Niente Android per WeTab

E' stato annunciato che il tablet farà girare MeeGo. Per spingere le prestazioni laddove Android non sarebbe potuto arrivare

Roma – Il recente IFA di Berlino ha rivelato l’utilizzo del sistema operativo MeeGo, messo a punto da Nokia e Intel, sul tablet internet WeTab. Con un cambio decisamente inaspettato il dispositivo realizzato dalla tedesca 4tiitoo rinuncia quindi alla piattaforma Android di Google per abbracciare un altro OS, più giovane, comunque basato su Linux. L’atteso gadget tecnologico (precedentemente noto come WePad) diventa così il primo dispositivo MeeGo al mondo, ma prende tempo (l’uscita era inizialmente prevista per settembre) glissando sulla realistica release date.

WeTab In realtà, oltre alle app specifiche per Meego e native Linux, WeTab potrà comunque eseguire determinate applicazioni Android based e supporterà il runtime Adobe Air (Java, HTML5, Adobe Flash) per la visualizzazione delle pagine web. Gli sviluppatori WeTab potranno quindi programmare nei linguaggi con cui hanno più familiarità e gli utenti potranno scegliere tra diverse possibilità nell’apposito shop online.

La nuova interfaccia grafica proposta, tempestata di widget, appare un tantino confusionaria ma secondo gli sviluppatori è grazie all’utilizzo di MeeGo se si è arrivati ad un miglioramento generale nelle prestazioni e nella durata della batteria, che adesso sfiora le 6 ore di autonomia. Traguardi importanti per un piccolo tablet che intende competere con i grandi, includendo Open Office e un browser web in grado di visualizzare anche Flash.

Per il resto, la versione base del WeTab (499 euro) mantiene le caratteristiche tecniche già annunciate dallo scorso maggio: schermo da 11,6 pollici multi-touch, processore Intel Atom N450 a 1.66GHz, 16GB di memoria flash, webcam da 1.3 megapixel, doppia porta USB, Bluetooth 2.1, WiFi e accelerometro. La versione top di gamma (569 euro) pensata come iPad killer prevede invece 32GB di spazio, 3G, GPS, uscita HDMI e registrazioni video Full HD.

Roberto Pulito

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bruno Bassi scrive:
    vogliono risparmiare pure sul QoS
    Secondo me le compagnie sono talmente avide di denaro che pur di risparmiare non filtrano utente per utente ma per gruppi abbastanza grossi di utenti cosicché anche se sei un "bravo" utente ma finisci per tua sfortuna in un gruppo dove c'è un utente cattivo puniscono anche te!Sarebbe come dire che io non ho fatto niente ma sfortunatamente abita alla porta accanto un mafioso pregiudicato e siccome la polizia non vuol spendere per far prima invece di fa fare l'ergastolo al delinquente mette dentro tutto il condominio di 30 inqulini e gli fa fare 1 anno a testa.Io capisco di limitare la banda ma il controllo va fatto per ogni singolo ip e non per gruppi di IP perché si vuol risparmiar anche sugli apparati di QoS!!!!
  • Sandokan scrive:
    La "banda" della Tre
    La TRE ha inserito dei piani tariffari a tempo per la connessione Internet, peccato che abbia la cattiva abitudine di tagliare la banda nel caso facciate "troppo traffico", a me è sucXXXXX dopo aver guardato 4 (dico quattro) video su YouTube, la banda è passata da:192.3 KB/sec in DL40.9 KB/sec il ULa:14.9 KB/sec in DL10.8 KB/sec in ULOvviamente risposte dal servizio clienti neanche a sognarle (mail e fax inclusi).E' solo un sopruso bello e buono... peccato per la Tre, in questo modo si sXXXXXXX solamente.
  • algepu scrive:
    articolo connessioni limitate TIM
    salve, nel vostro articolo dite che riguardo alla TIM non sono arrivate segnalazioni: spero invece che altri utenti come me segnalino quanto mi accade dall'acquisto di chiavetta tim: la copertura non è quasi mai veloce (HSDPA ecc.) ma sempre in Edge nonostante sia assicurata copertura HSDPA. e inoltre in Edge molte volte si aggancia ma non si naviga: quindi ti scalano gli scatti a vuoto senza poter navigare o altro. reclami alla tim andati a vuoto (a parte che è molto difficile contattarli via email o altro). come sempre queste innovazioni a pagamento si rivelano truffe a scapito di chi poi gli dà il pane, non si sà fino a quando..... 'e vogliono colonizzare la luna...' e non sono capaci di garantire servizi 'a pagamento' salato.....
  • c_s scrive:
    Re: il problema...
    Perchè è giusto il comportamento delle società che gestiscono l'autostrada? O meglio, è giusto che lo Stato permetta a queste società questo comportamento?Se si stabilisse una qualità minimo del servizio vedresti le società autostradali investire e migliorare la proprio rete perchè così avrebbero un maggior ritorno economico: oggi chi glielo fa fare a migliorare la rete visto che tanto incassano gli stessi soldini?Ciao.
  • utente incavolato scrive:
    infatti
    infatti mi sono rifiutato di sottoscrivere un contratto per la connettività mobile...e dire che mi sarebbe piaciuto...
  • Giorgione scrive:
    Ecco la soluzione
    Disdetta in massa di tutti i contratti internet, e limitare l'uso allo strettissimo necessario, del cellulare.Dopo un mese si metteranno a 90°...E non mi si dica che con l'hsdp ci si lavora per cortesia...Le aziende usano il cavo!
    • maranric scrive:
      Re: Ecco la soluzione
      - Scritto da: Giorgione
      Disdetta in massa di tutti i contratti internet,
      e limitare l'uso allo strettissimo necessario,
      del
      cellulare.Caspita, che gran soluzione! Tu sì che sei un genio vero? La gente usa internet e il cell per tutto, non si fanno scioperi neppure per interessi nazionali, figuriamoci per quelli che usano Tre e si ritrovano col blocco.
      Dopo un mese si metteranno a 90°...Ogni tanto salta fuori qualcuno con queste trovate..vale anche per la benzina "Non facciamo piu' benzina! Senza acquirenti si piegheranno!!" in che mondo vivete?
      E non mi si dica che con l'hsdp ci si lavora per
      cortesia...con l'hsdpa la gente ci lavora eccome..internet in mobilità non è piu' solo un gioco per i bambini che vogliono aggiornare il profilo su facebook, è diventata esigenza lavorativa per tantissima gente.
      Le aziende usano il cavo!La gente SI SPOSTA ehE' chiaro che all'operaio addetto al pollame gli fotte poco di internet in mobilità..ma per tanti altri non è la stessa cosa.
      • Giorgione scrive:
        Re: Ecco la soluzione
        - Scritto da: maranric
        Caspita, che gran soluzione! Tu sì che sei un
        genio vero? La gente usa internet e il cell per
        tutto, non si fanno scioperi neppure per
        interessi nazionali, figuriamoci per quelli che
        usano Tre e si ritrovano col
        blocco.No il genio sei tu. La benzina serve, perche' altrimenti non ti sposti.
        Ogni tanto salta fuori qualcuno con queste
        trovate..vale anche per la benzina "Non facciamo
        piu' benzina! Senza acquirenti si piegheranno!!"Mi sa che hai sbagliato topic!

        in che mondo vivete?
        In quello reale.

        E non mi si dica che con l'hsdp ci si lavora per

        cortesia...

        con l'hsdpa la gente ci lavora eccome..internet
        in mobilità non è piu' solo un gioco per i
        bambini che vogliono aggiornare il profilo su
        facebook, è diventata esigenza lavorativa per
        tantissima
        gente.E' la minoranza.
        La gente SI SPOSTA eh
        E' chiaro che all'operaio addetto al pollame gli
        fotte poco di internet in mobilità..ma per tanti
        altri non è la stessa
        cosa."La gente" che si sposta, essendo azienda, se proprio non ha il cavo lo usa l'hsdpa, e tutto il resto. Ma una GROSSISSIMA fetta degli introiti degli operatori deriva dal traffico prepagato. Tu prova a bloccargli per un mese gli introiti e poi sta a guardare quello che succede."La gente" che si sposta, usa anche il wifi, per tua informazione, ed i punti liberi sono molti di piu' di quelli che tu possa immaginare. Gli aeroporti, visto che la gente si sposta, ne sono pieni. Toh, anche i centri commerciali, i bar, e quant'altro. ALADINO!
        • maranric scrive:
          Re: Ecco la soluzione

          No il genio sei tu. La benzina serve, perche'
          altrimenti non ti
          sposti.Anche internet e il cell serve. Se non ha mai funzionato questo sistema per la benzina (che è usata da TUTTI) figuriamoci per proteste internet mobile.
          In quello reale.beh ti hanno gia' preso in giro altre 3 persone, o hai 10 anni oppure sei il solito credulone che pensa di cambiare il mondo non usando il cellulare.
          E' la minoranza.Veramente si parlava di problemi di banda/infrastruttura proprio perchè la gente inizia ad essere TANTA. Esistono oltre 1 milione di chiavette internet solo con scheda 3. Vedi un po' tu eh
          "La gente" che si sposta, essendo azienda, se
          proprio non ha il cavo lo usa l'hsdpa, e tutto il
          resto. Ma una GROSSISSIMA fetta degli introiti
          degli operatori deriva dal traffico prepagato.e questo che c'entra?
          Tu
          prova a bloccargli per un mese gli introiti e poi
          sta a guardare quello che
          succede.Non è possibile bloccare gli introiti. Per ogni utente che "sciopera" non usando cell e internet in mobilità ce ne sono 20mila che continuano ad usare cell e internet mobile. Stop. E' così e basta.
          pieni. Toh, anche i centri commerciali, i bar, e
          quant'altro.Falso. Con la legge sulla privacy stanno diventando sempre piu' rari. Escludendo aeroporti hotel e mcdonald sono beh pochi gli hotspot free. Nella vita lavorativa di tutti i giorni capita rarissimamente di trovarli per strada e se anche li trovi devi fare autenticazione, registrazione etc..una gran rottura, senza contare la questione sicurezza.SalutiRIC
        • attonito scrive:
          Re: Ecco la soluzione

          "La gente" che si sposta, usa anche il wifi, per
          tua informazione, ed i punti liberi sono molti di
          piu' di quelli che tu possa immaginare. Gli
          aeroporti, visto che la gente si sposta, ne sono
          pieni. Toh, anche i centri commerciali, i bar, e
          quant'altro.te il decreto pisanu non lo conosci, eh?
          ALADINO!aladino era il pezzente che ha trovato la lampada col genio dentro, mica era il nome del genio.Fesso! (si, tu! e sei pure senza lampada)
    • angros scrive:
      Re: Ecco la soluzione
      La solita balla del boicottaggio? Ma quanti anni hai?
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Ecco la soluzione

      Disdetta in massa di tutti i contratti internet,
      e limitare l'uso allo strettissimo necessario,
      del cellulare.Praticamente tutti gli utenti sono convinti di usarlo già "lo stretto necessario"
      Dopo un mese si metteranno a 90°...Figurati, manco se ne accorgono. Quando mai una sola iniziativa del genere ha funzionato?
      E non mi si dica che con l'hsdp ci si lavora per cortesia...
      Le aziende usano il cavo!Nessuno in mobilità? Figuriamoci!
    • markoer scrive:
      Re: Ecco la soluzione
      Dopo un mese il servizio sarà cancellato e/o fornito a prezzi stratosferici per le sole elite. Come le connessioni satellitari.Certo, risolve il problema della congestione. ma paghi il servizio 10 volte tanto o di piùCordiali saluti
    • Giorgione scrive:
      Re: Ecco la soluzione
      Oh, che cosa non e' chiaro? Eppure credevo di aver scritto in italiano.Se uno si vuole fare XXXXXXX, lo faccia pure, ma poi non si lamenti, per la scarsa qualita' che gli danno le aziende. Siete il classico esempio di italiani. Vi lamentate, lamentate, ma poi al'atto pratico di fare uno sciopero dei consumi, nessuno lo vuole fare.Io ho parlato di utenza PREPAGATA e non aziendale, o meglio la minoranza aziendale.Le aziende che ti danno un cellulare per stare collegato ad internet, te lo danno per la posta elettronica, ed in questo caso, e' piu' che sufficiente un normale umts, senza hsdpa.Il resto, visto che oramai ci vogliono circa 160 euro a fondo perduto (canone telecoz, per non fare un XXXXX), usa le chiavette, per cazzeggiare su social network ed affini. Chi scarica a manetta questo o quel contenuto lecito o meno. LA MAGGIOR PARTE DEL TRAFFICO INTERNET E' DOVUTO AL P2P. Non credo che un'azienda faccia uso massiccio di p2p.Per il resto andate a vedere le statistiche di vendita dei cellulari, che feature hanno, l'eta media degli utlizatori. Si tratta di essere realistici.Se poi ci sono tre che mi prendono in giro, ben vengano, significa che di XXXXXXXXX aggregati in gregge che ne sono un'infinita'.Ah, per la cronaca, ho 41 anni, lavoro nel campo dell'ict, da 20, e contemporaneamente da 10 del campo della telefonia mobile. Quindi SO di cosa parlo per aver visto con i miei occhi le statistiche aziendali delle tre maggiori compagnie telefoniche mobili italiane una delle quali e' anche quella dove sono assunto. Anche io ho un cellulare con hsdpa, ricevo giornalmente da 90 ad i 150 sms, ed uso il cellulare per accedere alla nostra intranet. Ma io NON pago un solo centesimo per avere cio'. VEDETE un po' voi, genialoidi...Cio, premesso, FANNO BENISSIMO A SPENNARVI!
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Ecco la soluzione
        - Scritto da: Giorgione
        Oh, che cosa non e' chiaro? Eppure credevo di
        aver scritto in
        italiano.
        Se uno si vuole fare XXXXXXX, lo faccia pure, ma
        poi non si lamenti, per la scarsa qualita' che
        gli danno le aziende. Siete il classico esempio
        di italiani. Vi lamentate, lamentate, ma poi
        al'atto pratico di fare uno sciopero dei consumi,
        nessuno lo vuole
        fare.Lo sciopero dei consumi è una idea idiota .Se il prodotto non ti interessa, non lo avresti comprato comunque (quindi, il tuo sciopero è irrilevante): se il prodotto ti interessa, perchè mai dovresti (con lo sciopero) metterti in una condizione ancora peggiore (la rinuncia) rispetto a quella esistente? Inoltre, sai già che se gli altri non aderiscono, il tuo sciopero non serve a nulla: e per quale motivo gli altri dovrebbero aderire?Lo sciopero dei consumi è slacktivism, è un patetico tentativo di scaricarsi la coscienza, facendo finta di lottare e aspettando la manna dal cielo (vale a dire, il pentimento delle aziende)
  • gdm scrive:
    vergognosi
    contratto da marzo 2010 ho avuto sempre problemi di download ho chiesto delucidazioni alla 3 ma non mi hanno mai dato risposte circa un blocco del traffico da parte loro, penso che al termine dei 23 mesi di contratto darò la disdetta.
  • utente incavolato scrive:
    il problema...
    Il problema non sono i limiti tecnici (presenti ma superabili a patto di essere disposti a spendere il necessario). Il problema è ben diverso: se un cinema ha 100 posti io non posso vendere 1000 biglietti sperando che non tutti i clienti vengano allo stesso spettacolo. qui il discorso è analogo: hai tot banda, la tua offerta prevede tot/x banda per ogni utente, vendi solo x contratti e non di più perchè tanto non tutti usano la banda, io la banda te la pago al prezzo che tu hai stabilito, ma poi voglio usarla senza renderne conto a nessuno. Se vuoi vendere di più aggiorna la tua infrastruttura. il resto è al limite della truffa, così come è assurdo vietare il traffico voip, che sulla rete è semplice traffico dati; è semplicemente scorretto.Questo per altro succede anche con il traffico voce: mi è capitato di recente di vedere una tariffa TIM che prometteva chiamate gratis a 4 euro a mese (se non sbaglio) e quindi già gratis non erano. Inoltre chiamate gratis si ma fino a 5000 minuti (ok sono tanti ma non son più chiamate gratis, sono 5000 min a 4 euro, è diverso). Salvo poi aggiungere che TIM presumeva un uso corretto della tariffa (e che si riservava di decidere quale fosse l'uso corretto, mica lo specificava prima eh) ed eventualmente tagliare il servizio. Ecco per me questa è truffa: avrebbero dovuto scrivere correttamente "tot minuti di chiamata a 4 euro a mese" con tot numero per loro corretto, senza usare a caso parole come gratis. Qui il discorso è assolutamente analogo, con l'aggravante che spesso è fatto a posteriori e senza possibilità di controllo da parte dell'utente. Già trovo scorretto pubblicizzare la velocità massima raggiungibile: dovrebbero usare la media registrata nel mese precedente in quel territorio, così da evitare messaggi ingannevoli.Inoltre il fatto che limitino determinati tipi di traffico dati mi giungere alla conclusione che sono in grado di sapere che programmi uso e questa la ritengo una violazione della mia privacy.per la rete: se invece di avere una rete per operatore si avesse una rete unica gestita da un soggetto terzo e data in uso agli operatori, i costi sarebbero molto più sostenibili.
  • formichiere scrive:
    windows 95 al tappeto!
    cdo:)
  • Lemon scrive:
    Alternativa? Tutti più lenti..
    La banda non è illimitata, questo lo sappiamo tutti penso. Detto questo cosa devono fare le compagnie telefoniche? a) best effort, chi primo arrivo primo alloggiab) fare andare un pò più veloci chi naviga, scarica posta e fa voip mentre limitano chi far P2P?a voi la scelta
    • bbo scrive:
      Re: Alternativa? Tutti più lenti..
      - Scritto da: Lemon
      La banda non è illimitata, questo lo sappiamo
      tutti penso.

