NGN, anche i Consumatori bocciano il piano di Telecom

Altroconsumo: le proposte di Telecom Italia sulle reti di nuova generazione devono essere rigettate

Roma – Incassato il pollice verso degli operatori alternativi, il piano per la crescita delle TLC italiane presentato da Telecom Italia non riscuote – come era prevedibile – il consenso dei Consumatori. Ed è in quest’ottica che Altroconsumo , intervenuta martedì in audizione alla IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera, ha formulato alcune precise richieste nell’interesse del mercato e degli utenti.

Le richieste sono parte integrante del contributo che l’Associazione ha fornito nell’ambito dell’ Indagine conoscitiva sull’assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche . Ecco le osservazioni che l’Associazione mette in evidenza:
“- Sì alle reti di nuova generazione, le politiche di radicale rinnovo dell’infrastruttura di telecomunicazioni volte a realizzare in tempi brevi reti a larghissima banda in fibra ottica devono essere una delle priorità del paese, come lo sono state negli anni 60 quelle relative alla costruzione delle grandi dorsali autostradali.
– Chiediamo tuttavia che Governo e Parlamento si impegnino perché quello che dovrà essere un vero e proprio piano strategico e di sistema rimanga coerente con i principi della libera concorrenza e della protezione dei consumatori.
– Rigettare quindi gli impegni presentati da Telecom Italia sui quali si dovrà esprimere a breve l’ Agcom (Garante delle comunicazioni) in quanto alcuni sono già dovuti in base alla disciplina vigente, altri rischiano addirittura di avvantaggiare l’ex monopolista.
– L’Italia purtroppo non è la Gran Bretagna e l’Agcom non ha l’autorevolezza, l’indipendenza e le risorse di Ofcom (Garante inglese), pertanto la proposta di una annacquata separazione funzionale secondo la quale una divisione separata (Open Access) di Telecom Italia verrebbe a essere soggetta al controllo di un organismo con alcuni membri (peraltro in minoranza) indicati anche dall’Agcom non fornisce francamente una garanzia assoluta per la concorrenza e per i consumatori.
– Quest’organo di vigilanza non avrebbe peraltro poteri ispettivi e sanzionatori diretti, si baserebbe su resoconti di indicatori forniti dal controllato; in caso di violazioni attiverebbe una procedura che si concluderebbe eventualmente solo con segnalazione al vertice di Telecom. Un po’ come se uno di noi si impegnasse a non superare i limiti di velocità, a non parcheggiare in divieto di sosta, a tenere l’auto pulita ed efficiente e a sorvegliare non fossero i vigili ma un gruppo “indipendente” composto da 3 nostri familiari e 2 vigili.
– Occorre a nostro avviso scardinare quel meccanismo perverso secondo il quale il collo di bottiglia della rete di accesso è stato fino a ora utilizzato dall’ex monopolista per ottenere impropri vantaggi concorrenziali nei mercati a valle. Occorre dunque una separazione societaria per quanto riguarda la rete d’accesso, senza alcuna riduzione degli obblighi esistenti per l’ex monopolista verso i consumatori.
– L’accesso alla rete deve essere considerato servizio universale e bene comune, tutti gli operatori si devono impegnare per il suo mantenimento e sviluppo tecnologico.”

