Non nominare Froogle(s) invano

Google riparte lancia in resta con chi a suo dire sfrutta il suo trademark. E se la prende con Froogles.com che però, dalla sua, ha nientemeno che l'ICANN


San Francisco (USA) – Galeotta fu la “s”. Il pool di legali del più grande motore di ricerca è nuovamente al lavoro. L’azienda californiana stavolta ha presentato una accusa di 68 pagine contro Froogles.com . Il titolare del dominio in questione avrebbe violato un marchio registrato da Google: Froogle.

Google, che ha deciso di ricorrere al Tribunale di New York per tutelarsi contro Froogles.com, si trova infatti nella scomodissima situazione di aver incassato un niet dall’ ICANN , l’organismo di supervisione dei domini. Come si ricorderà l’anno scorso ICANN aveva dichiarato che tra Froogles.com e Google.com non poteva esservi confusione.

Ma Google non si è arreso, soprattutto perché qualora venisse considerata valida la registrazione di Froogles.com effettuata dall’attuale società che lo gestisce potrebbe essere messo a rischio Froogle.com, il servizio di Google per lo shopping online.

E le speranze del colosso di Mountain View in questo caso sembrano ridotte. Richard Wolfe, proprietario del piccolo Froogles.com, si è infatti fin qui difeso con successo negando qualsiasi accusa di cybersquatting: aveva registrato il suo dominio già nel 2000, due anni prima che Google annunciasse il lancio di Froogle .

Ma in ballo forse c’è ancora di più. Proprio come accaduto con Booble.com , Google sembra ora confermare di ritenere potenzialmente abusive tutte le denominazioni che lessicalmente o foneticamente possano ricordare la propria. E questa è una tesi dal sapore vagamente estremistico destinata a mettere a dura prova i magistrati che presiedono il caso.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mazinga@ scrive:
    Complimenti!!
    Certo che ci vuole veramente un cranio mastodontico per inventare una "je" (istruzione condizionale).Credo proprio che stavolta sia tutta farina del loro sacco...:pVi dico io xche' hanno inventato i brevetti:rullo di tamburi: ..... :( ..... : ..... :| ..... :o ..... :s ..... :$ ......"Per far campare gli avvocati e i giudici, x intascarsi tanti soldi con poco sforzo e perche' si divertono a vedere le ditte che si scannano tra di loro."E Vai.... "le so' TUTTE" !!!
  • AlphaC scrive:
    chi è causa del suo mal....
    pianga se stesso....Chi di spada ferisce di spada perisce.....Meglio un brevetto oggi che un prodotto finito domani....:-)))
  • matcion scrive:
    piccolo indifeso?
    Qualcouno è ancora convinto che i brevetti servono SOLO alle grandi società per uccidere le più piccole?
    • Anonimo scrive:
      Re: piccolo indifeso?
      Ne riparliamo quando i relativi processi saranno finiti.Infatti bisogna vedere quale societa' ha piu' soldi da spendere in avvocati.
    • Anonimo scrive:
      Re: piccolo indifeso?
      Parlare senza prima informarsi dovrebbe essere proibito dalla costituzione.Come legge sul sito di Acacia Technologies, trattasi di un'azienda quotata in borsa, con liquidità di 43 milioni di dollari (ottima tattica anti acquisizioni) e capitalizzazione di 159 milioni. Non un colosso ma decisamente non una piccola azienda. Si appura anche che la loro principale fonte di reddito sono 5 brevetti che usano non per costruire prodotti ma per ottenere il pagamento royalties. In sostanza, comprano brevetti e li fanno fruttare. Tutto qui.Con Alacritech invece ti va meglio visto che si reggono ancora su venture capital (finora 35 milioni in totale), sono in 36 e vendono per 3,6 milioni all'anno. Questi li vedo acquisiti da Microsoft abbastanza in fretta se a Redmond pensano di poter perdere la causa.
      • matcion scrive:
        Re: piccolo indifeso?

