Niente Casa Bianca per Twitter

Il tecno-fringuello bandito dai computer di chi lavora presso la residenza del Presidente

Cinguettare dalla Casa Bianca si può, ma è una concessione esclusiva fatta solo a chi occupa lo studio ovale: come il Presidente Barack Obama, che durante la campagna elettorale aveva cavalcato social network come Facebook e Twitter. Proprio l’uso di quest’ultimo è stato recentemente proibito ai dipendenti che lavorano presso la residenza di Mr.Obama.

Chiudere il becco digitale ai propri collaboratori appare come una mossa in controtendenza con altri provvedimenti messi in atto dall’amministrazione statunitense, sopratutto per una figura come quella di Obama che aveva puntato anche su Internet per dare quell’impressione di modernità che lo aveva fatto trionfare alle scorse presidenziali statunitensi. Una decisione che potrebbe essere dettata da ragioni di sicurezza e discrezione rispetto alle attività dello staff e di Obama stesso.

In ogni caso la soluzione al blocco imposto al tecno-fringuello è già pronta , é a portata di mano e si chiama iPhone, gadget molto diffuso tra i membri dello staff presidenziale.( G.P. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lellykelly scrive:
    si ma
    bla bla bla iphone, bla bla bla apple e fatto il pezzo
    • Brad Pitt scrive:
      Re: si ma
      Hai pienamente ragione, infatti Apple fa parte di quella lunga serie di nomi che attirano l'attenzione dei lettori. Meglio pubblicare una "non notizia" di sucXXXXX piuttosto che una notizia che non leggerebbe nessuno.
  • mah scrive:
    Per gli italiani è interessante perché?
    Fosse un software utilizzabile anche in Italia capirei, ma visto che è utilizzabile solo negli USA e a noi ce ne può XXXXXXX molto poco?
  • Francesco_Holy87 scrive:
    Non c'è questione...
    Non si vendono i dati personali delle persone, ma l'applicazione che li sfrutta. I dati personali sono gratuitamente reperibili, quindi non fa una piega.
  • Timur Lang scrive:
    Sex Crimes and the USA...
    Ricordiamoci che negli USA terra di Libertà e Giustizia, vengono registrati come sex offenders (a volte anche per decine d'anni) non solo stupratori e maniaci effettivamente pericolosi, ma anche adolescenti che si spediscono foto sconce a scuola o diciottenni che l'hanno fatto con la ragazza sedicenne.Che bel paese...http://www.cfcamerica.org/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=41&Itemid=120
    • Mario Egno scrive:
      Re: Sex Crimes and the USA...
      ...individuare i molestatori presenti nella zona, per ognuno dei quali è possibile visualizzare la foto, i dati personali, l'indirizzo ed il reato commesso...il reato commesso... adesso non sono un legale, ma credo che si riesca a capire se hai stuprato o ha mandato delle foto...
      • Timur Lang scrive:
        Re: Sex Crimes and the USA...
        - Scritto da: Mario Egno
        ...individuare i molestatori presenti nella zona,
        per ognuno dei quali è possibile visualizzare la
        foto, i dati personali, l'indirizzo ed il reato
        commesso...

        il reato commesso... adesso non sono un legale,
        ma credo che si riesca a capire se hai stuprato o
        ha mandato delle
        foto...No, perché i reati sono riportati in maniera vaga, secondo la classificazione USA: felony, misdemeanor, e così via.
      • lellykelly scrive:
        Re: Sex Crimes and the USA...
        non per fare dell'umor nero, per quello c'è nonci, ma mentre una viene violentata non credo che vada a controllare nell'iphone se il suo molestatore sia nell'elenco.nell'eventualità che uno stia al tavolino del bar a bere un the freddo, per passare il tempo si scorra la lista dei pedofili, con stupore si accorga che al tavolo a fianco ce ne sia uno compreso nell'elenco, chiama la polizia?e se il suddetto amico ha il timbro "sono fuori ma in rodaggio"? ecXXXXX di superiorità egocentrica?
        • loris batacchi scrive:
          Re: Sex Crimes and the USA...
          - Scritto da: lellykelly
          non per fare dell'umor nero, per quello c'è
          nonci, ma mentre una viene violentata non credo
          che vada a controllare nell'iphone se il suo
          molestatore sia
          nell'elenco.
          nell'eventualità che uno stia al tavolino del bar
          a bere un the freddo, per passare il tempo si
          scorra la lista dei pedofili, con stupore si
          accorga che al tavolo a fianco ce ne sia uno
          compreso nell'elenco, chiama la
          polizia?penso che la lista serva per informarsi prima di comprare casa o per non lasciare i figli girare nei quartieri a rischio.Se lo trovi al bar, non centra. Se e' li, Vuol dire che i suoi anni di carcere li ha gia fatti.
Chiudi i commenti