Non solo i videogame migliorano la vista

Ne parla un lettore di Punto Informatico con problemi di vista che spiega come la recente ricerca sugli effetti di certi videogame riprende concetti noti da sempre. Ma non pubblicizzati

Roma – Scrive Elio: “Tra gli articoli di giovedì 8 febbraio, ho letto I videogiochi migliorano la vista . Dopo averlo letto ho pensato: scrivo… non scrivo…
Ora scrivo. La mia incertezza sul da farsi sta nel fatto che a mio avviso (posso anche sbagliarmi, eh), quegli scienziati hanno scoperto qualcosa che è già stato scoperto più o meno un secolo fa.

Io che ho grossi problemi di vista, una decina di anni fa ho acquistato il libro Il metodo Bates per vedere bene senza occhiali , editore Astrolabio, si tratta di una traduzione dall’originale pubblicato nel 1919 da William Horatio Bates, medico oculista vissuto dal 1860 al 1931.

Siccome oltre a questo libro ne ho letti altri, sempre collegati al precedente, non ricordo più su quale di questi si fa menzione di “oggetti in movimento” per migliorare la vista, insomma voglio dire che il concetto è tutt’altro che nuovo.
Personalmente, se non fosse per quel metodo, avrei perso la mia patente di guida già da qualche anno, e siccome continuo ad esercitarmi, la mia vista continua a migliorare, nonostante i miei settantanni e un distacco di vitreo in un occhio. Qualcuno dovrebbe spiegare come mai una simile opportunità sia ancor’ora tutt’altro che pubblicizzata.”

Grazie Elio! In effetti se ne parla poco, troppo poco, ma si può rimediare: in rete ci sono diversi siti web dedicati al metodo Bates, come l’italiano metodobates.it . Altri ne raccontano i nodi principali. Il grande medico del secolo passato ha anche una sua pagina su Wikipedia , che peraltro descrive il metodo nel dettaglio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Manco GRATIS!
    File con DRM!per quanto mi riguarda INVENDUTI!
  • Guybrush scrive:
    Inutile
    Che me ne faccio? IL loro catalogo non e' completo come vanno affermando.Nel 1996 Uto Ughi ha eseguito un sublime concerto per violino e orchestra, per la precisione il concerto n°2 in Si- di N. Paganini.Cioe' il dio del violino eseguito e diretto dal suo arcangelo prediletto.Il concerto in questione faceva parte del catalogo "Sony BMG".Sul portale in questione c'e' Uto Ughi tra gli artisti, ma non c'e' niente di acquistabile.Cosi'......mi vien da pensare che 'sto portale e' solo un outlet dell'invenduto.Bah, magari sono solo io ad essere un po' troppo esigente.Pero' Paganini e' pur sempre Paganini, e Uto Ughi (a chi piace il violino, s'intende) e' semplicemente sublime.
    GT
  • Guybrush scrive:
    Errore nel link
    Occhio: il link a sonybmg.it e' un po' sbagliato:punta al sitohttp://punto-informatico.it/www.sonybmg.itchiaramente un errore di battitura :)
    GT
  • Anonimo scrive:
    emusic
    Quello che acquisto resta MIO!!! Sono mp3 STANDARD con cui ci posso fare quello che mi pare!Grazie sony grazie :D
Chiudi i commenti