Nigeria, la rivincita di Mandriva

Microsoft vuole spodestare Mandriva Linux dai PC per le scuole nigeriane? L'organizzazione che donerà le macchine interviene e chiarisce: il sistema operativo open sarà installato su 11mila PC

Roma – Ci sarà Linux sui computer destinati alle scuole nigeriane. 17mila macchine Intel pronte per essere consegnate ai ragazzi del paese africano avrebbero dovuto essere animate da una versione personalizzata della più recente release di Mandriva . Microsoft sembrava però averle colonizzate , strappando al governo nigeriano un accordo per sostituire il sistema operativo open con Windows XP.

Il CEO di Mandriva aveva fatto sentire la sua voce, indirizzando una caustica lettera aperta a Steve Ballmer, a capo di Microsoft. BigM aveva risposto dichiarando che “gli individui, i governi e le altre organizzazioni dovrebbero essere liberi di utilizzare il software che meglio risponde alle loro esigenze”.

A sedare la diatriba è intervenuta Universal Service Provision Fund ( USPF ), l’organizzazione nigeriana che ha donato 11mila delle macchine destinate alle scuole. Ha comunicato di preferire la soluzione open, anche se, riporta Infoworld , non esclude in futuro la possibilità di passare a Windows. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • FrancescoTe sta scrive:
    La SIAE non vigila... almeno a Milano!
    La Siae di Milano è perfettamente a conoscenza (grazie a mie e-mail, visite personali e colloqui con i vari dirigenti e raccomandate A.R. loro inviate) che all'interno dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano prospera, beffando la legge sul diritto d'autore, una società privata che ha installate, all'interno della stessa università, decine di macchine fotocopiatrici che funzionano con schede prepagate senza alcuna vigilanza. Alcune di queste sono dotate di alimentatore automatico degli originali per cui, in brevissimo tempo, è possibile fotocopiare interamente ed in grandi quantità, libri già fotocopiati.Questo problema dura da sempre ed io ho iniziato a denunciarlo fin dal 2006 anche all'AIDRO e alla Guardia di Finanza: nulla è ancora cambiato ed è esteso anche a quasi tutte le copisterie della zona. Alla mia richiesta d'inviare alcuni loro incaricati presso questi centri e verificare le mie denuncie mi è stato risposto che non possono farlo poichè "istigherebbero" chi fa le fotocopie a commettere un reato.Sorge, allora, spontaea una domanda: lasciando prive di sorveglianza fotocopiatrici che in tempi brevissimi possono fotocopiare libri interi non si istigano gli studenti a violare la legge sul diritto d'autore?
  • Giorgio Mangano scrive:
    eventuali conseguenze
    ho capito grossomodo le vostre utilissime spiegazioni, ma non mi sono affatto chiare le eventuali conseguenze che ci saranno, nel caso in cui questa decisione potesse rappresentare un precedente.cosa cambia ai fruitori dei prodotti musicali?cosa cambia a chi compra cd vergini? (mi pare nulla)cosa cambia ai piccoli e grandi artisti?cosa cambia a chi mette nei locali dei brani depositati?la siae esploderà...? :D
    • ... scrive:
      Re: eventuali conseguenze
      Le conseguenze sono notevoli. Nessun produttore e' piu' obbligato ad apporre i bollini SIAE. Inotre, salta la maggior parte delle sanzioni penali previste dalla legge sul diritto d'autore. Non male, direi ...
  • Max scrive:
    BUFFONI
    La SIAE non è un ente che non dovrebbe neanche esistere. Oltretutto tutela solo ed esclusivamente i Big e ci impone tasse addirittura sui Cd vergini.Eliminatela come istituzione
  • ZardoTagore scrive:
    Ora è chiaro, Vaffanday ...
    In poche parole la SIAE ha citato in tribunale un netcitizen non residente in Italia, per aver venduto tramite servizii online cd-rom musicali a netcitizen residenti in Italia. Non solo la SIAE non fa parte di nessuna regolamentazione tecnica, ovvero, se ho una legge, un gabello, che desidero che in tutta l'unione europea sia rispettata deve passare delle commissioni e regolamentazioni da parte degli stati europei ed in primis notificata. La SIAE esiste solo in Italia non è stata notificata agli occhi dell'U.E. La questione ha messo solo in rilievo che:La corte a dichiarando che le norme tecniche in tema di bollini SIAE non possano essere "opposte" ai privati. E come dice il Grillo parlante e Vaffanday.