      Detto questo cosa devono fare le compagnie
      telefoniche?


      a) best effort, chi primo arrivo primo alloggia
      b) fare andare un pò più veloci chi naviga,
      scarica posta e fa voip mentre limitano chi far
      P2P?

      a voi la sceltail problema non è che 3 XXXX la banda a chi scarica centinaia di Gb tramite peer to peer... il problema è che 3 XXXX la banda anche agli utenti regolari.Ti guardi un po' di video su youtube? Scarichi la posta? Aggiorni qualche programma? Molto probabilmente la loro soglia la superi lo stesso... e ti trovi a navigare a massimo 15kbytes al secondo...
      • Lemon scrive:
        Re: Alternativa? Tutti più lenti..


        il problema non è che 3 XXXX la banda a chi
        scarica centinaia di Gb tramite peer to peer...
        il problema è che 3 XXXX la banda anche agli
        utenti
        regolari.
        si ok, non mettevo in dubbio che chi fa il p2p fosse irregolare (e comunque affari suoi), sto dicendo che chi fa il p2p può anche attendere un'ora in più per il completamento del suo download, chi invece naviga o scarica posta o fa voip non può avere ritardi eccessivi, quindi è ovvio dare priorità a quelli.
        Ti guardi un po' di video su youtube? Scarichi la
        posta? Aggiorni qualche programma? Molto
        probabilmente la loro soglia la superi lo
        stesso... e ti trovi a navigare a massimo
        15kbytes al
        secondo...purtroppo bisogna leggere in dettaglio le offerte, non c'è altra scelta. Io evidenziavo solo che secondo me il traffic shaping non è poi così grave, l'importante è essere chiari nei contratti.Tieni anche conto che le "chiavette" sono alla fine una XXXXXta italiana nel senso che spesso sono una alternativa a chi non ha copertura adsl, il loro uso originale dovrebbe essere per utenti mobili che raramente hanno bisogno di scaricarsi gb di roba
      • Aleph72 scrive:
        Re: Alternativa? Tutti più lenti..
        - Scritto da: bbo
        Ti guardi un po' di video su youtube? Scarichi la
        posta? Aggiorni qualche programma? Molto
        probabilmente la loro soglia la superi lo
        stesso... e ti trovi a navigare a massimo
        15kbytes al
        secondo...Ma stai parlado di navigazione dal cellulare o in tethering?Io ho un contratto mensile di 1GB, dopodiché mi XXXXno la banda a 128/64Kbps (con Movistar, in Spagna).Fin ora non sono MAI riuscito nemmeno ad avvicinarmici al GB mensile.E' ovvio che se devo scaricare degli aggiornamenti di App pesanti, non lo faccio in 3G, lo faccio da casa in wifi, ma per il resto guardo diversi filmati da Youtube, decine di email al giorno, moltissima navigazione web, spesso uso programmi GPS che scaricano i dati in 3G e il massimo che sono riuscito a fare è stato circa 700MB il mese scorso.Diverso il caso dell'utilizzo in tethering, via pc i dati scambiati possono essere molti di più.
    • vac scrive:
      Re: Alternativa? Tutti più lenti..
      Il problema è che i contratti vanno rispettati.Se mi vendi una FLAT io la voglio usare.-(Secondo me si dovrebbe pagare a MB scaricati anziche' a tempo)
      • Lemon scrive:
        Re: Alternativa? Tutti più lenti..
        - Scritto da: vac
        Il problema è che i contratti vanno rispettati.
        Se mi vendi una FLAT io la voglio usare.
        -E la usi... la banda garantita però.
        (Secondo me si dovrebbe pagare a MB scaricati
        anziche' a
        tempo)E' una idea
    • panda rossa scrive:
      Re: Alternativa? Tutti più lenti..
      - Scritto da: Lemon
      La banda non è illimitata, questo lo sappiamo
      tutti penso.

      Detto questo cosa devono fare le compagnie
      telefoniche?


      a) best effort, chi primo arrivo primo alloggia
      b) fare andare un pò più veloci chi naviga,
      scarica posta e fa voip mentre limitano chi far
      P2P?

      a voi la sceltaEsiste una terza possibilita': banda inversamente proporzionale alla diffusione del proprio sistema operativo.Quindi quei quattro gatti cantinari che hanno linux potranno continuare a downloadare a 100 gbit, i winari invece 19200 baud e pedalare.
      • Lemon scrive:
        Re: Alternativa? Tutti più lenti..

        Esiste una terza possibilita': banda inversamente
        proporzionale alla diffusione del proprio sistema
        operativo.

        Quindi quei quattro gatti cantinari che hanno
        linux potranno continuare a downloadare a 100
        gbit, i winari invece 19200 baud e
        pedalare.E se dessimo anche un bonus in base alle frustrazioni personali arriveresti ai 5000 gb, ne sono certo
  • ruppolo scrive:
    Il problema sono i pirati
    La normale navigazione web e altri servizi come VoIP, chat, mail, eccetera non causano alcun problema di banda.E nemmeno i quattro gatti che scaricano le distro Linux.Il danno lo causano i pirati, che occupano il 100% della banda a loro disposizione per scaricare illegalmente di tutto e di più.
    • delfi5 scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      non possono?
      • fiertel91 scrive:
        Re: Il problema sono i pirati
        - Scritto da: delfi5
        non possono?Ruppolo sarà abituato alla castrazione dei prodotti che acquista, a quanto pare.
      • incredibile scrive:
        Re: Il problema sono i pirati
        no, non possono, neanche tu puoi, embe'?
        • delfi5 scrive:
          Re: Il problema sono i pirati
          - Scritto da: incredibile
          no, non possono, neanche tu puoi, embe'?Per no. Ognuno può farci quello che vuole con la sua linea, anche perché in questo caso l'isp non da limitazioni, poi ne risponderà lui se quello che ha fatto è legalmente perseguibile. Quindi dire che non possono(puoi ;-) ) è assolutamente sbagliato.
    • Mr. X scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      - Scritto da: ruppolo
      La normale navigazione web e altri servizi come
      VoIP, chat, mail, eccetera non causano alcun
      problema di
      banda.
      E nemmeno i quattro gatti che scaricano le distro
      Linux.

      Il danno lo causano i pirati, che occupano il
      100% della banda a loro disposizione per
      scaricare illegalmente di tutto e di
      più.Eh si, infatti io devo pagare di piu per avere l'onore di usare del traffico voip sul mio iphone4 o addirittura usarlo come modem (ossignore!!! orrore) perchè passo il giorno a scaricare roba piratacerto certo....ma per piacere
    • AlessioC scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      Oddio... lo sto scrivendo veramente??A quanto pare sì: sono d'accordo con Ruppolo!
      • Sgabbio scrive:
        Re: Il problema sono i pirati
        - Scritto da: AlessioC
        Oddio... lo sto scrivendo veramente??
        A quanto pare sì: sono d'accordo con Ruppolo!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)crediamo alla favole ?
    • Teo_ scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      I pirati più pericolosi sono però quelli che cambiano unilateralmente le condizioni contrattuali.Io ho un abbonamento a Sky Tg24 http://itunes.apple.com/it/app/sky-tg24/id360500248Ora come faccio a farmelo rimborsare da Tre perché ha deciso uso troppo del traffico che gli pago ogni mese?
    • fiertel91 scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      - Scritto da: ruppolo
      Il danno lo causano i pirati, che occupano il
      100% della banda a loro disposizione per
      scaricare illegalmente di tutto e di
      più.Quindi stai contestando il diritto di un cliente di usufruire al max del prodotto acquistato? Accidenti, pensavo delirassi soltanto quando si parla di iphone e simili, invece è proprio caratteriale!
    • Sgabbio scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      Deliri, come al solito...guarda che ci sono altri modi per usare grandi quantità di banda...eh ?
    • panda rossa scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      - Scritto da: ruppolo
      La normale navigazione web e altri servizi come
      VoIP, chat, mail, eccetera non causano alcun
      problema di
      banda.
      E nemmeno i quattro gatti che scaricano le distro
      Linux.

      Il danno lo causano i pirati, che occupano il
      100% della banda a loro disposizione per
      scaricare illegalmente di tutto e di
      più.E tu vorresti farci credere che non passi tre o quattro ore ogni sera a vedere filmati di youporn?Quelli ciucciano, e non solo banda!
    • angros scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      Figura di melanzana....E l'avevo anche detto:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2984863&m=2985031#p2985031
    • rudy scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      assolutamente daccordo con te. trovo idiota soffocare la connessione in mobilita e nei posti dove il fisso non e' disponibile, per permettere di scaricare dei film. trovo sciocco difendere il diritto di soffocare la connessione in mobilita, perche "ho comprato una banda flat", e non mi pare cosi sciocca la soluzione di limiatre la banda se uno ha scaricato troppo, cosi si evita di bloccare intere porte e servizi, se vuoi, un download lo puoi fare, ma poi te ne stai buono. unico obbligo e richiesta sacrosanta: sia scritto ben chiaro nel contratto.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Il problema sono i pirati

        assolutamente daccordo con te. Assurdo.

        trovo idiota soffocare la connessione in mobilita
        e nei posti dove il fisso non e' disponibile, per
        permettere di scaricare dei film.

        trovo sciocco difendere il diritto di soffocare
        la connessione in mobilita, perche "ho comprato
        una banda flat"Piccolo dettaglio: se c'è un limite di scaricamento, non è flat. Per definizione. Se mi hai venduto una banda flat, e poi scopro che flat non è, mi devi ridare i soldi.
        , e non mi pare cosi sciocca la
        soluzione di limiatre la banda se uno ha
        scaricato troppoChi definisce "troppo"?
        , cosi si evita di bloccare
        intere porte e servizi, se vuoi, un download lo
        puoi fare, ma poi te ne stai
        buono.

        unico obbligo e richiesta sacrosanta: sia scritto
        ben chiaro nel
        contratto.Appunto: ci deve essere scritto che non è flat.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Il problema sono i pirati
        Quindi non guardi youtube.
        • rudy scrive:
          Re: Il problema sono i pirati
          il punto non e' morale, per cui lo streaming va bene e scaricarsi i film no. per me va tutto bene e comunque non e' questo in discussione. il punto e': se la banda ha un limite (se usassero ove possibile i wifi il problema sarebbe risolto!), in mobilita' ci sono attivita piu preziose in temini di banda, e io previlegerei quelle. Esempio: acXXXXX web e informazioni, skype e simili voip, posta e chat, mappe e sistemi di localizzazione e informazione, trasmissione file e dati "moderata", ecc. queste cose in mobilita sono preziosissime e utilissime, non richiedono che pochi giga al mese, o meno, e sono attivita che potrebbero generare anche nuovi servizi e lavoro.trovo sia un delitto soffocarli per lo straming o lo scarico, tutto li. cio detto finche e' possibile nei miei 2giga di mobile mi godo un po' di youtube e groove-salad..
    • p4bl0 scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      - Scritto da: ruppolo
      La normale navigazione web e altri servizi come
      VoIP, chat, mail, eccetera non causano alcun
      problema di
      banda.
      E nemmeno i quattro gatti che scaricano le distro
      Linux.

      Il danno lo causano i pirati, che occupano il
      100% della banda a loro disposizione per
      scaricare illegalmente di tutto e di
      più.ah beh può essere ma non puoi lamentarti se gliene dai la possibilità.o metti le cose in chiaro SUL CONTRATTO oppure dopo stai zitto.fai a meno di offrire la flat se poi devi limitare la connessione, a quel punto non è più flat
    • zuzzurro scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      Che giornataccia... ma veramente eh!Si legge veramente di tutto...
    • Uno che ne sa oooohhhh se ne sa scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      A malincuore mi tocca dar ragione a Ruppolo :(La capacità in aria è limitata e influenzata dal numero di utenti che tentano di utilizzarla contemporaneamente, il numero di frequenze limitato e la dimensione delle celle relativamente ampia a causa dei pregiudizi nell'installazione di un antenna.Bastano un paio di utenti che scaricano pesantemente in una cella per ritrovarsi a non navigare più :(
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Il problema sono i pirati

        Bastano un paio di utenti che scaricano
        pesantemente in una cella per ritrovarsi a non
        navigare più
        :(Ammazza che overbooking!Se la banda è sufficiente appena per un paio di utenti, devi vendere due abbonamenti. Non duecento. Altrimenti stai vendendo una cosa che non possiedi, e gli utenti hanno diritto a chiederti il rimborso e pure i danni.E non si possono accampare scuse tecniche: dovevi pensarci prima di proporre il contratto, altrimenti ne paghi le conseguenze.
    • attonito scrive:
      Re: Il problema sono i pirati
      - Scritto da: ruppolo
      La normale navigazione web e altri servizi come
      VoIP, chat, mail, eccetera non causano alcun
      problema di
      banda.
      E nemmeno i quattro gatti che scaricano le distro
      Linux.

      Il danno lo causano i pirati, che occupano il
      100% della banda a loro disposizione per
      scaricare illegalmente di tutto e di
      più.ovviamente dal computo eliminiamo le centinaia di mega scaricate mensilmente, ma si, le patch di macosx, windows e linux.
  • Enjoy with Us scrive:
    Fregature mobili...
    monte ore frazionato in sessioni di 15 minuti anticipati, con la linea che magari cade ogni 5 minuti...Promesse di velocità paragonabili alle ADSL su cavo e monti di svariati Gb mensili, addirittura "senza Limiti" in alcuni casi, poi oltrepassando certe soglie 1Gb o meno in 36 o più ore ed ecco che ti riducono la velocità da modem analogico...Poi si invocano i limiti tecnologici, la disponibilità di bande radio ecc...Tutte XXXXXXXte!Le compagnie telefoniche sanno benissimo i limiti strutturali che hanno, sono loro che promettono contratti più o meno flat con velocità più o meno elevate, evitino di fare false promesse e garantiscano un servisio da loro sostenibile!Facile promettere svariati Gb al mese a velocità da 7Mbit/s... a casa mia si chiama truffa è come se qualcuno ti promettesse un'auto che fa i 300 all'ora e percorrenze da 30 Km al litro, ma poi te ne rifilasse una che fa i 30 all'ora e i 3 Km con un litro appellandosi a difficoltà tecniche, però i soldi li hai presi e quelli erano buoni!
    • ruppolo scrive:
      Re: Fregature mobili...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      monte ore frazionato in sessioni di 15 minuti
      anticipati, con la linea che magari cade ogni 5
      minuti...
      Promesse di velocità paragonabili alle ADSL su
      cavo e monti di svariati Gb mensili, addirittura
      "senza Limiti" in alcuni casi, poi oltrepassando
      certe soglie 1Gb o meno in 36 o più ore ed ecco
      che ti riducono la velocità da modem
      analogico...Tu si che te ne intendi, vero?
      Poi si invocano i limiti tecnologici, la
      disponibilità di bande radio
      ecc...
      Tutte XXXXXXXte!
      Le compagnie telefoniche sanno benissimo i limiti
      strutturali che hanno, sono loro che promettono
      contratti più o meno flat con velocità più o meno
      elevate, evitino di fare false promesse e
      garantiscano un servisio da loro
      sostenibile!
      Facile promettere svariati Gb al mese a velocità
      da 7Mbit/s... a casa mia si chiama truffa è come
      se qualcuno ti promettesse un'auto che fa i 300
      all'ora e percorrenze da 30 Km al litro, ma poi
      te ne rifilasse una che fa i 30 all'ora e i 3 Km
      con un litro appellandosi a difficoltà tecniche,
      però i soldi li hai presi e quelli erano
      buoni!Ma tanto se l'auto serve per fare le rapine... tra ladri ci si intende, no?
      • fiertel91 scrive:
        Re: Fregature mobili...
        - Scritto da: ruppolo
        Ma tanto se l'auto serve per fare le rapine...
        tra ladri ci si intende,
        no?Tradotto?
  • c_s scrive:
    E' facile: pagare per i byte scaricati
    Non capisco dov'è il problema: basta far pagare per i byte scaricati e automaticamente si avranno i soldi per implementare la rete perchè a quel punto ai gestori conviene far scaricare di più.A noi non conviene? No, non conviene a chi scarica tanto per scaricare.Non ho mai capito perchè chi usa la rete 24 su 24 debba pagare tanto quanto chi la usa molto poco. Questo vale tanto per i cellulari quanto per le ADSL.Ciao.
    • pippO scrive:
      Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
      - Scritto da: c_s
      Non capisco dov'è il problema: basta far pagare
      per i byte scaricatiQuesto se tu potessi scegliere COSA scaricare!Ma finchè aprendo un qualsiasi sito inizia lo scarico di mega e mega di m@@da NON richiesta, la vedo moooolto dura...
      • delfi5 scrive:
        Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
        - Scritto da: pippO
        - Scritto da: c_s

        Non capisco dov'è il problema: basta far pagare

        per i byte scaricati
        Questo se tu potessi scegliere COSA scaricare!
        Ma finchè aprendo un qualsiasi sito inizia lo
        scarico di mega e mega di m@@da NON richiesta, la
        vedo moooolto
        dura...Firefox - Strumenti - Componenti aggiuntivi - AdBlock PlusNon c'è di che ;-)
        • pippO scrive:
          Re: E' facile: pagare per i byte scaricati



          Non capisco dov'è il problema: basta far
          pagare


          per i byte scaricati

          Questo se tu potessi scegliere COSA scaricare!

          Ma finchè aprendo un qualsiasi sito inizia lo

          scarico di mega e mega di m@@da NON richiesta,
          la

          vedo moooolto

          dura...

          Firefox - Strumenti - Componenti aggiuntivi -
          AdBlock
          Plus

          Non c'è di che ;-)Grazie, ne sono un affezionato, utente ;)Ma pensa a tutti gli utonti in circolazione quelli si vedrebbero arrivare bollette allucinanti, solo per aver aperto la pagina di libero...
          • delfi5 scrive:
            Re: E' facile: pagare per i byte scaricati

            Grazie, ne sono un affezionato, utente ;)
            Ma pensa a tutti gli utonti in circolazione
            quelli si vedrebbero arrivare bollette
            allucinanti, solo per aver aperto la pagina di
            libero...Su questo non posso che confermare
          • panda rossa scrive:
            Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
            - Scritto da: pippO
            Ma pensa a tutti gli utonti in circolazione
            quelli si vedrebbero arrivare bollette
            allucinanti, solo per aver aperto la pagina di
            libero...Non diciamo fesserie per cortesia.Quella gente li' mica ha bisogno di aprire la pagina di libero per intasare la banda: basta che accendono la loro winbox e parte in automatico il servizio di connessione alla botnet russa.
          • pippO scrive:
            Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO

            Ma pensa a tutti gli utonti in circolazione

            quelli si vedrebbero arrivare bollette

            allucinanti, solo per aver aperto la pagina di

            libero...

            Non diciamo fesserie per cortesia.

