NEC e la memoria che non c'era

NEC e la memoria che non c'era

L'azienda nipponica brevetta un dispositivo di archiviazione di massa veloce come una RAM, che non perde i dati al momento dello spegnimento
L'azienda nipponica brevetta un dispositivo di archiviazione di massa veloce come una RAM, che non perde i dati al momento dello spegnimento

Un nuovo, velocissimo, dispositivo di archiviazione di massa capace di immagazzinare informazioni senza il supporto dell’alimentazione permanente. Alternativa alla memoria a stato solido, migliora ulteriormente le prestazioni in lettura-scrittura e non grava affatto sul consumo energetico.

La tecnologia in questione si chiama CAM (Content Addressable Memory) ed è stata messa a punto dalla nipponica NEC, in collaborazione con l’università di Tohoku, pensando alla realizzazione di computer capaci di avviarsi istantaneamente. Il risultato ottenuto è quello di una memoria “non volatile”, scattante come una “volatile” RAM, che non perde i dati al momento dello spegnimento.

Come noto, i dischi attuali hanno bisogno di bisogno di elettricità sia durante l’attività, sia durante lo stand-by. Con la spintronica utilizzata dai doppi circuiti della memoria CAM si sfrutta invece il movimento dei magneti e la carica negativa degli elettroni, per mantenere le informazioni anche in assenza di alimentazione.

Il sistema è ancora in fase sperimentale ma i numeri parlano chiaro: le CAM utilizzano 9,4 mW di energia, soltanto quando sono in funzione, e lavorano ad una velocità di 5 nanosecondi. Oltretutto, queste nuove memorie sfruttano componenti condivisi e possono ridurre sensibilmente gli ingombri delle celle utilizzando meno transistor rispetto ai sistemi tradizionali.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 15 giu 2011
Link copiato negli appunti