    • Massimo s scrive:
      Re: Ora è chiaro, Vaffanday ...
      no zardo, il cittadino tedesco non vende online ma è il legale rappresentante di una società con sede in italia
      • Alphons scrive:
        Re: Ora è chiaro, Vaffanday ...
        Il cittadino tedesco vendeva anche on line. Si trovano ancora le pagine on line...
        • Massimo s scrive:
          Re: Ora è chiaro, Vaffanday ...
          sarà anche così ma il bollino si applica ai supporti fisici e per quella vicenda il signore è stato denunciato.Ed èsui bollini che la Corte si è espressa
          • Alphons scrive:
            Re: Ora è chiaro, Vaffanday ...
            E' chiaro: il bollino si applica(va) a tutti i CD (anche quelli da vendere on line). Comunque, il problema non e' quello. Il fatto e' che ogni vendita (on line o off line) imponeva l'apposizione del contrassegno. La sentenza ora afferma il contrario.
  • Zork scrive:
    siae....
    La siae è un'associazione a delinquere!!! Solo questo...
  • dany scrive:
    Non s'e' capito nulla...
    Mi spiace doverlo constatare, ma leggendo anche i commenti degli altri utenti non s'e' capito cosa sia successo (almeno per chi non mastica "legalese").
    • ... scrive:
      Re: Non s'e' capito nulla...
      Fregarsene in che senso, forse sarebbero utili degli esempi sperando che non siano cose delle quali i privati se ne fregano già da soli
    • dany scrive:
      Re: Non s'e' capito nulla...
      Il problema penso sia nel ripetuto utilizzo della parola "privato", che non e' affatto chiara. Se per privato si intende "non commerciale", il Sig. "Karl Josef Wilhem Schwibbert" e la societa' KJWS hanno perso la causa, corretto? E' successo proprio questo?
      • Elephas scrive:
        Re: Non s'e' capito nulla...
        La lettura di Dany non è corretta. Infatti, l'interpretazione offerta dalla Corte (cosi' come quella suggerita dall'Avvocato Generale nello scorso mese di giugno) consente di affermare che Schwibbert non puo' essere perseguito per non aver apposto i contrassegni SIAE.L'espressione "privato" e' da intendersi in maniera generica (si veda a tal proposito la versione inglese della sentenza in cui si parla di "individual").
  • realtebo scrive:
    piccola mafia^
    è strozzinaggio bello e buono! Perchè una società di tutela diritti si deve prendere il 75% dei profitti? il 75% !!! E' come se dopo una causa legale la vostra assicurazione auto si prendesse il 75% dei soldi da voi presi per un danno fisico subito!Mi chiedo PERCHè un comportamento del genere sia permesso in italia.Ma tutti questi miliardi finiti alla siae... DENTRO la siae ... come vengono distribuiti ? cioè chi è che li intasca!?
    • ... scrive:
      Re: piccola mafia^
      Ma secondo te dove l'hanno inventata la mafia ? In Sicilia ?Nei palazzi a Roma !
      • Zork scrive:
        Re: piccola mafia^
        Senza la Siae, la pirateria non sarebbe + un problema per i guadagni...almeno non così grosso come adesso...
    • jurij scrive:
      Re: piccola mafia^
      li intascano i grandi editori come le Major ormai rimaste in vita e i grandi autori di un tempo, più che altro dovremmo chiederci perchè uno che ha scritto un pezzo di successo 30anni fa debba ancora prendere i soldi anche se non viene più suonato come un tempo. Perchè gli autori moderni devono pagare quasi tutto il loro guadagno ad artisti che possono avere soldi fino a 70anni dal loro successo? Non lamentiamoci che ci sia solo musica di scarso valore ora, cosa dovrebbe fare un nuovo artista se le prospettive di guadagno sono praticamente nulle.Il grosso problema è che la sorte dei musicisti in italia non interessa nessuno, non esiste neanche un sindacato degno di questo nome in grado di affrontare legalmente il sistema. Per il resto d'italia siamo hobbysti che devono fare altri lavori per campare....
  • korova scrive:
    Beh è già qualcosa.
    Da ex dipendente, a tempo determinato, SIAE e da autore iscritto alla stessa vi dico che i soldini vengono ridistribuiti proporzionalmente alle vendite e/o alle dichiarazioni del modulo 101 (programma musicale). Quindi un eros ramazzotti od un gino paoli guadagneranno proporzionalmente molto di più. Quando vado a suonare nei pub, anche mettendo solo le mie canzoni nel modello SIAE, una proporzione del 70/75% andrà ai soliti noti, malgrado i brani eseguiti siano i miei. Questo tipo di ridistrubuzione degli utili non è che una piccola mafia. :D :@ :(troll3)
