Negroponte svela il laptop per i paesi poveri

Costa meno di 100 dollari, è basato su Linux e si può alimentare anche a manovella. Verrà venduto ai governi dei paesi più poveri
Costa meno di 100 dollari, è basato su Linux e si può alimentare anche a manovella. Verrà venduto ai governi dei paesi più poveri


Cambridge (USA) – Il guru del MIT Media Laboratory, Nicholas Negroponte , ce l’ha fatta: i prototipi dell’ attesissimo laptop per i paesi poveri verranno distribuiti a partire dal prossimo novembre. Negroponte presenterà questa insolita linea di computer low-cost al prossimo meeting del World Summit on the Information Society . L’iniziativa è sorretta dall’idea che la sconfitta dell’analfabetismo informatico possa far fiorire le economie più disagiate.

“L’obiettivo è di dare uno strumento informatico ad almeno 150 milioni di giovani, in Asia, in Africa e nell’America del sud”, dichiara Negroponte nel corso della cerimonia di presentazione. Il progetto, nato dalla collaborazione tra MIT, AMD , Google , NewsCorp e Redhat , prevede la vendita di questi laptop ai governi di Brasile, Egitto, India, Cina e Sud Africa.

Il costo del computer non raggiunge i 100 dollari e si tratta di un’occasione incredibile per l’ evangelizzazione informatica di una sterminata popolazione di fascia scolastica. “Ma è ancora troppo poco”, puntualizza Negroponte. Le istituzioni dei governi aderenti alla proposta del MIT compreranno “tonnellate” di questi laptop, che verranno forniti gratuitamente soltanto a studenti e docenti . “Sarà impossibile utilizzarli altrimenti”, sostiene l’esperto, “perché faremo in modo da renderne il furto un gesto condannato dalla società, come rubare dalle chiese o da un vagone postale”.

Il portatile non sfoggia un design raffinato ma è ricoperto da uno chassis in gomma, resistente e colorato, che ne consente l’uso in qualsiasi condizione: “Devono essere indistruttibili”, puntualizza Negroponte. Gli sviluppatori hanno fatto di tutto per contenere al minimo il consumo energetico dell’apparecchio, fornito di una CPU AMD a 500Mhz, di connettività WiFi e di un dispositivo d’emergenza per l’ alimentazione a manovella .

Il sistema operativo è una versione speciale di Linux RedHat , resa leggerissima ed ottimizzata per le limitate risorse hardware. Quattro porte USB ed un monitor LCD a colori completano la dotazione di questo “Cavallo di Troia”, come ha scherzosamente accennato Negroponte, “per cambiare le dinamiche della formazione scolastica in tutto il mondo”.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 09 2005
Link copiato negli appunti