Napster, parte la Fase II

Con poche parole l'azienda annuncia che i file scambiati all'interno del sistemone dovranno essere protetti da tecnologie specializzate anti-pirateria. Un annuncio che serve a cercare accordi con i discografici

Web – I file musicali scambiati dagli utenti di Napster non potranno più essere file musicali “qualsiasi”, ma file contenenti protezione anti-copia, capaci di impedire una loro duplicazione abusiva. Questo il senso di un breve annuncio che rientra nella strategia di Napster pensata per “ripulire” la propria immagine e indurre le grandi case discografiche a raggiungere un salvifico accordo fondato sull’anti-pirateria musicale.

Il CEO di Napster, Hank Berry, ha lanciato quella che appare come una sorta di Fase II per Napster, poche ore dopo la presentazione al tribunale da parte della RIAA delle misure che l’industria discografica vuole imporre a Napster. E l’azienda di Berry si dice convinta che in un Napster a cui si acceda per abbonamento sia possibile sostenere un modello fondato sullo scambio di “musica protetta”.

“L’annuncio di oggi – ha detto Berry – sottolinea un dato: la vera questione relativa al futuro di Napster è quella economica, non quella tecnica né quella legale. Questa è una ulteriore prova della serietà della ricerca di un accordo con le aziende della musica, un accordo che consenta a Napster di andare avanti, rimanendo affidabile e piacevole da usare”.

Nei suoi documenti, la RIAA ha spiegato di avere intenzione di identificare tutti i brani pirata delle proprie industrie associate che circolano su Napster. Dopodiché intende segnalare uno per uno i pezzi a Napster che, come si legge nella recente sentenza che riguarda il sistemone, dovrà impedire che vengano duplicati illegalmente. Un modo “garbato” per mettere fuori gioco il sistemone, il più ardito competitor dell’industria discografica di questi decenni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    CONCLUDERE GLI STUDI?
    Ma quali studi?Ha dimostrato di essere un docente, mi pare.Forse il tenero Sindaco voleva dire "concludere il ciclo di educazione nelle scuole pubbliche", evidentemente nella speranza che ciò lo renderesse più... "domestico" e manovrabile...Speriamo sia un'illusione...
    • Anonimo scrive:
      Re: CONCLUDERE GLI STUDI?
      - Scritto da: doct. alfridus
      Ma quali studi?
      Ha dimostrato di essere un docente, mi pare.ha dimostrato di essere un bambino, o meglio uno script kiddieprima di tutto xche' a fare un virus in vbs non ci vuole molto scienza.secondo (e + importante) se non erro quel virus e' stato creato usando un "Virus Generator" ovvero un tool che permette la creazione di virus senza sapere manco programmare.
      • Anonimo scrive:
        Re: CONCLUDERE GLI STUDI?
        Evvai, da domani pure io mi metto a fare decine di worm con i Generator, tutto l'assembly che ho imparato in questi anni oramai non serve a una sega, i virus si fanno con i Generator *GRIN* ......fosse la volta buona che trovo lavoro in olanda e finalmente mi ci trasferisco? :P-=Quequero=-Spp/memberwww.uic-spippolatori.com
Chiudi i commenti