  • Luca scrive:
    Io non canterei vittoria
    Se non ricordo male i miei pochi studi di diritto, le cause davanti all'unione europea non costituiscono precedente e valgono solo per il caso in esame, per cui una seconda azienda domani potrebbe vedersi negata la vittoria anche in un caso analogo.In seconda battuta, l'impedimento è puramente burocratico: scriveranno la letterina di notifica e buonanotte ai sognatori. Per eliminare quegli strozzini della SIAE, bisognerà tirar fuori i forconi...
    • aed scrive:
      Re: Io non canterei vittoria
      Bè...ricordi male. Sono proprio i precedenti della Corte di GIustizia che costituiscono precedenti vincolanti (in pratica sono fonti del diritto), a differenza, ad esempio, delle sentenze della nostra Corte di Cassazione. Però non va dimenticato che la ragione della sentenza della Corte di Giustizia è sostanzialmente procedurale, quindi è ben possibile che lo Stato italiano ponga rimedio e che ci si ritrovi al punto di prima
      • Elephas scrive:
        Re: Io non canterei vittoria
        In effetti, la sentenza della Corte vincola lo Stato italiano. Le regole tecniche adottate senza aver proceduto ad effettuare la comunicazione alla Commissione sono nulle e/o inopponibili. Questo significa che tutte le norme in tema di "bollini" SIAE -da oggi- non hanno alcun valore (eccettuata la disposizione del 1942 sui contrassegni da apporre sui libri, dato che e' addirittura precedente alla nascita della Comunitae).Quanto riportato da AED e' tendenzialmente corretto. Tuttavia, non e' affatto scontato che la Commissione, una volta ricevuta la comunicazione relativa al fatto che l'Italia intenda (re)introdurre i bollini, dia ul proprio nulla osta. A quel punto, si renderebbe indispensabile verificare se quella disciplina sia compatibile con il mercato interno (siamo, infatti, l'unico Paese membro ad avere una regolamentazione del genere).
    • Istria scrive:
      Re: Io non canterei vittoria
      La sentenza costituisce un precedente. Eccome. Dev'essere applicata come se fosse legge. Pertanto, e' impossibile che la SIAE non ne subisca le conseguenze.
  • Marco Marcoaldi scrive:
    SIAE ? A Casa
    Forse la volta buona che ci togliamo dal cazzo questo branco di ladroni !
    • Enrico Strada scrive:
      Re: SIAE ? A Casa
      Ladro e' chi scarica senza pagare, e i bollini ve li siete beccati per compensare i vostri furti.Invocate la legge solo quando vi fa comodo?Bravi tonni.
      • Marzio Zini scrive:
        Re: SIAE ? A Casa
        Bravo, bella affermazione qualunquista la tua. Peccato che questo "obbrobrio" che è il bollino siae se lo accolli anche il povero cristo che non ha effettuato alcun illecito!!!!Sicuramente sarai un dipendente Siae....
      • Bahamuttone scrive:
        Re: SIAE ? A Casa
        I bollini SIAE sono un'emerita truffa.A partire dal fatto che veniva richiesto che fossero applicati a cd di provenienza Coreana prodotti ovviamente senza rispetto delle leggi sul diritto di autore. essendo quei cd di autori giapponesi, dubito FORTEMENTE che i soldi che la SIAE incassava finissero in qualunque modo a loro.Per la SIAE l'unica cosa importante era l'applicazione del bollino, che poteva essere comprato in rotoli.
      • miky scrive:
        Re: SIAE ? A Casa
        Quindi , visto che è compensato anticipatamente , scaricare dovrebbe essere assolutamente lecito, o no? Lo sai vero che ormai l'equo compenso che si paga su ogni supporto vergine è il triplo del suo costo?
      • rotfl scrive:
        Re: SIAE ? A Casa
        - Scritto da: Enrico Strada
        Ladro e' chi scarica senza pagare, e i bollini ve
        li siete beccati per compensare i vostri
        furtiPotresti smetterla, scusa? Il rumore dei tuoi denti m'infastidisce.
      • Avalon scrive:
        Re: SIAE ? A Casa
