Nota/ PI, direttore in viaggio

Comunicazione di servizio per i lettori di Punto Informatico

La redazione di Punto Informatico rende noto che il direttore responsabile del quotidiano, Paolo De Andreis, si trova in viaggio fino al prossimo 22 febbraio.

La direzione viene pertanto assunta da Luca Annunziata e Gaia Bottà per l’intero periodo.

Un saluto,
la redazione

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Beppe scrive:
    Volvo ha toppato
    Questo sistema andrà bene magari in africa dove non nevica mai.Cercherò di essere attuale e pratico nell'esempio, oggi qui nevica, come ogni mattina mi reco al lavoro, bene abito a 1000 metri slm quindi scendo di 500 di altitudine ogni giorno, cosa centra?Semplice strade in discesa innevate, visto che il mondo è pieno di sprovveduti capita di fare una curva e di trovarsi uno intraversato, fermo, un camion o tir che per pigrizia di mettere le catene si è intraversato e blocca le corsie.Cosa fare?Se sai guidare rallenti piano piano, riducendo di marcia e infilandoti un po nella cunetta in modo da dare una frenata naturale al veicolo, poi finisci con i freni, sei fermo e non hai ucciso nessuno.Alternativa con macchine sopra proposte, velocità media 40km/h, il solito camionista pigro si intraversa come prima, voi ed io con "macchina sicura", quindi ingaggiate la curva ed a metà il vosto sistema capisce il pericolo, vi inchioda la macchina e vi accatastate sotto il tir, per fortuna i vostri 18 airbag vi hanno salvato, quindi uscite dal veicolo, nel mentre arrivo io, sempre con lo stesso sistema, inchioda la macchine e vi spiaccico tra la mia macchina e il tir, mi fermo qui con la descrizione e con le macchine, si potrebbe andare avanti fino alla saturazione della caraggiata.Volete veramente che una aggeggio guidi per voi?IO NO GRAZIE !!!!
  • Duck scrive:
    E in Italia?
    Conoscendo come qua rispettano la distanza di sicurezza (leggi "sulla statale a 140kmh con auto appiccicata a 90cm sotto la pioggia") il sistema sarebbe attivo su alcune vetture in modo continuato. E non sarebbe una cattiva cosa. E non lo sarebbe neppure se lo rendessero obbligatorio su tutte le autovetture di nuova immatricolazione...
  • soulista scrive:
    La mia prossima auto...
    La mia prossima auto nuovaVOGLIO1. che abbia un motore elettrico... o comunque più semplice ed efficiente dei motori a scoppio di oggi (insomma... siamo nel 2009 e andiamo ancora avanti con pistoni, valvole, cinghie di distribuzione, attriti e dispersioni, come nella ford T)2. che abbia l'opzione di guidarsi da sola (ho già visto documentari con esperimenti interessanti)Altrimenti tiro fuori 3000 euri e mi prendo una fiat coupè turbo usatissima:-P
    • pippo75 scrive:
      Re: La mia prossima auto...

      1. che abbia un motore elettrico... o comunque
      più semplice ed efficiente dei motori a scoppio
      di oggi (insomma... siamo nel 2009 e andiamo
      ancora avanti con pistoni, valvole, cinghie di
      distribuzione, attriti e dispersioni, come nella
      ford T)Motori elettrici gia esistono, per il momento nelle piccole-piccole auto.Ti sconsiglio invece un motore basato sull'elettronica che quando si rompe fai come i PC e lo butti.
      2. che abbia l'opzione di guidarsi da sola (ho
      già visto documentari con esperimenti
      interessanti)Interessante.Io comunque preferirei avere dei paraurti in materiale tipo gomma in modo che quando urti in città o comunque a bassa velocità i danni risultano praticamente nulli.Un bel paraurti in gomma ha sicuramente la capacità di ammortizzarsi, di piegarsi, di riprendere la propria forma.Purtroppo fa calare alla grande il lavoro di carrozzieri e rivenditori di pezzi di ricambio.

      Altrimenti tiro fuori 3000 euri e mi prendo una
      fiat coupè turbo
      usatissima
      :-P
      • gips scrive:
        Re: La mia prossima auto...

        Io comunque preferirei avere dei paraurti in
        materiale tipo gomma in modo che quando urti in
        città o comunque a bassa velocità i danni
        risultano praticamente
        nulli.
        Un bel paraurti in gomma ha sicuramente la
        capacità di ammortizzarsi, di piegarsi, di
        riprendere la propria
        forma.
        Purtroppo fa calare alla grande il lavoro di
        carrozzieri e rivenditori di pezzi di
        ricambio.Se non erro, nissan o honda hanno gia studiato una vernice vagamente resinosa che in caso di graddi tende a ridistendersi e chiuderli....gips
      • soulista scrive:
        Re: La mia prossima auto...
        - Scritto da: pippo75