Al contributo per l’audizione è stato depositato in allegato un articolo – a firma dell’esperto di telecomunicazioni Stefano Quintarelli – in cui vengono ribadite le differenze tra mercato britannico e italiano e i motivi per cui si ritiene che Open Access (la divisione Telecom Italia che si occuperà della gestione delle infrastrutture) non potrà far ottenere vantaggi alle telco italiche, ma solo all’incumbent.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luigi corradi scrive:
    AAA esoscheletro affitasi
    Sono un biologo affetto da distrofia muscolare di tipo (Becker)!!!penso che questo esoscheletro sia un'invenzione fenomenale da applicare nelle distrofie muscolari benigne come la d.m.di tipo Becker, in quanto l'impulso nervoso arriva in tutti i nervi periferici che possono così trsmettere gli impulsi all'esoscheletro !!!!vorrei sapere chi commercializza l'esoscheletro in Italia ????
  • daniela moro scrive:
    interessata all'attrezzatura
    buongiorno, mi chiamo moro daniela, ho 56 anni e sono affetta da sclerosi multipla; sono molto interessata al vostro apparecchio, che mi permetterebbe di ritrovare sensazioni di cammino e liberta' ormai solo passati.gentilmente fatemi sapere maggiori informazioni, contattatemi al 340/9347736. grazie, distinti saluti.
  • Testazza scrive:
    Notevole
    Ricordiamoci che ancora i Big del calibro di Honda Toyota ecc non sono praticamente entrati in gioco, se vedono che la cosa può essere interessante e investono, ci sarà la vera rivoluzione.
  • Enjoy with Us scrive:
    Hal 9000?
    Vi ricorda nulla?Personalmente avrei scelto un altro nome es Mother!(per chi non lo sapesse è il computer centrale della nostromo di Alien 1, quello che faceva il doppio gioco con l'ufficiale medico)A parte gli scherzi mi sembra un'ottima iniziativa, peccato per la limitazione d'uso ai soli malati, capisco l'esclusione dal campo bellico, ma per il resto degli usi perchè no? Così tra l'altro si realizzano le economie di scala necessarie per rendere più umano il prezzo!
  • longinous scrive:
    Cyberdyne?
    Ma chi?quelli che hanno costruito queste?[img]http://www.hormiga.org/fondosescritorio/wallpapers/Manga-Y-Anime/Hand-Maid-May/Handmaidmay11280.jpg[/img]a quando la versione 1/6? ;)
    • Simone scrive:
      Re: Cyberdyne?
      Ma non é il nome della compagnia che crea i Terminator in T2?
      • longinous scrive:
        Re: Cyberdyne?
        - Scritto da: Simone
        Ma non é il nome della compagnia che crea i
        Terminator in
        T2?bè... anche, ma in Hand Maid May è l'azienda che costruisce le Cyberdoll ;)
  • Cippo Lippo scrive:
    i disabili non possono usarlo
    nel video si vede che inseiscono dei sensori all'altezza delle caviglie in grado di "intercettare" gli impulsi elettrici mandati dal cervello per far muovere le gambe meccaniche.sbaglio o chi è paralizzato e non può camminare quegli impulsi elettrici alla caviglia non arrivano? :S mi sembra una presa ingiro dire che aiuterà i disabili..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2008 10.45-----------------------------------------------------------
    • asasa scrive:
      Re: i disabili non possono usarlo
      - Scritto da: Cippo Lippo
      sbaglio o chi è paralizzato e non può camminare
      quegli impulsi elettrici alla caviglia non
      arrivano? :Sci sono infinite cause di disabilità, non tutte riguardano le gambe, e non tutte quelle che riguardano le gambe sono causate da danni ai nervi principali
      mi sembra una presa ingiro dire che
      aiuterà i disabili..per il momento è solo una figacciata dimostrativa, in futuro chi lo sa?
    • ... scrive:
      Re: i disabili non possono usarlo
      in parte si e in parte noanche se un disabile ha perso una gamba, il cervello è comunque in grado di mandare l'impulso per comandarla e il disabile comunque "sente" la gamba i primi tempi anche se non c'è più, il problema in caso di mancanza di un arto è dare la sensazione al cervello che quell'arto ci sia, molto tempo dopo che è stato amputato (se fatto subito, il cervello "ricorda" la presenza di quell'arto quindi il problema non c'è)
    • xWolverinex scrive:
      Re: i disabili non possono usarlo
      Modificato dall' autore il 09 ottobre 2008 10.45
