Neural.it/ (re:)distributions, arte per PDA

Wireless a tutto campo con i dispositivi wireless grazie a Patrick Lichty


Roma – (re:)distributions, il catalogo online di opere elettroniche per PDA (palmari), telefoni cellulari e dispositivi portatili, comprensivo di saggi e valutazioni teoriche curato da Patrick Lichty, ha raggiunto la sua fase finale completando il suo ultimo update e proponendosi come archivio consultabile.

Le ultime aggiunte comprendono “DialTones: A TeleSymphony” di Goran Levin, la celebre sinfonia per telefoni cellulari presentata nel 2001 ad Ars Electronica, “Life Drawing 101: PDA Required” di Margaret Dolinsky, un saggio sull’uso delle tecnologie palmari, e sulla loro intrinseca mobilità, in discipline come il disegno e lo schizzo, e “Palm Poems” di Alan Peacock, poesie interattive che giocano col ruolo del testo, del suo suono e della composizione visuale, fruibili anche sul web in shockwave.

(re:)distributions è raggiungibile qui

A cura di Neural.it, new media art, e-music, hacktivism .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    io ho la PlayStation
    perchè anche la PlayStation fa "computer",se poi contiamo anche i GameBoy...Scarlight
    • Anonimo scrive:
      Re: io ho la PlayStation
      - Scritto da: Scarlight
      perchè anche la PlayStation fa "computer",
      se poi contiamo anche i GameBoy...e allora non ne veniamo fuori più...Io ho anche il commodore 64 dei miei avi!!!!!!

      Scarlight
  • Anonimo scrive:
    2 polli x 1 mangiatore
    E' il solito discorso delle statistiche matematiche: ci sono 2 polli e 2 persone.La statistica dice che ognuno se ne mangia uno..la realta' e' che il ricco ne mangia 2 ed il povero zero.Ed infatti, io ho 4 computer: un vecchio Pentium, un Pentium II, un portatile che uso per lavoro (Pentium III) ed ora un nuovissimo AMD XP... tutti collegati in rete con un piccolo HUB.Basta pero' poi vedere i miei vicini di appartamento.. e non ne trovi nemmeno uno dotato di PC.E allora... ? A che conlusione si deve arrivare ?
    • Anonimo scrive:
      Re: 2 polli x 1 mangiatore
      - Scritto da: Andrea
      E' il solito discorso delle statistiche
      matematiche: ci sono 2 polli e 2 persone.
      La statistica dice che ognuno se ne mangia
      uno..
      la realta' e' che il ricco ne mangia 2 ed il
      povero zero.

      Ed infatti, io ho 4 computer: un vecchio
      Pentium, un Pentium II, un portatile che uso
      per lavoro (Pentium III) ed ora un
      nuovissimo AMD XP... tutti collegati in rete
      con un piccolo HUB.

      Basta pero' poi vedere i miei vicini di
      appartamento.. e non ne trovi nemmeno uno
      dotato di PC.

      E allora... ? A che conlusione si deve
      arrivare ?Un esproprio proletario ? :-)Scherzi a parte, hai ragione. Contiamo poi i computer presenti nelle aziende, negli uffici, ecc. ecc. e scopriamo che poi il numero di famiglie con un computer è molto più basso del numero di computer. Se poi consideriamo anche le famiglie che utilizzano il computer come oggetto di arredamento (non è una battuta sui possessori di Mac, intendo le famiglie che comprano un computer perchè "serve sempre" e poi non lo usano perchè non lo sanno usare...), dovremmo abbassare ulteriormente la cifra.
    • Anonimo scrive:
      Re: 2 polli x 1 mangiatore
      Si però vi attaccate a tutto oh.La statistica è un indice! e come tale va preso.Dire che il 33% delle famiglie cia' il pc equivale a dire che la situazione numerica attuale sarebbe equaliata dalla situazione nella quale il 33% delle famiglie ha un pc.Il vero valore si ha confrontando questo indice con l'indice precedente. E così scopriamo che le vendite dei PC sono aumentate rispetto alla volta prima.Credi che considerino minimamente il fatto che te ciai un vecchio pentium e magari 34 386 in cantina? ma non se lo inculano proprio. Vedono le vendite, fanno una proiezione sull longevità del pc, due righi su un foglio, dicono che è xtensibol, un po' di chagra e poi tirano fuori st'indice.Quindi quando leggete 'statistica' non vi mettete a sentenziare su quanto sia vera quell'indicazione, specie se la applicate in un contensto che non è il suo.Sapere quante famiglie hanno un PC non è possibile. Perchè bisognerebbe parlare con tutti.E manco è possibile valutare personalmente quando vanno scartate famiglie che ce l'hanno e non lo usano. (mio cuggino lo usa ancora come porta-tazza 4x, e non lo biasimo).ma che vi piglia?ciavete da ridi' su tutto.salutons (les regardons),Andrè- Scritto da: Andrea
      E' il solito discorso delle statistiche
      matematiche: ci sono 2 polli e 2 persone.
      La statistica dice che ognuno se ne mangia
      uno..
      la realta' e' che il ricco ne mangia 2 ed il
      povero zero.