        Parlare senza prima informarsi dovrebbe essere
        proibito dalla costituzione.
        Visto che devo anche lavorare, non posso passare la vita a studiare ogni argomento su cui mi capita di parlare. Mi piacerebbe ma non ce la faccio. Beato te che riesci a studiarti sempre tutto
        Come legge sul sito di Acacia Technologies,
        trattasi di un'azienda quotata in borsa, con
        liquidità di 43 milioni di dollari (ottima
        tattica anti acquisizioni) e capitalizzazione di
        159 milioni. Non un colosso ma decisamente non
        una piccola azienda. Si appura anche che la loro
        principale fonte di reddito sono 5 brevetti che
        usano non per costruire prodotti ma per ottenere
        il pagamento royalties. In sostanza, comprano
        brevetti e li fanno fruttare. Tutto qui.

        Con Alacritech invece ti va meglio visto che si
        reggono ancora su venture capital (finora 35
        milioni in totale), sono in 36 e vendono per 3,6
        milioni all'anno. Questi li vedo acquisiti da
        Microsoft abbastanza in fretta se a Redmond
        pensano di poter perdere la causa.Comunque sia colossi contro colossi, ti va bene così?Hai mai sentito di qualcuno che fa causa alla società xyz che fattura, che so, 1 miolione l'anno, per violazione di brevetti?O addirittura dei privati che si scrivono un sw per se e per pochi amici?Se sei piccolo, nessuno ti viene a rompere, visto che gli avvocati costerebbero di più del guadagno.
        • CoreDump scrive:
          Re: piccolo indifeso?


          Se sei piccolo, nessuno ti viene a rompere, visto
          che gli avvocati costerebbero di più del
          guadagno.Scusa non ho capito, ma perchè secondo te questa è unagiustificazione valida per la brevettibilità del software??
          • matcion scrive:
            Re: piccolo indifeso?




            Se sei piccolo, nessuno ti viene a rompere,
            visto

            che gli avvocati costerebbero di più del

            guadagno.

            Scusa non ho capito, ma perchè secondo te questa
            è una
            giustificazione valida per la brevettibilità del
            software??Premetto che non conosco la normativa americana e di quella proposta per l'UE so quello che ho letto su PI, quindi poco.Non la ritengo una giustificazione, è solo una mia analisi di come sono le cose.Per quanto ne so la normativa proposta fa schifo, ma penso che vada fatta una buona norma, non che non debba esistere nulla di simile al brevetto. E penso anche che probabilmente vada riformata TUTTA la normativa sui brevetti software o no che siano.
          • CoreDump scrive:
            Re: piccolo indifeso?

            Premetto che non conosco la normativa americana e
            di quella proposta per l'UE so quello che ho
            letto su PI, quindi poco.

            Non la ritengo una giustificazione, è solo una
            mia analisi di come sono le cose.

            Per quanto ne so la normativa proposta fa schifo,
            ma penso che vada fatta una buona norma, non che
            non debba esistere nulla di simile al brevetto. E
            penso anche che probabilmente vada riformata
            TUTTA la normativa sui brevetti software o no che
            siano.Da come la vedo io ( opinione personale ) per proteggereil software basta e avanza il copyright, che senso ha proteggere una parte di codice che puo essere scritta inennemila modi diversi solo che esprime lo stesso concettose non quello di mettere i paletti ( di solito li chiamano cosii grandi capi d'azienda ) alla concorrenza?ciauz
        • Anonimo scrive:
          Re: piccolo indifeso?
          - Scritto da: matcion
          Visto che devo anche lavorare, non posso passare
          la vita a studiare ogni argomento su cui mi
          capita di parlare. Mi piacerebbe ma non ce la
          faccio. Beato te che riesci a studiarti sempre
          tuttoNon è necessario "studiare ogni argomento", ma studiarsi _almeno_ quelli importanti un qualunque sviluppatore dovrebbe farlo. Non fosse altro per evitare di sparare cazzate.
          Comunque sia colossi contro colossi, ti va bene
          così?
          Hai mai sentito di qualcuno che fa causa alla
          società xyz che fattura, che so, 1 miolione
          l'anno, per violazione di brevetti?
          O addirittura dei privati che si scrivono un sw
          per se e per pochi amici?