      --------------------------------------------------Beh, ovviamente si parte con il "caso" piu' facile.. ossia con tutte le parti del "corpo" funzionanti. Per un disabile senza una gamba, ad esempio, quel prototipo non potrebbe neanche essere usato in quanto la gamba e' "vuota" (l'esoscheletro comunque usa il corpo umano come sostegno" quindi, per ora, quel modello non sarebbe usabile da disabili con parti del corpo mancanti. Ma in futuro non si sa', magari molto probabilmente trovano un modo "diverso" per captare quegli impulsi elettrici.. A me sembra comunque una buona cosa
  • Testazza scrive:
    Disabile
    Non "diversamente abile" a compiere azioni quotidiane che per un normalmente abile risultano fattibili senza difficoltà.E' + semplice dire "Disabile", non è ne offensivo ne vergognoso e ci si mette di meno a pronunciarlo e a scriverlo.
    • ottomano scrive:
      Re: Disabile
      - Scritto da: Testazza
      Non "diversamente abile" a compiere azioni
      quotidiane che per un normalmente abile risultano
      fattibili senza
      difficoltà.
      E' + semplice dire "Disabile", non è ne offensivo
      ne vergognoso e ci si mette di meno a
      pronunciarlo e a
      scriverlo.Oltre che il termine "diversamente abile" suona così ipocrita.Ma poi, pensandoci bene, se uno è "diversamente abile" vuol dire che è abile a fare una cosa che fanno tutti, ma in maniera diversa.Quindi se io mi oriento perfettamente nel mondo usando la vista, lo stesso non si può dire di un cieco.Un cieco si orienta a malapena su percorsi che conosce, e incontrerebbe difficoltà insormontabili se, ad esempio, dovesse guidare o fare un'escursione in montagna ecc...In questo quindi il cieco è disabile, nel senso di "non abile" a fare una determinata cosa.Se il cieco avesse un organo di orientamento naturale (ad esempio come il "radar" dei pipistrelli) che gli consentisse di "percepire" il mondo esterno con una precisione tale da consentire la guida o lo spostamento senza l'ausilio di bastoni/cani/guide ecc... allora si che si potrebbe dire "diversamente abile".In questo caso il cieco, come altri disabili di vario tipo, è semplicemente un disabile, e non c'è nulla di male a dirlo.Nicola-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2008 11.11-----------------------------------------------------------
      • Funz scrive:
        Re: Disabile
        Anche "handicappato"* in sé non ha una connotazione negativa, ma oramai non si può dire per 'sta cretinata del politically correct. Così come adesso non si può più dire nemmeno "disabile" e tra un po' pure "diversamente abile" sarà bandito e si inventeranno una definizione ancora più ridicola. Perché le parole cambiano, ma è il concetto di fondo ad essere sconveniente (per gli stupidi).* e anche "negro" e un sacco di altre normali condizioni umane.
        • Testazza scrive:
          Re: Disabile
          Ah non si puo' dire Negro!Anche se tra di loro lo dicono e in spagnolo vuol dire Nero.Solita ipocrisia delle mie palle, tipo "cieco" "zoppo" ecc. ecc.
  • Giorgio scrive:
    Mi sembra la strada giusta
    Massimo rispetto per i disabili ("diversamente abile" mi suona terribilmente ipocrita), ma ho sempre sostenuto che cercare di "adattare il mondo a loro" (ossia abbattere le barriere architettoniche) è una lotta contro i mulini a vento. Lodevole e nobile, d'accordo, ma in termini pratici estremamente costoso ed a favore solo di una (per fortuna) piccola parte di popolazione.Molto meglio a mio parere cercare di "adattare i disabili al mondo", ossia fornirli di strumenti come questo che consenta loro di superare l'handicap e di fruire al meglio delle risorse esistenti.In parole poverissime: piuttosto che progettare un edificio prevedendo rampe e spazi per le sedie a rotelle, sarebbe meglio eliminare le sedie a rotelle!Per il momento non si può fare, perché la tecnologia è ancora alle prime armi, e quindi è giusto che si eliminino ove possibile le barriere architettoniche. Ma questa giapponese mi sembra la strada giusta.
  • Nicola scrive:
    militari
    "Tutte le altre richieste, comprese quelle fatte dal settore militare, sono state declinate."hahahhahahaHAHAHAHAHAHHAHAHAHHAHAAAAAHHHAAAAHAAHAAAAAAAA HAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!Ma chi crede a sta baggianata??I militari se vogliono una cosa la prendono. Punto!Ma per favore. Che ipocriti.
    • chojin scrive:
      Re: militari
      - Scritto da: Nicola
      "Tutte le altre richieste, comprese quelle fatte
      dal settore militare, sono state
      declinate."

