Newzbin2 contro i filtri anti-scariconi

Il sito operante in terra d'Albione si dice pronto a manomettere i filtri che già adombrano il futuro per i clienti di British Telcom adusi al file sharing
Il sito operante in terra d'Albione si dice pronto a manomettere i filtri che già adombrano il futuro per i clienti di British Telcom adusi al file sharing

Fatta la legge, trovato l’inganno: dopo aver subito l’ onta dell’inibizione imposta dall’Alta Corte londinese su iniziativa dell’industria dei contenuti, Newzbin2 si dice pronto a bypassare i filtri di British Telecom prima ancora che il provider li metta in funzione.

BT è stato trasformato in un “provider poliziotto” e sarà dunque costretto a usare la tecnologia di filtering web “Cleanfeed” – la stessa sin qui usata per proteggere i netizen britannici dalla pedopornografia – per inibire l’accesso al sito di indexing di file binari su rete Usenet.

Poco male, ribatte idealmente Newzbin2: il sito ha già pronto il suo “primo client software”, programma grazie al quale gli utenti potranno aggirare i filtri di Cleanfeed e accedere tranquillamente al database di contenuti online.

Quando, questo ottobre, Newzbin2 verrà forzatamente tagliato fuori dalla rete per gli utenti British Telecom, i cittadini della rete del Regno Unito avranno già pronta un’alternativa per continuare a usare il servizio. E il bello è che lo stesso ISP aveva già previsto questo scenario: i nostri filtri web non potranno nulla contro chi sarà determinato ad accedere al database di Newzbin2, aveva spiegato BT all’Alta Corte di Londra.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 09 2011
Link copiato negli appunti