MX, il nuovo Web secondo Macromedia

Macromedia colleziona in una sola suite la nuova linea MX di strumenti per lo sviluppo del Web. Con un obiettivo: costruire le fondamenta di un nuovo Web


Roma – Macromedia ha svelato la sua nuova suite MX, una nuova famiglia integrata di strumenti e tecnologie server e client per la creazione di applicazioni Internet dedicate ad una vasta gamma di usi e piattaforme. La suite si compone delle nuove versioni MX di tutti gli strumenti di sviluppo dell’azienda: Flash, Fireworks FreeHand, Dreamweaver e l’edizione developer di ColdFusion.

Con la nuova linea di prodotti MX, Macromedia sembra puntare alto e, secondo il suo CTO Jeremy Allaire, “cambiare il modo in cui la gente fa le cose”. Macromedia sostiene infatti che in questi anni il Web è cambiato moltissimo e da semplici pagine HTML si è passati a risorse e servizi sempre più sofisticati basati su una varietà di tecnologie – come Flash – che consentono più interazione, multimedialità e complessità grafica. L’azienda vuole mettere nelle mani degli sviluppatori tutti gli strumenti e le tecnologie necessari a integrare, quando non rimpiazzare del tutto, l’infrastruttura stessa del Web.

In questo l’azienda è aiutata dal fatto che, secondo quanto dichiara Allaire, il Flash Player è il più diffuso software della storia, utilizzato dal 98% degli utenti del Web, ovvero da 414 milioni di persone. Il nuovo Flash MX , rilasciato lo scorso marzo, introduce un nuovo modello di sviluppo basato su oggetti, l’ECMAscript, e il supporto a diversi altri standard, fra cui HTML, MP3, Unicode e XML.

?Gli utenti Internet desiderano passare dal semplice sfogliare i siti Web a compiere operazioni e questo processo può essere realizzato solo attraverso complesse ma più intuitive applicazioni?, ha dichiarato Rob Burgess, chairmain e CEO di Macromedia. ?Le applicazioni Internet complesse realizzate con Macromedia MX rendono tutto questo possibile, in quanto uniscono l?interattività, prima possibile solo nelle applicazioni client/server, con la possibilità di raggiungere un alto numero di utenti e con costi di implementazione contenuti tipici delle applicazioni Web?.

Macromedia sostiene che, presi singolarmente, i prodotti della famiglia MX “rappresentano importanti novità che offrono ai progettisti e agli sviluppatori nuove e potenti funzionalità per creare una migliore esperienza di utilizzo in relazione a tutto lo spettro di soluzioni Internet: dai semplici siti Web alle complesse applicazioni Web”.

La suite di strumenti Macromedia MX consente agli sviluppatori di progettare applicativi e servizi basati su Internet per tutte le maggiori piattaforme sul mercato, fra cui Microsoft.NET, Java e XML.

L’uscita del prodotto è prevista per questo mese a un prezzo di partenza pari a 959 euro (IVA esclusa), mentre gli aggiornamenti da alcuni prodotti Macromedia a Macromedia Studio MX costano da 719 euro a 479 euro (IVA esclusa).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Svegliatevi
    E bravi gli utonti Microsoft, guardate come vanno obbedienti dietroalla mammina...Svegliatevi, vi stanno raggirando!!!La Microsoft vi dice "applicazioni che arrivano tramite internet einteragiscono con l'utente tramite la voce" cosi' voi sentite"interagiscono con l'utente tramite la voce", pensate "Che bella cosache ha inventato la mamma!!" e non vi accorgete che quello che inrealta' vogliono rifilarvi sono "le applicazioni tramite internet".Ora la vostra mammina vi ripetera' talmente tante volte "interazionevocale" e "applicazioni via internet" in modo che nel vostro ottusocervellino le due cose combacino, cosi' quando la mamma suonera' ilfischietto dell'innovazione voi comincerete a sbavare per avere levostre applicazioni vocali via internet.Non vi preoccupate cari, le avrete. In realta' pero' sara' solo unmodo per darvi le applicazioni in affitto.Cosi' la vostra mamma vi potra' controllare per bene e, soprattutto,non avra' bisogno di fare niente per avere i vostri soldini. E voi sbaverete per il controllo vocale...Sveglia coglioncelli, la microsoft vi sta intortando per bene e voi cicascate come tante pere mature...E ora voglio vedere chi ha il coraggio di rispondere (ma tanto in questi casi siete tutti a reinstallare...)Bah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Svegliatevi (come volevasi dimostrare)
      Nessuno risponde.- Scritto da: dracula
      E bravi gli utonti Microsoft, guardate come
      vanno obbedienti dietro
      alla mammina...
      Svegliatevi, vi stanno raggirando!!!
      La Microsoft vi dice "applicazioni che
      arrivano tramite internet e
      interagiscono con l'utente tramite la voce"
      cosi' voi sentite
      "interagiscono con l'utente tramite la
      voce", pensate "Che bella cosa
      che ha inventato la mamma!!" e non vi
      accorgete che quello che in
      realta' vogliono rifilarvi sono "le
      applicazioni tramite internet".
      Ora la vostra mammina vi ripetera' talmente
      tante volte "interazione
      vocale" e "applicazioni via internet" in
      modo che nel vostro ottuso
      cervellino le due cose combacino, cosi'
      quando la mamma suonera' il
      fischietto dell'innovazione voi comincerete
      a sbavare per avere le
      vostre applicazioni vocali via internet.
      Non vi preoccupate cari, le avrete. In
      realta' pero' sara' solo un
      modo per darvi le applicazioni in affitto.
      Cosi' la vostra mamma vi potra' controllare
      per bene e, soprattutto,
      non avra' bisogno di fare niente per avere i
      vostri soldini.
      E voi sbaverete per il controllo vocale...
      Sveglia coglioncelli, la microsoft vi sta
      intortando per bene e voi ci
      cascate come tante pere mature...