      hahahhahaha
      HAHAHAHAHAHHAHAHAHHAH

      AAAAAHHHAAAAHAAHAAAAAAAA HAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!


      Ma chi crede a sta baggianata??
      I militari se vogliono una cosa la prendono.
      Punto!
      Ma per favore. Che ipocriti.E' ovvio che dietro tutta questa ricerca vi siano i militari. Altrimenti col cavolo che avrebbero avuto un prototipo finale pronto così in fretta.
      • Nerf scrive:
        Re: militari
        - Scritto da: chojin
        E' ovvio che dietro tutta questa ricerca vi siano
        i militari. Altrimenti col cavolo che avrebbero
        avuto un prototipo finale pronto così in fretta.lo spionaggio industriale esisteva già ai tempi della coca-cola, figuriamoci se i militari, sempre che non siano i finanziatori, se vogliono se la rubano e fineSoldati bionici, bombe EMP etc.. Un'altra arma di offesa da affiancare alle mine antiuomo, alle bombe a pioggia/deframmentazione, all'atomica ...
        • Darkat scrive:
          Re: militari
          non è così semplice, l'esercito giapponese non è quello americano...è molto più limitato dopo la seconda guerra mondiale, poi scusa un prototipo così veloce? ma lo sai da quanti anni esiste questo progetto? e comunque pure in caso di uso militare ci sarebbero una marea di avvocati da ogni parte del mondo se il costruttore non desse in consenso(a meno che i militari non ne costruiscano di loro), poi non credo l'esercito americano sia interessato a questo aggeggino visto che loro stanno sperimentando l'uso di "medicinali" che aumentano le prestazioni fisiche oppure l'uso di armi chimiche...non credo siano interessati
          • Paolone scrive:
            Re: militari
            - Scritto da: Darkat
            poi non credo l'esercito
            americano sia interessato a questo aggeggino
            visto che loro stanno sperimentando l'uso di
            "medicinali" che aumentano le prestazioni fisiche
            oppure l'uso di armi chimiche...non credo siano
            interessatiCredi male.--- Giochino: CHI HA SVILUPPATO COSA? ---Computer--- MilitariInternet--- MilitariGps-------- MilitariChi più ne ha, più ne metta---- Militari
          • Darkat scrive:
            Re: militari
            e però concludi dicendo che è tutto opera dell'esercito AMERICANO, non giapponese, questo progetto con l'esercito non centra un'emerito piffero. tutti i progetti da te nominati erano sviluppati da un'esercito che non ha mai tenuto nascosta la cosa, quindi perchè avrebbero nascosto questa cosa l'esercito giapponese che è tutt'oggi un esercito fantoccio quasi? qui non siamo in america stiamo parlando del giappone!
  • Cranb scrive:
    Il Bianco e Il Nero.
    Difficile non assaporare un retrogusto inquietante in notizie come questa, specialmente si ci si ferma a guardare più da lontano l'attuale panorama generale.Siamo ora più che mai in un periodo di grandi cambiamenti e progressi a livello tecnologico, tutto sta cambiando intorno a noi ad una velocità impressionante.Data la premessa che come è noto si tratta di un processo inarrestabile, ci si può solo rassegnare ai fatti: Nel perenne tentativo dell'uomo di migliorare la propria vita, finirà per spezzare gli equilibri fondamentali di essa, snaturandone il vero significato che solo allora forse capiremo.Accettato questo, possiamo tornare a crogiolarci nella speranza di un mondo migliore e godere di questi piccoli grandi progressi che stanno sempre in bilico tra il bianco e il nero.
    • snem scrive:
      Re: Il Bianco e Il Nero.
      Bendetto! Mi suona un pò a discorso stile secolo XVIII contro gli illuministi. Ma la storia è piena di esempi "progresso che fa paura" Vs. "tradizione, ordine e sicurezza".
    • Satori scrive:
      Re: Il Bianco e Il Nero.
      Equilibri? Facciamo così, tu ti butti da una scala e fai in modo di rimanere paralizzato dalla vita in giù e poi ne riparliamo di questi equilibri.Non si parla di stravolgere la natura umana, si parla di permettere a gente ridotta su una sedia a rotelle di potersi muovere dinuovo.
      • Cranb scrive:
        Re: Il Bianco e Il Nero.
        È evidente che non hai capito il significato del mio commento.L'utilizzo di una tecnologia del genere a favore dei disabiliè SICURAMENTE qualcosa di molto positivo e potrebbe dare forti speranze a molta gente.Ma ora rispondi a questo: Cosa accadrebbe se l'applicasseroper scopi militari? riesci a vedere come questo lavoro, unito ad altri campi del settore aumenti le potenzialità di sfruttamento anche in campo bellico? o guardi solo il lato positivo della cosa?Con questo non voglio dire che progetti del genere andrebbero fermati, ma mi rendo anche conto che l'uomo per sua natura non è in grado di gestire poteri del genere e la storia lo insegna.Bianco e Nero.Riflettici meglio.
        • Utente 77 scrive:
          Re: Il Bianco e Il Nero.
          L'applicazione della conoscenza per scopi bellici è intrinseco nella natura umana. E' già tanto, dal mio punto di vista, che questa volta ci sia stato un progresso scentifico che non passase per un'applicazione militare in sviluppo o già esistente.Comunque è scontato che, nonostante il lodevole tentativo del creatore di rifiutare proposte di sviluppo in ambito militare, le conoscenze alla base di questa invenzioni vengano capite ed utilizzate per creare dei "cloni" oppure in altri ambiti come quello del lavoro (esoscheletri per lo spostamento di materiali pesanti modello Aliens) o quello militare (Gundam ecc ecc).
    • asasa scrive:
      Re: Il Bianco e Il Nero.
      - Scritto da: Cranb
      [cut]Siamo salvi! È arrivato il profeta!
      • Cranb scrive:
        Re: Il Bianco e Il Nero.
        La mia è una semplice opinione riguardo il ruolo del progresso in generale.Che sia giusta o sbagliata non sta ne a me ne a te dirlo.Ah già dimenticavo, tu neanche l'hai espressa la tua opinione.
  • jobb scrive:
    frigorifero
    finalmente l omino della pubblicita alla richiesta della nonnina di portargli su per le scale il frigo non avra' problemi..niente mal di schiena e cerotti..sicuramente riusciranno a far camminare i disabili con questo cyborg...questione di anni o di mesi....sti giapponesi sarebbero geniali..peccato che ammazzano delfini e balene e per questo non mi sono per nulla simpatici.
  • MeX scrive:
    applicazione pratica..
    sostituirà il trolley per la spesa delle nonnine nel tragito Mrcato/Casa!
    • Ice scrive:
      Re: applicazione pratica..
      - Scritto da: MeX
      sostituirà il trolley per la spesa delle nonnine
      nel tragito
      Mrcato/Casa!E non dimenticare che potremmo far lavorare i vecchi in Italia (visto che diventeranno il 99% della popolazione) fin bel oltre l'età della pensione! (rotfl)
  • 0verture scrive:
    Cyberdyne ?
    Ma è la compagnia che avrebbe dovuto realizzare skynet in T2 !!!Oramai è sicuro, la fine è vicina...
    • Ebolo scrive:
      Re: Cyberdyne ?
      Fantastico!Ebolo.
    • Ice scrive:
      Re: Cyberdyne ?
      A me fa troppo pensare alla Cyberdyne del videogame "terminator future shock"
    • The_GEZ scrive:
      Re: Cyberdyne ?
      Ciao 0verture !
      Ma è la compagnia che avrebbe dovuto realizzare
      skynet in T2
      !!!
      Oramai è sicuro, la fine è vicina...E' ESATTAMENTE QUELLO CHE HO PENSATO IO !!!!però per 2200$ avere a disposizione QUESTO per un mese ...http://www.spencer1984.com/my_models/t800.php :| :D
      • Ice scrive:
        Re: Cyberdyne ?
        - Scritto da: The_GEZ
        Ciao 0verture !


