NASA: Hubble continuerà a vivere

L'Agenzia spaziale statunitense mette in cantiere una missione che nel 2008 infonderà nuova vita nel telescopio orbitante, dandogli anche nuove capacità

Houston (USA) – Il mondo dell’astrofisica ha applaudito le dichiarazioni con cui nelle scorse ore NASA ha fatto sapere che la travagliata esistenza di Hubble non cesserà nei prossimi due o tre anni ma proseguirà per molto più tempo del previsto, offrendo potenzialità esplorative di primissimo rilievo.

Chi accede al sito dell’agenzia spaziale americana in queste ore non a caso è accolto con la presentazione della nuova missione, ovvero Espandere la visione di Hubble – il ritorno dello Shuttle . Già, perché se nel 2008 il Discovery potrà avvicinare Hubble si deve proprio alla rinnovata fiducia nel programma Shuttle, su cui NASA è tornata ad investire.

Il telescopio orbitante Scopo dichiarato della missione è consentire ad Hubble di operare almeno fino al 2013 , anno in cui si spera di poter mandare in orbita il suo “erede”, il James Webb Space Telescope , un apparecchio assai più potente e duttile, capace secondo l’agenzia spaziale di rispondere con più efficienza alle necessità esplorative.

Nel 2008, dunque, Hubble (nella foto) dovrebbe “riconquistare” la sua Wide Field Camera 3 e il Cosmic Origin Spectographer, che dovrebbero consentire agli scienziati che utilizzano il telescopio di sondare le profondità della galassia con maggiore precisione di quanto accada oggi.

Tutti i particolari sulla missione del Discovery sono disponibili a questo indirizzo . Un interessante servizio sull’annuncio NASA è stato pubblicato da BBC .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e sticazzi?
    ....................................
  • Anonimo scrive:
    Contenuti "Top Secret"
    Il Corriere (non per fortuna Punto-Informatico), con il solito pressapochismo tipico del giornalismo italiano parla di contenuti "top secret":http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2006/11_Novembre/01/cia.shtmlE' difficile pensare che in un sistema a cui abbiano accesso 3600 utenti (che per di più hanno la possibilità di effettuare modifiche) vi siano realmente contenuti top secret. Probabilmente il livello di segretezza sarà al massimo "confidential".
Chiudi i commenti