            Quella gente li' mica ha bisogno di aprire la
            pagina di libero per intasare la banda: basta che
            accendono la loro winbox e parte in automatico il
            servizio di connessione alla botnet
            russa.Stavolta mi tocca darti ragione... ;)
      • c_s scrive:
        Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
        -Questo se tu potessi scegliere COSA scaricare!Se le tariffe non fossero flat i siti "pesanti" verrebbero automaticamente ridimensionati dal minor numero di visitatori.Ciao.
        • pippO scrive:
          Re: E' facile: pagare per i byte scaricati

          -Questo se tu potessi scegliere COSA scaricare!

          Se le tariffe non fossero flat i siti "pesanti"
          verrebbero automaticamente ridimensionati dal
          minor numero di
          visitatori.
          Sei un ottimista ;)
          • c_s scrive:
            Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
            Sono realista.Se anche solo il 10% smette di visitare un sito a favore di un altro stai sicuro che quel sito qualcosa farà.Vi ricordate quando firefox era poco conosciuto e molti siti non erano ottimizzato per questo? Come mai ora si sono adeguati?Ciao.
          • 10 o scrive:
            Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
            em....non esiste "l'ottimizzazione per il browser"esiste invece il rispetto dei standard, cosa che internet explorer non faceva mentre firefox si!quindi se tu prima facevi il sito fuori standard perchè ie non lo supportava, tagliavi fuori chiaramente tutti gli altri che i standard li rispettavano...quello che dici nun centra niente!e imho non cambierà niente, visto che i siti vanno avanti di pubblicità e per farli "fighi" li riempono di roba in flash!
          • c_s scrive:
            Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
            Ok, visto che vuoi fare il saputello precisino diciamo pure che non rispettavano gli standard ma quando Firefox ha aumentato la quota hanno iniziato a rispettarli. Il discorso non cambia.In ogni caso, proprio perchè quei siti "vendono" pubblicità è loro interesse far si che la gente li visiti e, si sa, quando ci sono di mezzo i soldini le soluzioni si trovano.Ciao.
          • attonito scrive:
            Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
            - Scritto da: c_s
            Ok, visto che vuoi fare il saputello precisino
            diciamo pure che non rispettavano gli standard ma
            quando Firefox ha aumentato la quota hanno
            iniziato a rispettarli. Il discorso non
            cambia.

            In ogni caso, proprio perchè quei siti "vendono"
            pubblicità è loro interesse far si che la gente
            li visiti e, si sa, quando ci sono di mezzo i
            soldini le soluzioni si
            trovano.

            Ciao.ma solo a me C_S sembra un fesso, oppure anche a voi?
    • delfi5 scrive:
      Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
      Le ADSL a consumo ormai sono solo un ricordo molto lontano e anche molto costose. Le flat invece le danno sperando che tu non la utilizzi 24/7 al 100% delle sua capacità, come qualcuno (io? noooooo) fa
      • c_s scrive:
        Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
        Però vi lamentate quando la loro speranza viene tradita e in ogni caso è ingiusto perchè chi usa poco l'adsl paga per chi la usa tanto.Il fatto che le adsl a consumo erano costose è solo perchè alle aziende faceva comodo far pagare un fisso mensile. Incassi stabili e più alti del pagamento a solo consumo visto che la rete era più ampia di quella usata.Ciao.
      • panda rossa scrive:
        Re: E' facile: pagare per i byte scaricati
        - Scritto da: delfi5
        Le ADSL a consumo ormai sono solo un ricordo
        molto lontano e anche molto costose. Le flat
        invece le danno sperando che tu non la utilizzi
        24/7 al 100% delle sua capacità, come qualcuno
        (io? noooooo)
        faParadossalmente il minor consumo di banda lo si ha quando il computer lo si utilizza interattivamete. Il resto del tempo, quando al computer non c'e' nessuno, allora la banda puo' essere utilizzata al 100%.
  • Giulia scrive:
    Non c'e' in limite di Banda Vero...
    Non esiste un limite di banda nelle reti cellulari basta investire in infrastruttura , ormai le microcelle e le nanocelle sono all'ordine del giorno COME TECNOLOGIA ma se non hanno voglia di investire nell installazione delle sudette e sperano di servire un territorio cittADINO con un unico palo non potranno andare lontano.....
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
      no, il problema è il backhauling e il trasportole bts non sono un problema, semmai lo è il site acquisition, ma è l'infastruttura il collo di bottiglia: molte bts sono rifornite da una ADSL, il che è tutto dire...
      • Uno che ne sa oooohhhh se ne sa scrive:
        Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
        - Scritto da: Luca Annunziata
        no, il problema è il backhauling e il trasporto
        le bts non sono un problema, semmai lo è il site
        acquisition, ma è l'infastruttura il collo di
        bottiglia: molte bts sono rifornite da una ADSL,
        il che è tutto
        dire...Condivido il problema dell'acquisizione dei siti (una antenna fa ancora paura alla "gente", soprattutto nelle zone dove la "gente" vuole banda)Sull'utilizzo dell'ADSL sono molto scettico in quanto non mi risulta, anche in considerazione che la tecnologia asimmetrica non è indicata per questo tipo di collegamento (che ci viaggiano sia dati che voce). Molto più frequente l'utilizzo di flussi standard a 2Mbit o multipli e ponti radio (ad esempio verso un'altra BTS, andando a condividere la banda disponibile :()Aggiungere micro, nano, pico o femto celle può attenuare il problema ma non lo azzera: in compenso alza enormemente i costi di gestione di un piano frequenze così dettagliato che richiede un dettaglio delle mappe che si spinge al singolo edificio (oltre agli ovvi investimenti per apparati, siti, etc)
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
          ovviamente, ADSL è per modo di dire ;)
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            Bisogna essere precisi con le parole. ADSL è una tecnologia specifica. Non c'entra molto con il mobileCordiali saluti
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            lo so molto bene, ma questi sono commentiresta il fatto che 2mbit sono spesso l'unica fonte di approvvigionamento di una BTS, e se si vendono connessioni da 7 o 14mbit da qualche parte c'è un problema
          • Uno che ne sa oooohhhh se ne sa scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ovviamente, ADSL è per modo di dire ;)Non credo che la "casalinga di Voghera" legga questo tipo di sito dove, presumendone il carattere tecnico, un po' di attenzione in più sarebbe invece auspicabile
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            nell'articolo c'è scritto correttamentequesto è un commentose poi vogliamo giocare a "chi sei tu e chi sono io", come si dice dalle mie parti, possiamo divertirci a lungo se vuoi ;)
      • markoer scrive:
        Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
        - Scritto da: Luca Annunziata
        no, il problema è il backhauling e il trasporto
        le bts non sono un problema, semmai lo è il site
        acquisition, ma è l'infastruttura il collo di
        bottiglia: molte bts sono rifornite da una ADSL,
        il che è tutto
        dire...Per cominciare, il termine BTS è scorretto, perché si usano soltanto nelle reti GSM. Nelle reti da UMTS in poi devi chiamarli "Node/B". Sono significativamente diversi.Secondo, hai mai provato a telefonare/mandare SMS alla mezzanotte del 31 Dicembre, magari da una piazza affollata? avrai notato che la rete è satura, giusto? ci sono limiti fisici.Certo si possono installare nano e pico celle ogni cinque metri, ma poi giustamente capita che non tutte avranno dietro una rete di backhaul molto efficace.Forse qualche operatore usa una ADSL come reti di backhaul, ma più probabile che ci siano reti legacy ATM, visto che la vecchia rete GSM - su cui le nuove reti si basano - non erano basate su IP. Probabilmente se vengono stesi nuovi cavi per collegare nuove celle, si va direttamente su qualche connessione ethernet via WAN. Ma immagino che gli operatori - a parte casi come quello in Svezia in cui una nuova rete sia stata stesa ex-novo in modo dedicato per LTE - preferiscano riciclare/basarsi su una rete esistente, eventualmente potenziandola. Almeno questo mi dice la logicaCordiali saluti
        • ullala scrive:
          Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
          - Scritto da: markoer
          - Scritto da: Luca Annunziata

          no, il problema è il backhauling e il trasporto

          le bts non sono un problema, semmai lo è il site

          acquisition, ma è l'infastruttura il collo di

          bottiglia: molte bts sono rifornite da una ADSL,

          il che è tutto

          dire...

          Per cominciare, il termine BTS è scorretto,
          perché si usano soltanto nelle reti GSM. Nelle
          reti da UMTS in poi devi chiamarli "Node/B". Sono
          significativamente
          diversi.Una Base station ha quel tipo di logica (a stella) che sia una BTS o una "node/b" non cambia la sostanza del discorso!

          Secondo, hai mai provato a telefonare/mandare SMS
          alla mezzanotte del 31 Dicembre, magari da una
          piazza affollata? avrai notato che la rete è
          satura, giusto? ci sono limiti
          fisici.Certo che ci sono se pretendi di tenere attaccati 3000 clienti ad un solo punto invece che distribuire il carico tra diverse stazioni!Non è che ci voglia un genio ad arrivarci!Ma non è un fatto di frequenze ma di pretendere di avere botte piena (pochi impianti) e moglie ubriaca (molti clienti connessi sempre allo stesso punto)!

          Certo si possono installare nano e pico celle
          ogni cinque metri, ma poi giustamente capita che
          non tutte avranno dietro una rete di backhaul
          molto
          efficace.Dipende da come è fatto e distribuito il backhaul ovviamente e anche li vanno previsti livelli gerarchici di distribuzione se si pretende di vedere una rete "piatta" (cioè senza livelli diversi di funzionalità e di trasporto) ovviamente non se ne esce!Ma questo modo idiota di fare il deploy delle reti è esattamente quello che (guarda caso) ha portato (e continuerà a portare) a questa situazione!E non certo per colpa delle frequenze!Anzi più ti basi sulla preallocazione (invece che sulla convivenza) statica delle coppie "1 frequenza 1 servizio" più in fretta riproduci l'effetto.E più in fretta riduci e rendi scarse le risorse!

          Forse qualche operatore usa una ADSL come reti di
          backhaul, ma più probabile che ci siano reti
          legacy ATM, visto che la vecchia rete GSM - su
          cui le nuove reti si basano - non erano basate su
          IP. Probabilmente se vengono stesi nuovi cavi per
          collegare nuove celle, si va direttamente su
          qualche connessione ethernet via WAN. Ma immagino
          che gli operatori - a parte casi come quello in
          Svezia in cui una nuova rete sia stata stesa
          ex-novo in modo dedicato per LTE - preferiscano
          riciclare/basarsi su una rete esistente,
          eventualmente potenziandola. Almeno questo mi
          dice la
          logica


          Cordiali salutiLa logica dice (come dimostrato dai fatti) anche che in questo modo non si risolverà mai il problema!
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: ullala[...]
            Una Base station ha quel tipo di logica (a
            stella) che sia una BTS o una "node/b" non cambia
            la sostanza del discorso!LOL. Ovviamente cambia, perché BTS e node/b sono tecnologie estremamente diverse, che usano reti completamente diverse. Non soltanto il trasporto è diverso, ma anche la logica, infatti nelle reti di nuova generazione il GGSN scompare completamente. In teoria gli utenti possono comunicare peer to peer tra loro direttamente via IP senza essere tunnellizati via GTP dal firewall dell'operatore. Il che cambia completamente anche la topologia e l'implementazione.Inoltre LTE offre miriadi di implementazioni, tant'è che in alcuni paesi (non so in Italia ma in UK e Germania l'abbiamo già) sono disponibili tecnologie che ti installi a casa come le femtocelle che utilizzare la rete IP "tradizionale" cablata per instradare il traffico che normalmente è mobile.Che poi l'operatore scelga di appoggiarsi alle celle esistenti ed aggiornare quelle è comprensibile, lo sai quanto costa installare un sito completo di elettricità ridondante e gabbia, anche soltanto di affitto della locazione? per questo adesso più o meno tutti gli operatori condividono e molti fanno il deployment dei nodi insieme
            Certo che ci sono se pretendi di tenere attaccati
            3000 clienti ad un solo punto invece che
            distribuire il carico tra diverse stazioni!
            Non è che ci voglia un genio ad arrivarci!Su questo siamo d'accordo
            Ma non è un fatto di frequenze ma di pretendere
            di avere botte piena (pochi impianti) e moglie
            ubriaca (molti clienti connessi sempre allo
            stesso punto)!È anche e soprattutto un fatto di frequenze. In altri paesi non c'era Berlusconi che doveva mantenere in vita Rete 4 sul DVB-T ed i governanti considerano Internet più importante della TV, quindi hanno avuto la possibilità di organizzare le frequenze meglio, il che significa più utenti per singolo node/b.Poi certamente se il cavo di backhaul è la solita vecchia linea ATM che usavi 10 anni fa... su questo siamo d'accordo, ma non credo che questo sia il grosso del problema. Gli operatori secondo me possono permettersi questi upgrade; molto meno l'installazione di nuove celle, né tanto meno possono rubare le frequenze ai Berluscones[...]
            Ma questo modo idiota di fare il deploy delle
            reti è esattamente quello che (guarda caso) ha
            portato (e continuerà a portare) a questa
            situazione!Non sono un esperto di deployment di celle per telefonie mobile ma prima di dare di idiota a qualcuno che lo è, ci penserei non due ma 100 volte. A meno che tu non abbia idee migliori e geniali e conoscenze superiori...[...]
            Anzi più ti basi sulla preallocazione (invece che
            sulla convivenza) statica delle coppie "1
            frequenza 1 servizio" più in fretta riproduci
            l'effetto.
            E più in fretta riduci e rendi scarse le risorse!Questa roba non l'ho capita...[...]
            La logica dice (come dimostrato dai fatti) anche
            che in questo modo non si risolverà mai il
            problema!Non ho capito la logica che sarebbe fallace :-)Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: ullala
            [...]

            Una Base station ha quel tipo di logica (a

            stella) che sia una BTS o una "node/b" non
            cambia

            la sostanza del discorso!

            LOL. Ovviamente cambia, perché BTS e node/b sono
            tecnologie estremamente diverse, che usano reti
            completamente diverse. Non soltanto il trasporto
            è diverso, ma anche la logica, infatti nelle reti
            di nuova generazione il GGSN scompare
            completamente. In teoria gli utenti possono
            comunicare peer to peer tra loro direttamente via
            IP senza essere tunnellizati via GTP dal firewall
            dell'operatore. Il che cambia completamente anche
            la topologia e
            l'implementazione.Che cappero stai dicendo?Tutte cose che sono totalmente irrilevanti!

            Inoltre LTE offre miriadi di implementazioni,
            tant'è che in alcuni paesi (non so in Italia ma
            in UK e Germania l'abbiamo già) sono disponibili
            tecnologie che ti installi a casa come le
            femtocelle che utilizzare la rete IP
            "tradizionale" cablata per instradare il traffico
            che normalmente è
            mobile.E lo dici a me?Peccato che è (quella si) una logica completamente diversa quella LTE!

            Che poi l'operatore scelga di appoggiarsi alle
            celle esistenti ed aggiornare quelle è
            comprensibile, lo sai quanto costa installare un
            sito completo di elettricità ridondante e gabbia,
            anche soltanto di affitto della locazione? per
            questo adesso più o meno tutti gli operatori
            condividono e molti fanno il deployment dei nodi
            insiemeIo lo so tu a quanto pare ne parli per "sentito dire" se dovessi stare alle tue affermazioni!



            Certo che ci sono se pretendi di tenere
            attaccati

            3000 clienti ad un solo punto invece che

            distribuire il carico tra diverse stazioni!

            Non è che ci voglia un genio ad arrivarci!

            Su questo siamo d'accordoMa vedi è tutta li la questione il resto è del tutto irrilevante!



            Ma non è un fatto di frequenze ma di pretendere

            di avere botte piena (pochi impianti) e moglie

            ubriaca (molti clienti connessi sempre allo

            stesso punto)!

            È anche e soprattutto un fatto di frequenze. In
            altri paesi non c'era Berlusconi che doveva
            mantenere in vita Rete 4 sul DVB-T ed i
            governanti considerano Internet più importante
            della TV, quindi hanno avuto la possibilità di
            organizzare le frequenze meglio, il che significa
            più utenti per singolo
            node/b.Di frequenze ce ne sono a iosa e negli altri paesi hanno spesso la lungimiranza di non assegnarle a "uso esclusivo"!Non è certo il digitale terrestre (che è una enorme XXXXXXX) il nostro problema come non è la scarsità di frequenze in europa sono comunque quelle stabilite da ETSI e in europa ad esempio gia i 900MHZ non sono stati riservati "solo" ai telefonini (come in italia invece) ma in generale (raccomandazione ETSI) a diverse nuove tecnologie "tra cui" (non esclusivamente) le reti telefoniche mobili....Eppure (con meno frequenze riservate) hanno addirittura meno problemi!Come mai?

            Poi certamente se il cavo di backhaul è la solita
            vecchia linea ATM che usavi 10 anni fa... su
            questo siamo d'accordo, ma non credo che questo
            sia il grosso del problema. Gli operatori secondo
            me possono permettersi questi upgrade; molto meno
            l'installazione di nuove celle, né tanto meno
            possono rubare le frequenze ai
            BerlusconesEcco il punto è proprio quel "se" hai sempre (ridicolo) il solito ATM del piffero a trance di 2M uno dei problemi!In sostanza le chiacchere stanno a zero!Se hai una rete del piffero non è aumentando le frequenze che la rete del piffero si trasforma magicamente in una NGN rimane del piffero!


            [...]

            Ma questo modo idiota di fare il deploy delle

            reti è esattamente quello che (guarda caso) ha

            portato (e continuerà a portare) a questa

            situazione!

            Non sono un esperto di deployment di celle per
            telefonie mobile ma prima di dare di idiota a
            qualcuno che lo è, ci penserei non due ma 100
            volte. A meno che tu non abbia idee migliori e
            geniali e conoscenze
            superiori...Che non sei esperto si vede... ma almeno non pretendere di dare dell'ignorante a chi non conosci!Quanto al resto non è "genialità" ma esperienza sul campo e buon senso...Il problema si affronta dove sta non inventandosi palliativi (più frequenze) per risolvere un problema che è diverso!Esattamente come hanno fatto in altri paesi non particolarmente "geniali" ma semplicemente dove non ci sono solo un paio "colonie" di operatori esteri e un ex monopolista con una rete da rottamazione!