        Ma è la compagnia che avrebbe dovuto realizzare

        skynet in T2

        !!!

        Oramai è sicuro, la fine è vicina...

        E' ESATTAMENTE QUELLO CHE HO PENSATO IO !!!!
        però per 2200$ avere a disposizione QUESTO per un
        mese
        ...
        http://www.spencer1984.com/my_models/t800.php

        :| :DSpero non faccia lo stesso rumore come nel videogame sennò sai che paura (prima) e che palle (poi).p.s.: io aspetto direttamente il T1000 :D
      • 0verture scrive:
        Re: Cyberdyne ?
        Ma è in scala...
    • Bluedeath scrive:
      Re: Cyberdyne ?
      - Scritto da: 0verture
      Ma è la compagnia che avrebbe dovuto realizzare
      skynet in T2
      !!!

      Oramai è sicuro, la fine è vicina...Penso Che i fondatori della compagnia non manchino di ironia. L acos preoocumante è che la versione 2.0 del drone predator americano si chiama "hunter killer" con sigla HK (quelli che in terminator hanno tradotto chiamavano KC in italia), li si che c'è da avere paura.
  • Den Lord Troll scrive:
    è inevitabile....
    ....non si può fermare il progresso (se presente)è l'uso che si fa di una invenzione a determinare il buon fine (o cattivo) non la sua realizzazione :)ehm, a quanto la versione che si possa SOSTITUIRE direttamente all'inutile corpo umano :p più robocop x tutti (prendetela come battuta edaai!)
  • Bowman scrive:
    HAL?!
    HAL?!?! :|Ma voi vi fideresti di ingabbiarvi in un esoscheletro che si chiama HAL?!?! :
    • Darkat scrive:
      Re: HAL?!
      Siiiiiiiiiiii!!!! mi sa di jig robot d'acciaio!!! (cylon)(love)
      • BertZ scrive:
        Re: HAL?!
        - Scritto da: Darkat
        Siiiiiiiiiiii!!!! mi sa di jig robot d'acciaio!!!
        (cylon)(love)fose Tekkaman o Gordian sono piu' appropriati :)
    • belze scrive:
      Re: HAL?!
      a me sa di hardware abstraction layer...magari il nome non l'hanno poi scelto così a caso, ha una certa analogia...
    • xWolverinex scrive:
      Re: HAL?!
      - Scritto da: Bowman
      HAL?!?! :|
      Ma voi vi fideresti di ingabbiarvi in un
      esoscheletro che si chiama HAL?!?!
      :Si, visto che non ha un cervello non si corre il rischio di una "odissea nello spazio". Al massimo, visto che e' dedicato ai disabili, potrebbe essere una "odissea nell'ospizio" (lo so'.. e' pessima ;) ) Scherzi a parte mi sembra una prospettiva interessantissima per tutti i diversamente abili che abbiano avuto qualche arto asportato. Personalmente credo che in futuro queste applicazioni si svilupperanno sempre di piu', in concomitanza con il rimpicciolimento (e potenziamento) delle batterie (purtroppo l'autonomia di questi esoscheletri credo sia un grosso neo).Onestamente... mi ricorda molto le moto della saga di Macross :) (si sa', sti' giapponesi so' fissati !!!)
      • otaku scrive:
        Re: HAL?!
        a me ricorda piu' Appleseed... una figata! lo voglio! poi di corsa sull'autostrada a 100 km/h :) :) :)
      • Funz scrive:
        Re: HAL?!
        - Scritto da: xWolverinex
        - Scritto da: Bowman

        HAL?!?! :|

        Ma voi vi fideresti di ingabbiarvi in un

        esoscheletro che si chiama HAL?!?!

        :Effettivamente ^_^;[cut pessime battute ^_^;)
        Scherzi a parte mi sembra una prospettiva
        interessantissima per tutti i diversamente abili
        che abbiano avuto qualche arto asportato.
        Personalmente credo che in futuro queste
        applicazioni si svilupperanno sempre di piu', in
        concomitanza con il rimpicciolimento (e
        potenziamento) delle batterie (purtroppo
        l'autonomia di questi esoscheletri credo sia un
        grosso
        neo).

        Onestamente... mi ricorda molto le moto della
        saga di Macross :) (si sa', sti' giapponesi so'
        fissati
        !!!)Forse parli ri Robotech, comunque, ho pensato la stessa cosa!Mi piacerebbe il Samson di Macross Frontier... che vola! vuoi mettere la comodità per andare al lavoro? Mi potrei costruire la catapulta sul tetto ^o^(messaggio con faccine stile manga in ossequio al topic ^_^ )
        • xWolverinex scrive:
          Re: HAL?!

          Forse parli ri Robotech, comunque, ho pensato la
          stessa
          cosa!
          Mi piacerebbe il Samson di Macross Frontier...
          che vola! vuoi mettere la comodità per andare al
          lavoro? Mi potrei costruire la catapulta sul
          tetto
          ^o^

          (messaggio con faccine stile manga in ossequio al
          topic ^_^
          )Io preferivo le moto trasformabili in armature (con anche la capacita' di volo) della seconda serie :D
Chiudi i commenti