NASA sperimenta il sismografo GPS

L'agenzia spaziale statunitense è pronta a mettere alla prova un network che fa uso di centinaia di sensori disseminati sulla costa ovest degli Stati Uniti. L'obiettivo è rispondere meglio ai disastri naturali

Roma – NASA lavora a un sismografo distribuito chiamato Readi (Real-time Earthquake Analysis for Disaster Mitigation Network), un network di sensori GPS disseminati sulla costa occidentale degli USA che dovrebbe aiutare l’agenzia statunitense a meglio affrontare i disastri naturali provocati dai movimenti tellurici della crosta terrestre.

La rete consta di 500 diversi rilevatori di segnale satellitare, installati lungo gli stati costieri della California, dell’Oregon e di Washington con l’obiettivo specifico di tenere sotto controllo il rischio tsunami entro la cosiddetta Cintura di Fuoco del Pacifico .

In caso di forti terremoti Readi dovrebbe fornire a NASA informazioni in tempo reale sull’intensità delle scosse, la loro localizzazione e il rischio che si sviluppino maremoti pericolosi per le popolazioni costiere.

I test sull’efficacia di Readi sono un significativo passo in avanti verso l’obiettivo di fornire strumenti di risposta ai disastri naturali così diffusi intorno alla Cintura di Fuoco, dice NASA, rappresentando altresì un banco di prova per la creazione di un (futuro) network di rivelazione esteso a livello internazionale

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sentimenti Quarto scrive:
    What I feel
    Ecco quello che mi piace fischiettare[JD]Baby baby tell me what?s upCan you hear me hear meOr do I need to turn it upBaby baby tell me what?s upCan you hear me hear meOr do I need to turn it up huhSo So DefMonica longerI keep my hand in your handevereveever
  • prova123 scrive:
    Basta remake i giochi ....
    <i
    ... per cui arriveranno il nuovo Super Mario Bros. 2, Animal Crossing ... </i
    Si devono mettere in testa che non possono vivere di porting e remake dei giochi della console precedente venduti a 40/50 euro (sia Nintendo che Sony) altrimenti non ha senso comprare una nuova console, si usa la precedente con il gioco di prima.Addirittura la Nintendo ha annunciato che a fine anno Pokemon bianco/nero 2 sarà disponibile per DS ma non 3DS ... ridicolo!
    • pjt scrive:
      Re: Basta remake i giochi ....
      - Scritto da: prova123
      Addirittura la Nintendo ha annunciato che a fine
      anno Pokemon bianco/nero 2 sarà disponibile per
      DS ma non 3DS ...
      ridicolo!Perchè ridicolo? se non hanno una grafica nuova ne venderanno molti di più, avendo una base di consolle enormemente più ampia.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Basta remake i giochi ....
        Lui confonde i seguiti, con i remake (ma la nintendo con i suoi titoli non ha mai brillato in varierta), comunque pokemon nero e bianco 2 era in programma da un pò prima del 3ds.... Poi prova123, non considera comunque che il 3ds è retrocompatibile con il DS... :D
  • pentolino scrive:
    La verità...
    ... è che l'ultima innovazione significativa della grande N è stato il Wii che ormai è vecchio, c'è poco da dire.Il 3ds è stato un buco nell'acqua, il 3D interessante per 10 minuti poi lo spegni e lo usi 5 minuti al mese se va bene; quindi ti ritrovi semplicemente con un DS "pompato", certo più potente dell'originale, ma nulla di rivoluzionario.Vedremo Wii U, Nintendo ci ha sempre stupito e forse lo farà ancora, ma la vedo dura in un mondo dominato dai giochini a 1-2 per smartphone e tablet
    • user_ scrive:
      Re: La verità...
      sempre meno fessi sono disposti a buttare soldi su quelle console e giochi, ma anche per ps3 e xbox360, meglio comprarci il cibo. o il pc.
      • Sgabbio scrive:
        Re: La verità...
        - Scritto da: user_
        sempre meno fessi sono disposti a buttare soldi
        su quelle console e giochi, ma anche per ps3 e
        xbox360, meglio comprarci il cibo. o il
        pc.Ma Teoricamente e più pratico giocare su console che su pc, anche perchè su pc devi subire i peggio malware mascherati come DRM.Del resto, sia il 3ds e la psvita, non hanno venduto come si aspettavano le rispettive compagne.Se poi vediamo le loro politiche anti utente che Nintendo E Sony applicano, certe cose non mi stupiscono.
        • S_b scrive:
          Re: La verità...
          Spero di avere capito male il tuo commento, ma trovo discutibile definire le politiche di protezione anticopia (che le case hardware devono applicare per garantirsi la fiducia delle case software) come "politiche antiutente". Come se la qualità di un hardware dipendesse esclusaivamente dalla facilità di utilizzo dei giochi piratati....
          • iome scrive:
            Re: La verità...
            - Scritto da: S_b
            Spero di avere capito male il tuo commento, ma
            trovo discutibile definire le politiche di
            protezione anticopia (che le case hardware devono
            applicare per garantirsi la fiducia delle case
            software) come "politiche antiutente". Come se la
            qualità di un hardware dipendesse esclusaivamente
            dalla facilità di utilizzo dei giochi
            piratati....e come definisci un sistema che mi impedisce di rivendere un gioco dopo che lo ho finito, che mi impone la registrazione on line, che mi impone di essere on line per far partire il gioco, che mi impone di tenere i miei record archiviati sui loro server, etc etc etc se non "politica antiutente"?
          • Pirata Sanguinari o scrive:
            Re: La verità...
            - Scritto da: iome
            - Scritto da: S_b