            [...]

            Anzi più ti basi sulla preallocazione (invece
            che

            sulla convivenza) statica delle coppie "1

            frequenza 1 servizio" più in fretta riproduci

            l'effetto.

            E più in fretta riduci e rendi scarse le
            risorse!

            Questa roba non l'ho capita...Lasciamo perdere mi pare che stiamo troppo ai rudimenti per addentrarci (come pensavo possibile) in discorsi evidentemente fuori portata!Quando si pensa che ci sia un problema di frequenze invece che uno di rete (come è in questo italianissimo caso) è inutile girare il coltello nella piaga!


            [...]

            La logica dice (come dimostrato dai fatti) anche

            che in questo modo non si risolverà mai il

            problema!

            Non ho capito la logica che sarebbe fallace :-)è fallace perchè nei fatti non ha risolto ne risolverà il problema anzi... lo aggrava!


            Cordiali salutiSi si... saluti...
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            Desisto, mi manca il fiato. E sì che sono anche maratoneta
    • nome cognome scrive:
      Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
      - Scritto da: Giulia
      Non esiste un limite di banda nelle reti
      cellulari basta investire in infrastruttura ,
      ormai le microcelle e le nanocelle sono
      all'ordine del giorno COME TECNOLOGIA ma se non
      hanno voglia di investire nell installazione
      delle sudette

      e sperano di servire un territorio cittADINO con
      un unico palo non potranno andare
      lontano.....Poi quando potenziano la gente grida "aaaah le onde radiooooo moriremo tuttiiiiii!". pecore.
      • delfi5 scrive:
        Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
        - Scritto da: nome cognome
        - Scritto da: Giulia

        Non esiste un limite di banda nelle reti

        cellulari basta investire in infrastruttura ,

        ormai le microcelle e le nanocelle sono

        all'ordine del giorno COME TECNOLOGIA ma se non

        hanno voglia di investire nell installazione

        delle sudette



        e sperano di servire un territorio cittADINO con

        un unico palo non potranno andare

        lontano.....

        Poi quando potenziano la gente grida "aaaah le
        onde radiooooo moriremo tuttiiiiii!".
        pecore.Non hai capito un piffero. In realtà il problema connessione radio UMTS/3,5G in se non è un problema rilevante. La tratta radio è la minima indispensabile..Il vero problema è il fatto che alle antenne sono collegate delle reti via cavo ridicole. DSLAM sovraccariche, Backbone intasati ed è un miracolo che siano ancora in piedi.E' un problema da parte degli operatori e della aziende del settore, di investimento a lungo termine invece di sperare in soldi facili in tempi brevi
        • delfi5 scrive:
          Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
          Ah, e non parliamo di indirizzi IP con ancora la tecnologia IPv4. Perché si ostinano a usare questo invece del IPv6 pronto da anni non si sa..
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: delfi5
            Ah, e non parliamo di indirizzi IP con ancora la
            tecnologia IPv4. Perché si ostinano a usare
            questo invece del IPv6 pronto da anni non si
            sa..Perché i poveri illusi che non capiscono nulla di reti e non lavorano in una azienda che usa più di un pugno di desktop non si rendono conto che non si può passare da IPv4 a IPv6 come dal giorno alla notte. È molto complesso, difficile, e alla fine non serve ad una cippa, perché la stragrande maggioranza dei servizi (inclusi i servizi utente), tecnologie di rete eccetera, NON offre una versione IPv6.Quindi servirebbe soltanto come canale di trasporto per la vecchia rete IPv4. Un altro tunnel in aggiunta a quelli che ci sono già, mica ti accelera la navigazione, sai?Cordiali saluti
          • delfi5 scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...

            Perché i poveri illusi che non capiscono nulla di
            reti e non lavorano in una azienda che usa più di
            un pugno di desktop non si rendono conto che non
            si può passare da IPv4 a IPv6 come dal giorno
            alla notte. È molto complesso, difficile, e alla
            fine non serve ad una cippa, perché la stragrande
            maggioranza dei servizi (inclusi i servizi
            utente), tecnologie di rete eccetera, NON offre
            una versione
            IPv6.

            Quindi servirebbe soltanto come canale di
            trasporto per la vecchia rete IPv4. Un altro
            tunnel in aggiunta a quelli che ci sono già, mica
            ti accelera la navigazione,
            sai?


            Cordiali salutiChe non acceleri la navigazione, o meglio la banda è indiscutibile e lo si può anche dare per scontato. E' un problema. Difficile? Non è una cosa banale, ma fattibile. Che non sia supportato è tutto da dimostrare..
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: delfi5
            Difficile? Non è una
            cosa banale, ma fattibile. Tutto è fattibile, anche mandare l'uomo su Marte. Non vuol dire che succederà domani o dopodomani...
            Che non sia supportato
            è tutto da
            dimostrare..Veramente è tuo l'onere della prova contraria. ti invito a mostrarmi la versione IPv6 di Facebook, Twitter, Repubblica, o negli apparati di rete, centraline VoIP, servizi VAS o Intrusion Detection System che funzionino nativamente e "full feature" con IPv6.Cordiali saluti
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            Controllando meglio, pare che Facebook abbia iniziato (da tre mesi) a rendere disponibile una versione beta via IPv6 - http://www.v6.facebook.com/Ovviamente a pochi interessa la versione beta. Per mia esperienza un sacco di servizi collegati a Facebook non funzioneranno perché richiederanno IPv4...Cordiali saluti
          • delfi5 scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            Le cose IPv6 ready o full, ci sono. E' anche ovvio, per ragione di costi, che se è necessario cambiare, riconfigurare, sostituire il firmware di tanti (tutti) gli apparecchi di rete, sono d'accordo nel sostenere l'idea che sia difficile. Il problema dell'indirizzamento c'è, NAT e altro per allontanare il problema, ma resta sempre dov'è.
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: delfi5
            Le cose IPv6 ready o full, ci sono. E' anche
            ovvio, per ragione di costi, che se è necessario
            cambiare, riconfigurare, sostituire il firmware
            di tanti (tutti) gli apparecchi di rete, sono
            d'accordo nel sostenere l'idea che sia difficile.Bene, piano piano ti sto trascinando dalla mia parte. Adesso siamo d'accordo che è "difficile".Adesso esaminiamo un altro punto: è utile? rendiamoci conto che per adesso c'è ben poco di fruibile nativamente via IPv6. Quindi ricapitolando:1) è difficile da fare (quindi costa, è rischioso, devo gestire la transizione mentre continuo ad erogare i miei servizi _in parallelo_, eccetera)2) è probabilmente poco utileQuindi puoi adesso risponderti da solo alla domanda iniziale "come mai le telco non passano ad IPv6"?Le telco passeranno ad IPv6 quando servirà a qualcosa e sarà possibile farlo :-)
            Il problema dell'indirizzamento c'è, NAT e altro
            per allontanare il problema, ma resta sempre
            dov'è.La tua soluzione per implementare IPv6 è usare NAT? ci abbiamo pensato anche noi, e poi ci siamo risposti: quindi che c'è di diverso dal continuare a NATtare su IPv4?E si torna al punto di prima, il numero 2Cordiali saluti
          • delfi5 scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            No! Il NAT lo si utilizza per tamponare il problema. E dai, non mi pare di aver detto questo. E poi secondo te è una passeggiata sostituire o aggiungere centrali DSLAM, argomento del 3D?Sembra che la gente voglia sempre la pappa pronta..
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            In un piano di migrazione IPv4-
            IPv6 vuoi usare dei tunnel, non NAT. Tant'è che il NAT su IPv6 non è nemmeno possibileSono d'accordo sul fatto che il pubblico esterno non comprenda le difficoltà tecniche, ma questo ovviamente non è un loro problema (giustamente). Quello che può e deve capire è perché una cosa non viene fatta (come la migrazione IPv4-
            IPv6) che è poi capire i costi versus i vantaggi. Quindi non mi interessa capire quanto sia tecnicamente difficile aggiornare un DSLAM ma quali siano i costi rispetto ai ricavi. Da questo capisco se lo faranno o meno :-)In USA Obama sta pesantemente finanziando l'infrastruttura digitale, in Italia stanno - forse - tentando una pallida e sminuita copia. C'è la sensazione che possa essere utile e il pubblico che preme, ma la realtà è che politici illetterati non capiscono l'importanza strategica di fondo e se la capiscono sono troppo impegnati con la salvaguardia dei propri privilegi e poltrone anziché del bene del paese...Cordiali saluti
          • Lemon scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...

            Perché i poveri illusi che non capiscono nulla di
            reti e non lavorano in una azienda che usa più di
            un pugno di desktop non si rendono conto che non
            si può passare da IPv4 a IPv6 come dal giorno
            alla notte. È molto complesso, difficile, e alla
            fine non serve ad una cippa, perché la stragrande
            maggioranza dei servizi (inclusi i servizi
            utente), tecnologie di rete eccetera, NON offre
            una versione
            IPv6.
            Scusa la domanda, ma da modello OSI in teoria modificando un livello non intervengo sugli altri, se passo da ipv4 a ipv6 in teoria non frega niente ai servizi utente.Certo, capisco che non tutte le periferiche, appliace ecc lo supportino attualmente, capisco anche che un pò di lavoro c'è da fare, però non capisco la tua affermazione "perché la stragrandemaggioranza dei servizi (inclusi i serviziutente)", se mi fai un esempio perfavore, graziesaluti
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: Lemon[...]
            Scusa la domanda, ma da modello OSI in teoria
            modificando un livello non intervengo sugli
            altri, se passo da ipv4 a ipv6 in teoria non
            frega niente ai servizi utente.Forse devi ricontrollare meglio i livelli OSI. Se un sito web non ha un indirizzo IPv6, come pensi di raggiungerlo se hai solo quello? devi creare un tunnel ed usare IPv4 dentro IPv6. E viceversa.
            Certo, capisco che non tutte le periferiche,
            appliace ecc lo supportino attualmente, capisco
            anche che un pò di lavoro c'è da fare, però non
            capisco la tua affermazione "perché la
            stragrande
            maggioranza dei servizi (inclusi i servizi
            utente)", se mi fai un esempio perfavore, grazie
            salutiSei tu che devi farmi un esempio di siti che usino nativamente IPv6... l'onere della prova non è a me :-)Cordiali saluti
          • Lemon scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...

            Forse devi ricontrollare meglio i livelli OSI. Se
            un sito web non ha un indirizzo IPv6, come pensi
            di raggiungerlo se hai solo quello? devi creare
            un tunnel ed usare IPv4 dentro IPv6. E
            viceversa.
            Ok, ma non è un problema di http e quindi del web server, è un problema del router/firewall che ci sta prima. Io posso anche arrivare al firewall perimetrale e dopo passare in ip4 ad esempio.

            Sei tu che devi farmi un esempio di siti che
            usino nativamente IPv6... l'onere della prova non
            è a me
            :-)
            Forse non ci siamo capiti: premetto che i tuoi post li leggo sempre con grande interesse perchè li trovo intelligenti, la mia non era una una controaffermazione alla tua ma una richiesta di chiarimenti.Quello che dicevo io è questo: ok che manca l'infrastruttura, ma manca a layer 3, in teoria i servizi utente (come web, posta ecc) non avranno problemi, forse non ci siamo capiti in quel punto. Se adesso ho capito bene tu dicevi non tanto che i servizi non funzionano a causa di ipv6 ma più "drasticamente" che non li puoi raggiungere con quel protocollo.

            Cordiali salutisaluti
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: Lemon

            Forse devi ricontrollare meglio i livelli OSI.

            Se

            un sito web non ha un indirizzo IPv6, come pensi

            di raggiungerlo se hai solo quello? devi creare

            un tunnel ed usare IPv4 dentro IPv6. E

            viceversa.



            Ok, ma non è un problema di http e quindi del web
            server, è un problema del router/firewall che ci
            sta prima. Io posso anche arrivare al firewall
            perimetrale e dopo passare in ip4 ad esempio.Questo significa fare NAT di IPv6 dentro IPv4 ed è assolutamente inutile, tanto vale rimanere con IPv4.Il motivo per cui usare IPv6 è esattamente per le sue feature - moltissimi indirizzamenti possibili anche per il singolo host, autoconfigurazione di molti parametri di rete tra cui next hop routing, MTU eccetera, feature di sicurezza e di mobilità, eccetera. Se continui a fare NAT/tunnelling tutto questo non lo puoi fare. E quindi tanto vale rimanere con IPv4.Quindi la risposta è: no, se vuoi veramente usare IPv6, devi avere uno stack nativo di applicazioni IPv6 capable.Dove veramente IPv6 è utile è nella connessione di client peer to peer in sicurezza e nella possibilità di dare un indirizzo anche al tuo tostapane. Non puoi farlo con il NAT.[...]
            Forse non ci siamo capiti: premetto che i tuoi
            post li leggo sempre con grande interesse perchè
            li trovo intelligenti, la mia non era una una
            controaffermazione alla tua ma una richiesta di
            chiarimenti.
            Quello che dicevo io è questo: ok che manca
            l'infrastruttura, ma manca a layer 3, in teoria i
            servizi utente (come web, posta ecc) non avranno
            problemi, forse non ci siamo capiti in quel
            punto. Se adesso ho capito bene tu dicevi non
            tanto che i servizi non funzionano a causa di
            ipv6 ma più "drasticamente" che non li puoi
            raggiungere con quel protocollo.Esatto, spero di essermi spiegato meglio sopra. Se un servizio non è nativamente disponibile per IPv6 e non usa una rete IPv6 hai delle possibilità molto ridotte di avvalerti delle features del protocollo.Cordiali saluti
          • Lemon scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...


            Questo significa fare NAT di IPv6 dentro IPv4 ed
            è assolutamente inutile, tanto vale rimanere con
            IPv4.

            Il motivo per cui usare IPv6 è esattamente per le
            sue feature - moltissimi indirizzamenti possibili
            anche per il singolo host, autoconfigurazione di
            molti parametri di rete tra cui next hop routing,
            MTU eccetera, feature di sicurezza e di mobilità,
            eccetera. Se continui a fare NAT/tunnelling tutto
            questo non lo puoi fare. E quindi tanto vale
            rimanere con
            IPv4.

            Quindi la risposta è: no, se vuoi veramente usare
            IPv6, devi avere uno stack nativo di applicazioni
            IPv6
            capable.

            Dove veramente IPv6 è utile è nella connessione
            di client peer to peer in sicurezza e nella
            possibilità di dare un indirizzo anche al tuo
            tostapane. Non puoi farlo con il
            NAT.

            a a layer 3, in teoria

            Esatto, spero di essermi spiegato meglio sopra.
            Se un servizio non è nativamente disponibile per
            IPv6 e non usa una rete IPv6 hai delle
            possibilità molto ridotte di avvalerti delle
            features del
            protocollo.


            Cordiali salutiok, adesso è più chiaro.saluti
          • Jack scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: Lemon
            Scusa la domanda, ma da modello OSI in teoria
            modificando un livello non intervengo sugli
            altri, se passo da ipv4 a ipv6 in teoria non
            frega niente ai servizi
            utente.Il problema è che il protocollo TCP/IP è (quasi) l'intero stack iso/osi: dal livello 3 al livello 7 anche supponendo di cambiare solo alcuni livelli intermedi, un programma che si aspetta in un campo di testo un indirizzo ipv4, non è in grado di accettare un indirizzo ipv6, ne di memorizzarlo in una variabile uint/long da 32 bit, ne di passarlo alle api IPv4 di windows... in pratica una parte neanche troppo piccola di tutte le applicazioni che accedono al winsocks deve essere riscritta per appoggiarsi a ipv6, a meno di giri strani di conversione (non ricordo il nome del sistema proxy/nat in questione).Su linux il discorso è analogo, non basta che il sistema offra lo stack ipv6, anche le applicazioni devono essere scritte per utilizzare il nuovo stack, le interfacce web (es: configurazione ip del router) deve accettare un indirizzo ipv6, deve salvarlo in un campo sufficentemente lungo nel file di configurazione, deve essere letto dagli script senza errori eccetera........Jack
          • Lemon scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...


            Il problema è che il protocollo TCP/IP è (quasi)
            l'intero stack iso/osi: dal livello 3 al livello
            7 anche supponendo di cambiare solo alcuni
            livelli intermedi, un programma che si aspetta in
            un campo di testo un indirizzo ipv4, non è in
            grado di accettare un indirizzo ipv6, ne di
            memorizzarlo in una variabile uint/long da 32
            bit, ne di passarlo alle api IPv4 di windows...
            in pratica una parte neanche troppo piccola di
            tutte le applicazioni che accedono al winsocks
            deve essere riscritta per appoggiarsi a ipv6, a
            meno di giri strani di conversione (non ricordo
            il nome del sistema proxy/nat in
            questione).

            Su linux il discorso è analogo, non basta che il
            sistema offra lo stack ipv6, anche le
            applicazioni devono essere scritte per utilizzare
            il nuovo stack, le interfacce web (es:
            configurazione ip del router) deve accettare un
            indirizzo ipv6, deve salvarlo in un campo
            sufficentemente lungo nel file di configurazione,
            deve essere letto dagli script senza errori
            eccetera........