          Se sei piccolo, nessuno ti viene a rompere, visto
          che gli avvocati costerebbero di più del
          guadagno.Finché il tuo prodotto incomincia a vendere, tu sei tutto contento, sei felice perché finalmente stai diventando "qualcuno"... poi arriva una grossa azienda e ti dice: "la pacchia è finita, non c'è più trippa per gatti"... e questo accade quando il tuo prodotto incomincia a diventare "fastidioso" per l'altra azienda. Spesso i brevetti NON sono usati per guadagnarci qualcosa, ma per difendersi dalla (leggasi: annientare la) concorrenza. Stai pur sicuro che se il tuo prodotto dovesse pestare i piedi a qualcuno "in alto", questo qualcuno non avrebbe alcuna difficoltà a spendere qualche milione di euro (noccioline per loro) in avvocati per annientarti sul nascere. Certamente gli costerà di meno che fare finta di ignorarti e poi dover fare i conti con la concorrenza e la libera scelta degli utenti.Inoltre bisogna vedere come va a finire prima di fare affermazioni come le tue, la M$ potrebbe semplicemente decidere di comprarsi quell'azienda se vede che le conviene così. Risultato: meno concorrenza, prezzi più alti, consumatore inc*lato, e tu che ti ritrovi senza più la tua attività e i tuoi dipendenti senza lavoro.Bye, Luca
          • Anonimo scrive:
            Re: piccolo indifeso?
            da noi se ti compri un'azienda ti prendi in blocco anche i dipendenti, non puoi licenziare nessuno!!! (ovviamente non è così in America dove la prevenzione sociale è a livelli cinesi)
          • matcion scrive:
            Re: piccolo indifeso?


            Finché il tuo prodotto incomincia a vendere, tu
            sei tutto contento, sei felice perché finalmente
            stai diventando "qualcuno"... poi arriva una
            grossa azienda e ti dice: "la pacchia è finita,
            non c'è più trippa per gatti"... e questo accade
            quando il tuo prodotto incomincia a diventare
            "fastidioso" per l'altra azienda. Spesso i
            brevetti NON sono usati per guadagnarci qualcosa,
            ma per difendersi dalla (leggasi: annientare la)
            concorrenza. Stai pur sicuro che se il tuo
            prodotto dovesse pestare i piedi a qualcuno "in
            alto", questo qualcuno non avrebbe alcuna
            difficoltà a spendere qualche milione di euro
            (noccioline per loro) in avvocati per annientarti
            sul nascere. Certamente gli costerà di meno che
            fare finta di ignorarti e poi dover fare i conti
            con la concorrenza e la libera scelta degli
            utenti.

            Inoltre bisogna vedere come va a finire prima di
            fare affermazioni come le tue, la M$ potrebbe
            semplicemente decidere di comprarsi quell'azienda
            se vede che le conviene così.
            Risultato: meno concorrenza, prezzi più alti,
            consumatore inc*lato, e tu che ti ritrovi senza
            più la tua attività e i tuoi dipendenti senza
            lavoro.