        1. che abbia un motore elettrico... o comunque

        più semplice ed efficiente dei motori a scoppio

        di oggi (insomma... siamo nel 2009 e andiamo

        ancora avanti con pistoni, valvole, cinghie di

        distribuzione, attriti e dispersioni, come nella

        ford T)


        Motori elettrici gia esistono, per il momento
        nelle piccole-piccole
        auto.forse sei tu poco informato oppure io troppo "avanti", comunque ho visto diversi prototipi, dalla berlina a 5 posti ad una sportiva a due posti ultraleggera (roba da 4 metri - 4 metri e mezzo, mica 3), con autonomia dichiarata di anche 200 km.Comunque é una vergona mondiale: i primi modelli di auto elettriche sono usciti assieme alle auto a motore a scoppio, ma le ultime, pur essendo più costose ed inquinanti hanno preso più piede... posso solo indovinare il perchè.
        Ti sconsiglio invece un motore basato
        sull'elettronica che quando si rompe fai come i
        PC e lo
        butti.Non capisco che vuoi dire. Anche i motori a scoppio di oggi sono basati sull'elettronica...

        2. che abbia l'opzione di guidarsi da sola (ho

        già visto documentari con esperimenti

        interessanti)

        Interessante.

        Io comunque preferirei avere dei paraurti in
        materiale tipo gomma in modo che quando urti in
        città o comunque a bassa velocità i danni
        risultano praticamente
        nulli.ho paura che con auto molto simili alle autoscontro la gente faccia... autoscontri!
        Un bel paraurti in gomma ha sicuramente la
        capacità di ammortizzarsi, di piegarsi, di
        riprendere la propria
        forma.
        Purtroppo fa calare alla grande il lavoro di
        carrozzieri e rivenditori di pezzi di
        ricambio.hai ragione... é muovere l'economia alla maniera berlusconiana.Comunque penso che si dia troppa importanza alle ammaccature e ai graffi: se vedessi la mia macchina potresti pensare che ci sia passata sopra una pattinatrice...
        • pippo75 scrive:
          Re: La mia prossima auto...

          forse sei tu poco informato oppure io troppo
          "avanti", comunque ho visto diversi prototipi,
          dalla berlina a 5 posti ad una sportiva a due
          posti ultraleggera (roba da 4 metri - 4 metri e
          mezzo, mica 3), con autonomia dichiarata di anche
          200 km.Molto facilmente la prima, seguo poco il settore.Sbaglio o ci sono anche le ibride ( carburante+elettrica )
          Comunque é una vergona mondiale: i primi modelli
          di auto elettriche sono usciti assieme alle auto
          a motore a scoppio, ma le ultime, pur essendo più
          costose ed inquinanti hanno preso più piede...
          posso solo indovinare il perchè.Mica penserai che c'è il presidente di una squadra che deve mantenere allenatori e giocatori?
          Non capisco che vuoi dire. Anche i motori a
          scoppio di oggi sono basati
          sull'elettronica...Sentendo i meccanici della zona l'elettronica quando da problemi è tutto un cinema, sicuramente da molti vantaggi....
          Comunque penso che si dia troppa importanza alle
          ammaccature e ai graffi: se vedessi la mia
          macchina potresti pensare che ci sia passata
          sopra una pattinatrice...la mia qualche ammaccatura ce l'ha, pazienza. Ma farci un bel paraurti che quando tamponi a bassa velocità ( esempio in parcheggio ), l'unica cosa che devi fare è scendere e controllare giusto per sicurezza....Sono ingegneri, ma fare le cose bene non sono capaci, prendi un auto modera e prova a cambiare un fanale, sulla fiat 128 dovevi svitare due viti a stella ( ben visibili ).A fare le cose complesse tutti sono capaci, ma a farle facili no.
    • fabiov scrive:
      Re: La mia prossima auto...

      1. che abbia un motore elettrico... o comunque
      più semplice ed efficiente dei motori a scoppio
      di oggi (insomma... siamo nel 2009 e andiamo
      ancora avanti con pistoni, valvole, cinghie di
      distribuzione, attriti e dispersioni, come nella
      ford
      T)Pur mantenendo i derivati del petrolio come combustibili, pistoni, valvole e cinghie, con dispersioni e attriti connessi, secondo me se ne potrebbero fare di migliorie...Il problema, secondo me, è che la maggior parte della gente è ben felice di comprare macchine con consumi che si aggirano su i 10/12 km al litro, con masse spropositate, ma che in compenso sono macchine che li rendono fighi!
      • soulista scrive:
        Re: La mia prossima auto...
        - Scritto da: fabiov