      E ora voglio vedere chi ha il coraggio di
      rispondere (ma tanto in questi casi siete
      tutti a reinstallare...)

      Bah...
      • Anonimo scrive:
        Re: Svegliatevi (come volevasi dimostrare)
        - Scritto da: dracula
        Nessuno risponde.Se posti in quel modo, è ovvio che nessuno ti risponde.Non dimenticare che oggi è domenica e c'è un afflusso ridotto di poster...Bye
      • Anonimo scrive:
        Re: Svegliatevi (come volevasi dimostrare)
        - Scritto da: dracula
        Nessuno risponde.Ti rispondo io.Per dirti che quello che affermi è vero e mi trova d'accordo con te.Ma ho qualcosa da dire in proposito.Cosa facciamo affinché tutta questa opera di "monoteismo" si "monoteismo informatico" abbia fine?Nulla o quasi sul piano pratico.Ho installato Linux per la gestione del mio lavoro di ufficio.Un alentezza esasperante.Applicazioni ben fatte ma quasi tutte incomplete.Certo un giorno saranno complete, bellissime e velocissime ma intanto la gente continua ad usare i prodotti M$.Parliamonefnc
        • Anonimo scrive:
          Re: Svegliatevi (come volevasi dimostrare)
          - Scritto da: fnc