            Bye,
            LucaLa puoi vedere anche dall'altro lato. Supponi che non esiste nessun tipo di brevetto/tutela. Tu fai un buon prodotto e cominci a venderlo. Arriva alle orecchie di MS o chi per lei, e dice "forte questo qui!", te lo copiano e cominciano a venderlo, forti del loro nome e della loro presenza sul mercato, Tu sei comunque inculato. Come fai a difenderti? Se MS compra l'azienda che le ha fatto causa per evitare grane maggiori, qualcuno, lo sviluppatore del software originario, ci ha guadagnato qualcosa. Se non avesse avuto nessuno strumento per fare causa, non avrebbe certo ottenuto di essere comprato, sarebbe stato schiacciato e basta.Come ho detto in altri post, credo ci volgia una BUONA normativa. anche se probabilmente una cattiva è peggio che niente...
          • Anonimo scrive:
            Re: piccolo indifeso?
            - Scritto da: matcion
            La puoi vedere anche dall'altro lato. Supponi che
            non esiste nessun tipo di brevetto/tutela. Tu fai
            un buon prodotto e cominci a venderlo. Arriva
            alle orecchie di MS o chi per lei, e dice "forte
            questo qui!", te lo copiano e cominciano a
            venderlo, forti del loro nome e della loro
            presenza sul mercato, Tu sei comunque inculato.
            Come fai a difenderti?
            Se MS compra l'azienda che le ha fatto causa per
            evitare grane maggiori, qualcuno, lo sviluppatore
            del software originario, ci ha guadagnato
            qualcosa. Se non avesse avuto nessuno strumento
            per fare causa, non avrebbe certo ottenuto di
            essere comprato, sarebbe stato schiacciato e
            basta.

            Come ho detto in altri post, credo ci volgia una
            BUONA normativa. anche se probabilmente una
            cattiva è peggio che niente...Non possono copiarti. Esiste il copyright su quello che fai.Non credo che faccia piacere veder gente campare vendendo "idee" come quella del cestino della carta elettronico ...e poi:"Un'accusa respinta dal big di Redmond che ha più volte ribadito come questa architettura sia stata sviluppata in modo del tutto indipendente dai propri tecnici""Questa e' inutile. Se io inventassi qualcosa gia' brevettato, dovrei comunque pagare al detentore del brevetto.
          • matcion scrive:
            Re: piccolo indifeso?

            Non possono copiarti. Esiste il copyright su
            quello che fai.Ma il copyright non è un copyright sulle idee?Se ho copyright su qualcosa, per tutelarmi non devo andare comunque in tribunale se qualcuno lo viola? Siamo sempre li.==================================Modificato dall'autore il 21/04/2005 14.35.34
          • Anonimo scrive:
            Re: piccolo indifeso?
            Poco tempo per studiare ciò di cui si parla ma tanto tempo per rispondere a tutti, vero? ;-)------------------
            Parlare senza prima informarsi dovrebbe essere
            proibito dalla costituzione.
            Visto che devo anche lavorare, non posso passare la vita a studiare ogni argomento su cui mi capita di parlare. Mi piacerebbe ma non ce la faccio. Beato te che riesci a studiarti sempre tutto
          • matcion scrive:
            Re: piccolo indifeso?
            potenza della pausa pranzo!
        • Anonimo scrive:
          Re: piccolo indifeso?
          - Scritto da: matcion

          Parlare senza prima informarsi dovrebbe essere

          proibito dalla costituzione.


          Visto che devo anche lavorare, non posso passare
          la vita a studiare ogni argomento su cui mi
          capita di parlare. Mi piacerebbe ma non ce la
          faccio. Beato te che riesci a studiarti sempre
          tuttoVedi, evitare di parlare di quello che non si conosce non è (purtroppo) proibito dalla costituzione, ma è consigliabile, visto che così si evita di dire certe troiate...
    • miomao scrive:
      Re: piccolo indifeso?