        1. che abbia un motore elettrico... o comunque

        più semplice ed efficiente dei motori a scoppio

        di oggi (insomma... siamo nel 2009 e andiamo

        ancora avanti con pistoni, valvole, cinghie di

        distribuzione, attriti e dispersioni, come nella

        ford

        T)
        Pur mantenendo i derivati del petrolio come
        combustibili, pistoni, valvole e cinghie, con
        dispersioni e attriti connessi, secondo me se ne
        potrebbero fare di
        migliorie...Effettivamente dalla Ford-T di migliorie se ne sono fatte un bel po'. Il problema é che il principio rimane sempre quello e non penso che un motore a scoppio potrà mai andare oltre il 50% di efficienza: una quantità innumerevole di parti in movimento, di attriti, dispersioni dovute alla tensione delle cinghie (in formula 1 infatti usano cascate di ingranaggi, molto meno affidabili). Basta sentire il calore che emette.Stufe con le ruote, come dice Grillo.Un ferro che ha ancora i pistoni, come dice Lorenzo.
        Il problema, secondo me, è che la maggior parte
        della gente è ben felice di comprare macchine con
        consumi che si aggirano su i 10/12 km al litro,
        con masse spropositate, ma che in compenso sono
        macchine che li rendono
        fighi!Purtroppo si é creato un culto insano attorno all'automobile, che dovrebbe essere un mezzo per andare da un punto A ad un punto B (e nei weekend punto C) nel modo più pratico, sicuro ed economico possibile. Invece noi italiani siamo patiti del cambio manuale e della guida con una mano sola, mentre gli americani sono convinti che sia un loro diritto costituzionale possedere un Hummer e che chi possiede una Toyota Prius sia uno sXXXXX comunista.:-D
        • tordo maculato scrive:
          Re: La mia prossima auto...
          Guarda che il cambio manuale è più efficiente dell'automatico... Guarda i consumi dichiarati delle case automobilistiche!! Per non parlare del CVT, sembra di guidare un motorino, sia come prestazioni che come consumi e feeling di guida. Meglio il vecchio manuale, almeno finchè l'automatico non sarà più efficiente km/litro alla mano. Poi presto ci saranno le macchine elettriche, che non hanno bisogno delle marce.
          • gvf scrive:
            Re: La mia prossima auto...
            Il cambio manuale è più efficiente di quello automatico, in teoria, purtroppo la teoria vale solo per piloti professionisti. I normali guidatori hanno una guida più sprecona e vanificano il risparmio dovuto al cambio manuale (che comunque è minimo). Sui dati delle case automobilistiche meglio calare un velo pietoso, non ho mai letto una prova in cui risultassero veritieri...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 gennaio 2009 18.03-----------------------------------------------------------
          • Luca Vianello scrive:
            Re: La mia prossima auto...
            Non occorre essere piloti per risparmiare con il cambio manuale basta aver voglia di scalare le marce per frenare (al quale si avrà anche un risparmio non indifferente di freni) e "anticipare" il traffico cosa che un cambio automatico non potra mai fare se non collegato ad un sistema di IA!
    • vlad scrive:
      Re: La mia prossima auto...
      e una machina cosi la vorremo tutti (ghost)(cylon) :)
    • Luca Vianello scrive:
      Re: La mia prossima auto...
      SalveCondordo in pieno. Sono appassionato di auto d'epoca e posso dire che oggi giorno vengono vendute auto d'epoca per nuove con soluzioni tecniche che hanno minimo 30/40 anni !!!! Pensa che la nuova campagnola dell'Iveco è un range rover degli anni 40 che ha delle soluzioni tecniche più arretrate della Fiat Campagnola del 1978!!!!! e questo era uno dei tanti esempi
  • Cashbit scrive:
    utenti o piloti ?
    Prossimo step: inserire nome utente e password per avviare l'auto....(meglio portarsi dietro un pc per ricevere la mail di suggerimento in caso la password sia dimenticata)
    • il signor rossi scrive:
      Re: utenti o piloti ?
      - Scritto da: Cashbit
      Prossimo step: inserire nome utente e password
      per avviare
      l'auto....
      (meglio portarsi dietro un pc per ricevere la
      mail di suggerimento in caso la password sia
      dimenticata)visto come guida la gente, forse meglio utenti che piloti.
    • gips scrive:
      Re: utenti o piloti ?
      c'è gia stata una proposta del genere... un tastierino con un luuuungo codice da inserire....Questo per impedire agli ubriachi di mettersi alla guida...Ovviamente è una cag_ta belle e buona...gips
      • Joliet Jake scrive:
        Re: utenti o piloti ?
        In alcuni paesi si usa già l'etilometro collegato all'accensione. Se non passi il test, l'auto non parte.Utile anche per gli autisti degli autobus, ad esempio.
    • vlad scrive:
      Re: utenti o piloti ?
      - Scritto da: Cashbit
      Prossimo step: inserire nome utente e password
      per avviare
      l'auto....
      (meglio portarsi dietro un pc per ricevere la
      mail di suggerimento in caso la password sia
      dimenticata)sperando che usi win e non con linux non parti (rotfl)
  • Terminator scrive:
    Quanto costa?
    Quanto costerá questa bella macchina?Mi sa fuori dalle mie possibilitá.:-(
Chiudi i commenti