            JackSi, questo lo avevo pensato anche in effetti, però avevo pensato solo ai protocolli intermedi tra i livelli adiacenti tipo arp, dns e dhcp che ovviamente devono adattarsi a usare indirizzi di 128 bit piuttosto che 32. Le applicazioni utente non mi "impensieriscono" più di tanto se uso nomi di dominio piuttosto che ip, non credo sia direttamente l'applicazione a fare la risoluzione dns e memorizzare l'ip (può darsi che mi sbaglio visto che non sono uno sviluppatore).Altra cosa: se sniffo in LAN vedo traffico IPv6, da chi viene generato? ho un 2008 e win 7 virtualizzato, appena ho tempo provo a vedere se riescano a funzionare in dominio solo con ipv6.Mi interessa l'argomento, mi piacerebbe continuare con la discussione, grazie
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: Lemon[...]
            Si, questo lo avevo pensato anche in effetti,
            però avevo pensato solo ai protocolli intermedi
            tra i livelli adiacenti tipo arp, dns e dhcp che
            ovviamente devono adattarsi a usare indirizzi di
            128 bit piuttosto che 32.Non è soltanto questo. Studiati IPv6, è meglio :-)Seppur esista un DHCPv6, questo in una rete nativa IPv6 non è necessario. L'autoconfigurazione degli indirizzi avviene senza alcun bisogno né di DHCP né di ARP - al suo posto si usa NDP - Neighbour Discovery ProtocolDNS è l'unica cosa che attualmente rimane identica, a parte gli indirizzi. Ti invito caldamente a studiarti IPv6 perché è molto di più di quello che tu pensi :-)
            Le applicazioni utente
            non mi "impensieriscono" più di tanto se uso nomi
            di dominio piuttosto che ip,Il cambiamento è molto più profondo.In una rete dove non esiste più l'MTU discovery, applicazioni come il VoIP funzionano in un modo completamente diverso. Tanto per fare un esempio.
            non credo sia
            direttamente l'applicazione a fare la risoluzione
            dns e memorizzare l'ip (può darsi che mi sbaglio
            visto che non sono uno sviluppatore).Usano ovviamente funzioni del sistema operativo per il DNS ed ovviamente gli IP li devono memorizzare, ma non è questo il punto. Pensi per esempio che una applicazione nata per funzionare su Novell Networks possa essere portata su IP così com'è cambiando qualche libreria? in alcuni casi forse, ma nella maggior parte non è così semplice, soprattutto se è una applicazione di rete complessa. Hai un gap simile passando da IPv4 ad IPv6.
            Altra cosa: se sniffo in LAN vedo traffico IPv6,
            da chi viene generato? ho un 2008 e win 7
            virtualizzato, appena ho tempo provo a vedere se
            riescano a funzionare in dominio solo con
            ipv6.Windows 7 usa automaticamente IPv6 (launcia un ipconfig /all e scopri il tuo indirizzo di autoconfigurazione), se non ce lo hai nativo lo tunnellizza automaticamente e lo usa per "chiamare casa" mamma Microsoft. È la prima cosa che ho disabilitato quando ho provato Win 7, ovviamente :-)Ovviamente puoi creare una rete solo IPv6 con Windows, Linux e Mac. Nessun problema. Semplicemente studiati IPv6 perché è più complicato di quello che mi sembra tu creda :-) ma è relativamente facile. Ed ovviamente dovresti poter creare un dominio AD solo IPv6 incluso Samba su Linux e Mac.
            Mi interessa l'argomento, mi piacerebbe
            continuare con la discussione,
            grazieBenvenuto :-)Cordiali saluti
          • Lemon scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...


            Ovviamente puoi creare una rete solo IPv6 con
            Windows, Linux e Mac. Nessun problema.
            Semplicemente studiati IPv6 perché è più
            complicato di quello che mi sembra tu creda :-)
            Ho iniziato a studiare ipv6 anni fa sinceramente ma mi sono limitato alle principali differenze tra ipv4. la questione dell'mtu è pazzesca, leggendo così la teoria non mi pare così efficiente. Anche la frammentazione dei pacchetti, se non ricordo male non prevista tra due host intermedi ma non tra gli end-point...sto aspettando che si diffonda un pò prima di comprarmi qualche testo (ho questa abitudine, studio su testo ed approfondisco su internet).grazie dell'invito
        • markoer scrive:
          Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
          Altrochè se quello è un problema. Forse non per tutti i casi, ma direi che in generale quello è il problema principale. Il backbone di un operatore ce ne vuole prima che venga saturato. Il problema è quando arrivi al Node/B - che alla fine non è altro che un piccolo router che dovrebbe sostenere decine di utenti che scaricano a gigabyte al secondo. Anche se la rete di backhaul è potente, sono sempre un sacco di utenti.Aggiungici il fatto che motivi di sicurezza - essendo le reti LTE tutte basate su IP fin dal node/b, e non dal GGSN come nelle "vecchie" reti - ciascun node/b trasmette vero l'SGSN solo via IPSec. Quindi immaginati che il tuo Torrent deve essere mandato in un tunnel UDP prima di essere de-tunnellizzato (acronimo orrendo lo so) e inoltrato su Internet. Immaginati quindi quanto veloce possa essere.Cordiali saluti
        • maranric scrive:
          Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...

          Non hai capito un piffero. In realtà il problema
          connessione radio UMTS/3,5G in se non è un
          problema rilevante. La tratta radio è la minima
          indispensabile..
          Il vero problema è il fatto che alle antenne sono
          collegate delle reti via cavo ridicole. DSLAM
          sovraccariche, Backbone intasati ed è un miracolo
          che siano ancora in
          piedi.Vero, pero' c'è da dire che se le n-mila BTS (non si offenda quello che fa la distinzione tra fonia/dati, please) fossero collegate tutte tra di loro a, che so, 10mbit, si potrebbe considerare tutta la rete interna a 10mbit...e si potrebbe alimentarla da un pugno di luoghi dove pescare banda su fibra ad altissima velocità (senza elemosinare pezzi da 2mbit a telecom..in n-mila posti in tutta italia). Ogni BTS quanto dista dall'altra? 5km? 3? 10? Ormai collegare punto punto distanze del genere è facile ed economicamente conveniente..E' un po' quello che succede in diverse reti Hiperlan, del resto.
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: maranric[...]
            Vero, pero' c'è da dire che se le n-mila BTS (non
            si offenda quello che fa la distinzione tra
            fonia/dati, please)Non mi offendo, ma non è l'unica differenza
            fossero collegate tutte tra
            di loro a, che so, 10mbit, si potrebbe
            considerare tutta la rete interna a 10mbit......e potresti così violare la legge che ti impone di avere la possibilità di lawful interception di tutti gli utenti telefonici.Motivo per cui (presumo...) il push to talk è stato disabilitato.Proposta respinta, avanti il prossimo ;-)[...]
            E' un po' quello che succede in diverse reti
            Hiperlan, del resto.Reti che si avvalgono di frequenze "libere", o comunque non sono fornite in concessione governativa e quindi non devono sottostare ai requisiti di intercettazione.Cordiali saluti
          • maranric scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...

            ...e potresti così violare la legge che ti impone
            di avere la possibilità di lawful interception di
            tutti gli utenti
            telefonici.Perchè mai? il passaggio finale utente-
            BTS rimane lo stesso, è solo la fornitura di banda alla BTS che cambia
          • markoer scrive:
            Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
            - Scritto da: maranric

            ...e potresti così violare la legge che ti

            impone

            di avere la possibilità di lawful interception

            di

            tutti gli utenti

            telefonici.

            Perchè mai? il passaggio finale utente-
            BTS
            rimane lo stesso, è solo la fornitura di banda
            alla BTS che cambiaIn teoria non puoi fare diretta connessione utente -
            utente senza passare da un sistema che consenta l'intercettazione. Almeno per la fonia. Il problema è che con le reti di nuova generazione non c'è distinzione tra fonia e datiCordiali saluti
      • markoer scrive:
        Re: Non c'e' in limite di Banda Vero...
        LOL :-)Come non darti ragione
  • ... scrive:
    Non solo le connessioni mobili
    Succede anche con le ADSL.Ho infostrada e invece dei 7Mbit ho una connessione a 620KbitTelofono continuamente all'assistenza... mi dicono che loro non hanno problemi, resettano il router e magicamente va a 6Mbit e rotti. Appena attacco con la tipa si resetta nuovamente il router e la navigazione torna a 620Kbit.
    • W.O.P.R. scrive:
      Re: Non solo le connessioni mobili
      Va be, ma se pensi che ti prendano in giro se non sei masochista cambia operatore. Mica c'è solo infotrada
  • bertuccia scrive:
    MALEDETTI LINARI
    sempre a scaricare distro :@ :@
    • Uno a caso scrive:
      Re: MALEDETTI LINARI
      Già :-)
    • Bah scrive:
      Re: MALEDETTI LINARI
      - Scritto da: bertuccia
      sempre a scaricare distro :@ :@Maledetti Winari sempre a scaricare programmi crackati che non si possono permettere in versione retail.
    • ninjaverde scrive:
      Re: MALEDETTI LINARI
      - Scritto da: bertuccia
      sempre a scaricare distro :@ :@Hai ragione scarico sempre distro...Poi le installo l'una sull'atra sullo stesso HD a modalità piramide.(rotfl)
  • bbo scrive:
    succede anche da me!
    sono utente di 3, ho preso la chiavetta perché non ho la linea telefonica.30 ore di navigazione al mese per 14 euro, senza limitazioni... mi pareva un buon affare!invece quando le cose vanno bene si naviga circa ad 1 Mega scarso (invece dei 7 Mega dichiarati... ma pazienza, non ero così ingenuo da crederci ed anche con gli altri operatori è lo stesso) e quando si supera una certa soglia di traffico... un disastro, peggio di un modem da 56kbps!
    • bbo scrive:
      Re: succede anche da me!
      - Scritto da: bbo
      30 ore di navigazione al mese per 14 euro, senza
      limitazioni... mi pareva un buon
      affare!ehm... 100 ore al mese per 14 euro, sorry!
      • Max scrive:
        Re: succede anche da me!
        Capita anche a me da poco piu` di un mese.All'inizio pensavo ad un problema temporaneo, infatti ogni tanto le cose miglioravano, ma mediamente la velocita` e` assolutamente ridicola, non riesco neppure a leggere la posta (on-line, non scaricandola sul pc!).Non parliamo poi se per esempio la playstation deve fare un aggiornamento! Posso anche scordarmelo.Se le cose rimangono cosi` mi sa che andro` a disdire il contratto...
  • pierluigipenzo scrive:
    fatevi rispettare
    io avevo una internet key di vodafone e mi è stato applicato il famigerato netcap (vodafone è stata la prima a utilizzare questa limitazione) li ho portati davanti al corecom umbria e mi sono stati restituiti 540 euro (18 mesi di canone) la clausola sul contratto era gia' stata apposta ma hanno dovuto pagare lo stesso fatevi rispettare!!!!
  • Faber scrive:
    Chiavette come caramelle
    1) Vendono da anni chiavette come caramelle con abbonamenti da pochi euro al mese, come si aspettavano che finisse? Vogliono forse farci credere che non conoscevano il momento esatto in cui la rete sarebbe andata in saturazione? Sono calcoli che può fare anche un bimbo.2) Anziché indicare la velocità minima garantita o quella media, nelle loro proposte commerciali preferiscono indicare fantasmagoriche velocità massime (7, 14 o addirittura 28 Mbps) che rappresentano nella pratica 10 o 100 volte la reale velocità a cui si viaggerà; questo, oltre ad essere scorretto, impedisce agli utenti di acquistare il profilo realmente adatto a sé. Io ad esempio, che uso la connessione esclusivamente per lavoro, pagherei anche il doppio/triplo pur di avere una connessione 3G anche solo a 1-2Mbps, purché garantiti.3) Non spingono su tecnologie ormai diffuse e realmente in grado di essere alternative all'ADSL (WiFi, WiMax) perché non hanno il controllo monopolistico di quelle frequenze (qualunque operatore potrebbe far loro concorrenza) e perché temono di intaccare il proprio ricco mercato ADSL.E qualcuno sta qui a scandalizzarsi se cappano il 3G?
    • filoberto scrive:
      Re: Chiavette come caramelle
      "il problema è la mancanza di informazioni agli utenti finali"secondo me questo è il problema principalele società (e i rivenditori) vivono di sole vendute ai clienti e un'assenza sia di regole che deontologia (scusate, questa è una battuta). Vivono bene o male non lo so, ma è così che funzionano.Io intanto ho rinunciato a fare contratti se proprio non ne ho la necessità estrema, se devo passo giorni a informarmi, per il resto mi arrangio.
    • McHollyons scrive:
      Re: Chiavette come caramelle
      infattio io eviterei tutte le offerte a tempo ma cercherei solo le offerta a gigabyte scaricabili...
  • Mario scrive:
    Anche TIM...
    Lo fa' anche TIM...questa estate stavo prelevando un grosso file...velocita' elevate...punte di 390-450 kb al secondo quando...ops...improvvisamente la velocita' crolla a 140-160 kb...con tutto il segnale al massimo.
    • bbo scrive:
      Re: Anche TIM...
      - Scritto da: Mario
      Lo fa' anche TIM...questa estate stavo prelevando
      un grosso file...velocita' elevate...punte di
      390-450 kb al secondo
      quando...ops...improvvisamente la velocita'
      crolla a 140-160 kb...con tutto il segnale al
      massimo.140-160 bits o bytes al secondo?se sono bytes, è la massima velocità che raggiungo con 3, quando le cose vanno bene!
      • Mario scrive:
        Re: Anche TIM...
        - Scritto da: bbo
        140-160 bits o bytes al secondo?
        se sono bytes, è la massima velocità che
        raggiungo con 3, quando le cose vanno
        bene!140-160 kbytes al secondo, non bits.
        • bbo scrive:
          Re: Anche TIM...
          - Scritto da: Mario
          140-160 kbytes al secondo, non bits.quando 3 taglia la banda, si viaggia a 12-15 kbytes al secondo per un paio di giorni... ma a volte anche tra i 5 e i 10 kbytes al secondo... non si riesce a fare nulla!e questo anche se il segnale dell'antenna e buono!
          • Mario scrive:
            Re: Anche TIM...
            - Scritto da: bbo
            quando 3 taglia la banda, si viaggia a 12-15
            kbytes al secondo per un paio di giorni... ma a
            volte anche tra i 5 e i 10 kbytes al secondo...
            non si riesce a fare
            nulla!
            e questo anche se il segnale dell'antenna e buono!Con Tim le cose sono un po' meglio, pero' avevo notato qualcosa di sospetto: da una velocita' elevata tutto all'improvviso...zac...140-160. Mah...penso che cose del genere succedano solo in Italia...ç_ç
          • Aleph72 scrive:
            Re: Anche TIM...
            - Scritto da: Mario
            - Scritto da: bbo


            quando 3 taglia la banda, si viaggia a 12-15

            kbytes al secondo per un paio di giorni... ma a

            volte anche tra i 5 e i 10 kbytes al secondo...

            non si riesce a fare

            nulla!

            e questo anche se il segnale dell'antenna e
            buono!

            Con Tim le cose sono un po' meglio, pero' avevo
            notato qualcosa di sospetto: da una velocita'
            elevata tutto all'improvviso...zac...140-160.
            Mah...penso che cose del genere succedano solo in
            Italia...ç_çIn realtà no.Io vivo in Spagna e qui TUTTI gli operatori limitano la banda superato un certo limite contrattuale.Forse la differenza sta solo nel fatto che qui è ben specificato nel contratto.Ci sono anche contratti "illimitati", ma poi se vai a leggere bene le clausole, c'è quella del "fair use" che comunque permette agli operatori di disconnetterti o limitarti la banda se in un mese superi gli 8 GB di traffico.
  • Andreabont scrive:
    Si potrebbe migliorare.
    Io in certi luoghi non raggiungo nemmeno i 20 - 30 k/sec a causa del sovraffollamento, e il traguardo dei 500 Mb - 1000 Mb, in queste condizione, è impossibile da raggiungere, dato che pago 90 centesimi / ora.
  • angros scrive:
    Patti chiari
    Se ne parlava già un anno fa:http://punto-informatico.it/2769185/PI/News/att-banda-mobile-non-infinita.aspxE c'era chi aveva anticipato proprio questa soluzione:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2769185&m=2770238#p2770238" basterebbe proporre unaclausula che dopo i 50Giga mensili la banda va al minimopunto, ma scriverlo bello in chiaro sul contratto "Molto meglio fare così, piuttosto che proporre offerte che non puoi fornire (tipo una flat che poi collassa appena gli utenti cercano di sfruttarla tutti assieme)Tra l'altro, non posso non segnalare lo svarione che ruppolo fece all'epoca:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2769185&m=2769494#p2769494invece di rendersi conto del difetto, ha cercato un capro espiatorio, e si è messo a dire che la colpa era degli utenti.
  • James Kirk scrive:
    Il vero problema è il WiFi castrato
    Quelle degli operatori sono parole ipocrite.Se in Italia il WiFi fosse libero non ci sarebbero limitazioni di banda 'mobile'.Ma gli operatori sono i primi a non volere il wifi libero, e sono convinto che se il decreto Pisanu (che peraltro lui stesso lo ha definito ormai inutile) viene reiterato annualmente dietro ci sono le telco.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 settembre 2010 22.02-----------------------------------------------------------
    • logan scrive:
      Re: Il vero problema è il WiFi castrato
      che poi se fosse gestito a livello comunale, basterebbe creare un account per cittadino regolarmente registrato... costo relativamente basso, servizio incluso nelle tasse pagate. tutti felici.
      • fiertel91 scrive:
        Re: Il vero problema è il WiFi castrato
        - Scritto da: logan
        che poi se fosse gestito a livello comunale,
        basterebbe creare un account per cittadino
        regolarmente registrato... costo relativamente
        basso, servizio incluso nelle tasse pagate. tutti
        felici.Dove vivo c'è il wifi libero per tutti i cittadini (la cittadinanza digitale), ma la burocrazia mi ha scoraggiato e non ho ancora validato il mio account. Se invece saltasse il decreto Pisanu questo non succederebbe e usufruirei di un servizio utilissimo già attivo.
    • markoer scrive:
      Re: Il vero problema è il WiFi castrato
      Io non userei mai un hotspot libero se non tramite VPN...
    • Andreabont scrive:
      Re: Il vero problema è il WiFi castrato
      Tunnelling?
    • McHollyons scrive:
      Re: Il vero problema è il WiFi castrato
      eil famosissimo WIMAX ? CHE fine ha fatto ?
  • chris scrive:
    VoIP
    Le compagni iniziano a fare cartello contro il VoIP
    • Luppolo scrive:
      Re: VoIP
      - Scritto da: chris
      Le compagni iniziano a fare cartello contro il VoIPE' chiaro che i dati costano una certa cifra perché le compagnie vivono "anche" di voce.Se le compagnie ti pemettono di fare VoIP su una linea dati mobile e tu smetti di pagare del tutto la quota voce subito dopo la compagnia per sopravvivere deve farti pagari di più la linea dati.E algebra elementare e fare finta di non capirlo infantile.
      • OldDog scrive:
        Re: VoIP
        - Scritto da: Luppolo
        E' chiaro che i dati costano una certa cifra
        perché le compagnie vivono "anche" di
        voce.
        Se le compagnie ti permettono di fare VoIP su una
        linea dati mobile e tu smetti di pagare del tutto
        la quota voce subito dopo la
        compagnia per sopravvivere deve farti pagare di
        più la linea dati.
        E algebra elementare e fare finta di non capirlo
        infantile.Algebra elementare? Peccato che l'economia sia un'altra cosa, ma non voglio mettermi a fare il professore oltretutto non avendone titolo. :-)Ricordo otto anni fa di aver assistito ad una conferenza dove il relatore illustrava con numeri puntuali che l'abbattimento del costo col digitale avrebbe reso le compagnie libere di offrire traffico voce illimitato nel costo base, visto che avrebbero guadagnato molto con i servizi VAR. Altro esempio sono gli SMS, un servizio che sfrutta la rete con costi praticamente marginali ed è un pozzo di guadagni. Le compagnie devono fare beneficenza? No, ma se ci fosse concorrenza reale dovrebbero "girare" ai clienti parte dei benefici: succede ovunque, compreso dove lavoro io, che si cerchi efficienza per abbattere i prezzi e conservare i clienti. Non è che si continui a far crescere il margine sul gobbo dei nostri clienti, perché in un mercato aperto ti prendi calci sui denti!
        • Luppolo scrive:
          Re: VoIP