      Qualcouno è ancora convinto che i brevetti
      servono SOLO alle grandi società per uccidere le
      più piccole?
      Qualcouno è ancora convinto che i brevetti
      servono SOLO alle grandi società per uccidere le
      più piccole?Sarà perchè quando citano in giudizio una PMI statunitense nessuno te lo racconta, mentre quando l'accusato è un colosso informatico la notizia fa il giro del mondo.Ho trovato una ricerca della SBA (U.S. Small Business Administration) in cui si parla anche dei brevetti.La SBA è un ente governativo e perciò semmai dovrebbe essere dalla parte dell'Ufficio Brevetti.http://www.sba.gov/advo/io_conf.pdfIn breve, dice che la vita delle PMI si è abbreviata (agosto 2000), anche se il ricambio è sufficiente per far si che rimangano in numero maggiore.Le PMI sono il motore dell'innovazione, poichè per entrare nel mercato sei costretto ad offrire qualcosa di nuovo.Le grosse aziende usano i brevetti per bloccare le PMI o rubarne le idee.Non importa che abbiano ragione o torto, perchè gli elevati costi per affrontare un azione legale sono dipersè un grosso deterrente.Attualmente, ci sono PMI che si sono alleate per affrontare i cosiddetti "patent trolls".Studi legali mascherati da software-house, come la famosa Acacia Technologies, che rastrellano license a tappeto sulla base di brevetti generici.Ma stanno discutendo anche di polizze assicurative espressamente studiate per affrontare gli eRisks.Certamente non tutte le PMI sono vittime, ma la maggioranza.
    • Anonimo scrive:
      Re: piccolo indifeso?
      - Scritto da: matcion
      Qualcouno è ancora convinto che i brevetti
      servono SOLO alle grandi società per uccidere le
      più piccole?e per uno dei pochi casi rispetto a tutti i casini che possono succedere ai più piccoli affermi una cosa del genere?
  • Anonimo scrive:
    Chi ci va di mezzo?
    L'unico ad andarci di mezzo è l'utente finale che deve sborsare più denaro per ottenere lo stesso prodotto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi ci va di mezzo?
      - Scritto da: Anonimo
      L'unico ad andarci di mezzo è l'utente finale che
      deve sborsare più denaro per ottenere lo stesso
      prodotto...Certo ne sborsa di più ma si prende un Apple
      • devil64 scrive:
        Re: Chi ci va di mezzo?
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        L'unico ad andarci di mezzo è l'utente finale
        che

        deve sborsare più denaro per ottenere lo stesso

        prodotto...

        Certo ne sborsa di più ma si prende un AppleDi meno se prende Linux
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi ci va di mezzo?
          - Scritto da: devil64

          Certo ne sborsa di più ma si prende un Apple
          Di meno se prende LinuxSi ma il computer poi lo dovrà anche usare
          • francescor82 scrive:
            Re: Chi ci va di mezzo?



            Certo ne sborsa di più ma si prende un Apple

            Di meno se prende Linux

            Si ma il computer poi lo dovrà anche usareMah, se fa come te che parla senza sapere, non saprà usare nessun computer, a prescindere se è GNU/Linux o Windows o MacOS X.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi ci va di mezzo?
            - Scritto da: francescor82



            Certo ne sborsa di più ma si prende un Apple


            Di meno se prende Linux



            Si ma il computer poi lo dovrà anche usare

            Mah, se fa come te che parla senza sapere, non
            saprà usare nessun computer, a prescindere se è
            GNU/Linux o Windows o MacOS X.Forse, il tizio intendeva dire che dipende che uso ne devi fare del computer....è OVVIO che se vuoi lavorare in ambito multimediale, creativo, ecc... la scelta migliore è un Mac con OSX o un PC con Win....GNU/linux in ambito desktops non se lo fila nessuno...software e hw house.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi ci va di mezzo?
            - Scritto da: francescor82
            Mah, se fa come te che parla senza sapere, non
            saprà usare nessun computer, a prescindere se è
            GNU/Linux o Windows o MacOS X.Non mi conosci quindi non sai quello che so, vedo solo che a una frase dai il significato che vuoi tu. Ma dal nome vedo che sei dell'82 quindi vista la tua giovane età non vado oltre...
          • francescor82 scrive:
            Re: Chi ci va di mezzo?

