New York, piratare un film è reato

La Grande Mela in accordo con gli studios della MPAA vara un giro di vite sulla pirateria

New York (USA) – La più celebre delle metropoli statunitensi si è dotata di una nuova norma che considera reato la duplicazione di opere protette da diritto d’autore, una misura che il Comune ha presentato insieme ai rappresentanti delle major del cinema della MPAA e che vuole colpire, in particolare, la videoregistrazione abusiva di film nelle sale.

Fino ad oggi attività di questo tipo erano punite solo sotto il profilo civile, ora invece si andrà sul penale. Il sindaco di New York, Bloomberg, ha spiegato: “Guidiamo la battaglia contro la pirateria del cinema nella città e i nostri sforzi sono tesi a preservare le entrate dei cinema locali e mantenere intatta la forza dell’industria del cinema, che ogni anno apporta 5 miliardi di dollari di attività economiche alla città e impiega 100mila residenti di New York”.

Oltre a questa novità, sono state anche introdotte regole che puniscono coloro che affittano locali poi utilizzati come centrali di masterizzazione. L’idea è di colpire “gli edifici in cui vengono duplicati i film”.

Un articolo dettagliato sulle nuove regole è stato pubblicato da Slyck.com

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    sony datti all'ippica
    il meglio che e' riuscita a fare e' infettare milioni di utenti con un trojan.. poi il resto dell'hw e' veramente pietoso.. specie la sua serie Vaio di laptop e desktop e' davvero penosa
Chiudi i commenti