        Non è vero, i bollini SIAE c'erano anche prima che Internet esistesse in maniera così diffusa e pertanto il tuo ragionamento Bollino = Compenso dal "furto da scarico" cade miseramente.Poi una bella "cosuccia" che non mi è mai tornata... perchè il rimborso SIAE lo "beccano" solamente gli artisti che fanno da un certo volume di affari in su? I diritti li pagano tutti gli artisti per poter suonare il pezzo di un altro ma quanto ad un ritorno al legittimo proprietario dell'opera, quando questi sia un gruppo che ha fatto 500 CD che hanno comperato amici e parenti (se gli va bene...), può stare sicuro che non gli torna indietro un accidenti, ma allora i soldi dove vanno? Semplice! Ai pochi soliti s.....i in cima alle vendite!VA.......O!
  • francescode lia.it scrive:
    Grandi..
    Sarebbe anche ora che questi avvoltoi scendano dai loro trespoli..
  • Francesco Simi scrive:
    Applauso!
    Questo avvocato ha tutta la mia stima! Finalmente una delle più grandi mostruosità italiane verrà ridimensionata! La SIAE stava letteralmente soffocando il mercato da decenni, era diventata quasi una mafia.
    • psychomantum scrive:
      Re: Applauso!
      ti quoto!!! soffoca la creatività, non si può più suonare nei locali per colpa loro, BASTARDIII, bah
    • Alphons scrive:
      Re: Applauso!
      Tuttavia, non e' tanto colpa della SIAE, quanto dello Stato italiano che si e' dimenticato di comunicare e notificare l'adozione di una normativa tecnica...
  • Tarch scrive:
    Rimborso...
    "...direttiva comunitaria (la direttiva del Consiglio 83/189/CEE del 28 marzo 1983), che prevede..."dato che sembra che questa norma e' in contrasto con la direttiva da un bel po' (1983) sarebbe bello chiedere dei rimborsi (con interessi) per tutti i soldi fatti pagare ingiustamente e ..... direi addio SIAE.Ciao!
    • ciao scrive:
      Re: Rimborso...
      ci avevo pensato anch'io a questo aspetto di retroattività (se così si può dire). se fosse legittimo richiedere un rimborso della cifra sborsata ingiustamente negli anni passati sai che risate!alla faccia della siae!
      • Biagio scrive:
        Re: Rimborso...
        E' sicuramente possibile ottenere un risarcimento per violazione del diritto comunitario. Gli effetti della senteza sono enormi.
  • FinalCut scrive:
    Preparate i bicchieri!
    offro da bere a tutti!!!! :D :D :D :D :D :D(linux)(apple)(win)(amiga)(atari)(c64)
  • Giorgio scrive:
    Non ho capito niente
    Qualcuno potrebbe per cortesia tradurre questa supercazzola in un linguaggio un po' meno latinorum ed un po' più comprensibile ai poveri? Grazie!
    • anonimo01 scrive:
      Re: Non ho capito niente
      - Scritto da: Giorgio
      Qualcuno potrebbe per cortesia tradurre questa
      supercazzola in un linguaggio un po' meno
      latinorum ed un po' più comprensibile ai poveri?
      Grazie!...mi associo :$visto che è "epocale" e che ha a che fare con i bollini siae, m'interesserebbe la traduzuione in favella standard ...
      • Andrea scrive:
        Re: Non ho capito niente
        in pratica da quello che ho capito, poiche' siamo in comunita' europea la siae non puo' fare quel piffero che le pare e piace in barba alle leggi europee, se avessero voluto regolamentare il bollino siae come OBBLIGO per il territorio italiano dovevano compiere a suo tempo un iter di scartoffie: iter che non e' mai stato fatto, scoperto graziea questo avvocato a mio avviso MITICO :D
        • Ciccio scrive:
          Re: Non ho capito niente
          - Scritto da: Andrea
          in pratica da quello che ho capito, poiche' siamo
          in comunita' europea la siae non puo' fare quel
          piffero che le pare e piace in barba alle leggi
          europee, se avessero voluto regolamentare il
          bollino siae come OBBLIGO per il territorio
          italiano dovevano compiere a suo tempo un iter di
          scartoffie: iter che non e' mai stato fatto,
          scoperto graziea questo avvocato a mio avviso
          MITICO
          :DQuesto vuol dire che ora tutti i supporti vergini si potranno vendere anche senza bollino SIAE?
          • Pascal scrive:
            Re: Non ho capito niente
            - Scritto da: Ciccio
            Questo vuol dire che ora tutti i supporti vergini
            si potranno vendere anche senza bollino
            SIAE?se la sentenza cresce in giudicato, si.
          • Gabriele scrive:
            Re: Non ho capito niente
            - Scritto da: Pascal
            - Scritto da: Ciccio


