competitivo (sopra i 300 dollari) in tutto il mondo nella seconda metà del 2013.

E parlando di prezzi, la nuova line-up di prodotti economici e ultra-economici di Nokia è a dir poco competitiva: a Barcelona la corporation finlandese ha mostrato due nuovi Lumia ( 520 e 720 ) con specifiche “calmierate”, capaci di offrire tutta la potenzia e la funzionalità di uno smartphone rispettivamente al costo di 139 e 249 euro.


Nokia rinnova l’offerta anche nel campo dei “feature phone”, telefonini che fanno a meno dello schermo touch o della tastiera in standard QWERTY per offrire le caratteristiche basilari di un telefonino cellulare (firmware Series 40) con prezzi inferiori ai 100 euro/dollari.

La linea budget della società europea comprende ora il Nokia 301 – funzionalità di fotocamera avanzate, streaming diretto verso YouTube e prezzo di circa 65 euro – e il Nokia 105 – 15 euro di telefonino con schermo a colori destinato ai soli mercati emergenti.


Il CEO di Nokia Stephen Elop ha confermato l’intenzione di continuare sulla strada del doppio binario (smartphone con Windows Phone e feature phone con Series 40) anche in futuro, mentre la novità più importante per i servizi di geolocalizzazione offerti dalla corporation è rappresentata dall’ espansione del brand HERE (Maps, Drive e Transit) sugli altri smartphone Windows Phone. La migliore esperienza in tal senso sarà ancora quella offerta dai Lumia, rassicura Nokia.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 02 2013
Link copiato negli appunti