            Non mi conosci quindi non sai quello che so, vedo
            solo che a una frase dai il significato che vuoi
            tu. Ma dal nome vedo che sei dell'82 quindi vista
            la tua giovane età non vado oltre...Sono dell'82, ma nonostante la mia giovane età sono comunque in grado di dirti che con il tuo post non hai portato argomentazioni, hai solo scritto una frase senza provarla. E qui non vado oltre io.Al contrario, l'altra persona che ha risposto al mio post mi ha detto che forse avevo compreso male la frase. Ma a quanto pare non avevo compreso male, visto che tra quel post e quello a cui sto rispondendo non hai detto una frase ragionata.==================================Modificato dall'autore il 21/04/2005 22.37.57
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi ci va di mezzo?
          - Scritto da: devil64

          - Scritto da: Anonimo





          - Scritto da: Anonimo


          L'unico ad andarci di mezzo è l'utente finale

          che


          deve sborsare più denaro per ottenere lo
          stesso


          prodotto...



          Certo ne sborsa di più ma si prende un Apple
          Di meno se prende LinuxDipende in quale settore lavori...in ambito creativo sicuramente la scelta migliore è un Mac di Apple o un PC con Win, per gestire server gnu/linux.
  • Anonimo scrive:
    Ah caro DRAGA...
    ...Chi è causa del suo mal pianga se stesso...Addio.
  • TPK scrive:
    Interessante
    Un'accusa respinta dal big di Redmond che ha più volte ribadito come questa architettura sia stata sviluppata in modo del tutto indipendente dai propri tecnici. Adesso Microsoft finge di non sapere che i brevetti possono essere anche solo sulle idee e non per forza sulla realizzazione pratica?Dimenticandosi ad esempio di aver brevettato una rete attraverso il corpo umano che non si sa se stia realizzando?http://punto-informatico.it/p.asp?i=48733Voglio vedere se il primo che la implementa non si becca una causa da parte di Microsoft!
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante
      E' bello vedere i potenti che si tirano la zappa sui piedi a vicenda...
      • Anonimo scrive:
        Re: Interessante
        La cosa mi ricorda la legge Urbani...Cmq a proposito dei brevetti, carina l'idea di microsoftbon, vedo se in settimana ho un po' di tempo vado a brevettare il teletrasporto "quello di starre trekke",hai visto mai....Bho..
        • Anonimo scrive:
          Re: Interessante
          - Scritto da: Anonimo
          La cosa mi ricorda la legge Urbani...

          Cmq a proposito dei brevetti, carina l'idea di
          microsoft
          bon, vedo se in settimana ho un po' di tempo vado
          a brevettare il teletrasporto "quello di starre
          trekke",
          hai visto mai....Ehm... credo che qualcuno ci sia arrivato prima di te..
        • Anonimo scrive:
          Re: Interessante
          - Scritto da: Anonimo
          La cosa mi ricorda la legge Urbani...

          Cmq a proposito dei brevetti, carina l'idea di
          microsoft
          bon, vedo se in settimana ho un po' di tempo vado
          a brevettare il teletrasporto "quello di starre
          trekke",
          hai visto mai....


          Bho..Già fatto, e anche le comunicazioni subspaziali se è per questo (anche se non le hanno chiamate così).
    • Maxxer scrive:
      Re: Interessante
      - Scritto da: TPK
      Un'accusa respinta dal big di Redmond che ha
      più volte ribadito come questa architettura sia
      stata sviluppata in modo del tutto indipendente
      dai propri tecnici.

      Adesso Microsoft finge di non sapere che i
      brevetti possono essere anche solo sulle idee e
      non per forza sulla realizzazione pratica?Esatto!E' quello per cui si battono tutte le associazioni contro i brevetti. ed ora Microsoft cade dal pero?
Chiudi i commenti