            Questo vuol dire che ora tutti i supporti
            vergini

            si potranno vendere anche senza bollino

            SIAE?


            se la sentenza cresce in giudicato, si.Chissà se si potrà chiedere il rimborso delle spese sostenute per "imbollinare" i supporti? visto che ora viene fuori che è una procedura irregolare...G.
          • Alphons scrive:
            Re: Non ho capito niente
            I supporti vergini non debbono essere contrassegnati dal bollino SIAE. Se leggete bene la sentenza, i giudici nazionali hanno il dovere di disapplicare le norme non comunicate alla Commissione ... ovvero tutte le norme in tema di contrassegno SIAE dal 1983 ad oggi.
          • ciao scrive:
            Re: Non ho capito niente
            non ho capito bene quello che intendi.se intendi che i cd vergini si potranno comperare senza bollino siae... allora non ci siamo. quando compri i cd vergini non ci sono bollini siae. casomai c'è una tassa detta (se non mi sbaglio) equo compenso.
          • Andrea scrive:
            Re: Non ho capito niente
            quello e' l'equo compenso. Qui stiamo parlando della legittimita' o meno del bollino siae (es se io voglio regalare un cd dimostrativo delle mie capacita' canore devo bollinare il cd comunque, afaik). Almeno credo oppure non ho capito una mazza della notizia :D
          • Ciccio scrive:
            Re: Non ho capito niente
            - Scritto da: ciao
            non ho capito bene quello che intendi.

            se intendi che i cd vergini si potranno comperare
            senza bollino siae... allora non ci siamo. quando
            compri i cd vergini non ci sono bollini siae.
            casomai c'è una tassa detta (se non mi sbaglio)
            equo
            compenso.Dunque, quando io compro una pila di CD vergini e la faccio fatturare il tizio mi dice:"Ah, se vuole la fattura deve pagare anche la SIAE"Ora, sicuramente non è legale (ad oggi) venderli senza far pagare quella tassa. Ma aldilà di questo, si tratta del bollino SIAE? O dell'equo compenso?E se fosse la seconda, cosa non si pagherà adesso (sempre che venga confermata la sentenza)?
          • ... scrive:
            Re: Non ho capito niente
            La sentenza non ha bisogno di essere confermata. E' stata emessa direttamente dalla Corte di Giustizia delle Comunita' europee. Pertanto, tutti i giudici italiani sono tenuti ad osservarla.
    • Brufolo Bill scrive:
      Re: Non ho capito niente
      Si dice supercazzoRa, non supercazzoLa.Nel libro del film Amici Miei è infatti bene specificato (varie volte) che la parola è supercazzoRa, non supercazzoLa.Da Wikipedia:"Il termine supercàzzora (conosciuto anche erroneamente come supercàzzola) è un neologismo (entrato nell'uso comune dal cinema) che indica un nonsense [...]"Quindi per favore ricordatevi che si dice supercazzoRa, non supercazzoLa! Purtroppo questa parola è entrata nel linguaggio comune in modo errato.Chiudo l'OT e, tornando al discorso dell'articolo, "ERA ORA!"In pratica qui si parla dell'adesivo della SIAE, quello tutto brillante, attaccato ai CD che compri (ma quelli già scritti, non quelli vergini! Su quelli vergini non c'è il bollino ma grava un'altra tassa).
      • Giangi scrive:
        Re: Non ho capito niente
        - Scritto da: Brufolo Bill
        Si dice supercazzoRa, non supercazzoLa.
        E io dico supercazzola, va bene? L'ho inventato io.Tu usa pure il "supercazzora" che ti pare... :p
  • ... scrive:
    S.I.A.E. - Società...
    SocietàInculata(dall') AutoritàEuropea(e finalmente aggiungo !)
Chiudi i commenti