      Ed infatti, io ho 4 computer: un vecchio
      Pentium, un Pentium II, un portatile che uso
      per lavoro (Pentium III) ed ora un
      nuovissimo AMD XP... tutti collegati in rete
      con un piccolo HUB.

      Basta pero' poi vedere i miei vicini di
      appartamento.. e non ne trovi nemmeno uno
      dotato di PC.

      E allora... ? A che conlusione si deve
      arrivare ?
  • Anonimo scrive:
    PC e casa
    Oggi il PC è parte della casa come la TV, lo stereo, la lavasciuga, il cordless, il forno a microonde ecc...E' comodo, pratico. Il fatto poi di poter accedere a Internet...:-))))))))
  • Anonimo scrive:
    Errore
    A casa mia il 33% e' una famiglia (scarsa) su tre non una su due (che e' il 50%).
    • Anonimo scrive:
      Re: Errore
      - Scritto da: z2
      A casa mia il 33% e' una famiglia (scarsa)
      su tre
      non una su due (che e' il 50%).Infatti l'articolo dice che una famiglia italiana su due ha un computer e che una famiglia italiana su tre e' connessa ad Internet, quindi se non sbaglio il conto due famiglie su tre non sono connesse ad Internet, ma due famiglie su tre tra quelle che hanno un computer sono connesse ad Internet (giusto per *chiarire* le cose :-)) )il Conte
  • Anonimo scrive:
    Troppo
    Troppo alto come percentuale,non includerei i computer aziendali.La giusta media è 1 PC ogni 5 famiglie.Anche perchè l'italia è all'ultimo posto in europa in conneccioni internet, su una popolazione di 60milioni.Salut
  • Anonimo scrive:
    La media non cambia
    L' articolo parla di numero di famiglie con (almeno) un computer a casa, per cui se io a casa ne uno oppure 100, la cosa non cambia, Cioè la mia famiglia è una di quelle che possiede un computer. Semplice no ? Il caso dubbio potrebbe essere degli impiegati che hanno un portatile aziendale. Alla fine lo possono usare anche a casa se vogliono, però non è loro. Questi sono calcolabili o no nella media ?
  • Anonimo scrive:
    io ne ho 3 + 1 in ufficio!
    caspita, è vero, anch'io ne ho 3 a casa ed uno in ufficio! siamo disgraziati! in tre abbiamo privato di un computer ben 38 famiglie!!! :(hehehe bella statistica complimenti alla ISAE...
    • Anonimo scrive:
      Re: io ne ho 3 + 1 in ufficio!

      caspita, è vero, anch'io ne ho 3 a casa ed
      uno in ufficio! siamo disgraziati! in tre
      abbiamo privato di un computer ben 38
      famiglie!!! :(in 4 possiamo fare anche meglio...contano anche i maniframe che fanno girare 20 sistemi ???;-0)se e cosi direi che la situazione e ancora piu tragica...;-0)
      hehehe bella statistica complimenti alla
      ISAE... fa effetto sentire certi dati no ???;-0)
      • Anonimo scrive:
        Re: io ne ho 3 + 1 in ufficio!
        Ma quali sono i computer che contano per fare media? Giusto per sapere se il mio Oric1 e il mio spectrum contano!il Conte
  • Anonimo scrive:
    Io ne ho 12...
    Si, ne ho 5 a casa e 7 in ufficio.Pero' mi vergogno un po': sto privando di un diritto fondamentale 24 famiglie...
  • Anonimo scrive:
    io ho 2 computer e sto per averne 3
    ciao!io ho 2 computeruno dalla mìregazza e uno accasamiae sto per prenderne un terzo perché quellomio ormai èvvecchio, ma non si può vendere perché èttroppovecchio.e quindi me lo tengo e lo metto in rete che va sempre bene, non si sa mai.e come si calcolano quelli come me?fanno media?c'è pure n'altroamicomio che studia all'università ma è residente a casa ... ha un pc dove studia e a casa 2 fratelli con un pc per ciascuno ...ordunque la media cheddice?bye
    • Anonimo scrive:
      Re: io ho 2 computer e sto per averne 3
      che lingua è?
    • Anonimo scrive:
      Re:anche io ne ho tre
      anche io ne ho 3...ma cazzo, con tre computer non sono diventato cosi' rincoglionito come lo sei tu, che non riesci manco a scrivere due boiate....ti conviene venderne uno e pagarti, con il ricavato, un minicorso di lingue!!! (inizia con quella italiana)
Chiudi i commenti