Nevada XA, desktop replacement in versione light

Elettrodata ha presentato un portatile potente come un desktop ma con peso e dimensioni limitate


Peschiera Borromeo – Al termine “desktop replacement” si associa spesso l’idea di notebook dalla grande stazza e dal peso cospicuo .

Elettrodata , partendo da questa problematica, ha tentato di fornire tutte le caratteristiche di un vero PC desktop su di un portatile, mantenendo però il peso e le dimensioni su livelli accettabili.
Infatti, nonostante il peso ridotto a poco più di 3,5 kg, il Nevada XA vanta una dotazione decisamente ricca .
Il nuovo notebook di Elettrodata è provvisto infatti di un display LCD TFT da 17 pollici, in formato 16:10, che raggiunge la risoluzione di 1440 x 900 pixel e chip grafico ATI Xpress 200M con 128 MB di memoria RAM.

È dotato inoltre di una CPU AMD Mobile Athlon 64 a scelta tra la versione da 1,8 e 2,1 GHz, memoria RAM DDR 2 a 400 MHz da 512 MB o 1 GB e disco fisso, da 5400 rpm, in tagli da diverse capacità, 60 o 80 GB.

Per il lato connettività sono presenti un modem 56k e l’adattatore Ethernet integrati e il modulo wireless da 54 Mbit. Inoltre, per quanto riguarda le interfacce, il Nevada XA presenta una fornitura molto ampia e variegata: una PCMCIA, una porta FireWire, sei porte USB 2.0, un’uscita video analogica CRT e una digitale DVI, un’uscita audio ottica S/PDIF e un’infrarossi IRDA. Inoltre è presente un masterizzatore DVD Dual Layer e un lettore memory card MMC, SD e MS.
Infine, la presenza di altoparlanti stereo e di subwoofer integrati non fanno che confermare l’ indole multimediale e desktop replacement del portatile .

Al momento, non vi sono ancora ne indiscrezioni ne comunicazioni ufficiali riguardanti il prezzo e la disponibilità del nuovo notebook di casa Elettrodata.

Dario Panzeri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sì ma...
    ...sotto quale licenza ? Public Domain ?Io (da musicista) preferirei una di queste due licenze creative commons:- http://www.creativecommons.it/Licenze/Deed/by-sa- http://www.creativecommons.it/Licenze/LegalCode/by-nc-saMarco Ravich
    • Anonimo scrive:
      Re: Sì ma...
      - Scritto da: Anonimo
      ...sotto quale licenza ? Public Domain ?
      Io (da musicista) preferirei una di queste due
      licenze creative commons:C'è scritto nell'articolo che sono public domain:"diffondendo incisioni precedenti al 1954 e dunque non gravate da diritto d'autore"
  • Anonimo scrive:
    comunisti!
    vogliono mettere in comune tutto!così come si fa a lucrarci su?comunisti...
  • Anonimo scrive:
    Occhio.....
    La SIAE sguinzaglerà i suoi SPIONI per cercare di scoprire 1 nota con copyrlight.Poi scatteranno le denunce per violazione di diritto d' autore e a seguire fattura dei pitocchi con l' obolo da versare.
  • Anonimo scrive:
    In bocca al lupo
    Già hanno avuto problemi con la pubblicazione delle opere di D'Annunzio.http://www.liberliber.it/biblioteca/d/d_annunzio/index.htm#aspettando_il_2010Ora sicuramente attireranno le attenzioni degli squali di SIAE e FIMI.Comunque auguri di cuore.
Chiudi i commenti