          Ricordo otto anni fa di aver assistito ad una
          conferenza dove il relatore illustrava con numeri
          puntuali che l'abbattimento del costo col
          digitale nessuno otto anni fa aveva la minima idea di come sarebbe cambiato l'uso dei dati via cellulare quindi sono previsioni che poggiano su poco
          avrebbe reso le compagnie libere di
          offrire traffico voce illimitato nel costo base,
          visto che avrebbero guadagnato molto con i
          servizi VAR.forse intendi VAS o servizi a valore aggiunto: che dire che anche questa previsione era totalmente errata
          Altro esempio sono gli SMS, un servizio che
          sfrutta la rete con costi praticamente marginali
          ed è un pozzo di guadagni. scusami ma non hai capito nulla: gli sms costano poco proprio perché usano poca banda e li paghi ogni messggio e alle telco l'infrastruttura si ripaga con le telefonate quindi gli sms non costano e gli sms sono solo grasso che cola.Viceversa: i dati consumano un sacco e se la gente paga flat la parte dati e ci fa sopra la voce il tutto non sta più insieme: le sole tariffe delle flat non giustificano nemmeno la manutenzione delle infrastrutture.Ripeto algebra elementare, non serve scomodare l'economia.
          ma se ci fosse concorrenza reale dovrebbero "girare" ai
          clienti parte dei benefici: succede ovunque, compreso dove lavoro
          ioguarda che l'istat è la prima a dirti che la telefonia è uno dei servizi i cui prezzi sono in costante calo e una delle poche voci di spesa che tengono bassa l'inflazione: questo in italiano significa avere sempre di più con meno quindi le aziende stanno facendo proprio quello che desideri.
          che si cerchi efficienza per abbattere i
          prezzi e conservare i clienti. Non è che si
          continui a far crescere il margine sul gobbo dei
          nostri clienti, perché in un mercato aperto ti
          prendi calci sui denti!la maggiori telecom del mondo occidentali sono oberate di debiti per decine di miliari un motivo ci sarà...i margini delle telco del mondo occidentale sono in calo, gli unici paesi dove c'è crescita è il terzo mondo dove la penetrazione è ancora in cersita(telecom italia sopravvive alle sue inefficienze grazie anche ai ricavi del brasile)questi debiti fatti per dare servizi sempre più veloci che la gente vuole pagare sempre meno
          • polenghi lombardo scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: Luppolo

            ma se ci fosse concorrenza reale dovrebbero
            "girare" ai


            clienti parte dei benefici: succede ovunque,
            compreso dove
            lavoro

            io
            beh, io abito a londra, quando ho iniziato un paio di anni fa ad avere un contratto internet (3UK) pagavo £10 addizionali per 500Mb, poi mi e' stata ridotta la cifra a £5 e aumentata la capacita' ad 1Gb, poi hanno inglobato le £5 nel contratto voce ed ora pago £10 100 min voce + txt illimitati + 1Gb internet. ma che polpetta volete ancora di piu'?!?! c'e' una massa incredibile di XXXXX che pagano £2 per avere 10 secondi di suoneria sul cellulare che poi si lamentano se pagando £10-15 gli tagliano la rete quando scaricano un film al giorno... mah...
          • Shu scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: Luppolo
            scusami ma non hai capito nulla: gli sms costano
            poco proprio perché usano poca banda e li paghi
            ogni messggio e alle telco l'infrastruttura si
            ripaga con le telefonate quindi gli sms non
            costano e gli sms sono solo grasso che
            cola.Gli sms costano uno sproposito all'utente, e hanno costo ZERO per l'operatore, perché sfruttano il canale di sincronizzazione della rete GSM, che è sempre attivo. Sono di 140 caratteri proprio perché quella è la capienza massima di un pacchetto di quel canale.Gli operatori fanno molti più soldi con gli sms che con le telefonate, e infatti non hanno problemi a dartene 100 gratis al giorno per 5 euro al mese. Sono 5 euro sicuri da ogni utente e senza nessuna spesa.Bye.
          • markoer scrive:
            Re: VoIP
            Questo era forse vero all'inizio, ovviamente come tutti i servizi quando diventano tali, devi garantirne il funzionamento. Secondo te gli SMSC e gli MMSC non costano nulla? gli operatori che li mantengono lavorano gratis? le connessioni di rete necessarie per trasmetterli sono semplicemente là per miracolo?Le telco installano i cavi e poi vivono di rendita giusto? E dagli con i soliti luoghi comuni.
          • ullala scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: markoer
            Questo era forse vero all'inizio, ovviamente come
            tutti i servizi quando diventano tali, devi
            garantirne il funzionamento. Secondo te gli SMSC
            e gli MMSC non costano nulla? gli operatori che
            li mantengono lavorano gratis? le connessioni di
            rete necessarie per trasmetterli sono
            semplicemente là per
            miracolo?

            Le telco installano i cavi e poi vivono di
            rendita giusto? E dagli con i soliti luoghi
            comuni.Non è che quei costi ce li hai a prescindere dagli sms?O lavori in una telco "lunare"?....E ...non è che.... gli sms vengono venduti (al bit) con un rapporto (costo ricavo) di migliaia e migliaia di volte quello dei "normali dati"?E dagli con le solite balle!
          • markoer scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: ullala[...]
            Non è che quei costi ce li hai a prescindere
            dagli sms?No. Ripeto (peché qualcuno è duro di comprendonio, evidentemente - guarda caso sempre i soliti noti...). Se devo implementare degli SMSC ed un MMSC come un servizio utente, devo garantire un certo livello di servizio.Tant'è che per ogni nuovo servizio che viene messo on line e che usi gli SMS o gli MMS devi fare una previsione di traffico, ricaricare i costi interni, eccetera.Ci sono anche obblighi verso la privacy degli utenti (i messaggi non devono essere visibili agli operatori), lawful interception e così via.Tutte cose che _col piffero_ hai se gli SMS cono soltanto messaggi di controllo tra gli operatori. È un contesto completamente diverso perché ovviamente non è un servizio offerto al pubblico.
            O lavori in una telco "lunare"?
            ....
            E ...non è che.... gli sms vengono venduti (al
            bit) con un rapporto (costo ricavo) di migliaia e
            migliaia di volte quello dei "normali dati"?Non ho capito una cippa di questo discorso.
            E dagli con le solite balle!Beh, quello che se ne intende sei tu, giusto?
          • ullala scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: ullala
            [...]

            Non è che quei costi ce li hai a prescindere

            dagli sms?

            No. Ripeto (peché qualcuno è duro di
            comprendonio, evidentemente - guarda caso sempre
            i soliti noti...). Se devo implementare degli
            SMSC ed un MMSC come un servizio utente, devo
            garantire un certo livello di
            servizio.Balle!Non c'è alcuno sla sugli sms !Un SMS "è come il natale... quando arriva arriva...." (cit.)

            Tant'è che per ogni nuovo servizio che viene
            messo on line e che usi gli SMS o gli MMS devi
            fare una previsione di traffico, ricaricare i
            costi interni,
            eccetera.Come per qualunque tipo di traffico ripeto identicamente!

            Ci sono anche obblighi verso la privacy degli
            utenti (i messaggi non devono essere visibili
            agli operatori), lawful interception e così
            via.Valgono per tutti i tipi di dato!

            Tutte cose che _col piffero_ hai se gli SMS cono
            soltanto messaggi di controllo tra gli operatori.
            È un contesto completamente diverso perché
            ovviamente non è un servizio offerto al
            pubblico.Identicamente a qualunque altro dato!



            O lavori in una telco "lunare"?

            ....

            E ...non è che.... gli sms vengono venduti (al

            bit) con un rapporto (costo ricavo) di migliaia
            e

            migliaia di volte quello dei "normali dati"?

            Non ho capito una cippa di questo discorso.Quanto costa un bit di traffico SMS?E quanto costa un bit di traffico "dati"?o meglio a quanto viene rivenduto il traffico SMS (diverse decine di migliaia di volte più caro a parità di lunghezza) rispetto a quello dati?Quanto costano 160 caratteri SMS e quanto 160 "normali"?


            E dagli con le solite balle!

            Beh, quello che se ne intende sei tu, giusto?Abbastanza da saper fare moltiplicazioni e divisioni!E abbastanza da non raccontar balle sopratutto se si lavora in una telco!
          • markoer scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: ullala[...]
            Balle!
            Non c'è alcuno sla sugli sms !
            Un SMS "è come il natale... quando arriva
            arriva...."
            (cit.)E ridagli col comprendonio.Dire che non esiste alcuno SLA non significa che tu non abbia un servizio che debba funzionare.Perché tu che SLA hai sul fatto che il tuo cellulare GSM abbia copertura ovunque ti muova? ti lamenti (magari giustamente) se in certe zone della tua città o in campagna non hai pieno segnale, eppure hai per caso firmato un contratto di SLA col tuo operatore?Questo non vuol dire che l'operatore se ne fotta allegramente e non abbia invece costi di esercizio (tra l'altro anche alti) per garantirti la rete.No SLA != no garanzia del servizio

            Tant'è che per ogni nuovo servizio che viene

            messo on line e che usi gli SMS o gli MMS devi

            fare una previsione di traffico, ricaricare i

            costi interni,

            eccetera.

            Come per qualunque tipo di traffico ripeto
            identicamente!Esatto, "identicamente" (sic, ma fare un refresh obbligatorio delle scuole elementari sarebbe utile a certe persone!) devi avere persone che ci lavorano, lo fanno funzionare, apparecchiature da mantenere in un data centre, connettere alla rete elettrica e dati, rispettare le normative locali ed Europee, avere managers per dirigere il servizio, rinnovare le licenze coi fornitori, pagare i onsulenti...Tu che non ne sai nulla pensi "gli SMS sono nati come messaggi di controllo tra gli operatori, quindi funzionano da soli per magia e le telco ci mangiano sopra e basta".Beata ingenuità o stupidità recidiva?[...]
            Quanto costa un bit di traffico SMS?
            E quanto costa un bit di traffico "dati"?
            o meglio a quanto viene rivenduto il traffico SMS
            (diverse decine di migliaia di volte più caro a
            parità di lunghezza) rispetto a quello
            dati?
            Quanto costano 160 caratteri SMS e quanto 160
            "normali"?In teoria penso sia possibile fare questo calcolo, ma dovresti avere il bilancio dettagliato di una telco. Saresti comunque sorpreso dall'apprendere che gli SMS non funzionano gratis per magia.


            E dagli con le solite balle!



            Beh, quello che se ne intende sei tu, giusto?
            Abbastanza da saper fare moltiplicazioni e
            divisioni!
            E abbastanza da non raccontar balle sopratutto se
            si lavora in una telco!Cioè secondo te io sto qui a raccontare balle a te? che me ne verrebbe? ma fammi il piacere.Mi danno fastidio le persone che ragionano per i soliti luoghi comuni, non ne sanno nulla e quel che è bello sono anche così presuntuose da pretendere di avere ragione, protette dall'anonimato.Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: ullala
            [...]

            Balle!

            Non c'è alcuno sla sugli sms !

            Un SMS "è come il natale... quando arriva

            arriva...."

            (cit.)

            E ridagli col comprendonio.

            Dire che non esiste alcuno SLA non significa che
            tu non abbia un servizio che debba
            funzionare.Non esiste perchè non può esistere per sua natura (store and forward)!

            Perché tu che SLA hai sul fatto che il tuo
            cellulare GSM abbia copertura ovunque ti muova?
            ti lamenti (magari giustamente) se in certe zone
            della tua città o in campagna non hai pieno
            segnale, eppure hai per caso firmato un contratto
            di SLA col tuo
            operatore?Sono 2 questioni alquanto diverse!Uno è un fatto di investimenti (copertura) l'altro NO!L'investimento per gli SMS è "compreso" in quello per la copertura!

            Questo non vuol dire che l'operatore se ne fotta
            allegramente e non abbia invece costi di
            esercizio (tra l'altro anche alti) per garantirti
            la
            rete.Non "garantisce" (hai appena finito di dirlo) proprio un tubo!Ti da una rete "best effort" che ti piaccia o no!

            No SLA != no garanzia del servizioNo! mi spiace in questo caso non hai ne SLA ne garanzia!Leggiti pure i contratti!E guarda i risultati!




            Tant'è che per ogni nuovo servizio che viene


            messo on line e che usi gli SMS o gli MMS devi


            fare una previsione di traffico, ricaricare i


            costi interni,


            eccetera.



            Come per qualunque tipo di traffico ripeto

            identicamente!

            Esatto, "identicamente" (sic, ma fare un refresh
            obbligatorio delle scuole elementari sarebbe
            utile a certe persone!) devi avere persone che ci
            lavorano, lo fanno funzionare, apparecchiature da
            mantenere in un data centre, connettere alla rete
            elettrica e dati, rispettare le normative locali
            ed Europee, avere managers per dirigere il
            servizio, rinnovare le licenze coi fornitori,
            pagare i
            onsulenti...Perchè per gli altri dati costano decine di migliaia dio volte in meno?E se no (come è no) perchè un bit sms costa (viene vendiuto in realtà non "costa") decine di migliaia volte più di un bit dati?

            Tu che non ne sai nulla pensi "gli SMS sono nati
            come messaggi di controllo tra gli operatori,
            quindi funzionano da soli per magia e le telco ci
            mangiano sopra e
            basta".Tu con chi pensi di parlare?Casomai qui quello che non sa sei tu!Hai visto i listini?Mi spieghi perchè 160 caratteri SMS costano decine di migliaia di volte più dei normali dati e hanno tempi di delivery peggiori (store and forward)?E lo spieghi per favore senza argomenti fumosi dimostrando dove come e perchè i costi sono più alti di decine di migliaia di volte?

            Beata ingenuità o stupidità recidiva?Pensa per te che mi pare ne hai bisogno!


            [...]

            Quanto costa un bit di traffico SMS?

            E quanto costa un bit di traffico "dati"?

            o meglio a quanto viene rivenduto il traffico
            SMS

            (diverse decine di migliaia di volte più caro a

            parità di lunghezza) rispetto a quello

            dati?

            Quanto costano 160 caratteri SMS e quanto 160

            "normali"?

            In teoria penso sia possibile fare questo
            calcolo, ma dovresti avere il bilancio
            dettagliato di una telco. Saresti comunque
            sorpreso dall'apprendere che gli SMS non
            funzionano gratis per
            magia.Non ho detto che funzionano gratis!ho detto che non possono costare più dei normali dati per definizione!Altrimenti vuole dire che è un sistema che viene mantenuto "arificiosamente" come sta allo scopo di lucrare (ripeto per la centesima volta) decine di migliaia di volte più di quanto costa!





            E dagli con le solite balle!





            Beh, quello che se ne intende sei tu, giusto?

            Abbastanza da saper fare moltiplicazioni e

            divisioni!

            E abbastanza da non raccontar balle sopratutto
            se

            si lavora in una telco!

            Cioè secondo te io sto qui a raccontare balle a
            te? che me ne verrebbe? ma fammi il
            piacere.Stai raccontando balle a tutti quando sostieni che il costo di un sms è proporzionato al traffico e alla allocazione di risorse per gestirlo!E questo (se è vero che lavori in una telco) lo sai tanto bene quanto lo so io e chiunque abbia cognizione tecnica della cosa!

            Mi danno fastidio le persone che ragionano per i
            soliti luoghi comuni, non ne sanno nulla e quel
            che è bello sono anche così presuntuose da
            pretendere di avere ragione, protette
            dall'anonimato.Perchè tu non sei "anonimo"?Cerca di non essere risibile per favore!


            Cordiali salutiSi... si... saluti!
          • markoer scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: ullala[...]

            Dire che non esiste alcuno SLA non significa che

            tu non abbia un servizio che debba

            funzionare.

            Non esiste perchè non può esistere per sua natura
            (store and forward)!Che c'entra lo store and forward? dimmi, perché questo sarebbe diverso da una chiamata GSM? anche quelle le inoltro, anzi manco faccio lo "store"...
            Sono 2 questioni alquanto diverse!
            Uno è un fatto di investimenti (copertura)
            l'altro NO!Sono la stessa questione ed entrambi richiedono tecnologie che vanno installate, manutenute, pagate le licenze ai fornitori, eccetera.Guardati qua quanti lavori si possono trovare: https://encrypted.google.com/search?hl=en&q=smsc+mmsc+jobsSe qualcuno ci fa una carriera sopra, significa che c'è un business. Ti è venuto il sospetto?
            L'investimento per gli SMS è "compreso" in quello
            per la copertura!L'ho capito che questo è il luogo comune di cui sei vittima, ma ti ho spiegato che non è così. Mi sembra che continui a non capire, o fai finta o hai qualche problema di comprendonio, o lo fai apposta per vedere se mi reggono i nervi, non ci sono altre spiegazioni[...]
            Non "garantisce" (hai appena finito di dirlo)
            proprio un
            tubo!
            Ti da una rete "best effort" che ti piaccia o no!Beh, "best effort" nel caso di un operatore GSM è un livello di un certo tipo, e in realtà un operatore ha anche delle obbligazioni a livello governativo, avendo ricevuto una licenza, e così via. Ma quindi? significa che fornire il servizio non costa nulla?