            Spero di avere capito male il tuo commento, ma

            trovo discutibile definire le politiche di

            protezione anticopia (che le case hardware
            devono

            applicare per garantirsi la fiducia delle case

            software) come "politiche antiutente". Come se
            la

            qualità di un hardware dipendesse
            esclusaivamente

            dalla facilità di utilizzo dei giochi

            piratati....

            e come definisci un sistema che mi impedisce di
            rivendere un gioco dopo che lo ho finito, che mi
            impone la registrazione on line, che mi impone di
            essere on line per far partire il gioco, che mi
            impone di tenere i miei record archiviati sui
            loro server, etc etc etc se non "politica
            antiutente"?Non la si potrebbe definire in altro modo, sopratutto se consideriamo che è l'utente pagante a subirne le conseguenze.Qualche tempo fa volevo comprare Skyrim, guardo bene la scatola e leggo "richiesta registrazione a Steam". Ma come? Ti sto dando 69 Euro per un gioco e mi vieni anche a rompere le palle con la registrazione a Steam? Capisco ancora l'attivazione, ma la registrazione forzata, PAGANDO A PREZZO PIENO, mavaff...
          • Funz scrive:
            Re: La verità...
            - Scritto da: Pirata Sanguinari o
            - Scritto da: iome

            - Scritto da: S_b


            Spero di avere capito male il tuo
            commento,
            ma


            trovo discutibile definire le politiche
            di


            protezione anticopia (che le case
            hardware

            devono


            applicare per garantirsi la fiducia
            delle
            case


            software) come "politiche antiutente".
            Come
            se

            la


            qualità di un hardware dipendesse

            esclusaivamente


            dalla facilità di utilizzo dei giochi


            piratati....



            e come definisci un sistema che mi impedisce
            di

            rivendere un gioco dopo che lo ho finito,
            che
            mi

            impone la registrazione on line, che mi
            impone
            di

            essere on line per far partire il gioco, che
            mi

            impone di tenere i miei record archiviati sui

            loro server, etc etc etc se non "politica

            antiutente"?

            Non la si potrebbe definire in altro modo,
            sopratutto se consideriamo che è l'utente pagante
            a subirne le
            conseguenze.
            Qualche tempo fa volevo comprare Skyrim, guardo
            bene la scatola e leggo "richiesta registrazione
            a Steam". Ma come? Ti sto dando 69 Euro per un
            gioco e mi vieni anche a rompere le palle con la
            registrazione a Steam? Capisco ancora
            l'attivazione, ma la registrazione forzata,
            PAGANDO A PREZZO PIENO,
            mavaff...Pensa quando compri su Steam, e ti tocca *pure* registrarti sul windows live o altro sistema online del ca**o. Mai più. Peccato, perché Dirt 2, Mirror's edge e Wings of prey mi erano piaciuti. D'ora in poi mi informo prima, e se è il caso vado di crack.
          • prova123 scrive:
            Re: La verità...
            Se non interessa il gioco online la soluzione è semplicissima: acquistare il gioco solo dopo che il crack è disponibile. Se fra 3/4/5 anni a loro insindacabile giudizio chiudono i server per destinarli a nuovi giochi io che ho speso dai 50 ai 70 euro che faccio, non gioco? ... posso essere onesto, ma non cogl**ne. Però se insistono e mi sento preso per i fondelli tecnicamente posso diventare un incubo ... a loro la scelta.
          • Funz scrive:
            Re: La verità...
            - Scritto da: prova123
            Se non interessa il gioco online la soluzione è
            semplicissima: acquistare il gioco solo dopo che
            il crack è disponibile. Se fra 3/4/5 anni a loro
            insindacabile giudizio chiudono i server per
            destinarli a nuovi giochi io che ho speso dai 50
            ai 70 euro che faccio, non gioco? ... posso
            essere onesto, ma non cogl**ne. Però se insistono
            e mi sento preso per i fondelli tecnicamente
            posso diventare un incubo ... a loro la
            scelta.Io compro su Steam, ma una copia in locale me la faccio non sia mai il caso.
          • Shabadà scrive:
            Re: La verità...
            il sistema di Ubisoft come lo consideri? quando gli sono saltati i server, chi aveva la copia regolare non poteva giocare, chi l'aveva piratata si, dimmi tu se non è un comportamento "antiutente" (che addirittura privilegia il pirata rispetto a chi paga...)
          • Sgabbio scrive:
            Re: La verità...
            I blocchi regionali del 3ds servono a bloccare la pirateria ? Non diciamo fesserie, spinge di più la gente a far modifiche, per i giochi importati.Cioè sony aveva capito che erano una boiata mettere i blocchi regionali sulla psp ai tempi e la nintendo la mette sul 3ds ? Poi voliamo parlare delle pratiche contro il legalissimo mercato dell'usato ?Perfavore non usiamo la pirateria per giustificare certe boiate speculatorie.
Chiudi i commenti