NGN in fibra come nuovo servizio universale

E' il riconoscimento chiesto da Adiconsum, intervenuta in audizione alla Camera dei deputati: i servizi universali - sostiene l'associazione - non devono agire solo dove c'è interesse economico

Roma – Anche Adiconsum è intervenuta nella Indagine conoscitiva sull’assetto del sistema delle comunicazioni elettroniche e sulle prospettive delle nuove reti per le comunicazioni elettroniche voluta dalla IX Commissione – Comunicazioni e Trasporti – della Camera dei deputati: l’associazione ha elencato le priorità e le soluzioni da adottare perché la futura Rete NGN (Next Generation Network) sia finalmente a misura di cittadino, consumatore e lavoratore.

Questi i punti chiave della soluzione proposta da Adiconsum:
“1. Una rete completamente in fibra ottica, che sia in mano ad un’unica società che consenta poi alle telco di gestire su di essa modelli di business a parità di condizioni di accesso;
2. una Rete che sia il braccio operativo di un sistema di connettività che sia finalmente “servizio universale” senza se e senza ma: 100% della copertura del territorio e della popolazione;
3. una rete che sia tale sino alla presa presente all’interno degli appartamenti, che non esista più il concetto di ultimo miglio, tanto meno da dare in unbundling agli operatori, perché il consumatore non deve veder ripetuti gli errori fatti sino ad oggi, che gli rendono la vita impossibile per guasti, scarse prestazioni, difficoltà a cambiare operatore;
4. una Rete che riutilizzi, per quanto possibile, tutto quello che è già stato realizzato (progetto Socrate) senza inutili e costosi doppioni. Adiconsum chiede quindi la costituzione di un Catasto della fibra ottica e di un piano regolatore delle città digitali;
5. per le NGN wireless, dopo aver sottolineato come quanto fatto sino ad oggi sia assolutamente inadeguato ad una rete NGN, Adiconsum ha proposto di utilizzare gli white spaces delle frequenze dei canali TV, oltre che utilizzare le frequenze liberate dallo spegnimento della tv analogica.”

Allineata alle posizioni espresse finora dai competitor di Telecom Italia e da Altroconsumo sul piano degli impegni proposto dall’incumbent, Adiconsum ha inoltre espresso tutta la sua contrarietà all’affermazione del Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni Paolo Romani: “Si valuta che 5,5 milioni di italiani vivano in aree a fallimento di mercato, dove non ha senso economico portare la fibra”.

“È esattamente il contrario – osserva l’associazione – la fibra va portata proprio in quelle aree, perché il terzo mondo dell’Ict non è nelle zone geografiche ma nell’intelligenza delle persone”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti