Nanocavi energizzanti fanno tutto da soli

Una delle più interessanti promesse del nanotech avanza e comincia a mostrare i primi risultati pratici. Sensori nanoscopici sviluppano energia traducendo la pressione in corrente elettrica
Una delle più interessanti promesse del nanotech avanza e comincia a mostrare i primi risultati pratici. Sensori nanoscopici sviluppano energia traducendo la pressione in corrente elettrica

Il professor Zhong Lin Wang, ricercatore presso il Georgia Institute of Technology , lavora ai suoi nanocavi all’ossido di zinco da quattro anni . I nanocavi sono composti piezoelettrici, sono cioè in grado di trasformare la pressione esercitata su di essi in elettricità. Aggiungendo a tale caratteristica le dimensioni estremamente ridotte, Wang dice di poter sintetizzare interi network sensoriali discreti e che non necessitano di alimentazione esterna per funzionare .

L’idea, che qualche anno fa veniva accolta con scetticismo mentre ora comincia a fare breccia sia nell’accademia che nel settore privato (vedi la coreana Samsung), si è via via evoluta sino a mostrare le prime applicazioni pratiche e far intravedere un futuro in cui i nanoapparati non avranno bisogno di ingombranti accumulatori energetici esterni per fare il proprio lavoro, che si tratti di identificare i gas nocivi nell’aria, scovare tracce di veleno nei cib,i o scoprire segnalatori molecolari di patologie in circolo nel flusso sanguigno.

Uno dei principali problemi del design di Wang, che le ricerche di questi anni starebbero contribuendo a risolvere, è la generazione di un voltaggio elettrico sufficiente ad alimentare i dispostivi nanoscopici. Integrando milioni di nanocavi in strati posizionati su un materiale plastico, Wang e colleghi sono riusciti a dimostrare come i suddetti nanocavi siano in grado di generare abbastanza voltaggio da far funzionare sensori di livello del PH e di luce ultravioletta.

All’inizio di aprile, il professor Wang stimava di aver raggiunto un livello di voltaggio pari a 1,2 volt (un valore non molto diverso da quello che caratterizza l’approvvigionamento di energia dei processori Core 2 Duo di Intel), e in seguito il livello raggiunto è ulteriormente cresciuto sino a 2,4 volt.

Stabilito questo importante traguardo, il ricercatore del Georgia Tech dice che il prossimo passo per la finalizzazione dei nanocavi energizzanti è l’integrazione di un accumulatore di carica elettrica (ovviamente nanoscopico anch’esso) con cui meglio regolare il voltaggio da fornire al sensore collegato.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 04 2010
Link copiato negli appunti