          Nulla o quasi sul piano pratico.
          Ho installato Linux per la gestione del mio
          lavoro di ufficio.
          Un alentezza esasperante.Prova a configurarlo.
          Applicazioni ben fatte ma quasi tutte
          incomplete.
          Certo un giorno saranno complete, bellissime
          e velocissime ma intanto la gente continua
          ad usare i prodotti M$.Se anche fosse vero meglio nella barbarie che nella schiavitu'
          • Anonimo scrive:
            Tutti a reinstallare?
            Oggi ci devono essere stati parecchi crash, nessuno si degna di rispondere...
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutti a reinstallare?
            non meriti di portare un nick del genere, comunque, con il tuo post hai solo dimostrato di essere un ritardato mentale, che probabilmente usa solo win e sa usare solo quello, ma forse oggi non avevi niente da fare, di la verità, e comunque non è una novità per niente, dato che con le SAPI si può gia usare il riconoscimento vocale nelle proprie applicazioni (e gia, le sapi sono free tra l'altro, e sono pure sviluppate dalla ms)
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutti a reinstallare?
            free, no open source
  • Anonimo scrive:
    dal washington post...
    http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/articles/A56499-2002May8.html
  • Anonimo scrive:
    Il riconoscimento c'era già in windows
    E' della mamma ms e si chiama msagent. Ti capiva, parlava, e fa pure le animazioni e da un bel po'Vedete un po' troppo la cosa del tipo: è arrivata adesso ms.Invece non è così. Quello che vuole fare ms è rendere delle classi per il riconoscimento vocale integrante della tecnologia .net per far si (almeno questo è il progetto) di rendere la tecnologia indipendente dalla piattaforma ed in un futuro più vicino che tutti hanno, come il browser.
  • Anonimo scrive:
    Anni, Anni, Anni ed anni...
    Conoscete il "VoiceCLI"?Non lo conoscete, lo so... Era un programma per Amiga che secoli fa permetteva di riconoscere la voce dell'utente e lanciare comandi invece di scriverli sulla CLI (Command Line Interface, detta comunemente Shell).Era un bel giochino e funzionava!!!!Sembrava una idea geniale, ma in realta' dopo 30 minuti ti rompevi le balle e tornavi a smenare le dita sulla tastiera!Riconoscimento vocale e computer parlanti sono un OTTIMO aiuto per i disabili (anzi indispensabile a volte), ed una cosa anche utile se in alcuni casi non puoi o non vuoi usare le mani (il cellulare che chiama chi gli dici di chiamare quando stai guidando, ad esempio), ma per l'uso "normale", servono realmente?Esce un software ogni 2/3 anni, che promette di eliminare la tastiera, ma poi e' il mercato ad eliminare puntualmente il software.L'Olivetti oltre 20 anni fa aveva sviluppato una tecnologia per far parlare i propri computer. L'Amiga parlava anche in Italiano! (in maniera discutibile ma comprensibile).L'OS2 aveva una funzione integrata per il riconoscimento vocale...ma e' piacevole parlare con un computer? Dio solo conosce tutti gli insulti che becca quella povera donna che ha prestato la sua voce per i caselli autostradali automatici...Forse, il giorno in cui le macchine saranno dotate di un minimo di intelligenza artificiale, sara' piu' piacevole e meno frustrante interagire con loro vocalmente, ma personalmente (e ribadisco che si tratta di una mia semplice opinione) vedo la strada in salita... soprattutto per lo sviluppo di una vera AICiaomarco
  • Anonimo scrive:
    immaginate il prossimo bug:
    mi collego al remote desktop della mia macchina con Windows2010 Professional, urlo "AAAAAAAUGH" nel microfono e genero un exploit remoto facendo andare il programma C# di riconoscimento in buffer overflowfantastico, davvero fantasticociaogodz
    • Anonimo scrive:
      Re: immaginate il prossimo bug:
      Giaggia'!!!!Il nuovo Winzoz VVXP (very very expert) che con voce suadente dice "Il programma ha generato l'errore 8nvy98yvoit6venot645o8ns5dy4lsi873458943653465 no8743:0003 - Per riavviare la macchina dire contemporaneamente CTRL - ALT - CANC" E con le password???? le dovrai sussurrare? UAZ UAZ UAZ!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Ceh cosa fantastica !
    Non vedo l'ora di provare questa nuova possibilità, implementareil riconoscimento vocale su applicazionisviluppate direttamente e in manierasemplice, è una specie di sogno.Credete che non serva a niente ?Vedremo.. anche chiamare il numero dellaragazza dicendo il nome sembrava inutilenei telefonini eppure è comodo.E domani sarà comdo dire all'automobile:- Cercami un tabacchino.Le proverò o poi vi saprò dire.
  • Anonimo scrive:
    base
    I post visti finora sono di una bassezza incredibile mi dispiace dirlo. Non sono degni di nota polemiche tipo:
    Immagina un ipotetico Illustrator vocale.
    Immagina di chiedere al computer di creare una "forma a T".....L'articolo parla di un fututo sviluppo nessuno credo sa se e tra quanto ci sara'...Al massimo le critiche ci possono essere sulla stabilita e/o efficacia delle librerie ma non perche' la Microsoft da anche questo strumento ai suoi sviluppatori...Anche perche senza andare all'Illustrator vocale le applicazioni vocali ad oggi attuabili possono essere tante..Fa schifo se e' piu' facile farle? Perche allora non spalare m@!#a su librerie java o adirittura sul VoiceXML. Tanto l'Illustrator vocale e' irrealizzabile quindi....
  • Anonimo scrive:
    COME PREVISTO
    Come avevo gia' avuto modo di dire,prima che esista una distribuzione linuxin grado di aggredire il mercato desktopsi parlera' al pc.E voi continuerete coi vostri straziantimount e lilo, mentre l'umanita' usera'un microfono dal divano..GET A LIFE!
    • Anonimo scrive:
      Re: COME PREVISTO
      - Scritto da: asdf
      Come avevo gia' avuto modo di dire,
      prima che esista una distribuzione linux
      in grado di aggredire il mercato desktop
      si parlera' al pc.
      E voi continuerete coi vostri strazianti
      mount e lilo, mentre l'umanita' usera'
      un microfono dal divano..
      GET A LIFE!Ma chi se ne frega del riconoscimento vocale. Sono le solite c***** per attrarre i polli. Un utente Windows che sa il fatto suo lo installa solo per curiosità... Ora che ci penso non sarà come Explorer... Come è risaputo a Micro$oft piace il mercato conrrenziale :) :)Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: COME PREVISTO
        - Scritto da: Tron98
        Ma chi se ne frega del riconoscimento
        vocale. Sono le solite c***** per attrarre i
        polli. Certo come il telecomando per la televisioneo l'aria condizionata in auto...
        • Anonimo scrive:
          Re: COME PREVISTO
          - Scritto da: asdf


