Netscape 7 default su LindowsOS2

Un accordo Lindows-Netscape fa della suite di quest'ultima il browser e client email di default del nuovo LindowsOS2. La rimonta di Netscape partirà da Linux?
Un accordo Lindows-Netscape fa della suite di quest'ultima il browser e client email di default del nuovo LindowsOS2. La rimonta di Netscape partirà da Linux?

San Diego (USA) – Lindows sembra aver trovato in Netscape, società controllata dal colosso AOL Time Warner, un’ottima alleata nella sfida al dominio di Microsoft. Le due aziende hanno appena siglato un accordo grazie al quale la piccola start-up di San Diego potrà integrare nel suo nuovo LindowsOS 2, lanciato la scorsa settimana , il giovane Netscape 7.0.

La suite di Netscape, rilasciata alla fine di agosto , diviene così il software di default di LindowsOS 2 per la navigazione in Internet, la posta elettronica e la messaggistica istantanea, con varie personalizzazioni sviluppate congiuntamente dai tecnici delle due aziende.

Lindows, che propone il suo sistema operativo come un’alternativa a basso costo di Windows, sostiene che Netscape 7 potrà far dimenticare agli utenti provenienti dalla piattaforma di Microsoft l’assenza di software come Internet Explorer, Outlook Express e MSN Messenger.

Oltre al browser e al programma di posta elettronica, LindowsOS 2 integra un client per la messaggistica istantanea in grado di accedere al network di AIM: qui, oltre che inviare e ricevere messaggi di testo, gli utenti possono partecipare alle chat room messe a disposizione da AOL.

Gli utenti di LindowsOS possono anche provare, previa registrazione, una versione d’anteprima del client AOL 7.0, la nota suite consumer che integra i servizi on-line di AOL con tutti gli strumenti necessari per navigare, inviare messaggi, chattare e divertirsi.

Piccola nota fuori tema. Una caratteristica che salta subito all’occhio del sito di Lindows è la sua stretta somiglianza con il look grafico adottato da Apple: forse nella piccola nota che compare in fondo ad ogni pagina Web del sito di Lindows, e che recita “Lindows.com non è in alcun modo appoggiata o affiliata a Microsoft Corporation”, sarebbe meglio comparisse un’avvertenza “scaccia guai” anche verso Apple, notoriamente all’erta quando si tratta di difendere la propria proprietà intellettuale.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 09 2002
Link copiato negli appunti