            No SLA != no garanzia del servizio

            No! mi spiace in questo caso non hai ne SLA ne
            garanzia!
            Leggiti pure i contratti!
            E guarda i risultati!Quali risultati e quali contratti?[...]
            Perchè per gli altri dati costano decine di
            migliaia dio volte in meno?Perché usano altri canali, altri protocolli, ed altre tecnologie? Non mi sembra difficile da capire nemmeno per te che non ci capisci un tubo, mi sembra anzi abbastanza intuitivo.Ogni 160 bytes devo gestire una comunicazione, serializzarla, fare il billing dell'utente. In una connessione GPRS emetto un cedolino PDP ogni tot minuti di connessione oppure ogni tot megabytes trasmessi. Anche soltanto dal punto di vista del billing, un SMS è molto più oneroso.Inoltre non ho l'obbligazione di legge di intercettare il traffico dati, cosa che invece devo fare per gli SMS. (prima che ti allarmi inutilmente, non c'è alcun Grande Fratello che ti legge gli SMS, non ti preoccupare. La cosa richiede una richiesta della Magistratura eccetera).Insomma alla fine trasmettere un tot di byte di SMS mi pare, ad occhio - non sono un esperto - estremamente più costoso di trasmettere gli stessi byte tramite una connessione via APN. Ma non sono un marketing manager e non ho di questi dati. Quel che è sicuro è che solo un idiota può pensare che non costi nulla gestire una infrastruttura di SMS.[...]
            Tu con chi pensi di parlare?
            Casomai qui quello che non sa sei tu!
            Hai visto i listini?Hai ragione, non sono un esperto di listini. Non pagando il telefono non so nienete delle tariffe. Peccato che questo NON fosse l'argomento della conversazione.L'argomento era: gli SMS non costano nulla all'operatore che ci fa soltanto la cresta sopra. Penso di aver risposto seppure nella mia ignoranza con argomenti che possano farti intuire il perché. Per maggiori dettagli prova a chiedere un'intervista con qualcuno che lavora nel marketing, io sono solo un tecnico (seppur manager)
            Mi spieghi perchè 160 caratteri SMS costano
            decine di migliaia di volte più dei normali dati
            e hanno tempi di delivery peggiori (store and
            forward)?
            E lo spieghi per favore senza argomenti fumosi
            dimostrando dove come e perchè i costi sono più
            alti di decine di migliaia di
            volte?Non credo di aver usato argomenti fumosi, spero che stavolta basti.



            Beata ingenuità o stupidità recidiva?

            Pensa per te che mi pare ne hai bisogno!LOL[...]
            Non ho detto che funzionano gratis!
            ho detto che non possono costare più dei normali
            dati per
            definizione!Soprattutto se le definizioni le dai tu :-)
            Altrimenti vuole dire che è un sistema che viene
            mantenuto "arificiosamente" come sta allo scopo
            di lucrare (ripeto per la centesima volta) decine
            di migliaia di volte più di quanto costa!Qualsiasi "sistema" viene fatto con lo scopo di fare un profitto, questo da quando esiste il capitalismo, ormai sono 4 secoli e passa. Benvenuto[...]
            Stai raccontando balle a tutti quando sostieni
            che il costo di un sms è proporzionato al
            traffico e alla allocazione di risorse per
            gestirlo!Non ho mai detto che esista alcuna proporzione. Ho detto che ovviamente ci sono dei costi, cosa che tu hai negato con argomenti ridicoli, cercando di entrare sul tecnico dove in realtà non hai alcuna competenza tecnica.Avresti potuto limitarti a parlare di argomenti commerciali, in questo caso avresti visto che come è naturale i prezzi sono spesso guidati dal mercato. Ci sono costi minimi altrimenti andresti "sotto", ma in generale vedendo i costi anche fuori dall'Italia credo che voi non siate tanto sfortunati.
            E questo (se è vero che lavori in una telco) lo
            sai tanto bene quanto lo so io e chiunque abbia
            cognizione tecnica della cosa!Mi pare di sapere qualcosa in più di te, ma a questo punto qualsiasi persona abbia letto questo thread non avrebbe bisogno di questo commento per capirlo

            Mi danno fastidio le persone che ragionano per i

            soliti luoghi comuni, non ne sanno nulla e quel

            che è bello sono anche così presuntuose da

            pretendere di avere ragione, protette

            dall'anonimato.

            Perchè tu non sei "anonimo"?No, a meno che tu non sia così imbranato da non sapere nemmeno cliccare sul mio nickname.
            Cerca di non essere risibile per favore!Cerca di imparare cosa vuol dire "risibile", LOL...Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: VoIP
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: ullala
            [...]
            Che c'entra lo store and forward? dimmi, perché
            questo sarebbe diverso da una chiamata GSM? anche
            quelle le inoltro, anzi manco faccio lo
            "store"...Perchè non sai a priori quanto tempo avrai per il delivery e non gestisci in modo esplicito la lunghezza delle code!Quindi ripeto SMS="quando arriva arriva"...Nell'altro caso invece stabilisci un "circuito" sia pure virtuale!



            Sono 2 questioni alquanto diverse!

            Uno è un fatto di investimenti (copertura)

            l'altro NO!

            Sono la stessa questione ed entrambi richiedono
            tecnologie che vanno installate, manutenute,
            pagate le licenze ai fornitori,
            eccetera.Niente affatto non c'è un "entrambe"..... c'è UNA tecnologia!In questo caso!

            Guardati qua quanti lavori si possono trovare:
            https://encrypted.google.com/search?hl=en&q=smsc+m

            Se qualcuno ci fa una carriera sopra, significa
            che c'è un business. Ti è venuto il
            sospetto?Si che stai parlando di cose che non c'entrano?



            L'investimento per gli SMS è "compreso" in
            quello

            per la copertura!

            L'ho capito che questo è il luogo comune di cui
            sei vittima, ma ti ho spiegato che non è così. Mi
            sembra che continui a non capire, o fai finta o
            hai qualche problema di comprendonio, o lo fai
            apposta per vedere se mi reggono i nervi, non ci
            sono altre
            spiegazioniNon sono vittima di alcun "luogo comune"... quello che ti sfugge è che non ho bisogno di tenere in vita un metodo di trasmissione dati che "costa" decine di migliaia di volte quello che costa trasmettere dati in altro modo se non per motivi "speculativi"....



            Beh, "best effort" nel caso di un operatore GSM è
            un livello di un certo tipo, e in realtà un
            operatore ha anche delle obbligazioni a livello
            governativo, avendo ricevuto una licenza, e così
            via. Ma quindi? significa che fornire il servizio
            non costa
            nulla?No significa che best effort non giustifica di per se il traffic shaping!Sveglia!E nulla da decine di migliaia di volte in più del normale traffico!

            Perché usano altri canali, altri protocolli, ed
            altre tecnologie? Non mi sembra difficile da
            capire nemmeno per te che non ci capisci un tubo,
            mi sembra anzi abbastanza
            intuitivo.Tu non capisci un tubo!Non capisci neppure che se un canale è più costoso di un altro non conviene continuare a usare quel metodo a meno che tu non abbia motivi "inconfessabili".

            Ogni 160 bytes devo gestire una comunicazione,
            serializzarla, fare il billing dell'utente. In
            una connessione GPRS emetto un cedolino PDP ogni
            tot minuti di connessione oppure ogni tot
            megabytes trasmessi. Anche soltanto dal punto di
            vista del billing, un SMS è molto più
            oneroso.Cioè come dire che il billing (modello di business che è quello appunto di cui si parla) "autogiustifica" (siccome lo decidi tu telco di fatturatre a quel modo) il maggior costo?Non ti pare tautologico?Te lo ha ordinato il dottore o il fatto che vuoi lucrare decine di migliaia di volte in più quella modalità operativa?


            [...]

            Tu con chi pensi di parlare?

            Casomai qui quello che non sa sei tu!

            Hai visto i listini?

            Hai ragione, non sono un esperto di listini. Non
            pagando il telefono non so nienete delle tariffe.
            Peccato che questo NON fosse l'argomento della
            conversazione.Lo era eccome! un SMS costa decine di migliaia di volte quello che costa il normale traffico e non c'è alcuna proporzione tra il costo e il prezzo di vendita!

            L'argomento era: gli SMS non costano nulla
            all'operatore che ci fa soltanto la cresta sopra.
            Penso di aver risposto seppure nella mia
            ignoranza con argomenti che possano farti intuire
            il perché. Per maggiori dettagli prova a chiedere
            un'intervista con qualcuno che lavora nel
            marketing, io sono solo un tecnico (seppur
            manager)Sbagliato mai detto che gli SMS non costano nulla!Trova il post se ci riesci!



            Mi spieghi perchè 160 caratteri SMS costano

            decine di migliaia di volte più dei normali dati

            e hanno tempi di delivery peggiori (store and

            forward)?

            E lo spieghi per favore senza argomenti fumosi

            dimostrando dove come e perchè i costi sono più

            alti di decine di migliaia di

            volte?

            Non credo di aver usato argomenti fumosi, spero
            che stavolta
            basti.No non basta perchè non hai stabilito la proporzione (e la giustificazione) della differenza di costo tra SMS e traffico dati!

            Non ho detto che funzionano gratis!

            ho detto che non possono costare più dei normali

            dati per

            definizione!

            Soprattutto se le definizioni le dai tu :-)Bene allora (ripeto) spiegaci (non lo hai fatto) perchè un SMS costa decine di migliaia di volte (a parità di banda) più del traffico dati normale!


            Qualsiasi "sistema" viene fatto con lo scopo di
            fare un profitto, questo da quando esiste il
            capitalismo, ormai sono 4 secoli e passa.
            BenvenutoE quindi ?Il profitto si basa sui costi di produzione non sulla fuffa dei markettari o tu sei uno di quelli che pensa che se ha quattro banane pagate un euro l'una sei più ricco di chi ha 8 banane pagate 40 centesimi l'una? (rotfl)

            Non ho mai detto che esista alcuna proporzione.
            Ho detto che ovviamente ci sono dei costi, cosa
            che tu hai negato con argomenti ridicoli,
            cercando di entrare sul tecnico dove in realtà
            non hai alcuna competenza
            tecnica.Mi dici dove ho negato che ci sino dei costi?Io ho negato che ci sia una giustificazione a quei prezzi!è una cosa molto diversa!

            Avresti potuto limitarti a parlare di argomenti
            commerciali, in questo caso avresti visto che
            come è naturale i prezzi sono spesso guidati dal
            mercato. Ci sono costi minimi altrimenti andresti
            "sotto", ma in generale vedendo i costi anche
            fuori dall'Italia credo che voi non siate tanto
            sfortunati.Ceerto! pensa alle banane va!



            E questo (se è vero che lavori in una telco) lo

            sai tanto bene quanto lo so io e chiunque abbia

            cognizione tecnica della cosa!

            Mi pare di sapere qualcosa in più di te, ma a
            questo punto qualsiasi persona abbia letto questo
            thread non avrebbe bisogno di questo commento per
            capirloA me pare di no!

            Perchè tu non sei "anonimo"?

            No, a meno che tu non sia così imbranato da non
            sapere nemmeno cliccare sul mio
            nickname.E quindi?è un nome che "vero" perchè lo dici tu?Ma per favore!!!Ha il valore (nullo) che ha qualunque pseudonimo in una registrazione ... ne posso inventare un milione!


            Cerca di non essere risibile per favore!

            Cerca di imparare cosa vuol dire "risibile",
            LOL...Si LOl...
          • 10 o scrive:
            Re: VoIP
            un esempio pratico, 4k messaggi al mese con noiwind vengono 2 euroora al prezzo di 10cent a sms io dovrei pagare 400 euro quei sms...per quale straordinario miracolo pago invece solo 1/200 del prezzo al sms? (sempre se li invio, quindi in realtà non raggiungo mai quel prezzo)sarà pure vero che che sono sms di un unico operatore, ma perchè il 10c verso tutti non vale anche verso il mio stesso operatore??basterebbe che si obbligasse a 1c il tetto massimo di prezzo del sms verso tutti e si che non mi lamenterei (anche se in effetti sarei in perdita, ma oltre i 2-300 sms al mese non vado[con noiwind])spenderei meno (2-3) e potrei scrivere a tutti...ma sto solo sognando...:/
  • salvatore scrive:
    Se ne parla da un anno
    Le limitazioni di 3 non sono affatto recenti .Se ne parla da un anno:3 italia: velocità internet key hsdpahttp://www.chiprotesta.it/2009/08/18/3-italia-velocita-internet-key-hsdpa/E' chiaro che le limitazioni imposte non hanno nessuna base contrattuale e la posizione di Tre è arbitraria .
    • delfi5 scrive:
      Re: Se ne parla da un anno
      - Scritto da: salvatore
      Le limitazioni di 3 non sono affatto recenti .
      Se ne parla da un anno:
      3 italia: velocità internet key hsdpa
      http://www.chiprotesta.it/2009/08/18/3-italia-velo

      E' chiaro che le limitazioni imposte non hanno
      nessuna base contrattuale e la posizione di Tre è
      arbitraria
      .In realtà è da quando sono iniziate le offerte ADSL flat tra i vari operatori (2004/2005?) che se ne parla.. ma dentro da un orecchio e fuori dal altro, vero telecom?.
  • The Dude scrive:
    Le connessioni mobili...
    ...si adeguano alle velocità REALI delle linee terrestri. ;)
    • ullala scrive:
      Re: Le connessioni mobili...
      - Scritto da: The Dude
      ...si adeguano alle velocità REALI delle linee
      terrestri.
      ;)Ma anche no...Dipende da come disegni l'infrastruttura c'è un livello di backbone e interconnessione, c'è un livello di distribuzione e infine c'è il livello di erogazione del servizio le BTS rappresentano SOLO questo ultimo livello.A seconda di come organizzi questi tre livelli avrai risultati sensibilmente diversi!Certo se uno si ferma a piazzare qualche torre con delle BTS e spera che così ha risolto il problema farebbe bene a cambiare mestiere e tornare a fare il "telefonaro puro" la rete non fa per lui!E il problema non si risolve certo aumentando le frequenze!Quello (ripeto) è solo i pezzo finale della questione... quelle che ci sono di frequenze bastano e avanzano!Non sulla terminazione il problema vero di banda ma sui livelli infrastrutturali precedenti!
      • The Dude scrive:
        Re: Le connessioni mobili...
        - Scritto da: ullala
        - Scritto da: The Dude

        ...si adeguano alle velocità REALI delle linee

        terrestri.

        ;)
        Ma anche no...
        Dipende da come disegni l'infrastruttura c'è un
        livello di backbone e interconnessione, c'è un
        livello di distribuzione e infine c'è il livello
        di erogazione del servizio le BTS rappresentano
        SOLO questo ultimo
        livello.
        A seconda di come organizzi questi tre livelli
        avrai risultati sensibilmente
        diversi!
        Certo se uno si ferma a piazzare qualche torre
        con delle BTS e spera che così ha risolto il
        problema farebbe bene a cambiare mestiere e
        tornare a fare il "telefonaro puro" la rete non
        fa per
        lui!
        E il problema non si risolve certo aumentando le
        frequenze!
        Quello (ripeto) è solo i pezzo finale della
        questione... quelle che ci sono di frequenze
        bastano e
        avanzano!
        Non sulla terminazione il problema vero di banda
        ma sui livelli infrastrutturali
        precedenti!Su questo sono d'accordo con te.Però il mio commento era ironico e parlava di ADSL che qua in italia non è che siano realmente così veloci....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 settembre 2010 21.42-----------------------------------------------------------
        • dj_tony scrive:
          Re: Le connessioni mobili...
          perche' tutti parlate di hdspa e chiavette come se fossero solo dei paliativi o sostitutivi dell'adsl in mobilita'?tengo a precisare che ci sono ancora degli sfigati come me che escono da una realta' tipo teleconomy internet. e hanno dovuto soffrire il 56k fino a qualche mese fa.ora altre alternative non ne ho ... che devo fare?perche' invece non tolgono la chiavetta a tutti quelli che possono avere una linea adsl via cavo (o meglio castrano la loro connessione) e lasciano respirare noi invece?chi ha il cavo usi il cavo...ma forse questo si puo' fare nel resto del mondo non in intalia...mah...chi dice mah, cuor contento non ha.notte a tutti.PS. mi hanno sboccato la chiavetta oggi pomergiggio tanto per cambiare. e la jumbo mail che stavo cercando di scaricare me la sono dovuta far scaricare da un amico piu' fortunato di me e dotato di adsl via cavo.
          • logan scrive:
            Re: Le connessioni mobili...
            - Scritto da: dj_tony
            perche' tutti parlate di hdspa e chiavette come
            se fossero solo dei paliativi o sostitutivi
            dell'adsl in
            mobilita'?

            tengo a precisare che ci sono ancora degli
            sfigati come me che escono da una realta' tipo
            teleconomy internet. e hanno dovuto soffrire il
            56k fino a qualche mese
            fa.

            ora altre alternative non ne ho ... che devo fare?

            perche' invece non tolgono la chiavetta a tutti
            quelli che possono avere una linea adsl via cavo
            (o meglio castrano la loro connessione) e
            lasciano respirare noi
            invece?

            chi ha il cavo usi il cavo...

            ma forse questo si puo' fare nel resto del mondo
            non in
            intalia...

            mah...

            chi dice mah, cuor contento non ha.

            notte a tutti.