          - Scritto da: Tron98

          Ma chi se ne frega del riconoscimento

          vocale. Sono le solite c***** per
          attrarre i

          polli.

          Certo come il telecomando per la televisione
          o l'aria condizionata in auto...Fammi una lista di software con cui posso utilizzare il riconoscimento vocale in modo produttivo. A me ne viene in mente solo uno:uso per persone disabili (lodevole).Ma certo non ci vuole microsoft per implementare una cosa del genere, ma società che ci lavorano da anni.Office è già incasinato di per se, lasciamolo stare, l'interfaccia grafica? per carità, se no ci vorranno altri 5 anni per renderla stabile. Forse i videogiochi. Ed infine eventuali applicazioni dedicate, dove il riconscimento vocale diventerà necessario. Ma sono del tutto sicuro che vi saranno soluzioni migliori rispetto ad MS. A meno che il tutto non venga implementato come servizio anzichè add-on.E qui mi ripeto: a microsoft piace la concorrenza :)Quindi si ricade sempre nel classico specchietto per le allodole.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: COME PREVISTO

            A me ne viene in mente solo uno:
            uso per persone disabili (lodevole).e sarebbe già un motivo sufficiente(
            Ma certo non ci vuole microsoft per
            implementare una cosa del genere, ma società
            che ci lavorano da anni.si? anche a te piace la concorrenza vedo.)
            Office è già incasinato di per se,
            lasciamolo stare, e no, a meno che tu non abbia una segretaria marziana con sette dita per mano e 5 braccia il riconoscimento vocale è più veloce della battitura caro mio (e sono due)
            l'interfaccia grafica? per
            carità, se no ci vorranno altri 5 anni per
            renderla stabile. Parliamo di interfacce nel senso più ampio della parola, umano davanti a macchina: credi che sia più comodo parlare o girare con una tastiera in tasca, o usare microtastiere a battitura multipla come per i cellulari, o il riconoscimento della scrittura, per cui serve uno stilo e una base? Pensa anche ai palmari e agli smart phone.(siamo già a tre motivi belli pesanti)
            Forse i videogiochi. togli il forse. Ci si diverte ancora a giocare a space invaders, o anche a scacchi del resto, ma il gioco ha sempre beneficiato e inglobato ogni innovazione
            infine eventuali applicazioni dedicate, dove
            il riconscimento vocale diventerà
            necessario. Ma sono del tutto sicuro che vi
            saranno soluzioni migliori rispetto ad MS. A
            meno che il tutto non venga implementato
            come servizio anzichè add-on.
            E qui mi ripeto: a microsoft piace la
            concorrenza :)

            Quindi si ricade sempre nel classico
            specchietto per le allodole.

