Nokia: parola d'ordine riorganizzare

Ancora ristrutturazioni per il colosso finlandese del mercato wireless. Nokia cambia ancora una volta assetto societario, rimescola il management e si attiva per meglio affrontare il perdurante periodo di crisi economica mondiale

Roma – Non sembra esserci pace per i dipendenti e il management di Nokia, costretti con cadenza quasi regolare ad affrontare la periodica ristrutturazione degli assetti societari con tanto di turnover ai piani alti. Questa volta la multinazionale finlandese annuncia di voler accorpare il proprio business in tre diverse unità , vale a dire Mobile Solutions , Mobile Phones e Markets .

Stando alle intenzioni comunicate da Nokia, l’unità Mobile Solutions si dedicherà al settore “high-end” del mercato degli smartphone e dei computer mobile, con in particolare il focus su dispositivi basati sui sistemi operativi Symbian e MeeGo . L’unità Mobile Phones si occuperà invece dei cellulari più economici, basati su OS Series 40 .

In “Mobile Solutions” confluirà anche l’attuale divisione “Services”, incaricata di integrare il servizio Ovi negli smartphone finlandesi e creare nuovi servizi specifici per l’utenza mobile . L’unità Markets continuerà a occuparsi delle vendite e del marketing assieme alle operazioni connesse alla fornitura dei prodotti ai distributori.

Nella nuova Nokia “semplificata” cambiano e si avvicendano anche gli occupanti dei piani alti aziendali: Anssi Vanjoki guiderà l’unità Mobile Solutions con la collaborazione di Alberto Torres (segmento MeeGo Computers) e Jo Harlow (Symbian Smartphones). Mary McDowell guiderà Mobile Phones in sostituzione di Rick Simonson, Niklas Savander si occuperà di “Markets” e Richard Green sarà il nuovo CTO della società occupandosi della strategia tecnologica complessiva.

“La nuova struttura organizzativa di Nokia è pensata per velocizzare l’esecuzione e accelerare l’innovazione, sia sul breve che sul lungo periodo” ha dichiarato il CEO della multinazionale Olli-Pekka Kallasvuo. “Crediamo che questo ci permetta di costruire soluzioni mobile più forti – ha continuato Kallasvuo – un portfolio di prodotti e servizi integrati capaci di connettere le persone e permettere nuove modalità di comunicazione, condivisione ed esperienze nella mobilità”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    perche non cancellate?
    perche' ploccate ma NON cancellate il post di questo spammer-XXXXXXXX? "A proposito di Atlantis nr: Giovanni" ?
  • Lord Kap scrive:
    Storia
    Un pezzo di storia che se ne va...-- Saluti, Kap
    • xxx scrive:
      Re: Storia
      La tragedia è che durante tutta questa "storia" ... non sono riusciti a costruire un'altra navicella... pero' hanno missili in grado di colpire una mosca a 10.000km di distanta totalmente automatici... vabbè...
Chiudi i commenti