            PS. mi hanno sboccato la chiavetta oggi
            pomergiggio tanto per cambiare. e la jumbo mail
            che stavo cercando di scaricare me la sono dovuta
            far scaricare da un amico piu' fortunato di me e
            dotato di adsl via
            cavo.---------------ma come castrare chi ha la connessione via cavo ? ma cosa dici? magari chi ha la chiavetta la usa fuori casa.. chi sei tu per pretendere una cosa del genere? la realtà è un'altra gli isp devono cambiare modo di lavorare, se non possono gestire traffico di n utenti devono potenziare la propria rete, e non dare servizio/diservizio per tot anni tanto da gonfiarsi le tasche e poi ancora non ottimizzare la propria infrastruttura.. questa è la vergogna, che ci vendono al prezzo dell'oro connessioni scrause. ci dicono che possiamo viaggiare liberi e senza limiti e poi ci troviamo il limite a 2 gb al mese, non siamo liberi, ci stanno recintando..
          • markoer scrive:
            Re: Le connessioni mobili...
            Gli ISP possono potenziare quanto ti pare, ma ci sono dei limiti dati dalle frequenze - parte radio e numero di utenti. Speravo che questo fosse chiaro dall'articoloCordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: Le connessioni mobili...
            - Scritto da: markoer
            Gli ISP possono potenziare quanto ti pare, ma ci
            sono dei limiti dati dalle frequenze - parte
            radio e numero di utenti. Speravo che questo
            fosse chiaro
            dall'articolo

            Cordiali salutiCerto se pretendi di continuare ad usare un modello dove concentri tutto su poche (il meno possibile) BTS a quel limite ci arriverai sempre e sempre più in fretta anche aumentando le frequenze!Se invece hai molte (moltissime) parti di distribuzione terminali (l'equivalente delle BTS) con pochi (pochissimi tipo 10-15 utnze in media) il problema frequenze non sussiste proprio!E lo dico per esperienza diretta!
          • markoer scrive:
            Re: Le connessioni mobili...
            - Scritto da: ullala[...]
            Certo se pretendi di continuare ad usare un
            modello dove concentri tutto su poche (il meno
            possibile) BTSSi chiamano node/b
            a quel limite ci arriverai sempre
            e sempre più in fretta anche aumentando le
            frequenze!
            Se invece hai molte (moltissime) parti di
            distribuzione terminali (l'equivalente delle BTS)
            con pochi (pochissimi tipo 10-15 utnze in media)
            il problema frequenze non sussiste proprio!Esiste ed esisterà sempre
            E lo dico per esperienza diretta!Tu hai esperienza di WiFi, ovvero di un protocollo che non gestisce l'hand over ed è infinitamente meno complesso ed ottimizzato di GSM. Se un singolo node/b gestisse soltanto 15 utenti come fa un nodo WiFi la telefonia mobile non funzionerebbe per nulla.Il contesto di un protocollo veramente mobile è completamente diverso dal WiFi. Ovviamente un operatore cerca di usare meno nodi possibile. I costi per implementare una nuova cella sono altissimi (nell'ordine delle centinaia di migliaia di Euro) ma non significa che con l'adozione di nuove tecnologie, come LTE, non sia possibile avere nodi meno costosi (nano celle) e più capillari. Il problema è poi appunto cosa colleghi a questa cella, e come.Tuttavia il fatto di avere più frequenze disponibili per la singola cella rimane il fattore decisivo. Ovviamente c'è anche un fattore culturale. La "cricca" preferisce darti la TV via DVB-T per poter diffondere Emilio Fido che non diffondere Internet...Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: Le connessioni mobili...
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: ullala
            [...]

            Certo se pretendi di continuare ad usare un

            modello dove concentri tutto su poche (il meno

            possibile) BTS

            Si chiamano node/bDipende dal sistema di cui si sta parlando!...Ma in generale hanno tutte in comune la stessa cosa ... una configurazione uno (base station) a molti (terminali)...Si chiamano bts in gsm node/b in umts Ap in wifi... ecc ecc...Lo sappiamo caro saccentino non è quello il punto!


            a quel limite ci arriverai sempre

            e sempre più in fretta anche aumentando le

            frequenze!

            Se invece hai molte (moltissime) parti di

            distribuzione terminali (l'equivalente delle
            BTS)

            con pochi (pochissimi tipo 10-15 utnze in media)

            il problema frequenze non sussiste proprio!

            Esiste ed esisterà sempreNon esiste affatto (a certe condizioni) e ripeto lo so PER ESPERIENZA diretta (installazione ed esercizio con utenze vere!).


            E lo dico per esperienza diretta!

            Tu hai esperienza di WiFi, ovvero di un
            protocollo che non gestisce l'hand over ed è
            infinitamente meno complesso ed ottimizzato di
            GSM. Se un singolo node/b gestisse soltanto 15
            utenti come fa un nodo WiFi la telefonia mobile
            non funzionerebbe per
            nulla.1) non ho affatto solo esperienza wi-fi2) il wifi gestisce l'and-hover e lo gestisce pure più in fretta delle reti di telefonia mobile... (certo bisogna saperlo fare)...3) il node/b potrebbe essere (e ne ho installato diversi di questo tipo) enormemente meno costoso e quasi non visibile se gestisse (appunto) piccolissime celle con pochi utenti!Dove questa sperimentazione è stata fatta si è vista una grande riduzione dei costi sia di esercizio che di impiantistica.Certo tocca progettare la rete "come si deve" perchè è molto più articolata e non si mettono pochi punti a casaccio... tanto "più o meno copre"... occorre anche mettere (a seconda del carico) più unità sulla stessa area per mantenere basso il numero di utenti...Ma scala molto meglio e costa meno di manutenzione....Certo se poi mi vieni a dire che il 99% degli operatori è ormai legato a certe scelte e investimenti e vogliono ammortizzare quelli siamo daccordo ma è un vicolo cieco!Inoltre che ti (gli) piaccia o meno con le nuove tecnologie la logica diventerà giocoforza comunque quella delle celle più piccole e a più alte prestazioni con un numero più basso di utenze!Perchè comunque così sono e saranno le reti 4g anche quelle telefoniche!Quindi piaccia o meno prima o dopo gli tocca ugualmente perchè con queste sono al "dead end"!

            Il contesto di un protocollo veramente mobile è
            completamente diverso dal WiFi. Ovviamente un
            operatore cerca di usare meno nodi possibile. I
            costi per implementare una nuova cella sono
            altissimi (nell'ordine delle centinaia di
            migliaia di Euro) ma non significa che con
            l'adozione di nuove tecnologie, come LTE, non sia
            possibile avere nodi meno costosi (nano celle) e
            più capillari. Il problema è poi appunto cosa
            colleghi a questa cella, e
            come.Aridaie col wifi!Io parlo di wireless in generale LTE è appunto in una logica che è quella che ti ho spiegato!Piaccia o meno!L'epoca dei traliccioni è finita nei fatti e non serve ne servirà aumentare le frequenze a cambiare questo fatto è proprio quel tipo di logica (traliccione, poche stazioni, ecc.ecc..) a essere in un cul di sacco!

            Tuttavia il fatto di avere più frequenze
            disponibili per la singola cella rimane il
            fattore decisivo. Ovviamente c'è anche un fattore
            culturale. La "cricca" preferisce darti la TV via
            DVB-T per poter diffondere Emilio Fido che non
            diffondere
            Internet...


            Cordiali salutiEssi piove governo ladro!Diamo le frequenze (che sono di tutti) in concessione ai soliti e siamo certi che continueremo su questa strada (dead end)!Quale lungimiranza!
          • markoer scrive:
            Re: Le connessioni mobili...
            - Scritto da: ullala[...]
            Ma in generale hanno tutte in comune la stessa
            cosa ... una configurazione uno (base station) a
            molti (terminali)...Penso di aver spiegato altrove che non è così facile come lo dipingi.[...]
            Non esiste affatto (a certe condizioni) e ripeto
            lo so PER ESPERIENZA diretta (installazione ed
            esercizio con utenze vere!).Anche noi abbiamo installato la rete WiFi aziendale. È sparsa per diverse nazioni ma è certamente molto più semplice di una rete GSM[...]
            1) non ho affatto solo esperienza wi-fiDi cos'altro?
            2) il wifi gestisce l'and-hover e lo gestisce
            pure più in fretta delle reti di telefonia
            mobile... (certo bisogna saperlo fare)...Ma non mi faccia ridere, l'hand-over (non and-hover :-)) del WiFi è ridicolo, estremamente meno complesso ed affidabile del GSM, e funziona giusto se stai camminando. Io posso usare l'UMTS su un treno ad alta velocità, col WiFi te lo sogni questo, per quanto tu "ci sappia fare"
            3) il node/b potrebbe essere (e ne ho installato
            diversi di questo tipo) enormemente meno costoso
            e quasi non visibile se gestisse (appunto)
            piccolissime celle con pochi utenti!Che tipo avresti installato? dove e per chi?E che tipo di sicurezza aveva? non è che qualsiasi XXXXXXXXX potesse attaccare il proprio cavo alla porta ethernet del node/b vero? perché "nodi di questo tipo" non forniscono garanzie legali agli operatori. Il nodo deve essere fisicamente protetto.
            Dove questa sperimentazione è stata fatta si è
            vista una grande riduzione dei costi sia di
            esercizio che di impiantistica.Interessante, dove sarebbe stata fatta?
            Certo tocca progettare la rete "come si deve"Sicuro, per questo lo chiedono a te, giusto?
            perchè è molto più articolata e non si mettono
            pochi punti a casaccio... tanto "più o meno
            copre"... occorre anche mettere (a seconda del
            carico) più unità sulla stessa area per mantenere
            basso il numero di utenti...
            Ma scala molto meglio e costa meno di
            manutenzione....Certo, installare 100 nodi costa molto meno di 10. Cribbio non ci abbiamo pensato, vado subito a comunicarlo, abbiamo sbagliato tutto. Grazie ullala di avermi illuminato
            Certo se poi mi vieni a dire che il 99% degli
            operatori è ormai legato a certe scelte e
            investimenti e vogliono ammortizzare quelli siamo
            daccordo ma è un vicolo cieco!
            Inoltre che ti (gli) piaccia o meno con le nuove
            tecnologie la logica diventerà giocoforza
            comunque quella delle celle più piccole e a più
            alte prestazioni con un numero più basso di
            utenze!A me risulta invece che la strategia di deployment di LTE sia flessibile, e che questa flessibilità sia uno dei requirement con cui è stato sviluppato LTE.È possibile avere un deployment misto di diversi tipi di celle, incluso ovviamente il "mero" upgrade dell'infrastruttura esistente (che non significa che non devi sostenere dei costi...)
            Perchè comunque così sono e saranno le reti 4g
            anche quelle telefoniche!
            Quindi piaccia o meno prima o dopo gli tocca
            ugualmente perchè con queste sono al "dead
            end"!Se lo dici tu.
            Aridaie col wifi!
            Io parlo di wireless in generaleNon esiste il "wireless in generale". A questo livello di astrazione stai parlando di un bel nulla, includi anche le ham radio.
            LTE è appunto in
            una logica che è quella che ti ho
            spiegato!Grazie della spiegazione, ne avevo veramente bisogno.Un consiglio, fatti un training da Apis. Questo è l'aggiornamento che ho ricevuto giusto oggi:http://hosted.verticalresponse.com/223800/ca73f30aaf/363000938/536a345d3a/Poi magari quando ci capisci qualcosa di più riparliamo
            Piaccia o meno!
            L'epoca dei traliccioni è finita nei fattiQuali fatti? quelli che devi mostrare tu? le tue installazioni? le tue brillanti spiegazioni sui costi delle telco?Non ho altre parole ma: LOL.[...]
            Essi piove governo ladro!
            Diamo le frequenze (che sono di tutti)No, non sono di tutti. Sono in concessione. Anche quelle DVB-T, mica le puoi usare *TU*. Le possono usare chi le ha in concessione - chi è autorizzato a diffondere un segnale televisivo
            in
            concessione ai soliti e siamo certi che
            continueremo su questa strada (dead
            end)!Per adesso le hanno i soliti Berluscones, la RAI, eccetera. Certo bello vedere GULP e il canale shopping, ma preferirei avere più Internet e poter scegliere da me come utilizzarlo.
            Quale lungimiranza!Quindi il resto del mondo è meno lungimirante e l'Italia ha dato le paste a tutti.Cordiali saluti
          • ullala scrive:
            Re: Le connessioni mobili...
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: ullala
            [...]

            Ma in generale hanno tutte in comune la stessa

            cosa ... una configurazione uno (base station) a

            molti (terminali)...

            Penso di aver spiegato altrove che non è così
            facile come lo
            dipingi.é facile certo bisogna sapere di che si parla!


            [...]

            Non esiste affatto (a certe condizioni) e ripeto

            lo so PER ESPERIENZA diretta (installazione ed

            esercizio con utenze vere!).

            Anche noi abbiamo installato la rete WiFi
            aziendale. È sparsa per diverse nazioni ma è
            certamente molto più semplice di una rete
            GSMDipende io non ho parlato di una rete wifi aziendale (a dire la verità come minimo non solo di quella) ...Ho idea che le tue conoscenze in merito si limitino a "quello che passa il convento"...Sulla "semplicità" è difficile che tu possa giudicare visto che non hai idea di cosa sto parlando e che è comunque su base geografica!


            [...]

            1) non ho affatto solo esperienza wi-fi

            Di cos'altro?Ma vedi... ad esempio uno dei miei clienti si da il caso (ammesso di prendere per buono il tuo profilo) che sia proprio il tuo datore di lavoro!



            2) il wifi gestisce l'and-hover e lo gestisce

            pure più in fretta delle reti di telefonia

            mobile... (certo bisogna saperlo fare)...

            Ma non mi faccia ridere, l'hand-over (non
            and-hover :-)) del WiFi è ridicolo, estremamente
            meno complesso ed affidabile del GSM, e funziona
            giusto se stai camminando. Io posso usare l'UMTS
            su un treno ad alta velocità, col WiFi te lo
            sogni questo, per quanto tu "ci sappia
            fare"Allora l'Hand-over è più o meno complesso a secondo di quanto stà sulla rete... forse tu ti riferisci semplicemente a quanto sta in 802.11 che però non è ciò che ti occorre per la mobilità forse (fossi in te ci penserei) non ti basta il layer2 per risolvere certi problemi!Mi pare che tu dia per scontate cose che non lo sono affatto e sensa (ripeto) avere idea di come e perchè ci sia la necessità di gestire l'hand over in una rete geografica wireless dove sono in gioco più tecnologie contemporaneamente!



            3) il node/b potrebbe essere (e ne ho installato

            diversi di questo tipo) enormemente meno costoso

            e quasi non visibile se gestisse (appunto)

            piccolissime celle con pochi utenti!

            Che tipo avresti installato? dove e per chi?1 TIM 2 Vodafone e 3 telefonica e non italia (purtroppo).Si tratta di femtocelle con "cognitive radio" a basso costo (anzi bassissimo) con potenza di emissione non superiore al watt e con area di copertura di alcune centinaia di metri.Contento?Il tutto in installazioni "pilota" o se preferisci "best practice" di tecnologie innovative (ma operative e in esercizio).Tra le altre cose convivevano benissimo (e si integravano senza rompersi le balle a vicenda) con altre e diverse tecnologie sia wired che wireless!

            E che tipo di sicurezza aveva? non è che
            qualsiasi XXXXXXXXX potesse attaccare il proprio
            cavo alla porta ethernet del node/b vero? perché
            "nodi di questo tipo" non forniscono garanzie
            legali agli operatori. Il nodo deve essere
            fisicamente
            protetto.Ma certo!è ovvio! tutti passavano di li e attaccavano il cavetto!(rotfl)(rotfl)Hai altre inutili ovvietà da citare tanto per sviare il discorso su questioni inutili?

            Interessante, dove sarebbe stata fatta?Colombia, Spagna, Egitto, Marocco (per quanto mi riguarda) ignoro se ci siano altri esperimenti di questo tipo che riguardono altre strutture tecniche che non conosco ma penso di si!Ma questo cosa c'entra di grazia?Serve per sviare il discorso con chiacchere inutili come fai da diversi post?



            Certo tocca progettare la rete "come si deve"

            Sicuro, per questo lo chiedono a te, giusto?No lo chiedono a me perchè in questo momento sono tra i pochi ad avere esperienza concreta e ho sviluppato (come azienda) anche il firmware di alcuni di questi apparati per conto del costruttore!



            perchè è molto più articolata e non si mettono

            pochi punti a casaccio... tanto "più o meno

            copre"... occorre anche mettere (a seconda del

            carico) più unità sulla stessa area per
            mantenere

            basso il numero di utenti...

            Ma scala molto meglio e costa meno di

            manutenzione....

            Certo, installare 100 nodi costa molto meno di
            10. Cribbio non ci abbiamo pensato, vado subito a
            comunicarlo, abbiamo sbagliato tutto. Grazie
            ullala di avermi
            illuminatoDipende da quanto costa un nodo!Se un nodo costa una lira 100 nodi costano meno di un nodo che ne costa 200 di lire!



            A me risulta invece che la strategia di
            deployment di LTE sia flessibile, e che questa
            flessibilità sia uno dei requirement con cui è
            stato sviluppato
            LTE.La flessibilità è appunto quella che ti consente di impiegare capacità diverse (con costi diversi e coperture diverse) a seconda del caso!Cosa non possibile col "traliccione"...



            Perchè comunque così sono e saranno le reti 4g

            anche quelle telefoniche!

            Quindi piaccia o meno prima o dopo gli tocca

            ugualmente perchè con queste sono al "dead

            end"!

            Se lo dici tu.Non lo dico io lo dicono i fatti e chi fabbrica e vende queste tecnologie!



            Aridaie col wifi!

            Io parlo di wireless in generale

            Non esiste il "wireless in generale". A questo
            livello di astrazione stai parlando di un bel
            nulla, includi anche le ham
            radio.Si e giacchè ci siamo anche i prosciutti e le spam radio!Continua pure a divagare!



            LTE è appunto in

            una logica che è quella che ti ho

            spiegato!

            Grazie della spiegazione, ne avevo veramente
            bisogno.Direi di si!Ma non vdo l'utilità di continuare oltre è ovvio che non hai idea di quello che sto dicendo...Il tuo mondo è piuttosto limitato a quello che ti raccontano in sala macchine!Io faccio un altro mestiere...
        • Rover scrive:
          Re: Le connessioni mobili...
          Attorno al 60° posto nel globo, mi sembra.Per le connessioni mobili io ho notato, disponendo di una Vodafone da due anni, un aumento dei problemi di navigazione. A livelli comunque accettabili.Sono aumentati i clienti ma l'infrastruttura o parti significative di questa non hanno subito aggiornamenti. Che costano.
        • Di passaggio scrive:
          Re: Le connessioni mobili...
          Scusa, ma chi decide che quello che usa la pennetta abbia il lavoro piu' importante o che quello che legge solo Facebook senza scaricare altro debba avere piu' diritti di quello che, vista l'offerta senza limitazioni, ha pagato per avere un servizio? Se non vogliono questi ultimi, gli basta un nuovo contratto e chiederne l'accettazione...
Chiudi i commenti