            Ciao.Eh no cara la mia allodola, M$ vede più lungo di te e ha capito dal passato che la gente preferisce trovarsi già ciò che gli serve anzichè sceglierlo (valutarlo, testarlo e installarlo) a parte. Perchè alla gente non piace sbattersi e fargli trovare la pappa fatta è un servizio che cercano e sono disposti a pagare profumatamente, perchè sanno subito quello che hanno e quello che pagano.Anche il comando vocale integrato diventerà uno di questi servizi. IBM si era allargata troppo quando lo proponeva 7/8 anni fa con OS/2, allora non c'erano smartphone e palmari, la potenza di calcolo di una macchina media era molto bassa ecc... insomma non c'era costo/opportunità, oggi si e M$ lo ha capito e sta andando alla carica.Brava M$ (PS non sono un dipendente M$ e non uso Xbox, che mi fa schifo)
          • Anonimo scrive:
            Re: COME PREVISTO
            1) Microsoft impone implementazioni tramite servizi e non add-on che possono essere rimosse se non sono all'altezza della concorrenza2) A me piace vedere sistemi efficienti. in m$ evitassero di farci fare per l'ennesima volta i betatester di turno3) Sono d'accordo con te.4) Sicuramente vede più lontano di me. Ti contraddico dicendo che la gente si è ormai abituata a pensare ciò che la m$ impone, praticamente la gente è abituata a non pensare, ognuno poi la pensa ( :) ) come vuole. L'integrazione come dici tu è inevitabile, ma se ci deve essere la vorrei come add-on e non come servizio.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Parlare ad un browser...
    Eh sì,certo che parlare a delle pagine webè una cosa utilissima....Complimenti ancora alla Microsoft.
  • Anonimo scrive:
    Se invece era Apple...
    ... immagino già i commenti entusiasti...Che geni!! Che innovatori!! Grandi!! Troppo avanti!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Se invece era Apple...
      - Scritto da: bleah
      ... immagino già i commenti entusiasti...
      Che geni!! Che innovatori!! Grandi!! Troppo
      avanti!!!Se Apple non ha mai pensato ad una cosa simile ci sara' un perche'! :)Pero' adesso che mi ci fai pensare, un Windows che capisce quello che l'utente gli dice potrebbe essere utilissimo.Ad esempio lo si potrebbe insultare direttamente!Ciaomarco
    • Anonimo scrive:
      Re: Se invece era Apple...
      - Scritto da: bleah
      ... immagino già i commenti entusiasti...
      Che geni!! Che innovatori!! Grandi!! Troppo
      avanti!!!esatto sono daccordo con te!
  • Anonimo scrive:
    Ma cosa si fumano?
    Citiamo l'articolo:
    Il big di Redmond in preda ad una visione trekkiana
    sostiene che i PC hanno ormai raggiunto una potenza
    di calcolo sufficiente per consentire l'arrivo, nei
    prossimi anni, di software, siti Web e servizi in
    grado di interagire vocalmente con l'utente e
    comprendere il linguaggio naturale.e la larghezza di banda per queste applicazioni?certo che si divertono a spararle sempre piu' grosse...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa si fumano?
      L'Engine di riconoscimento e sintesi è costituito da classi .NET sul client.La banda è più che sufficiente quella odierna
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma cosa si fumano?
        - Scritto da: Fede
        L'Engine di riconoscimento e sintesi è
        costituito da classi .NET sul client.

        La banda è più che sufficiente quella odiernaah beh, allora ditemi cosa centrano i siti web innovativi. Sono anni chevedo riconoscimento vocale e controllo dei pc mediante il suo utilizzo.Cosa cambia in un sito web se viene sfogliato col mouse o con la voce?Mah...
  • Anonimo scrive:
    hhaahhahaha
    ma scusatemi tanto ma... quando windows andrà in crash che dirà?: hehehe... prima faranno meglio a fare meglio i loro software.... senza difetti e senza bachi... e poi magari potranno cimentarsi nel PC modello star trek...Apple che è più seria ha creato un software che legge quello che scrivi passando semplicemente il mouse sopra la frase da leggere... onore a loro... che almeno quando fanno qualcosa la fanno con le mani e non con i piedi come la M$ciao ciao
  • Anonimo scrive:
    ma dai
    questa e'la volta che finalmente gli americani, i canadesi, gli inglesi, i gallesi, gli scozzesi, gli australiani, i neozelandesi, impareranno a parlare tutti uguale altrimenti il computer non li capisce... vai Bill
  • Anonimo scrive:
    sembra una barzelletta...
    ...no comment che è meglio!
    • Anonimo scrive:
      Re: sembra una barzelletta...
      Immagina un ipotetico Illustrator vocale.Immagina di chiedere al computer di creare una "forma a T".....Immagina chi si incazza quando il disco rigido è ormai andato.Com'era? "Le visioni trekkiane...."Dai...su.
      • Anonimo scrive:
        Re: sembra una barzelletta...
        - Scritto da: spalmo
        Immagina un ipotetico Illustrator vocale.
        Immagina di chiedere al computer di creare
        una "forma a T".....
        Immagina chi si incazza quando il disco
        rigido è ormai andato.
        Com'era? "Le visioni trekkiane...."
        Dai...su.immagina clippy che ti rompe le palle...
Chiudi i commenti